GLI ALTRI INSETTI

1.     Ho visto una cicala ereditare una fortuna da una formica morta di stress.

2.     Qual e' la canzone preferita dagli acari? Ho scritto t'amo sulla scabbia.

3.     Una coccinella entra in farmacia e chiede: ha niente per i punti neri? (Fichi d'India)

4.     Noi farfalle si vive solo 24 ore e quando sono le 6 di sera si han gia' le tasche piene. (Altan)

5.     Una vecchia lucciola maschio spiega al figlio lucciolino come si fanno a conquistare le femmine:  "Dunque, ti apposti dietro una siepe e, quando le vedi passare, segui la scia brillante che lasciano, le salti in groppa e il gioco e' fatto".  "Mah, e' facile riconoscerle cosi' al buio?".  "Certo, sta a vedere me". Il lucciolo maschio attende e, ad un certo punto, parte di scatto dietro il cespuglio. Dopo un po' ancora non si vede. Il lucciolino, preoccupato, si reca dietro il cespuglio e lo trova tutto acciaccato che impreca:  "Se becco quell'imbecille che butta via i mozziconi accesi...".

6.     Qual e' l'ultima cosa che passa per la testa di un moscerino che si spiaccica su un vetro a 120 all'ora? Il suo buco del culo.

7.     Un tarlo alla moglie: "Stasera ti porto a mangiare cinese; arriva un carico di legname da Hong Kong".

8.     In un prato vive un bruco molto carino. Una sera il bruco esce tutto elegante, e incontra una bella bruca:   "Ciao! Come ti chiami?".  "Ciam!".  "Ciao, Ciam! Vuoi venire in discoteca con me questa sera?".  "Volentieri!" e se la porta via. L'indomani sera, esce  di nuovo messo tutto a puntino, e incontra un'altra  pezzo di... bruca niente male:  "Ciao! Come ti chiami?".  "Ciam!".  "Ciam anche tu? Vuoi venire al cinema con me stasera?".  "Volentieri!"  e se la porta via. La terza sera, stessa storia, con un'altra splendida Ciam! Alla quarta sera, esce tutto figo il nostro bruchetto, e a meta' percorso incontra un'altra bellissima bruca.  "Scommetto che ti chiami Ciam!".  "Esatto!".  "Vuoi venire a cena con me stasera?". "No!". MORALE:  Non tutte le Ciam belle escono col bruco!

9.     Come si fa a capire se un motociclista e' felice? Dai moscerini sui denti.

10.  I moscerini di sesso maschile hanno uno vista acutissima. Gli e' indispensabile per fare all'amore. (Gaspare Morgione)

11.  Un tizio si presenta allo sportello di una banca e, mettendo sotto gli occhi del cassiere una piccola rapa che tiene nella mano dice: "Questa e' una rapina!". Poi apre l'altra mano e, mostrando un piccolo grillo esclama: "E se qualcuno si muove premo il grilletto!".

12.  Pinocchietto va nel bosco canticchiando quando vede su di una foglia un bruco tutto rosa: "Oh che bello! E tu chi sei ?". "Io sono il bruco della rosa!". "Ciao, bel bruchino..." e continua a saltellare nel bosco quando scorge un bruco giallo: "Oh che bello! E tu chi sei ?". "Io sono il bruco del limone...". Continua a saltellare nel bosco quando scorge un bruco nero: "Oh che strano! E tu chi sei ?". "Io sono il bruco del... culo!"

13.  Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla. (Lao Tzu)

14.  Qual e' l'animale piu' stupido? Il moscerino, pensate che nelle strade ci sono due corsie di marcia separate e lui va sempre contromano.

15.  Alla cicala non cresce mai niente? (Zap)

16.  Un passero su un ramo vede passare 4 bruchi in fila indiana. Scende a terra e incontra il primo. Un bel bruco, bello grosso. Gli chiede: "Tu chi sei?". Il bruco: "Io sono il bruco padre". Incontra il secondo, piu' piccolo e gli chiede: "E tu chi sei?". Il bruco: "Io sono il bruco mamma". Incontra il terzo, piu' piccolo, e gli chiede: "E tu chi sei?". Il bruco: "Io sono il bruco figlio". Il quarto bruco e' piccolo, nero, sporco e puzzolente. Il passero chiede: "Ma tu chi sei, cosi' conciato?". "Io sono il bruco del culo!"

17.  Che differenza c'e' tra un moscerino e un maiale? Provate a immaginare un maiale spiaccicato sul parabrezza...

18.  Insetti: Piccole cose viventi che piccoli ragazzi viventi gettano addosso a piccole ragazze viventi.

19.  Coleotteri. Lui le disse: "Sei la lucciola dei mie occhi". (Mirko Amadeo)

20.  La mamma tarlo al figlioletto: "Se non mangi la finestra ti butto nella minestra!".

21.  Cos'e' verde e salta venti volte al minuto? Una cavalletta col singhiozzo.

22.  "Povere bestie le tarme!". "perché?". "D'inverno tra i costumi da bagno e d'estate nelle pellicce..."

23.  Poesia di Enzo Iacchetti. Oh Tarlo. Gnam Gnam Gnam Gnam/ Gnam GnamGnam Gnam/ Uop/ Gnam Gnam/ Gnam Gnam/ Gnam Gnam Gnam Gnam/ oh no!/ Il mio comodino del '600. Nota: Uop: piccolo rutto. (Enzo Iacchetti)

24.  Tremate, tremate, le sedie son tarmate! (Comix)

25.  TARMA: Le tarme che scelgono il suicidio vanno a posizionarsi nella manica, sotto l’ascella. (IL DIZIONARIO DI GENE GNOCCHI)

26.  Il bruco è un froro fratto cron un trapano?? (Guru)

27.  Che cosa fa l'ultimo bruco di una lunga fila? Il bruco del culo.

28.  Cos'e' la tarma? Un attaccapanni!

29.  Chissà se i tarli trascorrono l'inverno nelle tavole calde? (Groucho di Dylan Dog)

30.  Etichetta su uno spray contro gli insetti della Nuova Zelanda: QUESTO PRODOTTO NON E' TESTATO SUGLI ANIMALI

31.  Colmo per una cicala: avere i grilli per la testa.

32.  Lucciola: scomparsa come insetto per ricomparire come prostituta. (Silvano Ambrogi) ("Dizionario dello zio", Mondadori, 1992)

33.  Il bosco quando va a dormire spegne tutte le lucciole? (Zap)

34.  The fly (di Vertigo)
Ore: 00:10.
Rientro a casa dopo una giornata di faticoso lavoro (beh, quasi...). In realtà sono reduce da una cena sovrabbondante al ristorante (ravioli di ricotta burro e salvia, cotoletta milanese fredda con pomodori tritati, patate fritte, torta meringata, caffè) e da un film ("Chiamami di notte", giallo a sfondo erotico-telefonico, discreto).
Sono poche le gioie della vita paragonabili a quella di entrare nella propria casetta, richiudersi la porta dietro le spalle e il mondo esterno dietro di essa e soprattutto correre al gabinetto perché hai passato tutto il tempo al cinema con la vescica piena come un otre e la pressione ti sta causando malori a sfondo mistico.
Così, prima che le pareti della mia uretra cedano alla pressione interna, causando una tragica esplosione, mi avvento verso la tazza del water e, ricordandomi di abbassare i calzoni, comincio a compiere quello che Freud avrebbe definito "un ritorno alla fase escretoria".
Improvvisamente, il terrore! Sono a metà dell'operazione quando qualcosa di indefinibile ma certamente spaventoso si avventa su di me da dietro, con l'apparente intenzione di attaccarmi.
Lo shock è tale che mi getto al suolo terrorizzato, con il cuore che batte all'impazzata. Senza nemmeno essermi accorto di aver asperso il mio paio di calzoni preferito con le ultime vestigia delle mie deiezioni liquide, trovo riparo ripiegandomi in posizione fetale sotto il lavandino.
Attendo qualche secondo. Silenzio.
Forse è stata solo la mia immaginazione, mi dico. Eppure non ho nemmeno mangiato la fonduta al formaggio stasera. Cautamente scosto l'asciugamano che, penzolando dal lavandino, mi copre la visuale.
Un minaccioso ronzio mi fa sobbalzare. Mi rifugio di nuovo sotto il lavandino, sbattendo la fronte contro lo spigolo, e mentre gli occhi mi si riempiono di lacrime per il dolore, comincio a temere di avere a che fare con una minaccia invisibile.
E' solo dopo parecchi secondi che decido nuovamente di indagare e, sporgendomi nuovamente dal mio rifugio, vedo un'ombra che passa davanti al lampadario, oscurando per un istante parte della stanza.
Quando l'ombra si è posata, riesco a distinguere appena una forma spaventosamente grande sulla parete sopra al mio water. Causa miopia, non riesco a capire di che si tratta, ma solo che le dimensioni eccezionali escludono che possa trattarsi di una mosca, una zanzara o anche un calabrone.
Lascio trascorrere parecchio tempo e, non notando segni di vita, mi decido temerariamente ad abbandonare l'illusoria sicurezza del mio riparo per studiare il nemico. Mi avvicino con cautela e riesco ad identificarlo: una libellula, o così almeno credo a giudicare dalle due paia di ali per lato. E non una semplice libellula, ma la più GRANDE libellula che abbia mai visto in vita mia. Lunga almeno una quindicina di centimetri, con altrettanti di apertura alare.
Ha! E io che mi spavento come un bambino per una semplice, innocua libellula, rido. Non appena il mostro accenna a muoversi, però, scappo come un razzo dalla stanza, chiudendomi la porta dietro le spalle, e chiedendomi se una porta di legno è abbastanza resistente da consentirmi di essere al sicuro. Mentre il mostro è ormai padrone del mio cesso, riordino a fatica le idee rifugiato nella mia stanza. Sarà anche innocua, mi dico, ma preferirei che se ne andasse. Ho un'innata repulsione per tutto quanto ha più di due zampe ed è più grande di un bottone, e questa libellula soddisfa entrambi i requisiti; però la mia straordinaria bontà mi impedisce di fare del male ad un animale innocente. Anch'io, sembra strano, lo so, ho i miei principi.
Così escogito il piano: mi armo di una bombola di "Gled Aria Nuova" agli aromi di bosco e del bastone estensibile che mia madre usa per tirar giù gli abiti appesi negli armadi più alti. Spero che il "Gled" non le faccia male. Cautamente, brandendo il bastone, apro uno spiraglio della porta; il mostro è ancora là, sulla parete. Entro, sorridendo delle mie paure: ma guardala, una stupida libellula che potrei schiacciare tra due dita, e io dovrei averne paura? Spalanco la finestra, mi allontano di due metri, estendo al massimo il bastone e lentamente mi avvicino. L'idea è quella di toccare appena l'insetto e convincerlo perciò che la sua presenza non è gradita; la finestra aperta, inoltre, dovrebbe essere un invito più che eloquente ad abbandonare il campo.
Non appena tocco il mostro, esso si mette a volare all'impazzata, ronzando e planando direttamente verso di me come un kamikaze verso una portaerei americana a Pearl Harbour. Il panico è troppo: abbandono il bastone e punto il Gled, che tenevo nella sinistra, verso l'aeromobile e faccio fuoco. Lo spruzzo non gli fa niente, ma è sufficiente per fargli cambiare traiettoria, mentre io arranco faticosamente verso la porta e fuggo scompostamente.
Ok, mostro, il primo round è tuo.
Ritornato nella mia stanza, decido che le buone maniere evidentemente non servono. Rovisto nello sgabuzzino e ne esco dopo qualche istante armato di "Baygon mosche e zanzare". Ora lo vedremo, chi comanda nel mio cesso, schifoso insetto insolente! Brandendo il Baygon, apro la porta ed entro. Il mostro non si vede da nessuna parte; ispeziono con gli occhi la stanza, ma è troppo tardi: la libellula, nascosta sulla parete immediatamente sopra alla porta, cala come un'incudine sulla mia testa e comincia a sbatterci contro all'impazzata, mentre io urlando spruzzo Baygon in ogni direzione, mia cervice compresa. Il caos è totale, nella frenesia di levarmi il mostro dalla testa travolgo ogni oggetto, rovescio bottiglie nella vasca, mi rotolo a terra ed infine, afferrato un asciugamano, comincio a colpire all'impazzata in ogni direzione.
La bestia! Ora la vedo! Svolazza intorno alla boccia del lampadario, colpendolo ogni tanto con tale furia da farlo oscillare visibilmente. Punto spietatamente il Baygon e faccio fuoco, tenendo il dito premuto così a lungo da farmelo dolere, ed avvolgo il lampadario in una nube di insetticida.
Lo spruzzo è così prolungato che l'aria, nonostante la finestra spalancata, diviene presto irrespirabile. Mi brucia la gola, mi lacrimano gli occhi. Ne spruzzo così tanto che comincia a condensarsi sul lampadario e, infine, a gocciolare a terra. Il mostro sembra beato, avvolto nella nube tossica. E' lucido di veleno, ma sembra più sano che mai. Gli occhi composti mi fissano con commiserazione, mentre si posa sul lampadario agitando le zampe. Esaurisco la bombola di Baygon su di lui, senza effetto, e alla fine mi vedo costretto ad uscire dal bagno ormai trasformato in camera a gas. Sono ridotto ad un rottame: entrato per orinare, ne esco con gola ed occhi gonfi, pesto e lacero e coperto di insetticida appiccicoso. Il mio odio per il mostro ripugnante è immenso. Non volevo farlo ma mi ci hai costretto, rimugino mentre rovisto in un cassetto alla ricerca dell'arma finale: il mio lanciafiamme fatto in casa, costruito parecchi anni orsono in un impeto di genialità distruttiva. Composto da uno spruzzatore per profumi e da un accendino opportunamente collegati, il lanciafiamme non è più stato usato da quando ho dato fuoco alle tende della mia stanza, con grande costernazione della mia famiglia. Ma le circostanze avverse spingerebbero un uomo a qualsiasi cosa.
Carico il lanciafiamme con del profumo "Joy de Patou", in mancanza di meglio (se se ne accorge mia madre.....). Controllo l'efficienza dell'arma, spruzzando una fiammata lunga una trentina di centrimetri nell'aria della notte al di fuori della finestra della mia stanza. Tutto bene, posso andare.
Mi sento come Rambo, come Sigourney Weaver in "Alien", come Roy Scheider ne "Lo Squalo". Nulla mi può fermare, la Bestia deve morire. Entro e richiudo la porta velocemente: una volta entrato, solo uno di noi due dovrà uscire da questa stanza.
Il mostro giace sul lampadario, sfidandomi quasi a combatterlo. E se fosse una mutazione genetica causata dall'uso eccessivo di insetticidi? Ciò ne spiegherebbe le dimensioni e la resistenza al Baygon. La prossima volta voto verde, lo giuro. Non è più tempo di recriminazioni. Punto il lanciafiamme accuratamente. Dì ciao, mostro!
Whoooosh!
Una fiammata, e la libellula non c'è più. In compenso il mio lampadario cosparso di Baygon ha preso fuoco, è una torcia! Apro il rubinetto della vasca, attivo la doccia ed irroro il lampadario con un potente getto d'acqua. L'incendio è domato, ma l'acqua filtra lungo il cavo nel lampadario. Un sonoro "whump", unito allo spegnersi delle luci in tutto l'appartamento, mi avverte che l'impianto elettrico è kaputt.
Chi se ne frega! Il mostro è sconfitto! Al buio non riesco a vederne il cadavere fumante, ma non mi preoccupo; come non mi preoccupo dei danni disastrosi: il generale vittorioso non si cura delle migliaia di soldati morti, dopo la battaglia.
Ma nel buio, un ronzio. Dapprima flebile, tale da indurmi a credere di averlo immaginato. Poi, più forte. Il mostro è sopravvissuto!
Esco dalla stanza urlando di rabbia, richiudo ancora la porta ed esco dall'appartamento. Prendo l'ascensore, scendo in cantina, arrivo alla porta, mi accorgo di aver dimenticato le chiavi, ritorno in casa, prendo le chiavi, ridiscendo, apro la porta, trovo tra le decine di contatori quello collegato al mio appartamento, ne individuo l'interrutture saltato e lo riattivo. Una volta rientrato in casa, con le luci finalmente accese, sono pazzo di furore. Afferro un martello e mi dirigo al cesso, deciso a spappolare la bestia contro una parete, dovessi morire nell'impresa. Sono ormai ridotto ad uno stato belluino, come Karen Black quando lottava contro il pupazzo assassino in "Trilogia del terrore".
Ebbro di violenza, assetato di sangue, non voglio altro che la morte del mio avversario. Non fate prigionieri, miei prodi.
Che piacere sarà, sentire l'insetto frantumarsi sotto i colpi del mio martello! Voglio vederne il sangue, di qualsiasi colore esso sia, schizzare sulle piastrelle, imbrattarne le pareti. Voglio annientarlo fisicamente, dovessi impiegare una bomba nucleare.
Entro, spalancando la porta. Questa volta non mi curo di richiuderla, sono troppo incazzato. Individuo subito il bersaglio, adagiato sulla parete che agita le ali.
Chissà perché non se ne vuole andare spontaneamente. Chissà perché è entrato nel mio cesso, in primo luogo!
Poi ricordo che le finestre in casa mia sono state sempre chiuse, durante la mia assenza. Come può essere entrato? Forse è davvero un mostro sovrannaturale, o una minaccia aliena, o una proiezione delle mie paure inconsce, o un'allucinazione da delirium tremens causata dall'alcool. Ma sono passate 24 ore dall'ultimo gin & tonic!
Non importa. Pensiamo prima ad annientarlo.
Sto per vibrare il fendente mortale quando, vedendo l'insetto che mi fissa senza muoversi, comincio a subdorare un inganno. E se vola via proprio quando sto per colpirlo? Potrò spiegare l'incendio del lampadario a mia madre, al suo ritorno, attribuendolo ad un corto circuito. Ma come giustificare una piastrella della parete polverizzata a martellate? La ragione ha la meglio. Poso il martello. Richiudo la porta e torno nello sgabuzzino. Quando rientro nel bagno sono armato di coltello, nastro adesivo da pacchi, un contenitore semisferico di plastica trasparente per alimenti, un trapano elettrico per modellisti, una cannuccia di plastica e una siringa da pasticceri. Con il contenitore di plastica in una mano, prendo cautamente la mira e, dopo diversi minuti di meditazione zen, mi calo sulla preda, imprigionandola contro la piastrella.
Il mostro sbatte contro le pareti di plastica con violenza, ma ho appoggiato tutto il peso del mio corpo contro il muro e non può fuggire. Tenendo fermo il contenitore con una mano, afferro con l'altra il nastro adesivo, con il quale lo assicuro sommariamente alla parete. Poi, con il coltello e con altro nastro adesivo, sigillo ermeticamente la tomba di plastica al muro. Ora il contenitore spunta dal muro, sospeso come una mostruosa escrescenza nella quale un orrido insetto si agita ronzando follemente. E' giunta l'ora della vendetta!
Quando sono certo che il contenitore sia attaccato alla parete in modo assolutamente ermetico, attacco il trapano e pratico un foro sulla sommità del contenitore, appena abbastanza largo da far passare la cannuccia. La infilo nel foro, sigillo anche i bordi del foro con il nastro isolante. Nello sgabuzzino trovo del silicone, con il quale assicuro la tenuta stagna del contenitore alla parete. Mentre compio questa operazione la libellula mi guarda stranita. Forse ha capito ciò che l'aspetta. In cucina riempio la siringa di alcool denaturato. Torno in bagno e, attraverso la cannuccia, irroro la bestia immonda di alcool, sperando di decretarne la fine. La libellula si agita, spruzza alcool contro le pareti del contenitore, mentre io comincio a sentirmi in colpa. Ma è solo un istante. Forse i soldati nazisti hanno avuto pietà delle loro vittime inermi a Mathausen? E' un paragone del cazzo, lo so, ma per giustificare il mio operato in quel momento basta poco per convincermi.
Visto che l'alcool non ha effetti mortali, esasperato, torno in cucina e riempio la siringa di tutto ciò che mi sembra adatto allo scopo: Cif Ammoniacal, Viakal, WC Net, Perborato di sodio Omino Bianco, Vernel Liquido, persino Coca Cola (l'ingrediente più letale). Il cocktail mortale scivola nel contenitore riempiendolo fino a metà: è talmente corrosivo che la plastica, anche dove non è bagnata direttamente, comincia a divenire opaca. La libellula cade nel liquido, si agita debolmente e poi giace. Continuerà ad agitarsi molto a lungo. Ora è lì che galleggia semi immersa nella mistura, ma ancora non mi fido ad aprirne la liquida tomba. Anche perché non so esattamente come fare senza spandere in tutto il bagno il liquido contenuto nell'emisfero saldato alla parete. Ma sarà veramente morta? O appena aprirò, essa mi assalirà schizzandomi di acido, divorandomi gli occhi, rosicchiandomi la lingua, inoculando le sue larve sotto la mia pelle, quale orribile bozzolo vivente? Tremo all'idea. Anzi, non ho nemmeno il coraggio di tornare in bagno. E se la libellula non fosse stata sola? Se un'altra belva volasse indisturbata per la mia casa, pronta ad avventarsi su di me non appena, spente le luci, io mi adagiassi sul letto?
Questa notte non dormirò....
La minaccia della Libellula Assassina incombe ancora, lo so. Quella che ho catturato non era che un'avvisaglia di un pericolo ben maggiore. Ho scritto queste righe per avvertirvi della minaccia che incombe su di me. Dovevo dirlo a qualcuno. Se dovesse capitarmi qualcosa, saprete cosa è accaduto. Ma ora... cos'è stato? Era un ronzio, quello che ho udito? Un frullare di ali? Meglio che vada a vedere....

35.  Due piccoli scarabei stercorari si incontrano. Uno spinge una piccola pallina di merda e l'altro, una enorme palla. Il primo: "Ciao, ma dove l'hai trovata tutta quella roba ?". "Beh, sai mi conosci, non sono uno che spende molto... e poi mio papà siccome vado bene a scuola mi ha aumentato la caghetta settimanale". (Sanfinix)

36.  La LIBRUTTULA e' la brutta copia della piu' conosciuta e amata Libellula. Ha un volo sgraziato, il corpo ricoperto da peli e bitorzoli, una sola antenna ed emana una puzza nauseante. (dal "bestiario dell'impiegatto") (Gianni Zauli)

37.  Il moscerino dice alla mamma: "Mamma, oggi vorrei andare a teatro". "Va bene, figliolo, pero' stai attento agli applausi". (Mauroemme)

38.  Ho inventato un insetticida infallibile: spruzzato sulla pianta, questa perisce. Gli insetti poi muoiono di fame.

39.  Una tarma alla madre : "Mamma, mi dai una gonna da masticare?"

40.  Una coccinella femmina dice al maschio: "Vieni, caro, che ti schiaccio... i punti neri!!!

41.  Il primo insetto a spiaccicarsi sul parabrezza pulito lo farà esattamente di fronte agli occhi del guidatore. (Legge di Drew sulla biologia autostradale)(dalle leggi di Murhpy sul Codice della Strada)

42.  Recenti scoperte in ambito aeronautico hanno dimostrato che lo scarabeo ha ali troppo piccole per poter volare, ma lo scarabeo questo non lo sa, e perciò continua a volare. (Igor Sikorsky)

43.  "Un buon tavolo" come disse il tarlo buongustaio sedendosi al ristorante.

44.  La zecca dello Stato e' piena di parassiti ? (DrZap)

45.  Io una volta usavo il DDT contro gli insetti. Poi lo hanno vietato perché provoca il cancro. Io invece continuo ad usarlo, perché non mi frega un cazzo di come muoiono. (Mauroemme)

46.  Sono appena rientrato dalle vacanze trascorse in una struttura attorniata da boschi in cui erano presenti centinaia di cicale. Dopo la sesta notte insonne per lo stridore dei loro versi, sono andato in terrazzo ed ho urlato: "E FRINITELA!". Le notti insonni continuarono. (Respect!)

47.  Colmo per un tarlo: rispettare le "antiche credenze".

48.  Sapete cosa dice il vecchio tarlo al giovane tarlo? "Ragazzo mio, chi si accontenta rode". (Bilbo Baggins)

49.  Il baco da seta cade spesso dal ramo,... ha un grosso bozzolo in testa! (Dr. ICE)

50.  Una farfalla litiga con un fiore: "Basta sono stanca di riPosarmi!". (Dr. ICE)

51.  Cosa fanno i grilli prima di andare a letto? Spengono le lucciole! (Scirio)

52.  Le lucciole hanno grilli per la testa? (DrZap)

53.  Ieri ero seduto sul divano quando ho sentito starnutire. Ho guardato a terra verso il tappeto ed ho visto un acaro. Era allergico all'uomo. (Guido Penzo)

54.  Puo' un tarlo non apprezzare la buona tavola ? (DrZap)

55.  Mi hanno raccontato che in certi casi come colorante industriale vengono usate le ... coccinelle! E' vero! incredibile cosa si inventano. Ma la cosa che più mi fa specie è la pazienza che ci mettono nel ritagliare i circolini neri. (rafrasnaffra)

56.  Quell'insetto mi ha divorato un'intera trave: TARLO MAGNO. E dopo aver divorato l'intera trave e' aumentato molto: TARLO IL GROSSO. (Renato R.)

57.  "Mia moglie ha troppi grilli per la testa...". "E tu comprale un buon shampoo...". (DrZap)

58.  Un bruco schizofrenico che si crede una pecora puo' nutrirsi brucando? (DrZap)

59.  Sono così miscredente che non credo esista neppure la mantide religiosa. (DrZap)

60.  Dal dottore degli insetti ieri si e' presentata una cicala che aveva uno strano formicolio agli arti. (DrZap)

61.  Quando i grilli cantano, pagano la SIAE? (Antanity)(Andrea Cappellini)

62.  Colmo per un tarlo: ordinare un buon tavolo al ristorante.

 

 

Per tornare al capitolo Animali

Per tornare all’HomePage

Per tornare all’indice degli Argomenti