Omaggio a Stefano  Pazqo  Brancaleone, presente su Facebook e gestore del sito :

 

http://santapadella.altervista.org

 

 

 

1.     Coerenza Maschile: innamorarsi delle aquile e sposare le galline. (e trombare le maiale)

2.     Ho visto un film che esalta le virtŁ di questo oggettino appuntito piuttosto che quelle del chiodo: "La vite Ć bella".

3.     Monili cinesi: collane di gialli.

4.     Due indiani in discoteca: "Dai scotenniamoci!".

5.     Un giovane lord inglese non patentato, cresciuto alla vecchia maniera ed educato alle buone (anzi, ottime) maniere, decide di recarsi in cittł, lasciando per un giorno il suo maniero di campagna. Arriva al paesino piŁ vicino in bicicletta alla mattina presto e decide di prendere un autobus. Alla stazione, perś, vede che fino alle 5 di pomeriggio non ci son corriere. Allora chiama un Taxi. senza problemi, questo lo porta in cittł, ma alla fine chiede una cifra esorbitante. Il ragazzo, molto educatamente, ringrazia e se ne va. Gira un po' qua e lł. Ć su un marciapiede quando una macchina sfreccia accanto a lui e lo annaffia con l'acqua di una pozzanghera. Il ragazzo, bagnato fradicio, fa cenno con la mano che non Ć successo nulla di grave e continua la sua passeggiata. Quindi decide di attraversare la strada. Ma nel mentre, una bicicletta lo investe in pieno. Il lord si alza tutto ammaccato e corre a assicurarsi delle condizioni del ciclista. Questi  sta bene, ma se ne va insultando il giovane ragazzo. Ć ormai pomeriggio. Il giovane decide di tornare a casa. Va in stazione e cerca un treno. Ma c'Ć sciopero! Niente treni. Il ragazzo fa spallucce e cerca qualche altra via per tornare. Alla fine (visto che mi son rotto i coglioni di scrivere) decide di tornare in taxi. Trova lo stesso tassista che l'ha accompagnato la mattina. Mentre sta per arrivare al paesino, la macchina si rompe. Allora il milord, sempre con le buone maniere che lo contraddistinguono, paga il tassista fino a quel punto e gli lascia una lauta mancia, per riparare una macchina che, secondo il milord, si Ć giustamente rotta. Arriva al paese ormai a notte fonda. Prende la bicicletta e si dirige verso il maniero. Ma proprio davanti al cancello, si spacca la catena e si rompe il manubrio. Il giovane lascia tutto lô e entra in casa a piedi. Lô trova il padre, che gli chiede: "O figliolo, dove sei stato oggi?". "In cittł, babbo". "E com'Ć andata?". "Bene, anche se c'Ć stato qualche piccolo problema con treni, corriere, biciclette.... Comunque, tutto sommato, son cose che possono capitare. Non Ć certo colpa loro!". Morale: Il fine giustifica i mezzi

6.     Qual era l'anticoncezionale usato da Gengis Khan? Il dentifricio: non fa venire il tartaro!  

7.     Isocrono: che lascia il tempo che trova come questa battuta...

8.     Caspita, Windows Media Player Ć diventato intelligente! Stavo guardando un film a luci rossi e sotto c'era la didascalia: "Riproduzione in corso".

9.     Due delle renne di Babbo Natale hanno accusato un malore per lo sforzo di dover spostare il ciccione viaggiatore. Per questo, la slitta di Babbo Natale Ć stata sottoposta a un trapianto di renne. Si forniranno ulteriori notizie al riguardo.

10.  Dove abita il re Peto? Nella sco... reggia.

11.  Ma una naziskin ninfomane... Ć arrapata?

12.  Ieri sera, mentre passavo in macchina per un quartiere malfamato di Udine, ho visto una mitica macchina della Fiat in fiamme, ma i pompieri la stavano gił spegnendo. Era una Panda in via di estinzione.

13.  Astemio: un uomo che ha il vizio di non bere.  

14.  Ero al bar, l'altra sera. Tre ragazze, accanto a me, avevano ordinato dei succhi di frutta. Arriva il cameriere con l'ordinazione e rivolgendosi a una delle tre: "Succhi?".

15.  Oggi mia mamma Ć andata dalla parrucchiera per farsi una permanente. C'era andata anche sei mesi fa. Credo che denuncerś la parrucchiera per pubblicitł ingannevole.

16.  1856 circa. A casa di una famigliola qualunque bussano alla porta. Il padre di famiglia apre: c'Ć un ragazzo come tanti, che se ne va in giro con una sporta piena di striscioline di carta: "Cosa le serve?". "Nulla, sono solo passato a consegnare l'elenco telefonico!". "Elenco tele-che?". "Telefonico! Si informi!". Detto questo consegna una striscia di carta e se ne va. L'uomo gira e rigira la striscia di carta tra le mani. E' gił tanto se sa leggere. Per fortuna siamo capitati in una casa dove i libri non son solo materiale da caminetto. E cosô, sul biglietto, legge: "A. Meucci, installazioni telefoniche. Per informazioni telefonare al numero 1".

Ma lasciamo la famigliola al dubbio e allo sconcerto, per andare a vedere come se la cavava Meucci. Pover'uomo, passava tutto il giorno davanti al suo bell telefono, dopo aver pagato una barca di soldi per far stampare gli elenchi telefonici e dei biglietti da visita come questo:
|-----------------------------------|
|        Antonio Meucci    |
|   Inventore del telefono |
|      per informazioni      |
|    chiamare il numero   |
|                1                 |
|-----------------------------------|
C'Ć da dire che la gente, alla fin fine, era anche curiosa. Infatti spesso Meucci sentiva urlare, fuori dalla finestra: "UNOOOOOOOOOO". Allora lui, che era sô inventore, ma non brillava per spirito pratico, si affacciava dal balcone e gridava a sua volta: "CHIAMAMI CON IL TELEFONOOOO!!!"."CON IL COOOSAAAA?"."CON IL TELEFONOOOOOOO"."BAH". Questa scena si ripeteva fin troppo spesso, ormai. Meucci... Quest'uomo che cominciava a degradarsi, a diventare sempre piŁ  sporco e non uscire mai di casa. Aveva sempre il timore che se fosse andato a farsi la doccia oppure a fare un giro, qualcuno avrebbe telefonato e lui avrebbe perso la sua opportunitł. Il nostro inventore, probabilmente, non conosceva la fisica e il principio di Archimede, secondo il quale un corpo immerso nell'acqua provoca inevitabilmente lo squillare del telefono. Avrebbe potuto fare una finta, in tal caso! E pensare che gli sarebbe bastato uscire di casa, per vedere che il filo del telefono si interrompeva subito fuori dalla sua porta!
Intanto in America, Bell aveva messo appunto la sua invenzione: il telefono. Sô, praticamente la stessa cosa. Solo che Bell, da buon americano, aveva piŁ spirito commerciale e pubblicitario. E cosô fece appendere dei cartelloni in giro per Boston con le pubblicitł dei telefoni erotici. La gente faceva un gran parlare di questi manifesti. E Bell se ne andava in giro per le strade a vedere le reazioni della gente e seminare curiositł con delle frasi tipo:"Ah, ma chissł che goduria, sentirle gemere!","Telefono? Deve essere una cosa molto utile!","Quasi quasi mi informo su come mettere un telefono in camera da letto". Dopo qualche tempo, tutti erano curiosi, il telefono era una cosa che tutti volevano e nessuno poteva avere. Era una specie di mela proibita. Qualche furbetto vantava di avere il telefono, dicendo di averlo avuto in anteprima. Cosô, a un certo punto, Bell se ne uscô con un: "toh, ho trovato un telefono in casa, a qualcuno interessa?". Non vi dico la ressa che si era creata. Quel telefono fu venduto a una cifra spropositata. E l'acquirente rimase piuttosto deluso, scoprendo che non c'era nessun telefono erotico. Ci rimase ancora peggio quando vide Bell in persona a portargli la bolletta telefonica, con in conto una telefonata da 1.000$, effettuata verso un telefono erotico, che non esisteva (a distanza di 150 anni, direi che i tempi non sono affatto cambiati...). Visto che ad assistere alla scena c'era anche altra gente, il compratore, per non fare la figura del fesso, pagś la cifra ed esclamś: "Beh, ma ne Ć valsa la pena!". Ah, che mondo, ancora incontaminato dalla telefonia.
Ma torniamo un momento da Meucci: sta per succedere una cosa. SQUILLA IN TELEFONO. Antonio, tutto in fermento, prende la cornetta. "Pronto? Chi Ć?". "Siamo della Casa del Mobile, stiamo facendo una svendita, le interessa qualcosa?". "Uhm, no. Ma come avete fatto ad avere il mio numero?". "Diamine, Ć l'unico numero esistente!". "E con cosa mi state chiamando?". "Senta, questi sono affari nostri. Le interessa qualche mobile?". "No". "Bene, anzi male. Grazie e arrivederci". Meucci era a metł tra gioia e dolore. SQUILLA ANCORA! "Pronto? Chi Ć?". "Chiamiamo per offrirle un collegamento a internet". "Inter-cosa?". "Internet: Lei accende il computer e naviga tra i siti porno". "Ma di cosa sta parlando? Non ho idea di cosa sia un computer e qui a casa non ce l'ho". "Ah, Ć proprio vero: chi ha il pane non ha i denti e chi ha i denti non ha il pane...". "EH?!? Ma cosa sta dicendo?". "Nulla, nulla, lasci stare. Le interessa l'offerta?". "Certo che no!". "Bene, anzi male. Grazie e arrivederci". Piano piano, Meucci si rendeva conto di cosa aveva creato. Intanto, in america, Bell aveva inventato le telefonate interurbane e intercontinentali.
E chi pensate che fosse che chiamava Meucci per proporre il collegamento ai siti porno???
(---continua?---)

17.  Stavo portando mia suocera alla stazione, in macchina. A un certo punto Ć sbucato un camion da una strada laterale e si Ć messo sulla carreggiata, giusto di fronte a me. Per fortuna ho frenato, e cosô ho evitato l'incidente. Ma la mia suocera s'Ć presa un bello spavento: "Accidenti, che paura! Questo incidente m'ha invecchiata di dieci anni!". "Impossibile", le ho detto io "Nessuno puś vivere cosô a lungo".

18.  Quando lavoravo come receptionist in un albergo, Ć arrivata una coppia: lui distinto, lei non era proprio uno splendore. Lui mi fa: "Salve, vorrei una stanza per due per questa notte". E io: "Mi dispiace, ma qua accettiamo solo gente per bene. I tradimenti vada a farli da un'altra parte!". E lui: "Ma come si permette! Si dovrebbe vergognare! Questa Ć mia moglie!". E io, impassibile: "Se quella Ć sua moglie, allora non sono io a dovermi vergognare, ma Lei

19.  Ieri sono stato a giocare al bowling. Nella pista accanto alla mia c'era una ragazza bona, ma cosô bona che ogni volta che buttava giŁ i birilli, questi si rizzavano di nuovo da soli.

20.  Una zingara all'altra: "Guarda quel bel bambino coi boccoli d'oro! Rapiamolo!". "E perchÄ? non ti piacciono i boccoli?".

21.  Basta menare Ellkan per l'aia! Adesso lo porto in collina !

22.  Ho trovato un mio amico informatico che non sentivo da molto tempo. Dopo aver parlato del piŁ e del meno, gli faccio: "Dimmi un po', programmi per le vacanze?". E lui, sovrappensiero: "No, credo che mi prenderś una pausa almeno in quel periodo!".

23.  La recita di Natale all'asilo.
La recita di Natale dei bimbi dell'asilo: un tormento che prima o poi Ć toccato a tutti. In parrocchia, in un aula, nella sala mensa. Non importa! La situazione non cambia.
Nulla da ridire sui bambini, anzi: se teniamo conto che i protagonisti sono dei frugoletti da due a cinque anni bisogna ammettere che noi presunti adulti abbiamo tutto da imparare. Vedi questi mostriciattoli impegnarsi al 110% delle loro capacitł, cantare (quasi) intonati, recitare con un trasporto che, a confronto, Mario Merola potrebbe andare per osterie con chitarra e fisarmonica.
L'unica cosa che si puś dir loro Ć BRAVI.
La tragedia inizia con gli adulti. In primis i genitori: persone fino a qualche anno fa apparentemente normali dimostrano la loro vera natura di ebeti su due piedi. La mamma-media sclera sin dalle prove, commuovendosi dal momento che il piccolo mette piede sul palcoscenico. Per palcoscenico si intendono alcune pedane di 20 cm prestate dal comune coperte da moquette fregata, a seconda della tendenza politica delle maestre, in Parrocchia o alla Casa del Popolo. Ebbene, dicevamo, il piccolo sale su questo ripiano, piange, si scaccola, va a giro per cazzi suoi facendo dannare maestre, suore e volontari e la mamma cosa fa? Comincia a frignare come una cretina mormorando parole tipo "da grande farł l'attore". Il padre Ć al bar, ignaro di tutto indipendentemente se moglie, suocera, sorelle, cognate, zie, nonne e tutto il parentado femminile non parla d'altro. Nel frattempo si impegna per un torneo di calcetto.
Le prove vanno avanti qualche settimana, con la mamma che tutti i giorni impreca perchÄ deve cucire le stelline sul vestitino dell'attore o perchÄ questi ritorna con la faccia sporca del trucco col quale gli erano stati disegnati i baffi.
Il padre Ć al club di caccia e pesca, ha mentito spudoratamente per annullare la partita di calcetto e ha prenotato una giornata di pesca al salmone in Norvegia.
Ma lasciamo la famigliola al tran-tran quotidiano, e passiamo direttamente alla sera della "prima".
La sala Ć stata allestita per ospitare N_ospiti_presunti = (N_bambini x 2genitori) - QualcunoCheNonViene.
E fin qui tutto ok; tenuto conto delle strutture piŁ o meno ovunque disponibili e tollerando un paio di  faretti da 500W appoggiati sugli armadi siamo quasi in linea anche con la 626.
Ma no!!! La mamma media, oltre ai nonni, necessari per la produzione di torte e biscotti per la merendona post-recita, ha DOVUTO invitare zii, amici, cugini, amici e quant'altri a tiro. Il 35% di questi ha il coraggio di mentire o ha veramente altro da fare.
Il problema Ć che comunque nella sala si presentano N_totale = (N_bambini x 2genitori) + (N_bambini x 4nonni) + [N_bambini x (Zii + amici + cuginetti) x 0.65]
La situazione Ć da esodo, l'unico vigile presente si dilegua, la protezione civile dł forfait.
Le mamme sono in crisi esistenziale perchÄ quello che credevano il loro angioletto si rivela una bestia indomabile: il vestitino che fino alla sera prima voleva mettere a qualunque costo non lo vuole neanche vedere; le fatine si prendono a legnate con le bacchette magiche riducendole in polvere; quello vestito da S.Giuseppe sfodera la parte peggiore del dizionario imparata dal padre muratore; quella vestita da Madonna si alza il vestito azzurro per far vedere le mutandine ai compagni; il bidello pedofilo sviene; il piŁ piccolo, che avrebbe dovuto fare GesŁ, le suona di santa ragione a tre o quattro grossi il doppio di lui; le maestre si occupano della scenografia, dei microfoni o hanno da fare in segreteria; la suora bestemmia;  qualche zia calma il nipotino ingozzandolo di caramelle; i nonni fanno fotografie; i padri... dove sono i padri? Ah, eccoli, fuori che fumano, parlano di calcio e commentano i culi delle mamme e delle zie!
Con mezz'ora/quarantacinque minuti di ritardo il tutto ha inizio. Il microfono fischia un paio di volte, la prima musica Ć quella sbagliata ma poi tutto ingrana per il verso giusto. Il problema, grave, Ć, ancora una volta, nel pubblico. Gli adulti, che evidentemente da piccoli non ne hanno prese abbastanza, chiacchierano tranquillamente del piŁ e del meno. Qualche padre ritardatario spegne la sigaretta sulla porta, entra ma non trova piŁ posto a sedere. I possessori di macchine fotografiche e videocamere si prendono a gomitate per ottenere un posto nella corsia tra le sedie, qualcuno rischia l'osso del collo perchÄ, per riprendere meglio, ha pensato bene di salire su una piramide di tavoli e sedie. Ancora pochi istanti, si ottiene il silenzio, si chiudono le porte e fra gli anziani qualcuno rimpiange Auschwitz: le sedie, alte 30 cm e larghe 22 sono state posizionate una attaccata all'altra e, tenuto conto che quasi tutti hanno giacche a vento e cappotti, il pubblico risulta stipato come sardine in scatola; la poca aria a disposizione viene respirata pressochÄ immediatamente; qualcuno ha tirato fuori dall'armadio "il vestito buono" (che non indossava dal '56) e si spande un odore chiuso/naftalina che neanche in una tomba etrusca appena scoperchiata; la temperatura aumenta e l'odore precedente passa in secondo piano sopraffatto, nell'ordine, dai seguenti aromi mono e bi-componente: fumo/lana-vecchia, sudore/borotalco, merdadicanepestatapocoprima/rosticceria, flatulenza da verdure lesse, mutanda sgommata bicolore, pannolone allentato. C'Ć chi si rivolge alla suora per chiederle se il tempo passato in quelle condizioni potrł scalarlo dagli anni di purgatorio.
Una mezz'ora al massimo e la recita termina, con i bimbi che si son fatti un culo cosô, i genitori e gli zii che, per motivi che vanno dallo "stai zitto" all' "abbassa la testa" passando per "l'hai fatta te" rischiano di innescare una serie di faide che neanche nella calabria degli anni '50 si son viste. I nonni, incazzati perchÄ il piccolo non si vedeva bene in faccia e non si riconoscerł nelle foto a causa del cappello, hanno passato metł del tempo a "urlare sottovoce" LEVATI IL CAPPELLO CHE NON TI SI VEDE, e le nonne a "bisbigliare ad alta voce" ZITTO, LO VEDI CHE E' VESTITO DA PASTORE, NON PUO' LEVARSELO!!!
La merendona finale Ć l'apoteosi dell'idiozia umana. Se Darwin avesse potuto osservare un simile contesto avrebbe dovuto aggiungere alla sua teoria che l'evoluzione non va necessariamente solo in avanti. I bambini, mangiata una fetta di torta e bevuta un'aranciata giocano, corrono, parlano, socializzano con bimbi di etł diverse, fanno nuove conoscenze, chiedono alle maestre qualcosa di interessante. Gli adulti no! Le mamme, le zie, le nonne riunite in cricche che a confronto le riunioni della massoneria sono una conferenza pubblica, iniziano a spettegolare e a commentare rispettivamente sui bimbi altrui, sui vestiti delle altre, sulla qualitł e la presentazione di dolci che non hanno neppure assaggiato. I nonni rammentano i bei tempi che non sono piŁ quelli di una volta, che si stava meglio quando si stava peggio e che i politici al governo/comune/regione (indipendentemente da chi sono) sono quelli sbagliati. I padri, tutti disertori della partita di calcetto prima, della battuta di pesca al salmone poi, infilano una cazzata dietro l'altra inventando scuse pietose per giustificare le defezioni, anche se al primo bel culo di mamma/zia/amica/nonna giovane che passa tutto finisce in gloria e l'argomento della discussione si sa quale diventa. Chiaramente il tutto mangiando dolci e tramezzini sufficienti a sfamare per un mese mezzo Burkina-Faso, il tutto innaffiato da coca-cola e imprecazioni del tipo "nessuno-ha-pensato-a-portare-una-birra".
Ancora qualche minuto, suora, bidello e maestre spediscono tutti fuori. I bipedi recuperano i loro cuccioli e fra un sorriso a denti stretti e un bacio bavoso si augurano tutti buon Natale e felice anno nuovo, con l'unica vera speranza che l'asilo riapra prima che finiscano le loro ferie per potersi godere qualche giorno di pace e tranquillitł.  

24.  Nella penombra della stanza, riscaldata solamente dal camino, lei si inginocchiś e cominciś a fare ciś che piŁ le piaceva. Lo toccava, lo spostava di continuo stando attenta alle palle. Tuttavia la punta rossa non stava su e lei era insoddisfatta delle dimensioni. Ancora qualche minuto ma non ci fu nulla da fare, nonostante usasse entrambe le mani. Lui la guardś allora impietosito: "Cara, ma perchÄ quest'anno non compriamo un nuovo albero di Natale?".  

25.  L'amore Ć eterno finchÄ Ć duro.  

26.  Il bello di chi ha studiato psicologia Ć che riesce a masturbarsi senza provare alcun senso di colpa, perś non riesce piŁ a mangiare una banana solo perchÄ ha fame...  

27.  Dal libro dell'Introduzione: Chuck Norris disse: "sia Dio". E Dio fu.  

28.  Quando Chuck Norris racconta una barzelletta su Maometto tutti gli Imam ridono a crepapelle.    TIN

29.  Hitler va in visita a un campo di concentramento. Si avvicina ad un ragazzo: "TU, Kuanti anni afere?". "Quindici...". "E kuanto pesare?". "Trentotto Kg...". "Ke razza tu essere?". "Inglese". "Kuesto pricioniero mancia poko. Ta domani, doppia razionen!". Si avvicina ad un altro ragazzo: "TU, Kuanti anni afere?". "Diciotto...". "E kuanto pesare?". "Quarantadue Kg...". "Ke razza tu essere?". "Francese". "Kuesto pricioniero mancia poko. Ta domani, doppia razionen!". Si avvicina ad un terzo ragazzo, magrissimo: "TU, Kuanti anni afere?". "Ventidue". "E kuanto pesare?". "Trentuno Kg...". "Ke razza tu essere?". "Ebreo". E Hitler (pizzicandogli una gota): "Cicciottellen!!!!".  

30.  Lungo, grosso, a volte duro
t'Ä piaciuto di sicuro;
se la punta si tocca, si succhia o si strizza
un nettare bianco fuori ne schizza.
Non arrossire, pensaci bene
hai gił capito parlavo del...
...biberon che avevi da piccola!!!
 

31.  Quando il gioco si fa duro:
- i duri cominciano a giocare;
- gli analisti si chiedono se ne vale la pena;
- i promoter bancari dicono che Ć il momento giusto per investire (i tuoi soldi);
- gli avvocati propongono di far causa contro gli organizzatori;
- Chuck Norris smette di annoiarsi;
- Berlusconi se la prende con gli arbitri comunisti;
- Prodi dichiara "c h e e   b i i s o o g n a a   d i a a l o o g a a r e c o o l   g i o o c o..."
- Calderoli da la colpa a negri e musulmani;
- Moggi si incazza che non gli hanno ancora riattaccato il telefono;
- Le giovani di C.L. o dell'A.C. arrossiscono;
- Le vecchie di C.L. o dell'A.C. sospirano;
- La Microsoft pubblica una patch;
- Santoro, Mentana, Vespa e altri vanno in onda con uno speciale;
- I gay, nel dubbio, si calano i pantaloni e si pongono a 90í;
 

32.  Il lunedô Ć il giorno piŁ pesante: c'Ć da staccł non uno, ma tre fogli dal calendario...  

33.  Per il rispetto totale della par-condicio, nei seggi allestiti all'interno di scuole Ć stato imposto quanto segue:
-eliminazione dei crocefissi e di quanto possa richiamare tale forma, compresi gli armadietti del pronto soccorso;
-nei giardini devono essere estirpati gli "olivi", tagliate le "querce" e calpestate tutte le "margherite";
-i carabinieri devono indossare il berretto senza "fiamma";
-il caffĆ non puś essere preso "nero";
-eventuali mele portate per merenda non devono essere nÄ "verdi" nÄ "rosse".  

34.  Palmo ardito
(Carducci - Brancaleone)

L'asta su cui scorreva
la pargoletta mano,
 il viscido membrano
nelle mutande a fior,

   del muto cesso lindo
   facesti tua dimora,
   e lô passasti ogn'ora
   a farti quel lavor.

La mano ormai piagata,
i polpastrelli come un geco
tua madre, disperata:
"bRAZIL, diventi cieco!!!"

   nella usenet fredda
   unico amico, negro:
   Motumbo, da didietro
   risveglia in te l'amor
  

35.  Telefonata di Moggi a Pessotto: "Ascolta, Gianluca, qui Ć un casino, non so piŁ che inventarmi, vedi di fare qualcosa te!". "Ok, volo".  

36.  Pessotto Ć meglio come giocatore che come dirigente: nel prendere certe decisioni Ć troppo precipitoso.  

37.  Il Ghana per prima, la Francia per ultima, abbiamo iniziato e finito il mondiale con due squadre africane.  

38.  Cortesia da postino: "Buongiorno Sig. Bianchi, mi saluti sua moglie e i miei figli".  

39.  Il Puttanone
(De AndrÄ - Brancaleone)

All'ombra dell'ultimo lampione
s'era assopito un puttanone
e aveva uno schizzo lungo il viso
come una specie di sorriso

venne al viale un marocchino
due palle grandi come un cestino
rotta al cavallo la cucitura
da cui spuntava la minchia dura

e chiese alla troia dammi il buco
sono ingrifato come un lupo
disse alla troia dammi la fica
che mi so rovinato palmi e dita

le gambe dischiuse gaia al giorno
l'aveva  larga come un forno
ma l'infornś come fosse pane
di dimensioni disumane

e fu questione d'un momento
e il negro le era tutto dentro
poi via di nuovo sul viale
altri clienti ad adescare

venne al lampione un trollettino
mostro, coglione e un po' bruttino
non la voleva mora o rossa
per lui bastava fosse russa

niente parole nĆ discorsi
offrô diretto pochi eurozzi
non te lo voglio metter dentro
ma dimmi delle ferrovie lo scartamento

ma all'ombra dell'ultimo lampione
si presentś anche il pappone
disse incazzato come un toro
"bRAZIL, non disturbar tua mamma al lavoro"
 

40.  Pazzo omicida, commette i suoi crimini solo al tramonto: ...seral killer.  

41.  La sera di ferragosto, dopo un'orgia sadomaso particolarmente violenta, alcune persone hanno dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso. Fra queste la cantante Carmen Consoli, che, raggiunta da alcuni giornalisti, ha dichiarato che ripeterebbe comunque l'esperienza... Contusa e felice.  

42.  Allora, ci sono tre cose importanti nella vita:
-la seconda Ć essere ordinati;
-la terza Ć cominciare sempre dall'inizio;
-la prima Ć finire sempre quello che  

43.  Datemi un punto d'appoggio o mi schianterś sul mondo. (Archimede, un sabato sera)  

44.  Scrittrice di origine fiorentine, recentemente scomparsa, scrive un libro sulla sua ultima esperienza in spiaggia: l'ombrellone accanto al suo era occupato da una numerosa famiglia araba, composta da bimbi che tiravano sabbia ovunque e da adulti che, consumando continuamente del cibo, dimostravano di aver gradito ruttando sonoramente. "La sabbia e il gorgoglio".  

45.  Sacrestano con la passione per la poesia compie la sua ultima opera dandosi fuoco... M'illumino d'incenso.  

46.  Hillary Clinton candidata alla presidenza degli Stati Uniti. Dubbio: Monica Lewinsky ha un fratello?  

47.  Ma se il prete accende il cero, il dottore accende il cerotto? (Mauroemme). Cosô come Antonella Clerici accende il cerone. (cosoduro) e un otorino accende il cerume.  

48.  La protagonista di una famosa fiaba Ć stata colpita mortalmente. La poveretta prima di morire si Ć trascinata per alcuni metri ed ha cercato, senza riuscirvi, di pronunciare alcune parole... Avete appena letto: "Cenerantola".  

49.  Una bambina viene mandata dalla mamma a portare un cestino alla nonna, che abita dall'altra parte del bosco. La piccina tira una fila di bestemmie perchÄ non ha voglia di andarci. Successivamente si convince ed esce di casa sbattendo la porta. Durante il tragitto litiga con un lupo, lo insulta e lo prende a calci. Manda in culo anche un cacciatore che passava di lô. Arrivata dalla nonna entra senza bussare, butta il cestino sul tavolo e se ne va senza salutare. Avete appena letto: "Cappuccetto rozzo".  

50.  Una bellissima principessa si fa scopare da tutti i servi del castello e dalla guardia del re al completo. La matrigna decide di mandarla via. La principessa troverł una sistemazione da alcuni amici affetti da una malformazione fisica ma superdotati che, nonostante il duro lavoro in miniera, la sera avranno sempre modo di soddisfarla. Avete appena letto: "Biancaneve sotto i nani".  

51.  La perversione fra gli animali del continente nero ha ormai superato ogni limite: bufali che si trombano cerbiatte, pitonesse che spompinano elefanti, scimmie che si accoppiano coi giaguari, zebre che inculano macachi. Il re della foresta decide di porre fine a questa situazione e per calmare gli animali piŁ arrapati organizza un bordello fra la giungla e il deserto dove femmine di tutte le specie sono disposte ad accoppiarsi con qualunque maschio ne faccia richiesta. Questi ovviamente dovrł corrispondere il prezzo della prestazione al felino che ha organizzato il tutto. Avete appena letto: "Il re lenone"  

52.  L'Uomo di Similaun non s'Ä mai capito da dove venisse: aveva un cervello, quindi non era tedesco, aveva attrezzi da lavoro, quindi non era italiano.  

53.  Preghiera di uomo sposato: "Signore, ti ricordi quando davanti a questo stesso altare ti promisi di amarla nella buona e nella cattiva sorte? Si? Ok, io la promessa l'ho mantenuta, ora tocca a te: mandami anche un po' di buona sorte! Amen.  

54.  Scherza con i fanti ma lascia a stare i santi.... Vero!!! Me l'ha detto anche Allah quando l'altra sera Ć venuto a casa mia per una grigliata di rostinciana e salsicce. Buone anche le bistecche di tatanka che ha portato ManitŁ. GesŁ ha superato se stesso, Ć riuscito a trasformare in vino persino il Tavernello. Kalô invece ha "dato una mano" per lavare i piatti: in tre minuti la cucina splendeva! Quel tirchio del Dio di Abramo, invece s'Ä presentato con un po' di pane azzimo e con la scusa che era sabato non ha fatto un cazzo tutto il tempo. La prossima volta invitiamo anche Nettuno, per una grigliata di pesce... e se tutto va bene viene Venere per lo strip finale!!!  

55.  Cartelli autostradali: "Alcool e velocitł uccidono". Ok, berremo lentamente...  

56.  Volgare : aggettivo affibbiato da qualunque donna a qualunque altra donna piŁ, scollata, piŁ procace o comunque piŁ appariscente di lei.  

57.  Platinette, Giuliano Ferrara, Marisa Laurito, Giampiero Galeazzi, Nadia Rinaldi, e altri saranno lasciati su un'isola tropicale. Qui telecamere e microfoni saranno loro addosso 24 ore su 24 per vedere come se la caveranno. "L'isola dei formosi".  

58.  Nella Toscana del XIV secolo il garzone di un fruttivendolo viene mandato a fare delle consegne nelle tenute circostanti. Il padrone Ć un tipo manesco e gli intima di non tornare fino a che non ha finito il proprio lavoro. Purtroppo il giovine non sa leggere bene e rimane con dieci poponi di cui non conosce l'esatta destinazione. Confidando sull'onestł dei clienti abituali si mette a fare il giro dei casolari fino a che non trova il destinatario della merce. Tornerł a Firenze solo alcuni giorni dopo, scampando cosô all'epidemia di peste nera che aveva colpito la cittł. Avete appena letto: "Il decamelone".  

59.  Sultano maniaco decide di farsi il piŁ elevato numero possibile di vergini del proprio regno. Le ragazze, nella mentalitł dell'anno 1000, non troveranno mai piŁ marito. La prima ballerina del night club "A passo di cammello", nome d'arte Sherazade, gli si offre gratuitamente, con l'unica condizione che egli non potrł cambiare donna fino a quando non potrł dire, sotto giuramento ad Allah, di non essere rimasto soddisfatto della notte prima. A scanso errori Sherazade si porta anche la sorella. Dopo circa tre anni di questa vita il sultano non ce la fa piŁ e, oramai esausto, rinuncia al suo proposito. Avete appena letto: "Le mille e una 'botte' ".   

60.  Per raccogliere fondi da destinare alla Campania saranno presto in vendita i biglietti del nuovo gioco di Lottomatica: "spazza e vinci".  

61.  "Ma Carla Bruni Ć entrata in politica? "Non lo so: ma intanto un politico Ć entrato in Carla Bruni...".  

62.  Miracolo del governo Prodi: la moltiplicazione del prezzo dei pani e dei pesci.  

63.  Durante uno spettacolo in diretta TV al quale partecipano molti ospiti, un comico fa una battuta a Pippo Baudo e tutti ridono. Dopo un po' lo stesso comico prende in giro Luca Giurato e tutti ridono. Ancora qualche minuto e fa uno sketch con vittima il Colonnello Giuliacci e tutti ridono. Passano ancora pochi minuti e lo stesso comico fa una battuta a Gianfranco Vissani. Intervengono degli addetti alle scene, prendono il comico e lo buttano fuori dallo studio. Morale: Non si scherza col cuoco!!!  

64.  "Se non si vota porterś gli elettori in piazza". Direi che sta migliorando... finchÄ governava li ha messi in mezzo a una strada!  

65.  Qualunque CD di configurazione automatica allegato al modem ADSL, non funzionerł mai cosô bene come un qualsiasi dialer con un qualsiasi modem 56K. (Legge di Murphy sul cd allegato)  

66.  Casa di Andreotti, sono passati alcuni giorni dal rapimento. Un segretario entra trafelato: "ONOREVOLE, hanno telefonato, erano loro, le BR, hanno detto che presto si faranno risentire per dettare le loro condizioni". "Mhh, e come sta Moro non glielo hai chiesto?". "Non ho fatto in tempo, hanno riattaccato subito". "VabbĆ, li richiamo io..."  

67.  Se per Natale possiamo dire a Gesu' "buon compleanno" a Pasqua che gli si dice?
- Bentornato
- Anche chi muore si rivede
- So che sei vivo per miracolo
- Non pensavo di "incrociarti" ancora
- Che ci fai ancora quaggiu'?   
- Avevi dimenticato di prendere qualcosa?
- A tua madre le prende un colpo se ti vede cosô scoperto dopo quello che hai avuto!
- Hai 33 denari da prestarmi?
- Ti vedo in carne!
- Ti cercava Barabba... (Guru)

68.  Ma se per la Chiesa il sesso Ć come una droga le seghe sono come il metadone?  

69.  Dimmi cosa pesti e ti dirś che sei! (ovvero: guarda dove metti i piedi, stronzo!)  

70.  Politically Correct
disoccupato - diversamente impiegato
negro  - diversamente bianco
sporco     - diversamente pulito
scemo  - diversamente furbo
delinquente - diversamente onesto
vecchio    - diversamente giovane
morto    - diversamente vivo
grasso  - diversamente magro
impotente  - diversamente trombante
troia  - diversamente casta
frocio   - diversamente maschio
 

71.  Grande passo avanti nell'integrazione dei ROM. Sono state omologate le prime roulotte catalitiche: quando bruciano non inquinano.  

72.  I naturisti a 360í sono coloro che amano vivere a contatto con tutte le potenzialitł della natura. Quelli a 90í invece sono quelli che amano vivere pericolosamente le potenzialitł della natura...  

73.  *** L'elenco del SE ***
Ovvero il RELATIVISMO spiegato al popolo
(le situazioni della vita non danno a tutti le stesse opportunitł)

*Carpe diem*

-Se lo dice R.Williams ne "L'attimo fuggente" Ć un professore moderno che illustra agli alunni la giusta via per crescere;
-Se lo dice un anziano Ć un uomo con tanta esperienza che ha capito che nella vita bisogna saper cogliere le occasioni al volo;
-Se lo dico io sono un porco arrapato che si farebbe qualunque donna gli capiti a tiro;

*Vedi il lato positivo delle cose*

-Se lo dice un maestro yoga Ć una persona illuminata che ha percorso correttamente il sentiero della vita;
-Se lo dice un'amica di mia moglie Ć una persona positiva con la quale fa piacere parlare;
-Se lo dico io sono un superficiale;

Una collega sente *una battuta spinta e sessista*

-Se la sente in TV da Ceccherini lo trova "un toscanaccio simpatico";
-Se la sente dal capo ride per mezz'ora come un'oca;
-Se la sente da me mi denuncia per molestie;

*Sugar brown*

-Se la cita Mick Jagger Ć un grande del rock!
-Se ne parla un negoziante (riferendosi allo zucchero di canna) Ć una persona onesta che vende anche prodotti del "commercio equo e solidale";
-Se ne parlo io sono certamente un drogato di merda;

*Posso aiutarla signora?*

-Se lo dice un sacerdote a una fedele Ć un sant'uomo che si prodiga per i parrocchiani;
-Se lo dice un poliziotto a una donna in difficoltł con l'auto Ć un bravo agente che fa il suo dovere;
-Se lo dico io a una vicina carica di buste della spesa sono l'ennesimo maniaco che attacca bottone con una scusa banale;

*Speriamo in bene...*

-Se lo dice una Suora Ć una pia donna che ripone piena fiducia in Dio;
-Se lo dice un anziano Ć una brava persona che, avendone viste tante, non vorrebbe vedere altri soffrire;
-Se lo dico io sono un imbranato che non so risolvermi da solo i problemi piŁ semplici;

*Che splendido tramonto*

-Se lo dice un letterato Ć un poeta;
-Se lo dice il marito di un'amica di mia moglie Ć una persona sensibile;
-Se lo dico io sono uno che non ha "un cazzo a cui pensare";

*Ci sono cose peggiori...*

-Se lo dice un conoscente o un lontano parente Ć una persona che ti infonde coraggio;
-Se lo dice un medico vuol dire che la malattia non Ć grave;
-Se lo dico io sono uno stronzo che se ne frega dei problemi altrui;

*Vietato fumare*

-Se lo dice Sirchia Ć un ministro responsabile che ha fatto un' ottima legge;
-Se l'avesse detto Berlusconi sarebbe stato "un fascista che limita la libertł dei cittadini. Si vede che non ha interessi nel mercato del tabacco";
-Se lo dico io sono un rompicoglioni che deve solo aprire la finestra;

 

74.  In programmazione sulle reti Mediaset l'ennesimo reality, stavolta ambientato in un istituto religioso: le ragazze che vorranno parteciapre dovranno accedere al convento attraversandone la recinzione dell'orto col passo del ghepardo. Titolo della trasmissione: STRISCIA LA NOVIZIA.  

75.  Ma il crack Cirio Ć una droga ricavata dai pomodori?  

76.  La religione arcaica era come Linux: guarda ora quante versioni ne esistono...  

77.  Era cosô brutta, ma cosô brutta, che per potersi prostituire doveva battere sotto un lampione fulminato.  

78.  Era una donna talmente finta che simulava l'orgasmo anche quando si masturbava.  

79.  Io compilo il mod. 730 con molta attenzione: quando si tratta di tasse sono molto fiscale!  

80.  [SCURREGGIONE BESTIALE] "FAI SCHIFO!!!". "TRATTIENITI!!". "ANIMALE!!". "BESTIA!!". Io: "Eh, che volete, non di solo pane vive l'uomo, ma quel pane il corpo lo digerisce...".  

81.  Paesaggio post-bellico. Fra le macerie si aggira una coppia di scimmie sopravvissute alla catastrofe. Lui: "Che fame...". Lei: "Ho trovato questa mela: la vuoi?". Lui: "Che sei scema? Buttala subito via! LORO hanno cominciato cosô e guarda che hanno combinato!".  

82.  E' possibile scrivere in braille un cartello con su scritto 'Non Toccare' ?  

83.  Legge di Murphy applicata alle riprese amatoriali: "PiŁ Ć curioso/buffo/interessante ciś che sta facendo il nipotino/cuginetto/fratellino e piŁ Ć grassa la zia che si interpone fra il piccolo e la telecamera".  

84.  Cercasi Kamikaze. Affermata agenzia internazionale con sede in Afghanistan offre lavoro tempo determinato seguito da ferie eterne e benefit divini (tra cui 72 segretarie vergini). Requisiti richiesti:
-esperienza, anche minima, esplosivi;
-fede islamica o ateismo;
-mancanza sensi di colpa;
-disponibilitł viaggiare (solo andata);
-stato di depressione con propensione al suicidio;
Per informazioni rivolgersi Osama Bin Laden presso al-Qaeda, sede di Kabul, Afghanistan. Astenersi cattolici e perditempo.  

85.  8 marzo 2009, AUGURI DONNE. Perdonatemi se posto gli auguri dell'otto marzo soltanto adesso, ma non volevo disturbarvi stamattina mentre rifacevate i letti, vi occupavate delle pulizie domenicali, preparavate il pranzo. Oh, non Ć che vi ho interrotto mentre lavate i piatti: nel 2009 avrete tutte la lavastoviglie, giusto? Bene, non vi trattengo oltre davanti al PC di vostro marito, che  certamente adesso avrete da stirare e da finir di spolverare. Ancora auguri.  

86.  "E vissero tutti felici e contenti!".
Si', ma per quanto? Da piccoli ci hanno raccontato un mucchio di favole (anche da grandi direte voi, ma lasciamo perdere la politica), dicevo, da bambini la mamma, la nonna o chi per loro ci raccontavano sempre delle bellissime fiabe, ed il finale era sempre lo stesso: e vissero tutti felici e contenti!
Ma per quanto?
E come vissero, facendo cosa?
Bene fanciulli miei, adesso siete cresciuti ed Ć giusto che sappiate come sono realmente andate a finire certe storie:

*Cenerentola*
Dopo il litigio col principe a causa dell'acquisto dell'ennesimo paio di scarpe, ottenne il divorzio e con i soldi del mantenimento mise su una ditta di pulizie. Le due sorellastre, causa una legge promossa dalla senatrice Lina Merlin, rimasero presto senza lavoro. Del principe e del suo fido scudiero sono tuttora conosciute le epiche battaglie sostenute presso tutti i locali gay del regno. La fata madrina, dopo un servizio di Striscia la Notizia, Ć stata denunciata per truffa e abuso della credulitł popolare.

*Cappuccetto rosso*
Dopo una relazione clandestina cacciatore che si concluse col divorzio di questi, la piccola rimase comunque in contatto con gli amici dell'arci caccia, ed a sedici anni s'era gił guadagnata il soprannome di "Pania". Qualche anno piŁ tardi fu arrestata dalla forestale per essere stata presa a spargere bocconi avvelenati per i lupi nel parco naturale della Majella. Raccontando al processo la storia capitatale nel bosco tempo prima fu assolta per "incapacitł di intendere e volere". Della nonna, si occupa tuttora una badante rumena.

*Biancaneve*
Biancaneve e il Principe azzurro sono passati alla storia per essere stati i primi nobili a frequentare locali scambisti. Rilevati i diritti sulla miniera mediante leggi ad hoc emanate dal principe (su suggerimento del suo stalliere) ha allontanato i nani sostituendoli con lavoratori al nero ai quali non Ć mai stato rilasciato regolare permesso di soggiorno nel regno. I nani, allontanati in quanto parzialmente disabili (le leggi del regno lo permettono) trovarono lavoro presso una miniera di carbone a Marcinelle, in Belgio. Dal 1956 non se ne hanno piŁ notizie.

*Il pifferaio magico*
Pochi chilometri fuori dalla cittł fu arrestato con l'accusa di pedofilia e i bambini rispediti a casa. Non Ć mai stato processato perchÄ deceduto pochi giorni dopo l'arresto per un non meglio precisato "incidente" nelle segrete del castello. Il capitano delle guardie, inizialmente sospettato di aver usato maniere violente col prigioniero, Ć stato scagionato da ogni accusa e mandato in crociata.

*Il gatto con gli stivali*
Uscito di casa senza stivali, solo per comprare le sigarette, non s'era reso conto di essere, in quelle condizioni, un comune felino. E' morto sbranato da un dobermann.

*La cicala e la formica*
La formica fu prima messa in cassaintegrazione e poi licenziata per esubero di personale a seguito del ridimensionamento del formicaio. Dopo due giorni che vagava senza meta Ć stata bruciata da un bambino con una lente di ingrandimento. La cicala Ć invece una famosa popstar, vive in un attico in pineta e arrotonda i gił lauti introiti partecipando ad alcuni reality televisivi.

*Hansel e Gretel*
Terminate le ricchezze portate via alla strega i due ragazzi, ormai cresciuti, partirono per seguire una propria strada. In realtł non se ne sa molto, se non che Gretel, trasferitasi a Berlino per studiare, aveva trovato alloggio presso una certa Cristiana F. Ricoverata per overdose Ć in cura presso un centro tedesco per recupero tossicodipendenti. Hansel invece Ć stato scoperto essere il "serial killer delle pasticcere", cosô come lo hanno soprannominato i giornali a seguito dell'uccisione di anziane signore dedite a questo mestiere! La polizia tedesca lo ha arrestato dopo lunghe indagini. In un primo interrogatorio ha dichiarato di "aver eliminato alcune streghe". E' tuttora rinchiuso nel manicomio criminale di Stoccarda.
 

87.  In natura non esistono animali cattivi. L'importante Ć trovare la ricetta ed il contorno giusto!  

88.  I personaggi dei cartoni animati sono tutti innocenti e tranquilli ragazzi di provincia proiettati in una favola? Oppure gioiosi personaggi immaginari che vivono in un mondo perfetto? Ma per niente..!
*Pollon*
Ha una magica polvere bianca che "Sembra talco ma non Ć/serve a darti l'allegria!". Non ci sono dubbi: spaccia cocaina.

*Anna dai capelli rossi*
(Sigla)[Anna dai capelli rossi ha
due grammi di felicitł
chiusi dentro all'anima
e al mondo vuol sorridere]
...questa si fa in vena!

*Heidi*
Neve che sembra "latte di nuvola", le caprette la salutano, i monti le sorridono. In Svizzera hanno degli ottimi pusher

*Sampei*
(sigla)[Amica tua, una canna fatta di magia]
Di magia? DI MARIA!!!

*I Puffi*
Qui andiamo sull'abuso di psicofarmaci, con le pozioni de Il grande Puffo che tenevano a bada il resto del villaggio.


*Remi*
1) senza casa 2) dorme sotto i ponti 3) vive di elemosine e suonando strumenti per strada 4) ha sempre degli animali al seguito (tre cani e una scimmia)
Non si hanno notizie esatte delle sostanze assunte, ma certamente Ć un punkabbestia!

*Popeye (Braccio di Ferro)*
Cosa c'Ć in quella scatoletta? Certamente non spinaci. Considerato effetti quali l'improvviso aumento di forza, il carattere
irascibile, il gonfiore dei tessuti molli del volto si tratta certamente di un potente cocktail a base di steroidi anabolizzanti.

*Mickey Mouse (Topolino)*
Che lavoro fa Topolino?
Certamente Ć un precario ante litteram, visti i vari cortometraggi sulle diverse attivitł (aviatore, ferroviere ecc..).
Ma consideriamo meglio la sua storia: "da monello scansafatiche a cittadino modello", almeno in apparenza. Vista la propensione a non farsi i cazzi suoi direi che Ć semplicemente un informatore della Polizia e il commissario Basettoni, viscido lecchino del
sindaco di Topolinia, gli passa delle mazzette per le sue spiate.

*Batman*
Va a giro di notte indossando una maschera e una tuta aderente. Ha come unico compagno un ragazzetto, lo fa vestire in modo eccentrico e lo chiama Robin. Pochi sanno che  Bruce Wayne ha una doppia vita di travestito e pedofilo!
 

89.  Adattamenti religiosi. Siam tre piccoli cammellin
siamo tre mujaheddin
prima o poi ci si schianterł
nel nome di Allah!  

90.  Scomparso Michael Jackson. Nacque nero, morô bianco.  

91.  Scomparso Michael Jackson. Con tutta la roba che ha addosso dovranno fare la sepoltura differenziata.  

92.  Scomparso Michael Jackson. Gli angioletti colti da crisi di panico: "speriamo S.Pietro non lo faccia passare.  

93.  Scomparso Michael Jackson. Tutte scuse: in realtł Ć solo caduto dalle scale ma i medici non capivano come riassemblare correttamente tutti i pezzi!  

94.  A seguito della morte del re del pop in lutto anche il KKK. Avrebbero preferito che crepasse da negro!  

95.  Confermate le date di tutti i concerti di Michael Jackson, ma verrł eseguito solo "Thriller". Sul palco alcuni sciamani voodoo. Proteste dei Vescovi esorcisti.  

96.  Io non sono pazzo: siete voi, tutti voi troppo normali!  

97.  Patrick Swayze non Ć morto! Sta solo studiando il copione di Ghost 2.  

98.  Catena di Querecoctailrum
Anche questa che ti rimando Ć una catena che non va interrotta.
Non Ć tuttavia dedicata a S.Antonio ma al Dio azteco precolombiano Querecoctailrum, di cui bisogna ave' riguardo perchÄ porta merda solo a nominallo, figurati a parlanne male.
La catena Ć iniziata nel 1500, quando la moglie ventenne dello stregone ottantenne di una  tribŁ Nahua consegnś il messaggio su una pegamena ad un soldato spagnolo. Questi derise la donna e si rifiutś di proseguire la catena di Querecoctailrum: nella notte un giaguaro lo evirś con un morso.
Un suo commilitone ne fece cinque copie e le distribuô in giro. La sera stessa trovś un tesoro in monete d'oro e si trombś la moglie ventenne dello stregone ottantenne. La mattina dopo, scoperto dallo stregone, fu fatto impalare, ma questo episodio non riguarda la catena di Querecoctailrum.
Nel 1614 la catena giunse nelle mani di Neplero, che cercava di inventare qualcosa per semplificare la matematica. Ignorato il papiro
con la catena di Querecoctailrum si trovś ad inventare i logaritmi.
Nel 1740 il quindicenne Giacomo Girolamo Casanova ne fece ben 50 copie e le distibuô ad amici e conoscenti. Ha passato la vita trombando!
Nel giugno 1776 Re Giorgio III d'Inghilterra usś il retro del foglio con la catena di Querecoctailrum per prendere degli appunti sulla
situazione politica e militare. Il mese dopo 13 colonie nelle Americhe dichiararono la propria indipendenza.
Nel 1860, SS Pio IX fece bruciare in piazza alcune copie della catena di Querecoctailrum, considerata un'eresia e fece imprigionare nelle segrete di Castel S.Angelo il giovane che le aveva con se. Il 20 settembre dello stesso anno il Gen. Raffaele Cadorna aprô la breccia di Porta Pia, che comportś l'annessione di Roma al Regno d'Italia e la perdita del potere temporale del Santo Padre.
Nel 1912 il capitano capitano Edward J. Smith si ritrovś tra le mani una copia della catena di Querecoctailrum. Uomo poco incline alle superstizioni la gettś via assieme ad altre carte, che si rivelarono poi essere la domanda per la pensione. A causa di questo incidente fu costretto ad effettuare un'ulteriore traversata, a bordo del Titanic.
Nel 1916, Albert Einstein inserô erroneamente parte del testo della catena di Querecoctailrum in alcuni appunti che doveva distribuire a degli studenti. Formulś cosô la teoria della relativitł (che in realtł non ha mai capito completamente nemmeno lui).
Nel 1929 alcuni finanzieri americani ricevettero sul proprio tavolo una missiva che altro non era che la copia della catena di Querecoctailrum.
Tutti cestinarono il documento.
Nell'estate del 1989 Giovanni Trapattoni fece un aereoplanino di carta col foglio su cui era trascritta la catena di Querecoctailrum. L'inter non ha piŁ vinto uno scudetto fino al 2006!
Nel 2009 la catena di Querecoctailrum Ć fra le tue mani.
Lo spirito di Querecoctailrum ti sta osservando.
Cosa hai intenzione di fare?
 

99.  Mi sa che prendersi l'influenza A Ć il modo piŁ sbrigativo per trovarsi a letto con la maiala!  

100.                Pare che Marrazzo abbia confessato al magistrato inquirente che Brenda fosse un tipo focoso...  

101.                Switch-off a Medjugorje: da domani la Madonna sarł visibile solo col digitale celeste.  

102.                Sagrestano ustionato (Incidente in Chiesa). M'illumino d'incenso.  

103.                Certe persone vanno duomate.  

104.                Chuck Norris avrebbe usato il vero duomo!  

105.                I fascisti vanno ammazzati. I 'comunisti' no: saranno anche peggio ma si estinguono da soli.  

106.                Trans mussulmani... Gli evirati arabi.  

107.                Scrivere NON TOCCARE in braille e' un paradosso per non vedenti ?  

108.                Due tizi si avvicinano al prete e con fare minaccioso gli dicono: "Ok, questo matrimonio lo puoi anche celebrare". Avete appena letto "I permessi sposi".  

109.                Un medico, mentre visita i propri pazienti, comincia a parlare d'altro e passa continuamente da un argomento all'altro. Avete appena letto "Il dottor Divago".  

110.                La natura ci ha dotato di due orecchie ma di una sola bocca, cosô che dobbiamo ascoltare due volte piŁ di quanto sappiamo parlare. E' anche vero perś che ci ha dotato di un solo pisello e di due mani, e ciś non mi pare di buon auspicio!  

111.                Berlusconi contro la corruzione. Cos'Ä: una cura omeopatica?  

112.                Vedendoli vicini ho capito perchÄ EmanuFilo ha voluto con se' Pupo: almeno qualcuno ha un motivo per chiamarlo "altezza".  

113.                BILANCIO DI UN'EPOCA PASSATA

Latte, burro e uova
1969 :
Vai a prendere il latte dal lattaio, che ti saluta, con in mano il
bidone in alluminio; prendi il burro fatto con latte di mucca, tagliato
a panetti. Poi chiedi una dozzina di uova che sono messe in un vaso di
vetro. Paghi con il sorriso della lattaia ed esci sotto il sole
splendente. Il tutto ha richiesto 10 minuti di tempo.
2010 :
Prendi un carrello del cavolo, che ha una ruota bloccata, che lo fa
andare in tutti i sensi salvo in quello che tu vorresti, passi per la
porta che dovrebbe girare, ma che Ć bloccata perchÄ un cretino l'ha
spinta; poi cerchi il settore latticini, dove normalmente ti ghiacci e
cerchi di scegliere fra 12 marche di burro, che dovrebbe essere fatto a
base di latte comunitario. E controlli la data di scadenza....
Per il latte: devi scegliere fra vitaminico, intero, scremato,
nutriente, per bambini, per malati o magari in promozione, ma con la
data di scadenza ed i componenti.... Lasciamo perdere!
Per le uova: cerchi la data di deposizione, il nome della ditta e
soprattutto verifichi che nessun uovo sia incrinato o rotto e,
accidenti!!! Ti ritrovi i pantaloni sporchi di giallo!
Fai la coda alla cassa, ma la cicciona davanti a te ha preso un
articolo in promozione che non ha il codice....
allora aspetti e aspetti.... Poi sempre con questo carrello del cavolo,
esci per prendere la tua auto sotto la pioggia, ma non la trovi perchÄ
hai dimenticato il numero della corsia....
Infine, dopo aver caricato l'auto, bisogna riportare l'arnese rotto e
solo in quel momento ti accorgi che Ć impossibile recuperare la
moneta.... Torni alla tua auto sotto la pioggia che Ć raddoppiata nel
frattempo....
E' piŁ di un'ora che sei uscito.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Fare un viaggio in aereo

1969 :
Viaggi con Alitalia, ti danno da mangiare e ti invitano a bere quello
che vuoi, il tutto servito da bellissime hostess: il tuo sedile Ć
talmente largo che ci puś stare in due.

2010 :
Entri in aereo continuando ad impigliarti con la cintura, che ti hanno
fatto togliere in dogana per passare il controllo.
Ti siedi sul tuo sedile e se respiri un po' forte dai una botta con il
gomito allo schienale del vicino. Se hai sete lo stewart ti porta la
lista e i prezzi sono stratosferici.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Michele vuole andare nel bosco all'uscita da scuola. Mostra il suo
coltellino a Giovanni, con il quale pensa di fabbricarsi una fionda.

1969 :
Il direttore scolastico vede il suo coltello e gli domanda dove l'ha
comprato, per andarsene a comprare uno uguale.
2010 :
La scuola chiude, si chiama la polizia, che porta Michele in
commissariato.
Il TG1 presenta il caso durante il telegiornale in diretta dalla porta
della scuola.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Disciplina scolastica

1969 :
Fai il bullo in classe. Il professore ti molla una sberla. Quando
arrivi a casa tuo padre te ne molla un altro paio.

2010 :
Fai il bullo. Il professore ti domanda scusa. Tuo padre ti compra una
moto e va a spaccare la faccia al prof!
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Franco e Marco litigano. Si mollano qualche pugno dopo la scuola.

1969 :
Gli altri seguono lo scontro. Marco vince.
I due si stringono la mano e sono amici per tutta la vita.

2010 :
La scuola chiude.
Il TG1 denuncia la violenza scolastica.
Il Corriere della Sera mette la notizia in prima pagina su 5 colonne.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Enrico rompe il   parabrezza di un auto nel quartiere. Suo padre sfila
la cintura e gli fa capire come va la vita.
1969 :
Enrico farł piŁ attenzione la prossima volta, diventa grande
normalmente, fa degli studi, va all'universitł e diventa una bravo
professionista.
2010 :
La polizia arresta il padre di Enrico per maltrattamenti sui minori.
Enrico si unisce ad una banda di delinquenti. Lo psicologo arriva a
convincere sua sorella che il padre abusava di lei e lo fa mettere in
prigione.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Giovanni cade dopo una corsa a piedi. Si ferisce il ginocchio e piange.
La professoressa lo raggiunge, lo prende in braccio per confortarlo.
1969 :
In due minuti Giovanni sta meglio e continua la corsa.
2010 :
La prof Ć accusata di perversione su minori e si ritrova disoccupata,
si becca 3 anni di prigione con la condizionale.
Giovanni va in terapia per 5 anni. I suoi genitori chiedono i danni e
gli interessi alla scuola per negligenza nella sorveglianza e alla
professoressa per trauma emotivo. Vincono tutti i processi. La prof
disoccupata p interdetta e si suicida gettandosi da un palazzo. PiŁ
tardi Giovanni morirł per overdose in una casa occupata.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Arriva il 25 ottobre.

1969 :
Non succede nulla.

2010 :
E' il giorno del cambio dell'ora legale: le persone soffrono d'insonnia
e di depressione.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
La fine delle vacanze.

1969 :
Dopo aver passato 15 giorni di vacanza con la famiglia, nella roulotte
trainata da una Fiat 125, le vacanze terminano.
Il giorno dopo si ritorna al lavoro freschi e riposati.
2010 :
Dopo 2 settimane alle Seychelles, ottenute a buon mercato grazie ai
"buoni vacanze" ditta, rientri stanco ed esasperato a causa di 4 ore di
attesa all'aeroporto, seguite da 12 ore di volo.
Al lavoro ti ci vuole una settimana per riprenderti dal fuso orario.
 

114.                8 marzo: la festa dei venditori di mimosa.  

115.                E' assai sottile il limite tra il credersi intellettuali ed essere intelligenti!  

116.                POR-CO-'NDICIO
Per il rispetto totale della par-condicio, nei seggi allestiti all'interno di scuole Ä stato imposto quanto segue:
    * eliminazione dei crocefissi e di quanto possa richiamare tale forma, compresi gli armadietti del pronto soccorso;
    * nei giardini devono essere estirpati gli "olivi", tagliate le "querce" e calpestate tutte le "margherite";
    * i carabinieri devono indossare il berretto senza "fiamma";
    * il caffÄ non puŚ essere preso "nero";
    * eventuali mele portate per merenda non devono essere nÄ "verdi" nÄ "rosse";
    * devono essere rimossi tutti i disegni dei bambini dove appare un "sole che ride";
    * eventuali bambini che accompagnino i genitori non possono rivolgersi da altri bambini come "compagni" di scuola;
    * devono essere nascosti i libri ove si narrano le gesta di cavalieri che urlano: ăavanti miei "prodi"╚;
    * nelle Chiese in un raggio di 300 metri dai seggi Ä vietato distribuire l' "olivo" benedetto e la domenica delle palme Ä rinviata a dopo Pasqua;
    * le ferramenta in un raggio di 300 metri dai seggi non potranno vendere "falci e martelli" fino alle 15:00 di lunedĺ;
    * le donne corteggiate non possono mostrarsi con una "rosa nel pugno";
    * Ä obbligatorio tifare per la nazionale in modo pacato (in particolar modo Ä vietato urlare "forza Italia");
    * con qualunque cosa ci si sia sporcati Ä vietato andare in bagno e tornare con le "mani pulite";
    * le scrutatrici possono indossare gonne con lo spacco "sia a destra che a sinistra", mentre i gay non possono mostrare "aperture al centro";
    * qualunque sia la gravitç di un qualunque problema non puoi dichiarare di trovarti nei "casini";
    * la pausa pranzo, a turno fra gli addetti, viene cronometrata: puoi star via quanto ti pare ma gli altri devono recuperare i secondi di differenza.
 

117.                Passaggio all'ora legale: a differenza di ciś che si dice in giro non dovete spostare LE lancette di un'ora, ma basta spostare solo LA lancetta delle ore, quella dei minuti va bene com'Ć...  

118.                Pensionato prende a martellate la moglie: "era un mio chiodo fisso". (rafrasnaffra). No, la voleva piantare!  

119.                Ero in fila alla cassa del Carrefour con moglie e bimba. La gentil consorte saluta una gnocca da paura che sorride e tira per la
sua strada. Io, guardando sfacciatamente la gonna corta che si allontana, "Certo, potresti anche presentare...". "Scemo: Ć sposata e con figli!". "PerchÄ, io no?".  

120.                Sto seguendo una dieta dissociata, nel senso che mi dissocio da qualunque indicazione dei dietologi!  

121.                Ma GesŁ da piccino gattonava sulle acque?  

122.                In realta' la vittima doveva essere Sabrina, ma e' stata salvata addirittura da Stephen King: "Misseri non  deve morire".  

123.                La bestemmia piŁ pronunciata da Sarah Scazzi? Orco zio.  

124.                Dalla favola de "il brutto anatroccolo": nella stessa covata tre pulcini e un brutto anatroccolo, rivelatosi poi un cigno. Mi sa che mamma oca era anche un po' maiala!!!  

125.                Ma le mucche pazze fanno il latte scrematto?  

126.                Un grosso difetto delle escort di lusso: appena smetti di pagarle la bocca la usano per parlare.   

127.                Melodia : cortese richiesta di zoccola educata.   

128.                Ci sono tre amici Andar, Calar e Tentar, che abitano nella stessa casa e a turno preparano la cena. Andar prepara una matriciana. Calar un arrosto. Tentar un'insalata. Andar fa delle pizze. Calar spaghettata di pesce. Tentar una caprese. Andar cucina del pesce. Calar pasta al ragŁ. Tentar formaggi e affettati. Morale di questa storia? Tentar non cuoce!  

129.                Continuitł. Un ponte virtuale attraverso il tempo. Non si possono erigere mura senza aver prima consolidato le fondamenta: ciś che cresce oggi Ć frutto di quello che abbiamo seminato ieri. L'uomo altro non Ć che l'evoluzione di quello che fino a poco tempo prima era un ragazzo, che a sua volta, andando ancora indietro, Ć stato un bimbo. Questo lo si nota soprattutto nei periodi di cambiamento, in cui ti accorgi quanto forti siano i legami con il passato, dal quale ci si puś allontanare ma mai, mai separare. Ad esempio, oggi Ć il pomeriggio del primo gennaio: capodanno. Eppure ciś che ho appena deposto nel cesso, la prima ricca cacata del 2011 Ć in realtł ciś che mi ero scrofonato nel '10!  

130.                La prima eclissi parziale di sole del 2011 Ć visibile da questa mattina anche sul nostro Paese con un oscuramento massimo del 60%. Il 40% secondo la Questura.  

131.                TRANS=OGM - organismo genitalmente modificato.  

132.                "Scusate, devo fare una telefonata...". "E' urgente?". "Sô, sennś mi telefono addosso!".  

133.                Il comune di Roma installa un nuovo software: "nero burning rom". Dalle prime prove Ć risultato funzionante.  

134.                Berlusconi: "La maggioranza Ć solida". Ú il culo che Ć flaccido.  

135.                Qui si accettano suggerimenti, ma anche suggeri...fronti e suggeri...guance!  

136.                Ma la giacca avvento Ć quella che si indossa prima di Natale?   

137.                "Ho trovato una tartaruga" "Si lascia avvicinare?". "Eccone un altro che Ć rimasto fermo a Zenone". (Stefano     Brancaleone)

138.                Ma un anno luce Ć piŁ o meno 11 mesi neutrini?   

139.                Stanziati e subito decurtati aiuti per le zone alluvionate. I fondi rimanenti sono stati considerati sufficienti per la ricostruzione nelle tre terre.  

140.                Maria Stella Gelmini: "Ringraziamo pubblicamente tutti coloro che si sono sacrificati per costruire il ponte dei morti".  

141.                Dal diario di un cane:
08:00 - Cibo ! La mia cosa preferita !
09:30 - Un giro in macchina ! La mia cosa preferita !
09:40 - A spasso nel parco ! La mia cosa preferita !
10:30 - Coccole ! La mia cosa preferita !
12:00 - Pranzo ! La mia cosa preferita !
13:00 - Giochi in giardino! La mia cosa preferita !
15:00 - Scondizolo ! La mia cosa preferita !
17:00 - Merenda ! La mia cosa preferita !
19:00 - Si gioca a palla ! La mia cosa preferita !
20:00 - Wow! Guardo la tv con i mamma e papł  ! La mia cosa preferita !
23:00 - A nanna nella cuccia ! La mia cosa preferita !
 

142.                Lei arrivś a casa portandolo con se' da un bar lô vicino dove lo aveva visto quasi per caso. Si mise comoda e lo guardś senza dire una parola. Si sentiva in colpa per quanto ne era attratta, eppure le mancava, tanto, al limite dell'astinenza. Era passato troppo tempo dall'ultima volta. Ebbe la tentazione di parlare con qualche amico, quasi a cercare un aiuto o perlomeno una giustificazione, ma gił sapeva che tutti le avrebbero detto di andare avanti, di non farsi remore e goderselo fino in fondo. Riuscô finalmente a mettere da parte i sensi di colpa e, socchiudendo leggermente gli occhi, lo prese con la mano e lo avvicinś a se fino a sentirne il profumo. Il colore bruno le ricordava piaceri che non provava da tempo, e senza farsi altri scrupoli lo portś alle labbra sfiorandolo appena con i denti. Alcune gocce ne uscirono, e svelta le raccolse aiutandosi con l'indice e con  la lingua, rimanendo per l'ennesima volta sorpresa dalla dolcezza. Per una momento pensś anche quanto fosse assurdo che alcune sue amiche non sopportasse quel sapore, ma non voleva distrarsi, per una volta voleva pensare solo a se  stessa, e senza pensare alle conseguenze aprô la bocca e lo ingoiś senza farsi  scrupoli. E che cavolo: dopo tre settimane di dieta un muffin al cioccolato ci voleva proprio!   

143.                Quella sensazione la pervase nuovamente, di sorpresa, un prurito improvviso, brivido e fastidio allo stesso tempo. Era capitato spesso anche alle sue amiche, ne avevano parlato ridendoci su, e certamente a qualche collega; ma lô in ufficio era a dir poco imbarazzante. Come, come fare? Il primo impulso fu di farsi "aiutare" dal ragazzo che le era venuto a sistemare la stampante, ma sapeva che lo avrebbe solo messo in imbarazzo. Un giovanotto neodiplomato appena assunto, piŁ giovane di lei di quasi vent'anni... no, non era il caso. Si rese conto che anche stavolta avrebbe dovuto fare da sola: ma come? Solo con le dita o aiutandosi con qualcosa dalla forma adatta? E poi dove: lô nel suo angusto ufficio separato dal corridoio solamente da una vetrata opaca o rinchiudendosi semplicemente in bagno, cosa che probabilmente, senza dirlo,facevano anche le altre? Mentre si poneva queste domande il ragazzo uscô lasciando la porta socchiusa, nel corridoio non c'era nessuno e probabilmente sarebbe rimasto vuoto per lo meno un altro quarto d'ora. Fu cosô che si decise: la sensazione era troppo intensa, non poteva piŁ aspettare. Si alzś, si aggiustś la gonna con un gesto ormai meccanico, dette un'occhiata nell'androne per assicurarsi che anche la telefonista fosse ancora a pranzo e senza pensarci due volte appagś finalmente il suo bisogno: appoggiś la schiena sullo stipite della porta e cominciś a muoversi lentamente, socchiudendo gli occhi... E che cavolo: quando ti prude la schiena non sai mai come fare!!  

144.                GIORNATA DELLA MEMORIA: oggi tutti a mangiare pesce e a comprare 'La Settimana Enigmistica'. Se necessario due compresse di Acutil Fosforo.  

145.                Per condire alcuni piatti tipici, alcuni cannibali africani usano una salsa a base di maionese e parti di corpo umano femminile. La salsa donnata.  

146.                Dove si trova Bora-Bora? E' il vento-vento che tira a Trieste-Trieste.  

147.                Un TG ha titolato: "Cade leader no-TAV da traliccio. Sale la tensione in Val Susa". Non so se sia stata un'esperienza ELETTRIZZANTE, di sicuro il titolo Ć stato riVOLTante. Sempre sul FILO del buongusto...  

148.                M'illumino d'imene. (Stefano     Brancaleone)

149.                UNA CENA DA DIO
Scherza con i fanti
ma lascia a stare i santi...


Me l'ha detto anche Allah quando l'altra sera Ä venuto a casa mia per una grigliata
di rostinciana e salsicce. Anche se il pezzo forte della serata sono state
le bistecche di tatanka che ha portato ManitŁ.

Quando ha visto lo spiedo lo Spirito Santo Ä subito volato via. Lo stiamo ancora
cercando.

Bacco come al solito non Ä venuto perchÄ stava male dalla sera prima, in compenso
Gesť ha superato se stesso, riuscendo a trasformare in vino persino il Tavernello.

San Pietro Ä arrivato in ritardo, quasi a cena finita, che non trovava chi
lasciare in portineria.

Quel tirchio del Dio di Abramo, s'Ä presentato solamente con un po' di pane
azzimo e con la scusa che era sabato non ha fatto niente tutto il tempo, a
differenza di Kalĺ che ha voluto "dare una mano" per lavare i piatti: in tre
minuti la cucina splendeva!

La prossima volta invitiamo Nettuno, per una grigliata di pesce... e se tutto
va bene viene Venere per lo strip finale accompagnata dalla musica di S.Cecilia!!!

Quando c'Ä Marte Ä bene evitare la discoteca, che finisce sempre per ficcarsi
in qualche rissa.

Per finire in bellezza facciamo prendere la macchina a S.Cristoforo, che non
beve e guida piano, e se Giuda mi restituisce quei trenta denari che mi deve
da tempo riesco anche a farmi una cavalcata con qualche Walkiria.  

150.                Non mangiare niente che abbia avuto gli occhi (cit.). Va bene, ma dove si trova il prosciutto di maiale cecato?  

151.                Stasera ho un impegno, e parteciperś ad una processione molto piccola, praticamente una microprocessione.  

152.                Scaccolarsi con la stessa mano con cui si usa il mouse NON Ć una buona idea, perś resta un buon modo per proteggere la postazione senza bloccarla.  

153.                Chi ha votato Siffredi deve aver pensato all'erezione del presidente. (Stefano     Brancaleone)

154.                M'illumino d'immenso! E quanto si paga con Immenso, meno che con Enel?  

155.                Chi non ha mai sbagliato un congiuntivo scagli il primo dizionario.  

156.                La classe non Ć acqua. Altrimenti sarebbe una piscina!  

157.                Il consorzio del provolone apre alla comunitł lgbt e alcuni stabilimenti produrranno un formaggio apposito per loro: l'Auricchione.  

158.                Matrimonio e' quando l'unico modo per occuparsi della sua topa Ć comprarle gli assorbenti alla coop.  

159.                Prete esonerato dal celebrare l'Eucarestia. Il vescovo gli ha concesso il nulla-ostia.  

160.                CAMERUN: uomo dŇaffari sorpreso a fare sesso con cadavere di ventenne. Non e' piu' vero "basta che sia ancora calda..."  

161.                Un bimbo viene adottato da una coppia di omosessuali. Un giorno entra in bagno dove uno dei sue Ć sotto la doccia: "Babbo, che pisello grande che hai!!!". "Vedessi quello della tu' mamma...!".  

162.                Cucchi e' morto di fame. Le botte le ha prese perchÄ non mangiava!  

163.                Erano tipi strani, poverissimi. Giravano con un carretto, caricandovi cose assurde ed inutili e tralasciando roba di valore. Erano due raccoglioni.  

164.                La classe non Ć acqua. Altrimenti sarebbe una piscina!  

165.                Bergoglio Ć un papa extracomunitario: meno male non Ć musulmano!  

166.                IDEONA PER LA FESTA DI CARNEVALE: non ci vado ma poi racconto a tutti che ero mascherato da uomo invisibile!  

167.                Un addetto che ti dice a te, e solo a te, quali sono i prossimi film, con chi e ti fa ascoltare spezzoni della colonna sonora. Ovviamente non ti svela il finale e ti lascia incuriosito. Personal trailer.  

168.                Quella vegana Ć un'ottima dieta. Ma dimmi: Ć buona la carne di vegano?  

169.                Quella vegana Ć un'ottima dieta. Ma dimmi: Ć buona la carne di vegano?  

170.                Sei adulto quando non hai piŁ paura del lupo. Di mezza etł quando cominci a sognare avventure erotiche con una Cappuccetto Rosso ormai MILF.  

171.                Una fiaba ci parla di una giovane e bellissima gelataia che soffre di narcolessia: "La bella addormentata nel chiosco".  

172.                Lei prima del matrimonio: "Non venirmi dentro". Lei dopo il matrimonio: "Non venire sulle lenzuola".   

173.                Matrimonio all'Ikea: "...e adesso puoi montare la sposa!"  

174.                Saddam Hussein
1937 - 2006

Ultimo desiderio (1)
Poter ascoltare un brano di musica classica: "Aria sulla 4í CORDA";

Ultima desiderio (2)
Per cena ha avuto un CORDon bleu;

Ultimo desiderio (3)
Nessuno lo sa: ma di sicuro gli Ä stato acCORDAto;

Ultimo desiderio (4)
Poter essere ascoltato mentre faceva una dichiarazione: tutti hanno dovuto dargli CORDA;

Telefonava sempre usando un CORDless;

L'ultimo film visto da Saddam: AmarCORD;

Un altro che ha tirato troppo la CORDA;

Il suo gioco preferito da bambino? Il salto con la CORDA;

Preoccupazione in USA per la morte di Saddam: sono rimaste da pagare un sacco di fatture per la fornitura di armi;

L'ultimo imprenditore italiano con cui ha avuto a che fare? Luca CORDero di Montezemolo;

Qual Ä la differenza fra Pessotto e Saddam? Saddam non s'Ä schiantato su una Lancia Phedra!

E' stato appeso come un salaam;

Grandi problemi del piccolo Saddam a scuola: non andava d'acCORDo con nessuno;

Ha cercato di fuggire inutilmente: non Ä riuscito a tagliare la CORDA;

L'unico alcolico che abbia mai bevuto Ä stato un CORDiale;

Infine ha pagato tutti i debiti per le armi che gli avevano venduto gli americani. Peccato che per farlo abbia dovuto mettersi in mano agli STROZZINI;

Ok, adesso basta!
Abbiamo scherzato abbastanza sulla morte di Saddam.
Si sappia soltanto che ha tutto il nostro CORDoglio!!!   

175.                Uno che fa finta di fumare su un palcoscenico Ć un fumattore?  

176.                Quella vegana Ć un'ottima dieta. Ma dimmi: Ć buona la carne di vegano?  

177.                E basta con la resistenza... ora ci sono le lampade a led!  

178.                Ma se sposto un "fior di loto" questo diventa un "fior di lato"?  

179.                Condannare gli assenteisti ai domiciliari Ć annegare un pesce.