Omaggio a Ugo Tognazzi nel 25° della sua morte

1.     Conte Mascetti: "Sii astuto come un cervo". Il Nerozzi: "Che bischerate tu dici? Il cervo non Ź astuto. Semmai, astuto come una volpe". Conte Mascetti: "Sď, ma la volpe 'un ci ha mica le corna". (Ugo Tognazzi e Renzo Montagnani in "Amici miei - atto II")

2.     Descrivimi minuziosamente come sono fatti i tuoi capezzoli. (Ugo Tognazzi in "Amici miei") 

3.     Ma poi, Ź proprio obbligatorio essere qualcuno? (Ugo Tognazzi in "Amici miei")

4.     Tarapďa tapioco, la supercazzola prematurata con scappellamento a destra come se fosse antani... (La celebre litania che Ugo Tognazzi tirava fuori ogni volta che doveva confondere le persone in "Amici miei")

5.     L'unico cibo afrodisiaco secondo me e' la donna. (Ugo Tognazzi)

6.     L'ottimista Ź un uomo che, senza una lira in tasca, ordina delle ostriche nella speranza di poterle pagare con la perla trovata. (Ugo Tognazzi)

7.     Inflazione significa essere povero con tanti soldi in tasca. (Ugo Tognazzi)

8.     "Ma perché hai abbandonato?". "Lo so io perché: i cazzotti fanno male". (I pugili ormai non piĚ lucidi  Ugo Tognazzi e Vittorio Gassman in "I mostri")

9.     Dieci anni fa, ai funerali di Ugo Tognazzi, tenni io l'orazione. A un certo punto invitai i presenti a non intonare i lugubri canti funebri, ma tutti insieme a cantare "Come porti i capelli bella bionda" che piaceva tanto a Ugo. La cosa entusiasmė il regista Marco Ferreri che era presente. Poi aggiunsi: "Non so Ugo cosa c'Ź di lą, non riesco a immaginare dove sarai finito." Questo fece infuriare il prete che mi rimbeccė: "Lo sappiamo benissimo che c'Ź di lą.". "Ma stia zitto cosa vuol sapere lei". ribattei io. "Se non ci fosse stato Dante a darvi qualche dritta, navighereste nel buio". (Paolo Villaggio)

10.  "Che hai alla mano?". "E’ di legno sai, caro. Si', sono cose che tu non puoi capire, ma te lo dico lo stesso: io sono un anarchico". "Ma tutti gli anarchici hanno una mano di legno?". "No, soltanto i fessi come me che si sono fatti scoppiare la bomba in mano". (Un bambino e Ugo Tognazzi in “Il padre di famiglia”)

11.  L'uomo mangia anche con gli occhi, specie se la cameriera Ź carina. (Ugo Tognazzi)

12.  Pedone: un tizio che Ź riuscito a parcheggiare l'automobile. (Ugo Tognazzi)

13.  L'ispettore delle imposte crede esattamente il doppio di quello che gli si dice. (Ugo Tognazzi)

14.  Come fai a conservarti cosi' vecchio? (Ugo Tognazzi in "La terrazza")

15.  Non sono ricco. Sono un poveraccio che mantiene una famiglia di ricchi. (Ugo Tognazzi)

16.  Centocinquanta! A questa velocitą Ź morto James Dean. Bello!! (Catherine Spaak invoglia Ugo Tognazzi ad aumentare la velocitą in "La voglia matta")

17.  Non si sposi. Mai mettere la donna sul piano sentimentale: sempre sul piano orizzontale. (Ugo Tognazzi a Franco Giacobini in "La voglia matta", 1962)

18.  Mascetti alla Torre di Pisa: "Servizio torri, sgomberare!". Turista: "Che succede?". Mascetti: "Ma che le pare normale? 'un lo vede come pende?". ( Ugo Tognazzi alias Conte Mascetti in "Amici miei - atto II")

19.  Conte Mascetti: "Dove sei stata, troia??". Titti: "A cavallo!". Conte Mascetti: "Di chi, puttana??" (Ugo Tognazzi in "Amici miei")

20.  Melandri (in chiesa, al battesimo del Melandri, rivolto al Mascetti): "Don Angelo Bernocchi. Il Reverendo Bernocchi !". Mascetti (rivolto al reverendo): "Ah, pardon ! Tarapio tapioco come se fosse antani, la supercazzola prematurata con dominus vobiscum blinda ?". Reverendo Bernocchi: "Come, prego ?". Mascetti: "Tarapio sulla supercazzola con scappellamento a destra o sinistra ?". Reverendo Bernocchi: "No, la cappella sinistra Ź a destra". Mascetti: "Antipodi !". (Gastone Moschin e Ugo Tognazzi in "Amici miei - atto II")

21.  Il polpo e la polpa si sposano. Dopo la cerimonia, si allontanano a braccetto, a braccetto, a braccetto, a braccetto, ecc (Ugo Tognazzi).
E poi fecero le polpette. (Gello Ramello).
Polpa loro. (Enotrio Pallanzo).
Polpi loro! La prossima volta stanno attenti. (GiDi)
Ma che polpa abbiamo noi? Il polpo palpa le poppe della polpa e poi si fa le pilpe, perché cade in tentacolazione. La polpa, si sa, Ź Octopussy. Chissą se il polpo la chiama Ciccia. Quando Ź presa dall'estro, la polpa esclama: "Che mi venga un polpo!". I polpi nuotano come Phelps? Il loro tv Ź un Pholips? (Enotrio Pallanzo)

22.  Bisogna riconoscere che Ugo Tognazzi nel "Petomane" interpeto' il ruolo con grande maestria. (DrZap)