Omaggio a “Il Mago di Floz”, autore satirico di Spinoza.it

1.     Una ditta modenese manda i dipendenti in ferie, poi sposta sede e macchinari in Polonia. Davvero una partenza intelligente.

2.     Il Vaticano dice no ai funerali di Priebke. "Sapete, nel frattempo sono successe un po’ di cose…".

3.     Londra, boom del sesso con gli elettrodomestici. Speriamo che nessuno tocchi i bimby.

4.     Il Papa caccia il vescovo reo di vivere nel lusso. Ha addirittura due polmoni.

5.     Processo Ruby. “Le ragazze si toccavano e Berlusconi assisteva”. Impotente.

6.     La D’Urso smentisce con decisione: “Non ero io, ma la dottoressa Giė”.

7.     Sessantenne fa sesso con una undicenne, la Cassazione decide per la ripetizione del processo. Sessantunenne fa sesso con una dodicenne.

8.     Renzi: “Stiamo cercando di recuperare la dignitą perduta”. Berlusconi mi sembra la persona giusta.

9.     Il campione mondiale dei pizzaioli Ź australiano. In Egitto si grida allo scandalo.

10.  Papa Paolo VI sarą proclamato beato. C’era il 3×2.

11.  Israele si ritira. Eppure a rimpicciolirsi Ź la Palestina.

12.  Milano oggi Ź talmente umida che ogni venti minuti devo tornare a respirare in superficie.

13.  Angela Merkel annuncia nuove sanzioni contro Mosca. Renzi le chiamerebbe riforme. (Spinoza.it)

14.  Che tremendo inizio di 2015: la morte di Pino Daniele, gli attentati a Parigi e la strage in Nigeria. Quando invece avremmo potuto passare due divertenti settimane a fare ipotesi per il Quirinale.

15.  Parte del denaro evaso da Gino Paoli sarebbe frutto di pagamenti in nero per i concerti dell’Unitą. Si vergognava pure lui. (Spinoza.it)

16.  I documenti ufficiali del Ducato di Ferrara venivano redatti con gli estencil.

17.  Fallisce Postalmarket. Nonostante i liquidi versati. (Spinoza.it)

18.  Sallusti e SantanchŹ sono per le unioni naturali. Anche se non si direbbe. (Spinoza.it)

19.  L'Italia attende spiegazioni da cosď tanti paesi che comincio a pensare che le nostre richieste finiscano nello spam. (Spinoza.it)

20.  ť stata la sparatoria piĚ sanguinosa di tutta la storia degli Stati Uniti. Se si escludono quelle con gli indiani veri. (Spinoza.it)  (in collaborazione con mimoparlante)

21.  Con la morte di Fidel Castro si chiude un’era lunghissima. Quella delle morti di Fidel Castro. (Spinoza.it)

22.  Paolo Gentiloni. Discendente di una nobile famiglia marchigiana – anche se da alcuni giorni parla con un fastidioso accento fiorentino – il suo anno di nascita coincide con l’inizio delle trasmissioni Rai: per nostalgia, da allora vede tutto in bianco e nero. Appassionato di calcio fin da piccolo, ma non particolarmente dotato tecnicamente, nelle partite con gli amichetti veniva scelto solo quando non c’erano piĚ alternative, caratteristica che manterrą anche nel corso della sua carriera politica. Affascinato dai movimenti studenteschi, a sedici anni smette di pettinarsi e scappa di casa desideroso di ribellarsi al sistema, alla classe dominante e al pasticcio di fagiano troppo cotto, quindi aderisce alla sinistra extra-parlamentare (sď, all’epoca era necessario specificarlo). Per otto anni dirige la rivista di Legambiente, uccidendo cosď milioni di alberi, poi negli anni ’90 incontra Francesco Rutelli, di cui inizia progressivamente ad assumere le sembianze. Diventa quindi responsabile della comunicazione della Margherita – ma questo nel curriculum non l’ha messo – finché nel 2006 viene scelto come ministro delle Telecomunicazioni da Romano Prodi, che gli affida il delicato compito di sintonizzargli il digitale terrestre; trascorrerą il resto del suo mandato nel vano tentativo di modificare la legge Gasparri, mettendo le “h” e gli apostrofi che mancavano. Confluito nel Partito Democratico per ambire a un nuovo livello di irrilevanza, nel 2012 annuncia via Twitter la sua candidatura a sindaco di Roma (ottenendo ben 9 “mi piace”*) ma la sua corsa si interrompe ben presto: alle primarie di Centrosinistra viene superato da Ignazio Marino, David Sassoli e da un frigorifero.
Nel 2014 sostituisce Federica Mogherini nel ruolo di persona che non vorresti mai incontrare in aeroporto, poi alla caduta del governo riceve dal Quirinale l’incarico di primo ministro: Mattarella voleva qualcuno che non oscurasse la sua personalitą. Molti sostengono che sia stato messo lď da Renzi, ma lui smentisce categoricamente: “ť stata la fatina dei denti”. (Spinoza.it) (Luca Fois)  (samba) (il mago di oz) (comagirl00) (pirata21) (guli1979) (paolinorota) (konti) (novevonbismarck) (boda) (luca’s jokes) (starburst) (a.mazed)

23.  Secondo molti ischitani l’abusivismo non c’entra con i danni. “Non puė crollare una casa che non esiste”.  (Spinoza.it)

 

Per tornare all’HomePage

 

Per tornare all’indice degli Autori