IL TEATRO

1.  Colmo per un attore: essere nato a Camerino.

2.  Un dottore distratto alla paziente: "E' stata a teatro ieri sera?". "No, sono andata a letto presto". "E c'era molta gente?".

3.  Un tenore, a causa della malattia del titolare, debutta alla Scala di Milano nei ÔPagliacciĠ. Quando canta la famosa aria "Vesti la giubba", scoppia un applauso cosiĠ fragoroso che lĠopera si blocca ed costretto a fare un bis. E poi un altro e un altro ancora, fincheĠ arriva a cantare lĠaria ben 8 volte. Finalmente si ferma sotto i riflettori, attende che si faccia silenzio e poi dice: "Amica cari, noi stasera abbiamo fatto la storia! Ho detto ÔnoiĠ percheĠ siete compresi anche voi, amato pubblico. Infatti nessuno alla Scala, neĠ Martinelli, neĠ Schipa, neĠ Gigli e neppure Caruso, hanno mai cantato 'Vesti la giubba' piuĠ di 6 volte. E voi, miei cari, mi avete fatto cantare lĠaria ben 8 volte! Questo il piuĠ bel momento della mia carriera. Non lo dimenticheroĠ mai. Ma lĠopera deve continuare, la mia gola un poĠ stanca. Pertanto vi chiedo di non farmi cantare piuĠ questa aria di nuovo". Dal fondo dellĠauditorio una voce grida: "Eh, no! Tu la canterai ancora fincheĠ non la canterai GIUSTA!".

4.  A teatro ho visto una commedia talmente brutta che da una poltrona si e' alzato un signore che ha gridato: "C'e' un attore in sala?". (Milton Berle)

5.  Un attore in cerca di lavoro finalmente trova una particina in una rappresentazione. Il capocomico gli consegna il copione: "Devi studiare a memoria la tua parte. Hai una settimana, comunque vedrai che non ci saranno problemi". L'attore va a casa e comincia a studiare la parte: "Mi e' parso di udire un botto", "Mi e' parso di udire un botto", "Mi e' parso di udire un botto". Passa quindi tutti i giorni dalla mattina alla sera a ripetere la sua parte "mi e' parso di udire un botto". Ormai arriva il giorno della prima e lui e' pronto dietro le quinte. Anche qui continua a ripetere "mi e' parso di udire un botto, mi e' parso di udire un botto. Si', si', la so, mi e' parso di udire un botto, mi e' parso di udire un botto". L'attore entra in scena, si ferma in mezzo al palco ed intanto continua a pensare: "Mi e' parso di udire un botto, mi e' parso di udire un botto". Ad un tratto si sente un forte scoppio e lui tutto preoccupato urla: "Cazzo e' stato?".

6.  Quello spettacolo non mi piacque fino a quando non lo vidi in una diversa versione. Il sipario era alzato. (Groucho Marx)

7.  Il mio ultimo spettacolo ha avuto tanto successo che la gente faceva a pugni per uscire. (Walter Fontana).

8.  Gli spettatori quella sera erano veramente cattivi... attaccavano i pomodori a uno yo-yo per colpirci due volte. (Bob Hope)

9.  Una signora anziana e bigotta durante un concerto fa al marito: "Che figura! Quello vicino a te sta dormendo!!". "E tu mi svegli per questo?!?".

10.          Un tizio, seduto in prima fila al Teatro Alla Scala, ha un vicino di posto che continua a fare delle scoregge puzzolentissime. Durante l'intervallo vede il vicino alzarsi ed andare in bagno, cosi' lo segue. Entra in bagno e vede il vicino che sta urinando. Gli chiede allora: "Mi scusi, ma cosa sta facendo?". Il vicino, alquanto indispettito, gli risponde: "Non vede? Sto pisciando!". Il tizio allora lo prende per un orecchio, lo sbatte a sedere su un water e gli dice: "No, adesso Lei si siede e caga!".

11.          Tragedia in due battute. Il marito (rincasando con un grosso involto): "Ho portato le maschere antigas". La moglie: "Benissimo. Allora stanotte possiamo lasciare il gas aperto". Sipario. (Achille Campanile)

12.          La cosa importante nella recitazione e' il saper piangere e ridere. Quando devo piangere penso alla mia vita sessuale. Quando devo ridere penso alla mia vita sessuale. (Glenda Jackson)

13.          L'universo e' un teatro, ma le parti sono mal distribuite. (Oscar Wilde)

14.          Siete un pubblico stupendo, veramente. Anzi, ditemi dove siete domani sera che vi vengo a vedere. (Laurence Olivier)

15.          Il mio spettacolo e' stato un grande successo. Gli spettatori un fallimento. (Ashleigh Brilliant) 

16.          Un attore ad un collega: "La prima rappresentazione e' stata un disastro! Meta' sala fischiava...". "E l'altra meta'?". "Era vuota!"

17.          Recitare: e' dolore, estasi del movimento, affettazione del divenire, occultazione del presentare. Recitare e' entrare nel personaggio e uscire, entrare e uscire, avanti e indietro, e non vorrei andare oltre in questa similitudine... (Roberto Benigni)

18.          Moglie e marito sono a teatro, seduti in sala, in attesa dell'inizio dello spettacolo. Ad un certo punto l'uomo e' colto da forti dolori di pancia, sempre piu' insistenti e dice alla moglie (sottovoce): "Cara, non resisto, devo andare subito al gabinetto". La moglie (sottovoce): "Ma proprio adesso! Lo commedia sta per iniziare". Ma l'uomo insiste (sottovoce): "Non resisto proprio. Torno subito". Detto questo l'uomo si alza e piegato in due si avvia verso il fondo della sala con tremendi spasmi addominali e gorgoglii sinistri. Individuata la maschera si avvicina e chiede di un gabinetto. "Il gabinetto, certo. Dunque, faccia attenzione. Esca dalla sala e giri nel corridoio a destra; lo percorra fino in fondo e prenda la porta a sinistra, salga i quattro scalini che ci sono e poi entri nella prima porta a sinistra, faccia il corridoio a destra e quindi prenda la terza porta a sinistra. Li' c'e' il gabinetto". L'uomo, oramai sull'orlo di un plateale cedimento intestinale, ringrazia frettolosamente, si precipita fuori dalla sala e comincia a percorrere la strada indicatagli dalla maschera. Tuttavia dopo due o tre porte  e qualche corridoio l'uomo si rende conto di essersi perso nei meandri del teatro. Nessuno in vista, autonomia di circa un minuto. L'uomo, disperato, oramai piegato in due, gorgogliando in maniera pietosa, cerca un angolino appartato dove espletare i suoi bisogni, quando vede di fronte a se' una porta. Si avvicina e la apre. Entra in una stanza quasi completamente buia. L'ideale per dare sfogo al proprio intestino. Si guarda attorno in cerca di un contenitore dove depositare il tutto ed ecco che vede un vaso di fiori. Lo prende con movimenti concitati, sfila i fiori, si tira giu' i calzoni, ci si siede sopra e con immenso sollievo, fra rumori roboanti da' pieno sfogo ai propri bisogni, riempiendo quasi completamente il vaso. Con evidente sollievo, sfregandosi le mani per la soddisfazione di essersi cavato d'impaccio cosi' brillantemente da una situazione imbarazzante, l'uomo si riallaccia i calzoni, infila i fiori nel vaso e rimette tutto a posto. Quindi esce dalla stanza e rifatta la strada al contrario ritorna in sala. Lo  spettacolo nel frattempo e' iniziato. L'uomo riguadagna il posto accanto alla moglie e le chiede (sottovoce): "E' molto che e' iniziato?". La donna (sottovoce): "Cinque minuti". L'uomo: (sottovoce): "Di che parla?". La donna (sottovoce): "Mah ... per la verita' non ho capito bene. E' arrivata uno, ha cacato in un vaso di fiori e poi e' andato via..."

19.          Il teatro d'avanguardia e' il teatro di domani. Il guaio e' che te lo fanno vedere oggi. (Pino Caruso)

20.          Il regista teatrale e' uno che disturba le prove. (Pino Caruso)

21.          Fabio Testi, l'attore italiano noto ai meno, partecipera' alla commedia di Pirandello 'Uno, nessuno, centomila'. Testi fara' la seconda parola del titolo. (Amurri e Verde)

22.          Noi artisti lavoriamo una sera qua e una sera la'... praticamente due sere all'anno. (Antonio Guidetti)

23.          Ho un vasto curriculum. L'anno scorso ho recitato in 'Aspettando Godot': facevo la parte di Godot. (Mario Zucca)

24.          Anche dormire  una forma di critica, specialmente a teatro. (Bernard Shaw)

25.          Il Parsifal  quel genere di opera che inizia alle 6 di sera. Dopo circa tre ore guardi l'orologio e scopri che sono solo le 6 e 20. (David Randolph)

26.          Mai fidarsi dei mimi, non sono uomini di parola!

27.          Lello Arena: "Io ho fatto la gavetta. Per anni ho fatto la fame...". Massimo Lopez: "Ma poi ti sei rifatto...". L.A.: "E che?!...  non sono mica Alba Parietti!". (Lello Arena e Massimo Lopez, "Scherzi a parte")

28.          Non dimenticare che nel mestiere di attore solo i primi 30 anni sono duri. (Clark Gable)

29.          Ho avuto la critica pi breve che sia mai stata pubblicata. Diceva: Ieri sera al teatro  stato rappresentato "Domino". perchŽ? (Marcel Achard)

30.          Lo spettacolo non mi e' piaciuto affatto, ma ho preso atto delle condizioni avverse. Il sipario era aperto.

31.          Cara Kathryn Murray, quando mio padre andava in teatro con mia madre, aveva l'abitudine di cantare in coro insieme agli attori. Durante uno spettacolo, mia madre disse: "Sam, se vuoi cantare perchŽ non sali sul palcoscenico?". "No, Minnie," rispose lui "non lo farei mai senza essere pagato". Dopo trent'anni di questa partecipazione vocale da spettatore, una sera disse a mia madre: "Sai, Minnie, sono trent'anni che canto in coro e nessuno mi ha ancora pagato". "Beh," disse lei "non sono una donna ricca, grazie a te, ma se chiudi la bocca ti paghero' io!". (Groucho Marx, "Le lettere di Groucho Marx")

32.          L'attore fa la prima donna perchŽ si sente l'ultimo degli uomini. (Fulvio Fiori)

33.          Dietro le quinte... ci sono le seste. (Fulvio Fiori)

34.          Scena chiave cerca scena serratura per apertura secondo atto. (Fulvio Fiori)

35.          Panico in platea: scena muta prende la parola! (Fulvio Fiori)

36.          Dramma umano: scena madre rimane orfana dei suoi attori. (Fulvio Fiori)

37.          Attricetta ottiene una particina in un'operetta. (Fulvio Fiori)

38.          Colpo di scena manca il bersaglio. (Fulvio Fiori)

39.          Si spacciava per commediografo, ma era solo un commediante. (Fulvio Fiori)

40.          Non sono cattolico, ma sono contento che Dio esista. Visto che  onnipresente ho sempre la certezza che ci sia almeno uno spettatore ai miei spettacoli. (Riccardo Piferi)

41.          La mia entrata in teatro e' molto bella perchŽ ci sono 150 trombe che squillano alla mia destra e 150 squillo che trombano alla mia sinistra. (Riccardo Cassini)

42.          Io gli attori li amo finche' se ne stanno in palcoscenico, che e' il loro posto. (Marsha Mason, ballerina in "Goodbye, amore mio!")

43.          Il mio primo impresario non mi vendeva, mi dava di resto. (Giorgio Panariello)

44.          Un vecchio attore diceva: "Quelli che hanno la tosse, non vanno mai dal dottore. Vanno sempre al teatro o al cinema".

45.          Pochi sanno che il celeberrimo Vittorio (clap clap clap) prima di venire in Italia, abitava in un'altra nazione sotto il nome di V. Liquidman, ed anche l“ fece strage di cuori e spettatori. Una volta stabilitosi in Italia, il suo cognome divenne Gassman, proprio perchŽ aveva cambiato Stato.

46.          Soprattutto all'inizio della carriera, tre serate al mese erano vitali. Ti permettevano di dimostrare ai genitori che stavi lavorando e riuscivi a pagarti, col ricavato di ogni singolo show, il pieno di gasolio per arrivare fino al locale dove dovevi esibirti. Anche se poi i soldi non bastavano per il ritorno. Per fare il pieno allora ti dovevi vendere la macchina. (Ezio Greggio)

47.          Se volete veramente aiutare il teatro, non divenite attrici. Fate parte del pubblico. (Tallulah Bankhead)

48.          L'arte di recitare consiste nell'impedire alla gente di tossire. (Ralph Richardson)

49.          Cos'e' un melodramma? Una rappresentazione teatrale eseguita su un frutteto. (Lucio Gardin) (Comix)

50.          Colmo per un attore: non riuscire a fingere.

51.          La cosa pi importante in un discorso sono le pause. (Ralph Richardson)

52.          Un famosissimo attore ha il problema di non ricordarsi mai le sue battute. Un giorno deve preparare una piece teatrale e il suo regista gli fa: "Hai una parte importantissima, devi camminare per il palco con una rosa, tenendola delicatamente tra il pollice e l'indice, annusarla intensamente e dire la frase: "Ah, il dolce aroma della mia signora". L'attore e' tutto preso e prova la parte per tutta una settimana. Arriva il gran giorno. Sale il sipario, l'attore cammina sul palcoscenico e con trasporto dichiara: "Ah, il dolce aroma della mia signora". Il pubblico scoppia a ridere e il regista gli urla dietro: "Maledetto!!! Mi hai rovinato!!". L'attore sconvolto replica: "Ho ancora dimenticato la battuta??". "Nooo!" urla il direttore "Hai dimenticato quella fottuta rosa!!"

53.          Ieri sono stato a teatro. Alla fine del primo atto ho visto tutti uscire. Non capivo, poi ho letto sulla locandina: "Atto secondo, una settimana dopo", e cosi' sono uscito anch'io.

54.          La commedia e' semplicemente un modo divertente di essere seri. (Peter Ustinov)

55.          Un signore si reca a teatro, per assistere alla rappresentazione di un giallo, ma si trova alquanto lontano dal palcoscenico. Allora sussurra alla maschera: "A me piace molto poter assistere *da vicino* ad un buon giallo. Se mi trova una posizione migliore, le daro' una lauta mancia". La maschera lo conduce ad un posto libero in seconda fila, e riceve come mancia una misera moneta da un euro. La maschera osserva la moneta, si china all'orecchio dell'uomo e gli sussurra: "L'omicida e' la moglie...". (Fashanu)

56.          Durante le prove di uno spettacolo teatrale, un attore sulla scena legge un biglietto, poi lo brucia. Entra un secondo attore che esclama: "Sento odore di bruciato!". Sfortunatamente, prima del debutto il secondo attore si ammala e il regista decide di sostituirlo con un attore dilettante. A quest'ultimo fa presente che il suo compito  solo quello di pronunciare una unica battuta, e che si aspetta la massima professionalitˆ. La sera del debutto, il primo attore si accorge di aver dimenticato i fiammiferi. Per questo motivo strappa il biglietto anzichŽ bruciarlo. Sale sulla scena il secondo attore, il quale non si perde d'animo ed esclama: "Sento puzza di strappato!". (Mauroemme)

57.          Da quando faccio l'attore famoso, non vado piu' di corpo. Non e' fine. (Rocco Barbaro)

58.          In ognuno di noi c'e' un attore. In me si nasconde che e' una bellezza. (I Teandria)

59.          Giornalista: "Senza fare nomi, c'e' qualcuno nel mondo del teatro che l'ha ferita tanto da meditare vendetta?. Woody Allen: "Una signora del Queens seduta accanto a me durante "Cats" che mi sveglio' prima che lo show fosse finito". (Woody Allen)

60.          Attore: un uomo che fa delle facce per guadagnarsi da vivere. (The Left Handed Dictionary) (Leonard L. Levinson)

61.          Cosa avrebbe detto Amleto? C'e' del marcio in trademark. (Stefano Bartezzaghi)

62.          Atto Dovuto. Nella specialitˆ del Diritto Dams, cio delle discipline relative allo spettacolo, gli Atti Dovuti sono ovviamente quelli previsti dalla locandina. In altre parole, se la commedia che si rappresenta  annunciata in tre Atti, per lo spettatore che ha pagato regolarmente il biglietto gli Atti Dovuti sono tre. E non due, con al scusa banale che il secondo Atto  debole e praticamente inutile... Ma  solo nella Procedura Penale che l'Atto Dovuto esplica tutta la vasta gamma delle sue applicazioni. PoichŽ  solo l'Atto che genera il Reato, esso  Dovuto, altrimenti come camperebbero giudici e avvocati?(dall'"Enciclopedia comica del Diritto" di Bruno Gambarotta)

63.          L'attore  un bugiardo al quale si chiede la massima sinceritˆ. (Vittorio Gassman)

64.          Gli attori ricchioni sanno entrare bene nel personaggio. (Mauroemme)

65.          Ho proposto il mio numero con la mosca. é questo qui: esco con la mosca dentro una scatolina, subito la libero e lei mi gira due o tre volte intorno alla testa. FinchŽ improvvisamente tiro fuori la lingua e lei si posa sopra. Metto la lingua dentro la bocca, faccio finta di inghiottire, la ritiro fuori... e lei  sempre l“ aggrappata. Un successone! Applausi... poi un giorno una signora: "Ma che schifo! Una mosca sulla lingua!". "Signora, perchŽ non ha visto cosa metto sulla lingua durante gli allenamenti!". (Antonio Cornacchione)

66.          Al termine dello spettacolo si ud“ solo un mezzo applauso, era fatto con una sola mano. (Bilbo Baggins)

67.          Situazione critica a teatro: gli attori sono dei cani e gli spettatori quattro gatti.

68.          Da giovane ho fatto teatro. Tutte particine, tranne quella volta in cui ero il protagonista di "Aspettando Godot". Modestamente un Godot come il mio non si era mai visto! (Bilbo Baggins)

69.          Quello che mi piace del teatro  la ragazza che stacca i biglietti. (Guido Penzo)

70.          Sono stato a teatro a vedere La Turandot. Quando  iniziata l'aria "Nessun Dorma" mia moglie mi ha svegliato. (Mauroemme)

71.          Vorrei che ricostruissero il Petruzzelli a Venezia... e la Fenice a Bari... per confondere un po' il turismo giapponese. (Paolo Migone)

72.          Una nota del Vaticano precisa che Benedicta Boccoli non e' la parrucchiera del papa. (Fiorello)

73.          Mettiti il costume giusto e la parte si recita da sola. (Legge di Ely)

74.          Qual e' l'operetta preferita dai Testimoni di Geova? "Il paese dei campanelli". (Maurizio Tecli)

75.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato in "Casa di bambole" assieme a Barbie! (Bilbo Baggins)

76.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato in "The mousetrap" assieme a Mickey Mouse!

77.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato in "Morte di un commesso viaggiatore" assieme a Mastrota!

78.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato in "Sogno di una notte di mezza estate" assieme a Rip van Winkle!

79.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato in "Notre dame de Paris " assieme a Giulio Andreotti!

80.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato in "Cats " assieme alla grande Krazy Kat! (Bilbo Baggins)

81.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato nel "Parsifal" assieme a Indiana Jones! (Bilbo Baggins)

82.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato ne "Il Paese dei Campanelli " assieme alla compagnia stabile dei Testimoni di Geova! (Bilbo Baggins)

83.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato ne "Il fantasma dell'opera " assieme al piccolo Casper! (Bilbo Baggins)

84.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato in "Aspettando Godot " assieme ad un gruppo di terremotati del Belice! (Bilbo Baggins)

85.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato ne "Il flauto magico " assieme a Rocco Siffredi! (Bilbo Baggins)

86.          Non faccio per vantarmi ma sono un discreto attore, e una volta ho recitato in "Indovina chi viene a cena " assieme al dottor Hannibal the Cannibal! (Bilbo Baggins)

87.          La vita  teatro, ma non sono ammesse le prove. (Mel Brooks)

88.          Voglio dire, e' una grande storia. C'e' qualcosa di grande in questa storia. Voglio dire, c'e' qualcosa come otto morti violente. (Mel Gibson)(parlando di Amleto)

89.          Si', vado spesso a teatro. Non mi sono perso un solo spettacolo dei Fichi d'India. (Marco Ranzani di Cant)(Albertino e Digei Angelo)

90.          Siamo andati a vedere quella commedia di un russo che ha il titolo di uno stabilimento balneare. Il Miraggio, L'Oasi, La Conchiglia, no, Il Gabbiano. (Ennio Flaiano)

91.          Il sonno  un modo eccellente per l'ascolto di un'opera. (James Stephens)

92.          Un attore squattrinato non riusciva a pagare l'affitto. Una mattina la proprietaria della casa lo incontr˜ di fronte alla casa e gli chiese i soldi che le spettavano. "Signora, abbia un po' di pazienza con me", la supplic˜ l'attore, "Lo sa che un giorno la gente passerˆ davanti a questa casa, punterˆ il dito verso l'alto e dirˆ: 'Uno dei pi grandi attori della nostra generazione una volta viveva qui'." "Ah, guardi, se non paga l'affitto entro stasera", disse la signora, "potranno cominciare a dirlo da domani in poi!"

93.          Lo sceneggiatore  un tale che attacca il padrone dove vuole l'asino. (Ennio Flaiano)

94.          Camerino: Universita' italiana molto frequentata dagli attori di teatro. (DrZap)

95.          Enrico Brignano e' simpatico come un attacco di sciolta mentre sei a cena con Megan Fox. (Riccardo Pizzi)

96.          Dopo le lezioni di comicita' di Christian De Sica, Sky ha in programma le lezioni di galateo del Monnezza. (Valeria Wallyci Leopardi)

97.          Se su Rai3 Alba Parietti fa l'opinionista sul terrorismo, mi aspetto di essere chiamata come consulente per la prossima finanziaria. (Daniela Dania Farnese)

98.          Alba Parietti: ÇFarei un altro figlio, come la NanniniÈ. Dovevi pensarci quando avevi 54 anni. (Lia Celi)

99.          La Hunziker licenzia il suo bodyguard perchŽ filonazista. Le copiava il passo dell'oca. (Vincenzo Ricchiuto)

100.       La battuta cretina della buona notte e': "Di cosa mori' la piu' grande attrice italiana?". Di overduse. (Lia Celi)

101.       Ma gli operai dei teatri lirici sono i cantanti o gli addetti alla bassa manovalanza? (DrZap)

102.       Chiude il Bagaglino. Ma niente paura, trovate tutto il cast in parlamento. (Mauro Dech)

103.       Con Pamelona Nazionale al Bagaglino non si "alzavano" solo gli ascolti... (Roba da Masch)

104.       Io prendo manciate di parole e le lancio in aria; sembrano coriandoli, ma alla fine vanno a posto come le tessere di un mosaico. (Renato Rascel)

105.       Il pubblico  come un bambino. Se gli si lascia un bel giocattolo lo rompe subito. Bisogna aver pazienza, giocare assieme. (Renato Rascel)

106.       Era proprio un mio desiderio quello di portare al pubblico un uomo che non fosse mai vincitore, ma sempre uno sconfitto: anche le mie "bufere", il mio corazziere, il mio Napoleone erano i drammi di un uomo piccolo. (Renato Rascel)

107.       Sono un personaggio russo. Potrei fare tutti i personaggi russi che esistono: dalle "Anime morte" a quello che prende gli schiaffi. A me "Il cappotto" andava bene di taglia e di cervello. (Renato Rascel)

108.       E' arrivata la bufera |  arrivato il temporale | chi sta bene e chi sta male | e chi sta come gli par! (Renato Rascel)

109.       Ho cercato, innanzitutto, di crearmi una maschera, non tingendomi il volto, o annerendomi il naso; nŽ volevo il successo puntando sulle gambe delle donnine. Volevo creare un personaggio concreto e nello stesso tempo sfasato nel linguaggio. (Renato Rascel)

110.       Far˜ "The Full Monty" a teatro, ci sarˆ anche Sergio Muniz. Ci spoglieremo e ci pagheranno pure! A me, per rivestirmi. (Gianni Fantoni)

111.       Musica, libri, sport, teatro, cinema... le uniche "sostanze dopanti" che creano una certa Indipendenza... (Felice Ubertiello)

112.       L'attore che le ha sparate pi grosse  Gigi Proiettili. (cerebroteso)

113.       Sono andata a vedere quell'Opera che ha per protagonista una principessa etiope lercia in modo ributtante. Laida. (egyzia)

114.       Nel teatro si vive sul serio quello che gli altri recitano male nella vita. (Eduardo De Filippo)

115.       Da Wikipedia. Aida Yespica, grande soprano venezuelano. Impareggiabile la sua interpretazione nella famosa opera di Verdi. (DrZap)

116.       La commedia non mi  piaciuta, per˜ lĠho vista in condizioni sfavorevoli: il sipario era alzato. (Groucho Marx)

117.       "Me n'ha date, ma quante je' n'ho dette!". (da "Rugantino")

118.       Se fate battute sulla morte di Foˆ mettendoci Fu...siete brutte persone. (Carlo Trombetta)

119.       30 secondi al TG3 per ricordare Foˆ. Per coerenza quando morirˆ Garko si dovranno limitare a dire "E' morto uno". (Gianni Yan Cortese)

120.       Romeo e Giulietta, quelli li', i Cappelletti e gli Agnolotti... (Toto')

121.       Il Teatro  quel luogo dove si va quando si ha la tosse. (Gian Carlo Moglia)

122.       Momenti di terrore in un teatro di Londra. E' in scena il bagaglino. (Mordicchio)

123.       Ho appena visto a teatro una commedia gialla con protagonista un homeless: "Invito a cena con derelitto". (Dario Quatrini)

124.       "Ho chiesto aiuto a Mario, ma lui solo parole...". "Che ci vuoi fare! Fa il suggeritore a teatro!" (DrZap)

125.       Il teatro d'avanguardia  il teatro di domani. Il guaio  che te lo fanno vedere oggi. (Pino Caruso)

126.       Il Senato ricorda Eduardo De Filippo. Questi Fantasmi! (Pietro Diomede)

127.       "Nell'associazione teatrale c'e' uno che lo chiamano Gassman". "Per le sue doti recitative?". "No, per il meteorismo". (Cattivissimo pater)

128.       Stasera vado a teatro a vedere Natale in casa Cuperlo. (Massimo Carota)

129.       Uno che fa finta di fumare su un palcoscenico  un fumattore? (Brancaleone)

130.       Rocco Siffredi pare che si darˆ al teatro. Cos“ potrˆ dire di aver calcato tutti i palc...osceni! (DrZap)

131.       Autore di un lavoro teatrale il cui protagonista  perennemente seduto sul WC: drammapurgo. (Renato R.)

132.       Dopo l'opera teatrale "I monologhi della vagina" esce un nuovo pezzo analogo dell'ano. (Maria Luisa LaMolly Tegon)

133.       Sono andato a teatro a vedere la rappresentazione dell'Amuleto di Shakespeare. (Antonello Iaccarino)

134.       Pisa, attore di teatro si impicca davvero durante una scena. E anche quest'anno niente Oscar per Di Caprio. (Arsenale K) (Danilo Petrelli)

135.       Tragedia nel mondo del teatro. Renzi sta bene e continua a recitare. (Prugna) (Fulvio Maranzano) & (Gidan)

136.       Franca Rame era idolatrata dai ROM ? (DrZap)

137.       Un dottore va a teatro, ma assiste ad una recita veramente da cani. Finito il primo atto, mentre cala il sipario e gli attori si allontanano, il medico salta sul palcoscenico e urla: "C'e' qualche attore in sala?"

138.       Una rappresentazione teatrale su un gruppo di ubriachi e' stata un totale insuccesso... Hanno preso fischi e fiaschi. (DrZap)

139.       Un attore entra in scena per recitare il suo monologo, guarda in sala e vede una sola persona seduta in poltrona: "Non si preoccupi, - le dice - interpreterò la mia parte con lo stesso impegno che metterei se il teatro fosse pieno!". "Magnifico! Però mi raccomando, si dia una mossa perché quando ha finito devo pulire il palcoscenico!"

140.       Erdogan ha proibito qualsiasi forma di rappresentazione teatrale che non sia turca. Io, se potessi, fino al referendum, vieterei qualsiasi forma di rappresentazione teatrale, che non fosse il giapponese "teatro del NO". (Renato R.)

141.       Ah, Barbareschi sarebbe esperto di drammaturgia contemporanea? Credevo di nientologia applicata. (Pamela Ferrara)

142.       "Giulietta, Romeo. Una grande storia d'amore". Tre giorni, sei morti. (Sar˜ bre') (Max Bertozzi)

143.       "Mistero Buffo"  stato il capolavoro di Dario Fo. Chi se lo aspettava che si riferisse al Referendum Costituzionale? (Arsenale K) (ReNudo)

144.       Dario Fo fu il re del Grammelot, recitazione che assembla suoni, onomatopee, fonemi privi di significato. Ora lo scettro passa a Razzi. (Arsenale K)