GLI UBRIACHI

1.     Era paralitico. Un giorno riusci' ad alzare il braccio: divenne alcolizzato! (Giampiero Casoni)

2.     Al bar: "Perché bevi con gli occhi chiusi?". "Perché il dottore ha detto che l'alcool non lo devo neppure vedere!"

3.     Al lungo bancone di un bar sono seduti ad una estremita' un uomo gia'  abbastanza alticcio, e dall'altro una ragazza con un abito nero senza maniche e un po' scollato. Nello stesso momento, alzano tutti e due un braccio per chiamare  il barman, e la ragazza ha l'ascella non depilata. Il barman si avvicina per primo all'uomo che dice: "Da bere a me e offro anche a quella ballerina laggiu' in fondo". Il barman gli chiede: "Ma come fa a sapere che fa la ballerina?". E lui: "perché solo una ballerina potrebbe alzare tanto in alto una gamba!".

4.     Al bar entra un tizio: "Due whisky, uno per me e uno per il mio amico". E cosi' tutte le sere per molte sere. Una sera: "Barman, un whisky". "Ah, e' successo qualcosa al suo amico?". "No, sono io che ho smesso di bere!".

5.     E' meglio dormire con un cannibale astemio che con un cristiano ubriaco. (in 'Moby Dick') (Herman Melville)

6.     Due ubriachi escono dall'osteria e ognuno decide di  tornare  a casa propria per smaltire i fumi della sbronza. Il primo  ubriaco entra in casa propria e, vedendosi riflesso nello specchio  dell'ingresso,  corre giu' a chiamare l'amico:  "Pietroooo! Pietroooo! Corri  !  Ho i ladri in casa !". Pietro lo sente e corre verso  di lui:  "Adesso vengo li' e gli spacchiamo la faccia !". Corrono  su per  le scale aprono la porta e la richiudono subito: "Cacchio, sono  in  due ! Andiamo a chiedere rinforzi !".  Sono in  strada  e passa una macchina dei carabinieri: "Ferma ferma ! Ci sono i ladri in casa mia !".  I carabinieri si fanno portare sul posto ed uno di loro  sale  verso l'appartamento coi due ubriachi, da'  un  calcio alla  porta  per aprirla e poi la richiude subito esclamando: "C'era gia' un collega sul posto...".

7.     Filosofia di Steele: "Ognuno deve credere in qualcosa. Io credo che mi berro' un altro bicchierino". (Arthur Bloch)

8.     Il dottore dopo aver visitato in modo completo il paziente sentenzia: "Non capisco la causa del suo disturbo; per me e' tutta colpa del bere".  E il paziente: "In tal caso tornero' quando sara' sobrio".

9.     Per smettere di fumare basta non comprare sigarette. Per smettere di bere basta imparare a nuotare.

10.  Un signore con tendenze gay esce a mezzanotte da un cabaret del centro, si dirige in una zona frequentata da barboni, ne vede uno addormentato, cerca di svegliarlo, ma non riuscendoci, gli abbassa i pantaloni e lo incula. Poi pentito del suo gesto gli lascia un biglietto da 100.000 e se ne va. La mattina dopo il barbone trova il biglietto, va al bar li' vicino, entra e dice:  "Un bicchiere di lambrusco a tutti; pago io". La notte successiva il signore esce dal cabaret, ritorna dal barbone profondamente addormentato, lo incula e gli lascia ancora un biglietto da 100.000. La mattina dopo il barbone va al bar e dice ancora:  "Un bicchiere di lambrusco per tutti. Offro io". E cosi' tutte le notti per 20 volte. Finche' il ventunesimo giorno il barbone al suo risveglio trova il solito biglietto da 100.000, entra al bar e il barista lo precede dicendo: "Un bicchiere di lambrusco per tutti ?". E il barbone:  "No, oggi basta col lambrusco; sono 20 giorni che lo prendo e, non so che cos'ho, ma ho un gran male al culo!".

11.  Cosa puo' fare un giocatore di basket per migliorare le proprie prestazioni? Bere molto e scopare sua madre. E perché...?? perché cosi' diventa alticcio e fa incesto.

12.  Al telefono: "Pronto? Cantina sociale?". "Hic!".

13.  Un ubriaco entra in un bar e dice: "Barista ! Versa da bere a tutti i clienti, bevi anche tu e poi portami il conto !". Il barista esegue e presenta il conto all'ubriaco che gli risponde: "Ma io non ho bevuto niente, cosa vuoi da me?!". Al che il barista si incazza, lo pesta e poi lo butta fuori. Il giorno dopo lo stesso ubriaco rientra nel bar e dice: "Barista ! Versa da bere a tutti i clienti, serviti anche tu e poi portami il conto !". Il barista pensa che il tipo non puo' essere cosi' pazzo da rifare lo stesso scherzo, cosi' esegue e mostra alla fine il conto all'ubriaco, che gli risponde: "Ma perché insisti ? Se ti dico che non ho bevuto niente!". Il barista stavolta si incazza davvero, riduce male l'ubriaco e lo butta fuori a calci. Il giorno dopo ancora l'ubriaco entra ancora una volta nello stesso bar: "Barista ! Versa da bere a tutti e poi portami il conto!". Il barista rimane stupito, si avvicina all'ubriaco e gli chiede: "E come mai stavolta a me niente ?!". "Perché quando bevi diventi violento!".

14.  Un tizio sbronzo esce da una trattoria di notte, vede una suora e incomincia a picchiarla duramente; quando e' mezza morta per terra esclama: "Ah Batman, me credevo che eri mejo".

15.  Un tipo rientrato a tarda notte ubriaco si sveglia la mattina e chiede alla moglie: "Cara, ma aprendo la porta del bagno la luce si accende automaticamente?". "No, caro, perché?". "Allora ieri sera devo averla fatta nel frigorifero!".

16.  Un ubriaco bussa ad un lampione. Un amico gli dice: "E' inutile che bussi; non c'e' nessuno dentro". E l'ubriaco: "Lo dici tu, non vedi che la luce e' accesa".

17.  Al Luna Park un ubriaco dalla mira infallibile colleziona centri su centri al tiro al bersaglio. Gli regalano una tartaruga. L'ubriaco va a fare un giro e un'ora dopo ritorna al tiro a segno e vince ancora un'altra tartaruga. Cosi' via per altre 3-4 volte. All'ultimo giro vince ancora, ma le tartarughe sono finite, per cui il proprietario della bancarella gli vuole regalare un orsacchiotto di pelouche, ma l'ubriaco:  "Non mi potrebbe dare un altro panino come prima?".

18.  Due ubriachi sono seduti al banco di un bar al quinto piano. Continuano a trincare da un bel po'. Ad un certo punto uno dei due si alza, si avvicina alla finestra, e si tuffa. Dopo un poco ricompare a mezz'aria, rientra tranquillamente e torna a sedersi. L'altro ubriaco lo guarda esterrefatto e gli chiede: "Ora mi dici come cavolo hai fatto!". "Facilissimo, basta bere 4 birre e lo puo' fare chiunque". "Voglio provare..". Cosi' il secondo ubriaco si beve  4 birre, va alla finestra,  e si tuffa fuori ed ovviamente si spiaccica sul marciapiede 5 piani piu' in basso. Il barista dice allora al primo ubriaco: "Certo che quando sei sbronzo sei veramente un pezzo di merda, Superman ...".

19.  Perché agli ubriachi piace perdere? Perché ai successi preferiscono i fiaschi!

20.  In piena notte un ubriaco si alza dal letto, va in cucina, poi ritorna in camera e dice alla moglie: "Armida, ma i limoni hanno le zampine??". "Le zampine i limoni?!? Mi sembri scemo!". "Allora, mi son fatto la limonata con il canarino!"

21.  Un tizio rientra a casa completamente ubriaco alle tre del mattino. Entra in camera da letto e si corica accanto alla moglie. Poi conta i piedi in fondo al letto: "1,2,3,4 ... 5, 6 !, Ma c'e' qualcun altro nel mio letto ..."! Allora si alza per contare meglio i piedi da piu' vicino: "1,2,3,4! No, e' tutto OK, siamo solo in due".

22.  Un giorno, in Sicilia, un tipo con l'aria rozza entra in un bar. Si avvicina al banco e con un accento siculo stretto fa: "Un cognac". Il barista gli serve il cognac e lui, prima di bere, dice: "Quelli alla mia destra sono tutti cornuti e quelli alla mia sinistra tutti figli di puttana". Beve e va via. Il giorno seguente entra ancora nello stesso bar e di nuovo: "Un cognac". Il barista lo serve e lui prima di bere: "Quelli alla mia destra sono tutti cornuti e quelli alla mia sinistra tutti figli di puttana". Beve e di nuovo, va via. Nuovamente il giorno seguente entra nello stesso bar e ancora una volta dice: "Un cognac". Il barista ancora una volta lo serve e lui di nuovo, prima di bere: "Quelli alla mia destra sono tutti cornuti e quelli alla mia sinistra tutti figli di puttana". Improvvisamente uno degli ospiti si alza e con voce brusca fa: "Vedi che io non sono cornuto ah". Il tipo si gira lo guarda e risponde: "Allora passa a sinistra, figlio di puttana".

23.  Un ubriaco torna a casa e lo accoglie la moglie che gli dice: "Ma non ti vergogni a presentarti in questo stato?!". E il marito: "Beh, che devo andare in Svizzera?".

24.  Un automobilista ubriaco sbaglia l'entrata in autostrada e si immette in senso contrario, creando lo scompiglio nel traffico. Mentre ascolta la radio sente le ultime dal radio-giornale: "...ci e' giunta notizia che un pazzo sta percorrendo la A25 in contromano terrorizzando gli automobilisti...". "Che uno! - fa l'ubriaco - Saranno duecento!".

25.  Cosa rischia un magistrato ubriaco? Il giudizio divino!

26.  Un tizio entra in un bar e chiede: "Ragazzo, una bottiglia di whisky, per favore!". Il ragazzo lo serve e il tizio, dopo aver bevuto la bottiglia chiede: "Ragazzo, un'altra mezza bottiglia di whisky, per piacere!". Il ragazzo lo serve di nuovo , mentre il tizio comincia ad essere un po' brillo. "Ra...gaz...zo... , peeeer fa...vo...re... un whisky!". Il ragazzo anche se un po' esitante lo serve, mentre il tizio oramai completamente ubriaco chiede: "Ra...ga...zzo per ...fa...vo...re un goc...cio di whi...sky!". Il ragazzo lo serve e il tizio beve e subito dopo cade sotto al tavolo ubriaco. Allora il ragazzo gli getta un secchio d'acqua per farlo rinvenire e il tizio apre un occhio dicendo: "E'... e'... pa...zze...sco; me...no be...voooo e pppiu'  ... di...vento u...bri...aco!"

27.  Due ubriachi al bar. "Facciamoci un'altra birra e poi cerchiamo di procurarci qualche donna !!!". "No grazie, a casa ne ho piu' di quante ne desiderassi...". "Allora facciamoci un'altra birra e poi andiamo a casa tua !!!".

28.  Un'auto viene fermata dalla polizia stradale: "Patente e libretto. Voi andavate a 200 Km/ora". "Ma no, signor agente, facevo 135 Km/ora". Interviene la moglie del guidatore seduta accanto: "Ma no, caro, lo sai bene che stavi facendo piu' di 200 all'ora". Il tizio lancia uno sguardo adirato alla sua signora, mentre l'agente continua: "Siete anche in multa perché non funzionano gli stop". "Come? Ma se li ho controllati proprio ieri?". "Oh, caro, sai bene che gli stop sono cosi' da mesi". L'uomo lancia verso la moglie uno sguardo ancora piu' adirato e l'agente continua: "Inoltre voi non avete indossato le cinture di sicurezza!". "Ma no, signor agente, le avevo, ma me le sono tolte quando voi mi avete fermato". Ancora una volta interviene la moglie: "Ma, caro, sai bene che le cinture non le metti mai!". A questo punto il tizio esplode e grida alla moglie: "Insomma, vuoi stare zitta, brutta stronza di una troia!". L'agente si rivolge alla signora e le chiede: "Signora, ma vostro marito si rivolge a lei sempre in questo modo?". "Oh, no, agente, solo quando e' ubriaco!"

29.  Usa le statistiche come un ubriaco fa con un lampione: per sostegno piuttosto che per la luce. (Andrew Lang)

30.  Un poliziotto ferma un automobilista. Si affaccia al suo finestrino e gli dice: "Signore, dovrebbe soffiare dentro questo tubicino per analizzare il suo tasso alcoolico". "Mi dispiace agente, ma non posso, sono asmatico e se soffiassi in quel tubo mi verrebbe un terribile attacco d'asma". "Bene, allora dovra' venire con me alla centrale per un campione di sangue". "Non posso farlo agente, sono anemico, potrei morire dissanguato". "Allora dovremo prendere un campione di urine". "Mi dispiace agente, ma sono anche affetto da una malattia renale e se lo facessi potrei andare incontro ad una grave disidratazione". "Ok, ok, allora scenda dalla macchina e cammini lungo questa linea bianca". "Non posso farlo agente...". "E perché ?!?". "perché sono troppo ubriaco per farlo..."

31.  In un bar di New York mentre un tizio e' al bancone a bere entra un avventore che esclama: "Barman, una birra per me e una per questo signore!". Dopo aver bevuto domanda: "Ma scusi... lei e' irlandese?". "Si'!". "Che combinazione! Anch’io sono Irlandese, dobbiamo bere. Barman due birre!". Dopo bevuto domanda ancora: "Ma lei e' mica di Dublino?". "Si'!". "Che combinazione... brindiamo ancora con due birre!". Bevono ancora allegramente. "Ma lei a che scuola andava a Dublino?". "Al Saint Mary...". "Ma che combinazione! Anch’io... Barman altre due birre!". Altra bevuta e poi: "Ma allora di che anno e' lei?". "Io sono del 1960...  Febbraio...". "Ma che combinazione! Anche io sono di febbraio.. ancora due birre!". In quel mentre entra nel bar un altro avventore che si avvicina al banco, saluta il barman e dice: "Ciao! Allora ci sono novita'?". "Niente di nuovo... a parte i due gemelli O'Connor ubriachi fradici!".

32.  Un uomo molto ubriaco siede al bancone di un bar quando vede tre giovanotti seduti a bere a un tavolino. Squadra il primo e poi gli dice borbottando: "Io mi sono chiavato piu' volte tua madre... Barman, una birra!". Si scola la birra e poi indicando il secondo giovane dice: "Tua madre faceva dei pompini favolosi!". Riprende a bere e quindi indica il terzo giovane e gli dice: "Una volta mi sono inculato tua madre... Che notte! ... Barman, un'altra birra!". A questo punto i tre giovanotti si alzano, si avvicinano all'ubriaco e lo sollevano di peso dicendo: "Dai, papa', per oggi hai bevuto abbastanza. Andiamo a casa!!".

33.  Un ubriaco sta urinando per strada, mentre passa una vecchia signora che, vedendolo si mette a urlare: "Signora, non si preoccupi, lo tengo per il collo, e se si azzarda a fare qualche scherzo, giuro che lo strozzo!!!"

34.  In effetti mi basta solo un bicchierino per ubriacarmi. Il problema e' che  non mi ricordo se e' il trentesimo o il quarantesimo. (George Burns)

35.  Non bevo mai, a meno che sia da solo o in compagnia. (Leopold Fechtner)

36.  Un signore va dal medico che gli raccomanda: "Per la sua salute, lei deve abolire il vino. Ritorni fra un mese per un controllo". Dopo un mese il signore ritorna, ma nulla e' cambiato. Il medico gli chiede: "Ma lei ha abolito il vino?". "Si', Dotto', prima di berlo, lo faccio sempre bollire".

37.  Un tizio vede un ubriaco in terra vicino all’ingresso di un bar che borbotta: "Non e' possibile... non lo sapevo... Il tizio si ferma e gli domanda: "Buon uomo cosa c’e'?". "Non so... ho appena scoperto di essere Cristo". "Ma che dici... Sei proprio ubriaco!". "Non ci credi? Entra con me nel bar". Il barbone si alza barcollando e entra nel bar con il tizio. Il barman appena lo vede esclama: "Cristo! Sei di nuovo qui ?".

38.  Tre amici escono per una cena e, mezzi ubriachi, decidono di andare in un bordello. Qui bevono ancora finche' uno dei tre e' cosi' ubriaco che si addormenta e i due amici decidono di fare del sesso. Vanno dal padrone del bordello e gli chiedono tre donne. Il padrone dice loro che ne ha solo due libere e quindi decidono di dare all' amico ubriaco una bambola gonfiabile. Dopo vari giorni si rivedono e uno dice: "La mia era una tigre, mi ha graffiato tutto". Il secondo dice: "La mia era una pantera... ho chiavato tutta notte". Il terzo dopo una breve riflessione dice: "La mia era una strega". I due amici si guardano e pensano: "Ma che cazzate dice questo... era cosi' ubriaco che gli abbiamo dato una bambola gonfiabile". Allora chiedono spiegazioni e il terzo dice: "Siamo entrati in camera e come prima cosa gli ho infilato due dita nel culo... e lei e' volata fuori dalla finestra..."

39.  Al bar un tizio, un po' brillo, dice al barman: "Mi ricordo la prima volta che ho adoperato l'alcool come sostituto delle donne". "Ah, si'! E cosa successe?".  E il tizio: "Bene, successe che il mio pene si conficco' nel collo della bottiglia".

40.  Due ubriachi litigano per strada in piena notte urlando a squarciagola, quando, dalla finestra del primo piano si affaccia un tizio che grida: "Basta con questo casino! Fatemi dormire!". Allora a uno dei due viene in mente di chiedere aiuto all'ex dormiente per risolvere una disputa: "Per favore ci aiuti a capire chi di noi due ha ragione. Se un giorno incontrasse un miliardario che le offrisse un milione per mangiare un cucchiaino di merda, lei cosa farebbe?". Il tizio, senza esitare, risponde: "Rifiuterei senz'altro !". L'ubriaco insiste: "E se le offrisse cento milioni?". Il tizio esita un po' e poi dice: "Rifiuterei". L'ubriaco insiste ancora: "E se le offrisse un miliardo ?". Allora il tizio senza esitare: "Accetterei senz'altro !". A questo punto l'ubriaco, rivolgendosi all'altro avvinazzato, gli dice: "Vedi? Avevo ragione io... in questo mondo, di mangiamerda ce ne sono un mucchio... sono i capitali che mancano !".

41.  Se litighi con un ubriaco, ricordati che offendi un assente. (proverbio cinese)

42.  Il 33% degli incidenti stradali mortali sono causati dall'abuso d'alcool; dunque il 67% degli incidenti mortali coinvolgono persone che non hanno bevuto; dunque, e' chiaro che la cosa piu' sicura da fare e' guidare ubriachi!

43.  Un tizio piuttosto alticcio entra in una chiesa e si fionda dentro un confessionale e non proferisce parola. Il prete tossicchia per attirare la sua attenzione ma lui continua a rimanere in silenzio. Allora il prete bussa sulla paratia per cercare di farlo parlare. Finalmente il tizio risponde:" E' inutile che bussi amico, non c'e' carta nemmeno in questo qui".

44.  Se bevi mentre stai guidando, bada che l'autoradio sia a volume massimo. Questo per non sentire il crash! (Henny Youngman)

45.  "Signora, lei e' brutta". "E lei e' sbronzo!". "Si', ma a me domani passa". (Winston Churchill)

46.  Come fai, quando sei ubriaco, per farti venire il vomito? Mettiti un dito nel culo e uno in gola... E se non funziona, inverti le dita...

47.  La polizia, un sabato notte, vede una macchina ferma e due uomini, uno appoggiato al cofano con le braghe abbassate e l'altro che gli sta infilando un dito in culo. Il poliziotto si ferma ed esce dalla macchina. Nota che i due tipi sono completamente ubriachi e chiede: "Ma che sta facendo?". E uno dei due: "Non vede che sto facendo vomitare il mio amico?". E il poliziotto: "Ma come? Mettendogli un dito in culo??". E l'ubriaco: "Embe'... Aspetti che lo tolgo e glielo metto in bocca... Voglio vedere se non vomita!!!"

48.  Perché gli ubriachi fischiano? Perché in quello stato prendono fischi per fiaschi.

49.  Quello che sta nel cuore del sobrio e' sulla lingua dell'ubriaco. (Plutarco)

50.  Due barboni si incontrano su una panchina del parco. Dice uno: "Io ho solo 300 lire". E l'altro: "E io solo 500 lire. Come facciamo a farci una bella bevuta?". Il primo allora ha un'idea: "Compriamo un wurstel, entriamo in un'osteria e ordiniamo da bere. Poi prima di andarcene, io tiro fuori il wurstel dalla patta dei pantaloni e tu fai finta di farmi un pompino. Sicuramente faremo scandalo e ci butteranno fuori subito. E senza pagare...". L'idea viene accettata e cosi' i due vanno a comprare il wurstel ed entrano in un'osteria. Ordinano da bere due fiaschi di vino e bevono a volonta'. Ad un certo punto, uno dei due tira fuori il wurstel e l'altro si inginocchia e fa finta di fargli un pompino. Subito l'oste si incazza, e sbatte fuori i due in malo modo. Visto che l'espediente funziona, decidono di continuare il giro delle osterie. Alla decima osteria, ormai sbronzi marci, si accasciano a terra. Dice il primo: "Accidenti, hic, come sono stanco. Mi fanno male le ginocchia, a furia di inginocchiarmi...". E l'altro: "A chi lo dici... cosa dovrei dire io, hic, che alla terza osteria, hic, ho perso il wurstel..."

51.  Beati i poveri di spirito, perché non si ubriacheranno mai! (Groucho di Dylan Dog)

52.  Il lavoro e' il flagello della classe dei bevitori. (Oscar Wilde)

53.  Un ubriaco in un parco vede un uomo che fa le flessioni e gli dice: "Scusi, non si e' accorto che qualcuno le ha rubato la donna da sotto?"

54.  Un uomo entra in un bar ed ordina un boccale di birra.  Trangugia in un fiato la birra ed una volta finita, inizia a sgranocchiare il boccale. Se lo mangia tutto lasciando solo il manico, paga e se ne va. Un cliente che stava seduto al bancone fa al barista: "Ma hai visto quello? S'e' mangiato il boccale... e' incredibile!". Il barista mettendosi in bocca il manico: "Eh gia'! E ha lasciato pure il meglio..."

55.  Un vecchio ubriacone e' sulla via del ritorno verso casa, alle 6:30 di mattina. Nella piazza dei giovani appassionati di sport fanno ginnastica, corrono, eseguono esercizi. L'ubriaco si avvicina ad un giovane che vigorosamente fa  flessioni e gli dice: "Ehi, cogliiionee... che casso stai faasciendo...!!  maa non ti sei acc..accorto che la tua ragassaa se ne e' andata da laa' soottoo...??"

56.  Un ubriaco esce dall'osteria perché gli scappa da vomitare. Si appoggia al muro e vomita su un cagnolino che stava li' accucciato. Dopo aver finito si passa la manica della giacca sulla bocca per pulirsi e nota il cagnolino tutto insudiciato di vomito: "Cazzo! Mica me lo ricordavo d'averlo mangiato!"

57.  Mio padre era conosciuto come l'ubriacone della citta'. Voglio dire, nella maggioranza dei casi non e' cosi' terribile, ma noi abitavamo a New York! (Henny Youngman)

58.  L'ubriachezza non è altro che volontaria follia. (Seneca)

59.  L'alcolizzato, sotto l'effetto dell'alcool, non e' piu' padrone di se' e perde la memoria. Puo' benissimo suicidarsi una sera, e non ricordare nulla il giorno dopo. (Jean Charles)

60.  Mio padre beveva molto. E` morto e mia madre mi ha proibito di fare altrettanto. (Jean Charles)

61.  Da giovane bevevo molto. Si vedeva perché camminavo come Elephant Man in un autolavaggio... Ho smesso quando mi sono ritrovato in autostrada, nudo e con le chiavi dell'auto nel culo. (Robin Williams)

62.  Un tizio incontra un suo amico che porta con se' un fiasco di vino. Lo vede ed esclama: "Hey, ce lo ciucciamo?". E l'altro: "Buona idea, ma prima beviamo il vino!"

63.  A un processo il giudice apostrofa l'imputato: "Lei camminava a zig-zag e cio' dimostra che era pieno di vino!". "Non è vero niente, signor giudice!". "E come lo dimostra?". "Anche i fiumi vanno a zig-zag, eppure sono pieni di acqua!"

64.  Un ragazzo un sabato sera sta tornando a casa dopo una festa completamente ubriaco, quando un'auto della polizia lo ferma e si rende subito conto, prima ancora della prova dell'etilometro, che e' ubriaco. Lo fanno uscire dalla macchina, ma mentre gli stanno controllando i documenti un incidente succede a pochi metri dal posto di blocco della polizia. I poliziotti lasciano l'ubriaco e vanno subito a portare i primi aiuti all'auto incidentata. Il tizio, visto che i poliziotti non si interessano piu' a lui, ne approfitta per salire in macchina e tornare a casa. Qui si mette a letto e si addormenta come un sasso. La mattina dopo viene svegliato da dei gran colpi che bussano violentemente alla porta. I genitori vanno ad aprire e davanti alla porta trovano la polizia che chiede se il figlio e' in casa. Questi non esitano a rispondere: "Certo, e' tornato da poco, ha messo l'auto in garage, anzi ha lasciato la porta del garage aperta". E la polizia: "Strano, abbiamo trovato la sua auto ad alcuni kilometri di distanza da qui". I genitori allora conducono i poliziotti in garage e trovano... l'auto della polizia con il faretto sul tettuccio ancora acceso!

65.  Cartello in un pub: "Chi beve per dimenticare è pregato di pagare in anticipo".

66.  Ad una festa un giovanotto si avvicina ad una ragazza : "Come vi rende bella lo champagne, signorina !" le dice. "Ma... veramente io non ne ho bevuto neanche un goccio!" risponde lei. "Ma io si', una bottiglia intera!"

67.  Alcolizzato: uno che beve come te e che ti sta antipatico. (Dylan Thomas)

68.  Ero cosi' ubriaco che l'altra notte sono caduto dal letto e ho mancato il pavimento. (Harry Crane)

69.  Mia nonna ha passato gli ottanta e non ha ancora bisogno degli occhiali. Beve direttamente dalla bottiglia. (Henny Youngman)

70.  I sette gradi dell'ubriacatura spagnola e messicana: 1) Borracho; 2) Muy borracho; 3) Cantos regionales; 4) Cantos patrioticos; 5) Cantos religiosos; 6) Negacion de la evidencia; 7) Insultos al clero. (Paolo Rossi, da Rebelot)

71.  Un ubriaco sale su un vaporetto con due enormi borse in plastica. Vede un controllore e gli chiede: "Dove posso mettere due chili di gamberetti ed un litro di vino?". Il controllore fa cenno colla mano: "Anche qui". E l'ubriaco vomita nel luogo indicatogli.

72.  Beveva per dimenticare: si ritrovò alcolizzato con un'idea fissa. (Giorgio Mazzoldi)

73.  Sobrieta': Condizione che rende il colpo di fulmine pressoche' impossibile.

74.  E' raro che gli ubriachi siano divertenti, a meno che non conoscano qualche bella canzone o perdano un sacco a poker. (Karyl Roosvlet)

75.  La notte scorsa ho detto alla mia ragazza quanto la amavo e lei mi ha risposto che dovevo essere uscito ancora a ubriacarmi. Io le ho chiesto perché diceva così e lei mi ha risposto: "Perché sono tuo padre". (Dave George)

76.  GUIDA PRATICA SUI SINTOMI PROVOCATI DAL CONSUMO DI ALCOOL.
Sintomi / cause / possibili soluzioni.

Sintomo: La parete di fronte a te è piena di luci.
Causa: Sei caduto all'indietro.
Soluzione: Posiziona il tuo corpo a 90° dal pavimento.

Sintomo: La tua bocca è piena di cenere di sigaretta.
Causa: Sei caduto con la faccia sul portacenere.
Soluzione: Ripulisci tutto e risciacquati la bocca con un buon gin-tonic.

Sintomo: Il suolo si sta muovendo.
Causa: Ti stanno trascinando.
Soluzione: Chiedi dove ti stanno portando.

Sintomo: Piedi freddi e umidi.
Causa: Il bicchiere è posizionato secondo un angolo scorretto.
Soluzione: Gira il bicchiere sino a quando la parte aperta è rivolta verso l'alto.

Sintomo: Piedi caldi e umidi.
Causa: Ti sei pisciato addosso.
Soluzione: Va ad asciugarti nel bagno più vicino.

Sintomo: Riflesso multiplo di teste che ti guardano fisso da uno specchio d'acqua.
Causa: Sei chino sul water, e stai cercando di vomitare.
Soluzione: Infilati le dita (in gola).

Sintomo: La gente produce un eco misterioso quando parla.
Causa: Ti stai mettendo il bicchiere del cocktail all'orecchio.
Soluzione: Piantala di fare il pagliaccio.

Sintomo: La discoteca si muove molto e la musica è molto ripetitiva.
Causa: Sei in ambulanza.
Soluzione: Non muoverti, possibile coma etilico.

Sintomo: Tuo padre sembra alterato e i tuoi fratelli ti guardano con curiosità.
Causa: Hai sbagliato casa.
Soluzione: Chiedi se ti possono indicare dove è la tua.

Sintomo: Una luce enorme della discoteca ti sta accecando.
Causa: Sei in strada ed è giorno.
Soluzione: Caffè, cornetto e ... sigaretta

Sintomo: il pavimento è torbido e sbiadito
Causa: stai guardando attraverso il bicchiere vuoto
Soluzione: riempi il bicchiere con un buon gintonic

77.  Indispensabile strumento di valutazione delle calamità etiliche, ecco la scala B... eaufort delle birre! Note:
1) le misure sono da 1/2 litro
2) l'autore è norvegese

DOSI - EFFETTO
0 Il pavimento è piatto.
1 L'umore sale, la mandibola comincia a tremare, accenno di onde nei capelli.
2 Accenno di sorriso ai lati della bocca, il pavimento è ancora piatto.
3 Leggera marea a terra, sempre più ragazze carine nel locale, altri drinks in vista, voce alta.
4 L'alta marea raggiunge anche i tavoli, i bicchieri più piccoli si rovesciano o cadono. Toni azzardati con le donne e persino palpate a caso.
5 La visibilità si abbassa, la navigazione procede in modo insoddisfacente. Arrivano onde alte, è un fiorire di drinks. La quantità  della parlata aumenta, il numero di vocaboli diminuisce. Sempre più audaci con le donne, qualsiasi soggetto diventa carina, approccio a qualsiasi donna in transito.
6 Visibilità scarsa. Problemi di orientamento. Alta marea e problemi di mantenimento di rotta. Vecchie barzellette vengono ripetute. Tutto è divertente. Piccole devastazioni e bicchieri rotti. I problemi mondiali vengono risolti. La potenza aumenta. Riduzione del numero di amici.
7 Visibilità ulteriormente ridotta. Controllo della rotta fuori uso. Ancora collisioni. Altri bicchieri rovesciati. Sedie pure rovesciate. Il problema dell'atomica viene risolto.
8 Visibilità zero. Comandi fuori uso. Funzione oratoria molto ridotta. Volano bicchieri in aria. I tavoli vengono rovesciati.
9 Impossibile raggiungere la toilette. La funzione corporea viene espletata localmente. Battaglia con bottiglie rotte. I tipi di Bergen cominciano a cantare. Altri si azzuffano. Quelli di Mor ridono. Gli eventi non vengono tuttavia percepiti.
10 Pavimento in rollìo, difficoltà nel rimanere in posizione eretta. Sedie che volano in aria. Tavoli rovesciati. Buttafuori buttati fuori. Violazioni di setti nasali e dei diritti umani. Potenza totalmente scomparsa.
11 Impossibile mantenersi eretti. I liquori peggiori vengono sparsi. Le lampade rimosse. La polizia arriva e riscompare immediatamente. Si aprono le finestre e si chiudono le porte. I tipi di Mor ridono, molto sangue su pavimenti e pareti.
12 Drink più forti in arrivo. Grandi distruzioni. Radiatori rimossi e gettati dalle finestre (già rotte). Arrivo dell'incoscienza. L'arrivo di ulteriori forze di polizia viene minimalizzato. La polizia che sfonda la porta è da morire dal ridere. Risate isteriche tra una vomitata e l'altra. Le assi del pavimento vengono rimosse, il resto del mobilio distrutto.

78.  Un tizio in un'osteria dialoga con un compagno di bevute: "A me basta un bicchiere per ubriacarmi... ma non mi ricordo se e' il 16° o il 17°.

79.  Non puoi dire di essere veramente ubriaco finché non ti sdrai sul pavimento cercando di abbracciarlo. (Dean Martin)

80.  Colmo per un ubriaco: dover tenere acqua in bocca.

81.  A Milano due tizi completamente ubriachi, uno triste e uno allegro, si scambiano un po' di confidenze. Quello allegro chiede all'altro: "Ma cos'e' che ti rende triste?". E il tizio triste: "E' che ogni volta che rientro a casa un po' brillo, mia moglie mi chiude a chiave la porta di casa in faccia e non mi fa entrare, per cui devo pernottare fino alla mattina dopo all'aperto al freddo. E per di piu' cio' mi provoca dei grattacapi con la polizia e il giorno dopo tutto il vicinato lo viene a sapere". L'altro allora gli dice: "Devi sapere che anch'io avevo lo stesso problema l'anno scorso, ma ho trovato la soluzione; anche mia moglie appena mi vedeva chiudeva la porta a chiave lasciandomi fuori al freddo. Ma io ho escogitato questo trucco: appena io suono il campanello e lei apre la porta io mi spoglio nudo e tiro dentro i miei vestiti. Cosi' mia moglie e' costretta a farmi entrare per evitare lo scandalo!". "Hai proprio ragione, voglio provare anch'io questo trucco gia' stasera quando torno a casa". Alcuni giorni dopo i due amici si ritrovano in giro per le osterie a bere e ad ubriacarsi. Ma il tizio triste e' ancora piu' triste. Il tizio allegro allora gli chiede: "Allora? Com'e' andata? Hai provato il mio metodo?". E l'altro: "Si', si', l'ho provato. Rientrando, ho suonato il campanello, la porta s'e' aperta, mi sono tolto tutti i vestiti, la porta si e' aperta e io ho lanciato i miei vestiti. Poi la porta si e' chiusa e ho sentito una voce che diceva: 'Prossima fermata: Piazza Colonna' ".

82.  Colmo per un tassista di Monaco di Baviera: guidare ubriaco a tutta birra. (DrZap)

83.  Un passeggero arriva di notte in un albergo e chiede una stanza per passare la notte. Ma l'albergatore gli dice che non ci sono camere libere. Il passeggero insiste: "Vi prego, sono stanchissimo e domani mattina presto devo riprendere il mio viaggio. Mi accontenterei di poco". Albergatore: "Guardi, c'è una camera doppia con un letto libero. L'altro letto ce l'ha un ubriacone che è continuamente in stato di ebbrezza. Se se ne va di mattina presto non si dovrebbe accorgere della sua presenza". Il passeggero accetta e così va nella camera e si mette a dormire. L'ubriacone accanto non si accorge di niente. In piena notte viene al passeggero una terribile diarrea. Si alza, ma si accorge che non riuscirebbe mai ad arrivare fino al bagno. Così alza il pigiama dell'ubriacone e ci caga dentro. "Tanto - pensa - essendo lui un ubriacone penserà di essersi cagato addosso". Di mattina presto si alza e se ne va. Più tardi l'ubriacone si sveglia. Sente la puzza e la sensazione sgradevole di chi si è cagato addosso. Però c'è qualcosa che non lo convince. "Cazzo! - pensa - ma come ho fatto a cagarmi fuori dalle mutande!?"

84.  Un tizio ben ubriaco entra in un bar e rimane un momento appoggiato al montante della porta per non cadere e quindi ne approfitta per dare un'occhiata all'interno della sala. Appena vede una bella ragazza seduta all'altro lato del bar si dirige verso di lei zigzagando e, arrivatole vicino, mette le sue due mani grandi aperte sulla zona pubica della ragazza. La tizia si gira istantaneamente e lo schiaffeggia violentemente. Il tizio si scusa e spiega: "Sono desolato, signorina, pensavo voi foste mia moglie. Vi assomigliate moltissimo tratto per tratto". Al che la ragazza lo insulta violentemente: "Specie di farabutto, buono a niente, villano, stronzo, miserabile figlio di puttana!". E il tizio: "E' incredibile, le assomigliate molto anche nel modo di parlare!".

85.  Una signora cade dal balcone mentre sta lavando i vetri e si infila a testa in giù in un cassonetto della spazzatura. Un ubriaco esce da un bar e nota le due gambe che escono dal cassonetto, si avvicina e con la mano sposta le mutande della povera signora, scuote la testa e ritorna nel bar a chiamare un suo amico ubriaco pure lui. "Vieni con me, ti devo fare vedere una cosa!!!". Insieme si avvicinano al cassonetto. L'ubriaco sposta di nuovo le mutande ed esclama: "E' un po' usata... ma io non l'avrei buttata via..."

86.  Colmo per un ubriacone: trovarsi con l'acqua alla gola.

87.  Dopo aver passato quasi tutte le birrerie della cittadina, due amici decidono di andare a casa di uno di loro a bere un'ultima birra. Davanti alla porta dice uno: "ssssssssssssssst! silenzio! Mia moglie di sicuro dorme già!". In silenzio entrano nell'appartamento, uno va in cucina e l'altro da un'occhiata in camera da letto. Ritornando in cucina tutto eccitato dice all'altro: "C'è un altro a letto con tua moglie !". L'altro: "Fai silenzio! Ho solo due birre!"

88.  Un ubriacone entra in un bar e, pur non avendo il becco di un quattrino, ordina una birra. Gliela servono, si ritira in fondo al locale e se la beve. A quel punto, non sapendo come pagarla, gli viene il lampo di genio: piscia nel boccale riempiendolo, e ritorna al bancone rivolgendosi al barista: "Barista, questa birra fa schifo.... senta com'è calda!". Il barista tocca il boccale, lo sente ovviamente caldo e si scusa: "La prego, mi scusi, gliela cambio subito...". E l'ubriacone: "No, qui il servizio è pessimo, me ne vado a bere da un'altra parte". Il tirchio barista, non volendo buttare via un boccale di quella che crede - seppure calda - birra, lo rimette in frigo. Qualche ora dopo entra nel locale un altro avventore che chiede - guarda caso - un boccale di birra. Il barista, furbacchione, tira fuori dal frigo il boccale ormai raffreddato e lo serve all'avventore. Questi lo abbocca tirando una lunga sorsata, e poi, schioccando la bocca dice: "Ecco... quel che ci vorrebbe adesso è un bel panino alla merda...."

89.  Una bella poliziotta vede un automobilista bere mentre guida e lo ferma. Dopo averlo fatto scendere dalla macchina e visto che è chiaramente ubriaco gli dice: "Signore, lei è in arresto. La avverto che tutto quello che dirà potrà essere e verrà usato contro di lei." L'ubriaco la guarda pensoso per un momento e poi fa: "T E T T E".

90.  Io ho cercato di farmi aiutare. Ho cercato di farmi aiutare dalla religione... piu' precisamente dal vin santo. Un bicchiere mi sentivo diversa... mezza bottiglia... mi sentivo un'altra. Ma proprio un'altra, una certa Rebecca. Poi volevo farmi arancione. Ero decisa. Mio marito mi ha fatta nera. Ho provato con la New Age. Mi sentivo un'energia che mi percorreva, un calore. Avevo il fuoco di S. Antonio. (da "Delitto nel frigo") (Simonetta Guarino)

91.  Qual e' il frate piu' beone: Fra-scati. (G. Cavallo)

92.  Quando un automobilista dimostra gran presenza di spirito? Quando guida ubriaco.

93.  Un signore ubriaco giunge in una chiesa nel bel mezzo di un battesimo e getta la testa nell'acqua benedetta. Il prete lo guarda attentamente e gli fa: "Scusi... e' pronto per cercare Gesu'?". L'ubriaco lo guarda a sua volta e risponde: "Si' lo sono!!". Allora il prete lo tuffa per bene con la testa sott'acqua e poi lo tira fuori e gli fa: "Ha trovato Gesu'?". "No!!" risponde l'ubriaco. Allora il prete lo rituffa nuovamente con la testa sott'acqua, lasciandocelo qualche secondo in piu', e poi lo tira fuori e gli fa: "E ora fratello, ha trovato Gesu'?". "No!!" risponde di nuovo l'ubriaco. Disgustato, il prete lo tiene sott'acqua per almeno 30 secondi, poi lo tira fuori e chiede: "Allora, ha trovato Gesu'?". L'ubriaco si asciuga gli occhi e fa: "E' proprio sicuro che sia caduto li' dentro??"

94.  Un ragazzo un po' alticcio va dal barista e gli chiede dov'e' il bagno. Il barista glielo indica e il ragazzo si incammina verso la toilette. All'improvviso si sente un urlo fortissimo e tutti si chiedono che diavolo stia facendo il tipo nel bagno. Passano alcuni minuti e si ode di nuovo un urlo selvaggio provenire dal bagno. Stavolta il barista va nel bagno, per vedere cosa stia facendo il ragazzo ubriaco, apre la porta e gli chiede: "Che hai da urlare? Stai spaventando tutti i clienti!!!". Il ragazzo risponde: "Ogni volta che mi siedo sul water qualcosa viene su e mi afferra e mi stringe le palle!!!". Il barista allora guarda dentro e fa: "Nessun problema, ti sei solo seduto sul secchiello del mocho". (Fashanu)

95.  Un ubriaco rientra a casa alle 3 del mattino e sua moglie, che lo sta aspettando sveglia, lo rimprovera: "Ma ti sembra questa l'ora di venire a casa?". E l'ubriaco: "Lucia, ma a quest'ora è l'unico posto aperto!"

96.  Colmo per un ubriaco che abita in riva al Po: bere un Po di vino.

97.  Bevi bevi: Un vademecum indispensabile per le uscite con gli amici.
Doposbronza di primo livello
Niente dolore. Nessuna vera sensazione di malessere. Il sonno della notte precedente è stato un po' troppo breve, ma ci stai abbastanza dentro. Ringrazia gli dei di funzionare piuttosto bene. Tuttavia, hai una sete fottuta, che ti rimane anche se ti bevi dieci coca-cola. Anche se sei vegetariano, senti il bisogno di mangiarti una bella bistecca al sangue.
Doposbronza di secondo livello
Ancora niente dolore, ma c'è qualcosa che non va. L'aspetto è più o meno regolare, ma hai il livello d'attenzione e la capacità intellettuale di una graffettatrice. I dodici caffè che hai bevuto per cercare di schiarirti la mente non fanno nient'altro che peggiorare la situazione nel tuo stomaco, che richiede a gran voce cibo a manetta (possibilmente roba adeguatamente unta). L'ultimo viaggio al cesso è stato una esperienza preoccupante, che ti ha fatto temporaneamente pensare di cambiare vita e diventare astemio. Nonostante il tuo comportamento in ufficio sia apparentemente normale, in realtà stai solo fingendo - l'unica cosa che riesci a fare è chattare un po' e guardare del porno.
Doposbronza di terzo livello
Un po' di mal di testa. Ti senti di avere un formichiere nello stomaco. La tua produttività è superiore solo a quella del tuo capo. Ogni volta che senti del profumo femminile hai un attacco di nausea, perché ti ricorda gli shot che ti sei bevuto a fine serata al baracchino al parco, dopo che ti hanno sbattuto fuori da ogni locale che hai frequentato. In questo momento, il tuo unico desiderio sarebbe essere a letto, con due litri di succo d'arancia e una considerevole provvista di brioche e, soprattutto, gli occhi chiusi. Finora hai bevuto sei caffè, due lattine di coca-cola, un litro e mezzo d'acqua e due spremute - ma non ti viene da pisciare.
Doposbronza di quarto livello
Brutto davvero. Ti sembra di avere una combriccola di gnomi che saltellano nelle tempie. Non riesci a parlare troppo in fretta sennò ti viene da vomitare. Il capo ti ha fatto una scenata da mezzora perché sei arrivato in ritardo e puzzi ancora di alcool. Hai cercato di curare il tuo aspetto prima di uscire, ma hai dimenticato dei particolari essenziali, come la barba sulla guancia sinistra o il fondotinta. La lingua è ricoperta da uno strato di licheni, hai l'impressione che qualcuno ti abbia rovesciato del vetro tritato negli occhi (impressione confermata anche dalla quantità di sangue che li permea), e i tuoi capelli sono impastati sul lato sinistro del cranio. Uccideresti i tuoi genitori per avere una qualunque delle seguenti opportunità:
1. Le sei di pomeriggio arrivano in 5 minuti
2. Due bustine di Aulin e una scatola di bicarbonato
3. Una macchina del tempo per tornare a ieri sera e rimanere a casa
Doposbronza di quinto livello (o Inferno Dantesco)
Sei certo che il tuo cervello stia esplodendo. Il pulsare che hai alle tempie è così forte che lo sente anche il tizio della scrivania di fronte. I tuoi pori trasudano vapori di vodka, che ti stanno riubriacando. Hai dei resti di dentifricio agli angoli della bocca, ma i denti sono ancora sporchi e l'alito è pestilenziale. Il tuo corpo ha completamente perso ogni capacità di generare saliva, e la tua lingua si sta gonfiando tanto da rendere probabile un'asfissia. Ti metteresti a piangere, ma non puoi permetterti di sciupare neanche una goccia di liquido. La morte è una prospettiva piuttosto allettante. Il tuo capo non ti fa neanche scenate, e i tuoi colleghi non ti rivolgono la parola perché sei così conciato che pensano a un lutto in famiglia. Avresti dovuto prenderti una giornata di malattia, perché l'unica cosa che riesci a fare è lamentarti sommessamente di tanto in tanto. La cosa peggiore è che non sai neanche di "cosa" lamentarti: non ti ricordi con chi sei uscito ieri sera, dove siete andati, cosa hai bevuto e perché c'è qualcuno che non conosci che sta ancora dormendo nel tuo letto. L'unica cosa che puoi fare è fumarti qualche sigaretta (che accendi dalla parte sbagliata una volta su due) e svenire. Quando ti riprendi, dopo qualche ora, tutto va bene: sei solo al quarto livello... (Lord Yoruno)

98.  Il marito torna ubriaco fradicio a casa. Si ficca nel letto e dice alla moglie: "Cara, facciamo l'amore?!?". E lei disgustata dal lezzo: "In questo stato?!?!". "E che per farci una scopata dobbiamo andare in Svizzera?!?"

99.  Un ubriaco torna a casa la sera e traffica invano con la chiave cercando di infilarla nella serratura. La moglie dal piano di sopra lo sente e gli chiede: "Vuoi che ti butti la chiave?" "No, la chiave ce l'ho, piuttosto buttami la serratura che questa non va piu' bene!"

100.                Un tizio, mentre si reca a Gardaland di notte, sbanda pericolosamente. Una pattuglia di carabinieri ferma la macchina e uno di loro chiede al tizio: "Scusi, ma lei è ubriaco?!?". E il nostro eroe, guardandolo a fatica in faccia, gli risponde: "Meno male, pensavo si fosse rotto lo sterzo". (tinmartin)

101.                Un giorno un poveraccio, con gli abiti tutti stracciati, dopo aver passato in rassegna diverse osterie ed essersi ubriacato si reca ai mercati generali e dicendo ad un operaio che ogni ubriaco ha un senso molto piu' sviluppato degli altri lo distoglie dal suo lavoro e gli frega una anguilla che si infila in tasca. Dopo un po' che passeggia per la citta' gli viene voglia di fare pipi', si tira giu' la lampo e, siccome si trova anche con le tasche rotte, estrae l'arnese e comincia a scrollarlo, a incitarlo, a fargli complimenti. Ad un certo punto abbassa lo sguardo e dice stupito: "Che fossi bello lo sapevo, ma quei due occhietti azzurri in punta non li avevo mai visti".

102.                Sbronzo: Terzo classificato in una gara di beoni.

103.                Osteria: Porto franco dei dispiaceri. (Carlo Dossi)

104.                Una sera un tedesco va al bar dicendo: "Ja, qualcosa di forte!". Il barista gli da' un cognac. Ogni sera successiva lo stesso tedesco si presenta al barista al quale chiede: "Ja, qualcosa di ancora piu' forte!". Il barista comincia a dargli grappa, vodka, tequila, ma siccome non basta mai alla fine gli da' un bicchiere di petrolio. Il giorno dopo il tedesco torna e dice: "Ja, per favore, qualcosa di forte... ma non come kwello di ieri. Io avere fatto aria e bruciato pantaloni!".

105.                Due amiche il giorno dopo una serata in discoteca: "Ciao, ieri ho preso due Martini, e oggi non ti dico come ho lo stomaco". E l'altra ribatte: "Ma va': io invece ho preso due negroni e oggi mi brucia ancora il culo!". Morale: Le dimensioni contano, ECCOME!

106.                Marco ha fatto il pieno in birreria. Va all'ufficio collocamento e dice: "Sono senza lavoro, vorrei un posto". L'impiegata chiede: "Le sue capacità?". "Oltre 10 medie!". (Mr Oba Oba)

107.                L'ubriacone ha fatto fiasco. (Mauroemme)

108.                Giovanni si sveglia a casa sua con un terribile dopo-sbornia. Si costringe ad aprire gli occhi, e la prima cosa che vede è un paio di aspirine ed un  bicchiere di acqua sul tavolino accanto. Si siede e vede i suoi abiti di fronte a lui, tutti puliti e stirati. Guarda attorno la stanza e la vede tutta ordinata, immacolata, pulita. Come pure il resto della casa. Allora nel prendere le aspirine si accorge di un biglietto sul tavolino: "Caro, la colazione è sui fornelli, io sono uscita presto per andare a fare la spesa. Ti amo". Quindi, Giovanni si reca in cucina dove trova la colazione calda e il giornale del mattino. Suo figlio è ancora a tavola, e sta mangiando. Giovanni gli chiede: "Caro, cosa e' successo stanotte ?". E il figlio: "OK, sei ritornato a casa dopo le 3, ubriaco e fuori di testa. Hai rotto un po' di mobili, vomitato nell'atrio e ti sei fatto un occhio nero quando sei inciampato nella porta". Confuso, Giovanni chiede: "E allora perché è tutto in ordine e così pulito e la colazione è gia' pronta in tavola per me?". E il figlio: "Oh quello! Mamma ti ha trascinato fino alla camera da letto e quando ha tentato di toglierti i pantaloni tu hai detto: "Signora, mi lasci in pace... sono sposato !". (Lady of the Rings)

109.                COSE DIFFICILI DA DIRE QUANDO SEI UBRIACO
Indubbiamente
Innovativo
Preliminario
Proliferazione
Cinnamomo

COSE MOLTO DIFFICILI DA DIRE QUANDO SEI UBRIACO
Specificità
Costituzione Italiana
Disturbo passivo-aggressivo
Transustanziale Loquace

COSE ASSOLUTAMENTE IMPOSSIBILI DA DIRE QUANDO SEI UBRIACO
Grazie, ma non voglio fare sesso, sono sposato
No, per me basta alcolici
Mi dispiace, ma davvero tu non sei il mio tipo
Buona sera agente, non è una magnifica serata questa?   
No grazie, non ho fame.
Oh, non posso! A nessuno piace starmi a sentire cantare.
Grazie, ma non cercherò di ballare, non  ho coordinazione. Non sopporterei di rendermi ridicolo!

(Xander)(con aggiunte di Slartibartfast)

110.                Beati gli ubriaconi, perché vedranno Dio, due volte. (Mauroemme)

111.                Quanti friulani ci vogliono per cambiare una lampadina? Due. Uno la sostiene e l'altro beve finche' la stanza non comincia a girare. (Mauroemme)

112.                Un ubriaco in auto viene fermato dai vigili: "Prego, ci fornisca la patente". E l'ubriaco con voce impastata: "Ma come? Ve l'ho data ieri e gia' l'avete persa?!"

113.                Due amici stanno passeggiando per strada quando vedono due cani che si stanno accoppiando. Uno dei due dice: "Secondo me quello è il modo migliore di fare sesso!!". E l'amico: "Non credo che mia moglie sarebbe d'accordo, è un po' tradizionalista". Allora l'altro gli consiglia di far ubriacare sua moglie con qualche bicchiere di Martini e poi passare all'azione. Il giorno dopo i due si incontrano: "Allora come è andata, sei riuscito a convincere tua moglie?". "Sì, ma è stata dura, ci sono voluti 10 Martini". "Dieci??!!" "Sì, dopo due era brilla, ma ce ne sono voluti altri otto per convincerla a venire fuori in strada!"

114.                Cosa fa un ubriaco con la sveglia al collo, appoggiato ad una parete ? Il fuso... orario. (Athros)

115.                L'ubriachezza... è un suicidio temporaneo. (Bertrand Russell)

116.                Ieri mi hanno ritirato la patente. Sono uscito dal ristorante dopo un lauto banchetto irrorato da vini eccezionali tutto ubriaco e quando i vigili  mi hanno fermato e mi hanno ordinato di soffiare sul palloncino io ho soffiato nelle labbra del vigile pacioccone. Beh, direte voi, per forza che ti hanno ritirato la patente! E si', in effetti il viso del vigile e' diventato rosso rosso!! (DrZap)

117.                Un tale entra in casa di un amico con una bottiglia di vino in mano: "Ehi, ce la facciamo una bella ciucciata?". "D'accordo. Ma la bottiglia per cos'è, per festeggiare?". (Mauroemme)

118.                Due ubriachi. Uno fa all'altro: "Ehi, John, vedo doppio". "Anche io, Jack". "Allora siamo in quattro". "Sembra di si, Jack". "Partitina a Bridge?".

119.                L'astemio: "E' vero che hai cercato di smettere di bere?". L'ubriancone: "Sì, ma ho fatto fiasco!". (Scirio)

120.                "Non sono ubriaca". "Ma come, se ti metto uno stoppino in bocca brucerà per settimane". (da "Sliding doors", regia di Peter Howitt)

121.                Le due persone che disprezzo di più? Osservare me stesso quando sono ubriaco. (Paolo)

122.                Un alcolizzato e' uno con ambedue i piedi saldamente piantati a mezz'aria. (An alcoholic is someone with both feet firmly planted in mid-air)

123.                I bevitori sono tutti dei gran sporcaccioni: quando finiscono una bottiglia guardano sempre il culo!! (E_A_N-8)

124.                Il marito ritorna a casa alle ore piccole, naturalmente sbronzo. La moglie lo aspetta con la scopa in mano. Nonostante i fumi dell'alcol, il marito dice alla donna: "Ti sei alzata presto per pulire la casa oppure stai per prendere il volo con la scopa?". (da "Uffa!")

125.                Al ristorante, il cameriere domanda ad una donna se vuole del vino. La donna: "No, grazie... purtroppo mi crea problemi alle gambe". Il cameriere: "Problemi di circolazione?". E la donna: "No... me le fa aprire". (DK-WAMP)

126.                Al bar Giovanni e Mario sono alle prese con la decima birra. Giovanni: "Sai che ho appena comperato un'auto elettrica?". Mario: "Ah certo, bassi consumi e non inquinano". Giovanni: "No, l' ho comperata perché è silenziosissima!". Mario: "Ed è importante?". Giovanni: "Importantissimo. Io rientro a casa alle quattro di notte, e l'auto non fa nessun rumore. Apro il portone col telecomando ed è silenziosissimo. Il cane non mi sente perché ho isolato acusticamente la cuccia, inoltre ho sostituito le scale di legno con scalini di pietra, ricoperti da moquette. Infine ho eliminato tutte le porte, e cambiato il materasso con uno assolutamente silenzioso. Ho speso decine di migliaia d'euro per insonorizzare tutta la casa". Mario: "Ma perché?". Giovanni: "Per non farmi sentire da mia moglie, ti assicuro che quando torno a casa sono silenziosissimo, eppure appena mi sdraio al suo fianco lei apre gli occhi e comincia ad insultarmi". Mario: "Buffo, io rientro alla stessa ora. Ho un'auto rumorosa, sbatto con violenza la porta del garage, se il cane abbaia gli mollo due calci, vado in bagno e fischiettando mi faccio una pisciata, salgo in camera sempre fischiettando, e mi levo le scarpe gettandole in un angolo. Poi mi butto sul letto, e muovo anche mia moglie per farmi posto, e ti assicuro che nonostante tutto questo casino lei non si sveglia". Giovanni: "Ma è impossibile! Qual è il tuo segreto?". Mario: "Prima di coricarmi urlo alcune parole a mia moglie". Giovanni: "Cosa le urli?". Mario: "PUTTANA, SVEGLIATI CHE HO VOGLIA DI SCOPARE". Giovanni: "E lei?". Mario: "Ti giuro che non si è mai svegliata". (Bilbo Baggins)

127.                Un gruppo d'alcolisti anonimi s'incontra tutti i giovedì, ognuno a turno si alza e racconta come ha passato la settimana. "Io mi chiamo Giovanni, sono un alcolista e sono asciutto da tre settimane". Urla d'incoraggiamento " Bravo Giovanni, continua così". "Io mi chiamo Giacomo, sono un alcolista e sono asciutto da tre mesi". Urla d'incoraggiamento: " Bravo Giacomo, continua così". "Io mi chiamo Aldo, sono un alcolista e purtroppo lunedì scorso sono entrato in un bar e ho bevuto". "Ho no! Che peccato! E dopo aver bevuto cosa hai fatto?". "Ho cercato di rimorchiare una ragazza, purtroppo nessuna ha voluto accettare la mia compagnia, così mi sono arrabbiato e ho bevuto ancora". "E dopo cosa hai fatto?". "Sono uscito dal bar ed ero arrabbiatissimo, poi in un vicolo oscuro ho incontrato una cagna, credo fosse un pastore tedesco, e per sfogarmi me la sono fatta". "Che cosa hai fatto? Ma è orribile". "Non è tutto amici, ieri mi è capitata la stessa cosa, ero ubriaco e ho incontrato una bella cagnetta, credo fosse un Labrador, e così me la sono fatta". "Ancora? Ma è veramente orribile! Quanto in basso puoi ancora scendere povero Aldo?". "Pensavo...  Chihuahua?". (Bilbo Baggins)

128.                Un uomo si sveglia con i postumi di una tremenda sbornia. Si sforza di aprire gli occhi, e la prima cosa che vede è un bicchiere d'acqua ed un tubetto d'aspirine, premurosamente posti sul tavolino da notte. Stupito, siede sul bordo del letto e vede i suoi abiti, accuratamente ripuliti e stirati e un biglietto accanto, su cui trova scritto; "sono in cucina a prepararti una buona colazione, scendi quando vuoi. La tua adorata moglie che ti ama tanto." Perplesso, l'uomo scende in cucina e trova la moglie che canticchiando allegramente sta cucinando delle frittelle. La donna vedendolo sorride e gli indica di sedersi a tavola. "Tutto a posto tesoro. I ragazzi sono a scuola, ed ho telefonato alla tua ditta che oggi ti prendi un giorno libero, ora rilassati e mangia tranquillamente." L'uomo è sempre più stupito. "Uhm.. credevo fosti arrabbiata". "Perché dovrei essere arrabbiata? Solo perché ieri era il nostro anniversario di matrimonio? E tu sei uscito con gli amici? E sei rientrato alle due di notte del tutto sbronzo? E non trovando le chiavi hai picchiato alla porta, svegliando anche i vicini? Dovrei essere arrabbiata, perché davanti a loro mi hai chiamato puttana? E perché avevi bevuto talmente tanto che entrando hai vomitato nel portaombrelli?". "Ho fatto tutto questo? E tu non sei furiosa?". "Sono felice amore, non ricordi cosa è successo dopo?". "No, non ricordo. Che cosa ho combinato ancora?". "Ero rabbiosa, ti ho afferrato per un orecchio e trascinato in camera, poi ti ho spinto sul letto ed ho iniziato a spogliarti, ma mentre ti toglievo i pantaloni mi hai detto una cosa dolcissima, e la mia rabbia è sparita all'istante". "Non ricordo, cosa ti ho detto?". "Hai detto: lasciami in pace puttana. Sono sposato con una donna che vale cento troie come te!". (Bilbo Baggins)

129.                Lei: "Come ti permetti di tornare a casa mezzo ubriaco?". Lui: "Non è colpa mia... ho finito i soldi".

130.                Il dottore mi ha dato un rimedio eccezionale per smettere di bere. Mi ha consigliato di muovere la testa lentamente prima da destra a sinistra e poi da sinistra a destra, per diverse volte. Allora gli ho chiesto quando, se prima o dopo i pasti, e lui mi ha risposto che basta che lo faccia ogni volta che qualcuno mi offre un bicchiere. (Mauroemme)

131.                Siamo a una festa estiva notturna in un bosco. Tutti si divertono e scorrono fiumi di birra. Improvvisamente, scoppia un forte temporale. Due giovanotti corrono per 10 minuti sotto la pioggia, fino a raggiungere la loro auto. Subito dopo smette di piovere, i due ragazzi bevono ancora qualche birra, scherzano e ridono, accendono il motore e partono. Tutt'a un tratto qualcuno bussa al finestrino: e' un vecchio signore che li spaventa molto. "Ahhhh! Che cosa vuole?". Il vecchio risponde: "Avete per caso una sigaretta?". Il ragazzo, ancora spaventato, gli porge una sigaretta e poi grida all'autista: "Dai, premi sull'acceleratore, andiamo via in fretta!". Quando raggiungono i cento chilometri orari si sentono piu' tranquilli e ricominciano a ridere. Poi si chiedono: "Ma come avra' fatto quell'uomo a raggiungerci? Stiamo andando veloce!". Appena finito di parlare, sentono di nuovo bussare al finestrino, e vedono lo stesso vecchietto. Terrorizzati, ascoltano la sua domanda: "Avete da accendere?". Il ragazzo a fianco del conducente gli butta un accendino, poi chiude il finestrino e urla: "Vai a tavoletta, presto!". A questo punto stanno andando a 120 chilometri orari, e bevono un'altra birretta per dimenticare l'accaduto, quando improvvisamente sentono di nuovo bussare al finestrino. "OH MAMMA MIA! E' DI NUOVO QUI!". Il ragazzo tira un po' giu' il finestrino e grida spaventatissimo: "CHE COSA VUOI?". Il vecchio risponde: "Volete che vi aiuti a spingere la macchina per uscire dal fango?". (da Uffa!)

132.                Un uomo sta per entrare nella metropolitana di Londra, ma un poliziotto lo ferma: "Ehi, lei, dove crede di andare?! E' vietato entrare nella metropolitana in stato di ubriachezza!!". "Mannaggia, ma... puo' descrivermi cosa... cosa c'e' li' dentro?!". "Beh, ci sono i treni, le scale elettriche. Ma, scusi, lei e' Londinese?". "Precisamente... Irlandese... ma vivo... da sempre a Londra". "E lei mi sta dicendo che non ha mai visto la metropolitana?!!". "Beh... non mi ci fanno mai entrare!". (Mario)

133.                Un ubriaco all'altro: "Ma perché bevi il vino con la cannuccia?". "Perché il medico mi ha detto di non alzare il gomito". (E_A_N-8)

134.                C'è un ubriaco che dovendo andar di corpo, si cala i pantaloni e si accovaccia in mezzo alla strada. Subito arriva un agente che gli dice: "Non si vergogna? Si rialzi immediatamente". "Mi scusi ma non posso, non riesco più a tenerla!". "Se non la smette subito, sarò costretto a chiamare un collega". "Guardi non si disturbi, gliene faccio uno io" *

135.                Alle quattro del mattino, un uomo torna a casa un poco brillo. Per nascondere l'odore dell'alcol, passa dalla cucina e beve una spremuta di limone, poi va in camera e senza far rumore si spoglia, e si corica accanto alla moglie addormentata. Al mattino il poveretto è bruscamente risvegliato dalla donna: "Svegliati maledetto ubriacone". "Non rompere donna, che ho bevuto solo un paio di birre con gli amici". "Solo un paio di birre?". "Sicuro. E inoltre sono rientrato abbastanza presto, ma tu dormivi e ho cercato di non svegliarti". "Davvero? E sei tornato a casa prima o dopo, che il canarino si suicidasse nello spremiagrumi?". (Bilbo Baggins)

136.                Un generale si sveglia una mattina dopo una notte di stravizi. Non ricorda niente di quello che e' successo la notte prima. D'improvviso vede il suo servitore pulire la sua uniforme tutta sporca di vomito. Il generale pensa: "Ma che vergogna di aver sporcato l'uniforme! Devo inventare qualcosa!". E dice al domestico: "Ieri sono stato a un ballo e la' un ufficiale ubriaco fradicio mi ha vomitato sull'uniforme! Gli daro' cinque giorni di arresto!". E il domestico: "No, signor generale, gliene dovrebbe dare dieci: quell'ufficiale le ha anche fatto la cacca nei pantaloni!". (da "Uffa!")

137.                Quattro vecchietti bevono e giocano a briscola. Uno di loro è un po' esagitato. "Dammi un carico che ho briscola". "No! Il carico non te lo do". "Ti dico che ho una bella briscola, dammi un carico!". "No! Niente carico, posso darti dei punti". "Ti venisse un colpo... DAMMI UN CARICO!". "Piantala rompiballe! Invece del carico ti do una bottigliata in testa". KRAAAASHH!!! Così viene chiamata un'ambulanza e il terribile vecchietto è portato all'ospedale con una profonda ferita alla testa. WHUEEEEEE WHUUEEEEEE WHUUEEEEEEEE..All'arrivo al policlinico un dottorino arriva di corsa, esamina la ferita e dice: "E' profonda, dovrò darle dei punti". E il vecchietto: "NON VOGLIO DEI PUNTI... VOGLIO UN CARICO!!! (Bilbo Baggins)

138.                Torno a casa e ti dico: "Sei la donna della mia vita". E tu mi dici: "Ti sei ubriacato di nuovo". E io ti dico: "Ma amore, io ti amo, perché mi dici questo?". E tu: "Perché sono tuo padre...". (Luigi)

139.                Due amici bevono all'osteria. Uno si vomita addosso. "Cazzo - dice -mia moglie mi farà un culo così !". "Non preoccuparti - fa l'altro - mettiti 50 euro nel taschino e dille che è un altro che ti ha vomitato addosso e ti ha dato 50 euro per pulire l'abito". "Caspita! Tu sei davvero furbo !". Si mette una banconota nel taschino e i 2 ricominciano a bere come porci. A notte fonda, il nostro amico rientra a casa e la moglie lo aggredisce: "Porco, schifoso, ti sei addirittura vomitato addosso!". "No, fa lui, è stato un altro... e mi ha messo 50 euro nel taschino per la lavanderia !". "Vediamo - fa lei - ma questi sono 100 euro !". "Ah già, dimenticavo che mi ha pure cagato nei pantaloni !"

140.                Uno studente alloggiato in un pensionato, viene scoperto dal direttore con una damigiana di vino in camera. "No guardi; non e' come sembra." si difende lo studente."Il mio dottore ha detto che avrei dovuto fare del sollevamento pesi per irrobustirmi un po'". "Ma va?" Chiede ironico il direttore. "E funziona?". "Certo! Pensi che una settimana fa quando ho portato su la damigiana ho sudato le proverbiali sette camicie. E adesso la sollevo con una mano sola!"

141.                Devo affrontare la realtà: io ho il problema del bere. Dove mettere tutte quelle bottiglie vuote? (Bilbo Baggins)

142.                Un uomo ubriaco entra in un bar e grida: "Buon anno a tutti!!!". "Scusi, sa... - gli fa notare il barista - guardi che siamo in ottobre!". "Ottobre? No! Questa volta mia moglie mi uccide: non ero mai rientrato così tardi!!!"

143.                La Dichiarazione dei Diritti del Beone e dell'Alticcio. I rappresentati degli Etilizzati, costituiti in Assemblea Nazionale, considerando che l’ignoranza, l’oblio ed il disprezzo dell’alcool e dei diritti dei beoni sono le uniche cause delle sciagure pubbliche e della corruzione dei governi,hanno stabilito di esporre, in una solenne dichiarazione, i diritti naturali, inalienabili e sacri dei beoni,affinché questa dichiarazione costantemente presente a tutti gli ubriachi del corpo sociale, rammenti loro incessantemente i loro diritti e i loro doveri di etilisti;affinché maggior rispetto ritraggano gli atti del Potere legislativo e quelli del Potere esecutivo da poter essere, in ogni istanza ed in ogni cantina, paragonati con il fine di ogni istituzione politica;affinché i reclami dei beoni, fondati da ora innanzi su dei principi semplici ed incontestabili, abbiano sempre per risultato il mantenimento del tasso alcoolemico nel sangue per la felicità di tutti. In conseguenza, l’Assemblea Nazionale riconosce e dichiara, in presenza e sotto gli auspici di Bacco, l’Essere Supremo, i seguenti

Diritti del Beone e dell’Alticcio
Articolo 1
I beoni nascono e rimangono ubriachi ed uguali nei diritti. Le distinzioni sociali non possono essere fondate che sul tipo di alcolico bevuto

Articolo 2
Il fine di ogni associazione di etilisti è la conservazione dei diritti naturali ed imprescrittibili del beone. Questi diritti sono la libertà di bere, la proprietà di una vigna, la sicurezza e la resistenza all’oppressione degli astemi

Articolo 3
Il principio di ogni sovranità risiede essenzialmente nell’alcool. Nessuno, tantomeno se astemio, può esercitare un’autorità che non emani espressamente da esso.

Articolo 4
La libertà consiste nel poter bere tutto ciò che non nuoce: così, l’esercizio dei diritti naturali di ciascun beone ha come limiti solo quelli che assicurano la sopravvivenza dal coma etilico e il godimento. Questi limiti possono essere determinati solo dalla resistenza di ciascuno.

Articolo 5
La Legge ha il diritto di vietare solo le azioni nocive degli astemi alla società. Tutto ciò che la Legge non vieta di bere non può essere impedito, e nessuno può essere costretto a bere acqua.

Articolo 6
La Legge è l’espressione della volontà etilica. Tutti i beoni hanno il diritto di concorrere, personalmente o mediante loro rappresentanti, alla sua fermentazione. Essa deve essere quindi uguale per tutti, sia che sia breve (es.: novello) sia che sia lunga. Tutti i beoni essendo uguali ai suoi litri sono ugualmente ammissibili a tutte le bottiglie, i tipi e le varietà di alcolici secondo la loro capienza e senza altra distinzione che quella dovuta alle loro virtù etiliche e dei loro talenti alcolici.

Articolo 7
Nessun beone può essere accusato di astemia e perciò arrestato e detenuto se non nei casi determinati dalla legge e secondo le forme da essa prescritte. Quelli che procurano, spediscono, bevono, o fanno bere cartoni d’acqua devono essere puniti, ma ogni astemio citato o tratto in arresto in virtù della Legge, deve obbedire immediatamente; opponendo resistenza si rende colpevole

Articolo 8
La Legge deve stabilire solo pene strettamente ed evidentemente necessarie alla rieducazione dell’astemio. Nessun beone può essere punito se non in virtù di una mancanza etilica avvenuta anteriormente e legalmente riconosciuta

Articolo 9
Presumendo innocente ogni beone sino a quando non sia stato dichiarato astemio, se si ritiene indispensabile arrestarlo, ogni tentativo di fargli bere acqua deve essere severamente represso dalla Legge

Articolo 10
Nessuno può essere molestato per le sue opinioni sugli alcolici migliori, purché la manifestazione di esse non sconfini nell’astemia e turbi la placida esistenza dei beoni stabilita dalla Legge

Articolo 11
La libera comunicazione dei pensieri e delle opinioni sugli alcolici migliori e peggiori è uno dei diritti più preziosi del beone; ogni beone può dunque parlare, scrivere, bere liberamente salvo a rispondere di questa libertà nei casi di astemia determinati dalla legge

Articolo 12
La garanzia dei diritti del beone e dell’alticcio ha bisogno di una forza etilica pubblica; questa forza è dunque istituita per il vantaggio dei beoni tutti e non per l’utilità particolare ai quali essa è affidata.

Articolo 13
Per il mantenimento del tasso alcolemico della forza pubblica, e per le spese di acquisto degli alcolici, è indispensabile un contributo comune: esso deve essere ugualmente ripartito tra tutti i beoni, in ragione degli ettari di vigna posseduti.

Articolo 14
Tutti i beoni hanno il diritto di constatare, da loro stessi se non in coma etilico o mediante i loro rappresentanti, la necessità del contributo pubblico, di controllarne l’impiego e di determinarne la quantità (in litri), la ripartizione (alcolici/superalcolici) e la durata.

Articolo 15
La società ha il diritto di chieder conto a ogni agente pubblico della sua ubriachezza.

Articolo 16
Ogni società in cui la garanzia dei diritti dei beoni non è assicurata, né la separazione tra beoni e astemi determinata, non è ammissibile

Articolo 17
La proprietà di vigneti essendo un diritto inviolabile e sacro, nessuno beone può esserne privato, salvo quando la necessità di ubriachezza pubblica, legalmente constatata, lo esiga in maniera evidente e previa una giusta indennità in alcolici

Norme transitorie e finali
I. Dell’astemìa
D’ora innanzi chiunque sia dichiarato in stato d’astemìa sarà interdetto da pubbliche cariche fino al ravvedimento e alla conseguente scolatura di un numero di casse di vino che stabilirà la Legge L’astemio che non si ravveda sarà perseguibile a norma di Legge. Il giudice, nello stabilire la pena, terrà conto del periodo di astemia, della sua virulenza e di ogni altro elemento utile a stabilirne la reversibilità o meno.

II. Dell’Ubriachezza molesta
Ogni beone che sarà trovato in stato di ubriachezza molesta verrà segnalato alle Autorità per l’eventuale conferimento di onorificenze. La qualità di dette onorificenze dipenderà dal tasso alcolemico riscontrato nel sangue del beone, dalle sue virtù etiliche, dalla grandezza delle sue cantine.

III. Del Tavernello ed assimilati
Chiunque sia sorpreso a bere, somministrare, vendere, acquistare Tavernello e suoi assimilati decade dallo status di beone per un periodo di tempo stabilito dalla Legge e dal giudice. Durante tale periodo, l’individuo potrà essere soggetto alle pene previste per gli astemi. (Niggle)

144.                Ieri sera ho bevuto troppo. Lo so perché stamattina ho cagato una pinta di birra. Bicchiere compreso. (Paolo Burini)

145.                Dicembre 31. Lettera ad un amico: Bene, siamo arrivati alla fine di un altro anno, è stato un anno difficile, ma ora dobbiamo guardare avanti, e sperare che le nostre azioni possano rendere migliore, l'avventura dei prossimi dodici mesi che ci attendono. Sta piovendo ed è un buio e freddo pomeriggio, ma io sono comodamente seduto accanto al camino acceso, e mi crogiolo al calore del suo fuoco, bevendomi un buon whisky. Sono sereno, il fuoco scoppietta dolcemente e mi rassicura, vorrei fosti qui accanto a me, per godere del piacere di una chiacchierata tra amici, bevendo un buon whisky con me. Purtroppo non ci sei, vorrà dire che ne berrò uno anche per te, salute e felicità caro amico mio.
Ci sono tante cose di cui vorrei parlarti, della vita e dell' amicizia per esempio. Gran cosa l'amicizia, è forse il sentimento migliore di noi umani, forse neppure l'ammore, tanto vantato, può ritenersi più nobile. A volte mi chiedo comme mai il wisky su di me non abbia un grande effetto. Certo mi scalda e mi rallega, forse mi fa divenire un poco mela e niconico, ma non mi provoca altre conseguenze e posso berne quanto ne voglio. Bene, pensando all'amicizio mi sono come osso, azo il calicio alla tua felice età amiho miao, e alle magni fiche serrate in culo ci siamo divvertiti noio duo questo ano. Azzo, questo wisho è buonno, ma folse legge e lino, lo tlacanno come acua e non mi brisa fa e fotto. Bevvo e tlinco ala amisissia, vivva il vishi, il mio sole e amicho. Si, pelchè thu te ene fotti delli ammici, mi lassi cui da sollo a bear comme uno cane, mo io thi mando a lo diable e re sto sollo co my solla vela ammicca. My bottle of old wischo. E q1uind0 for finnire thi manno a fal in cuio  e bbon ano    HIC. (Bilbo Baggins)

146.                Mentre il dottore mi teneva lo stetoscopio sul petto gli ho chiesto, "Dottore, allora come sto?". Lui mi ha risposto "E' quello che mi chiedo anch'io!". Allora gli ho detto che a volte sento uno squillo strano nelle orecchie". Mi ha detto di non rispondere! (Slartibartfast)

147.                Volevo dimenticare la visita è ho alzato un po' il gomito. E alla fine mi hanno portato in questura. Quando mi sono svegliato il piantone mi ha detto che ero lì per il bere. Non ho capito perché, quando gli ho detto che poteva cominciare a versare, si è arrabbiato. (Slartibartfast)

148.                Poi sono uscito e a un tizio che passava... ho chiesto 10 € fino alla paga. E questo mi fa "Quando è il giorno di paga?" "Che ne so io" gli ho risposto, "Sei tu che lavori amico!". Non ho capito quello che mi ha risposto. (Slartibartfast)

149.                Una donna ubriaca bussa ripetutamente ad un lampione. Si avvicina un poliziotto che le chiede: "Ma che fa?". E lei: "Qui c'e' appeso un cartello che dice 'Vendesi casa' ed io sto bussando perché voglio vederla". Il poliziotto prima la guarda con molto stupore e poi le dice: "Ah si'. Insista pure... vede là in alto c'e' la luce accesa... vuol dire che dentro c'e' qualcuno!".

150.                Appello a chi esce il sabato sera: "Non guidare se sei ubriaco. Non usare la testa solo come supporto per il gel!". (Luciana Littizzetto)

151.                "Il 33% degli incidenti e' provocato da ubriachi". "Vedi? Il 66% e' provocato da sobri. E' piu' sicuro guidare da ubriachi". (Nicola Brusco)

152.                Certe sere, quando ho bevuto un po' troppo, io e mia moglie giochiamo all'esorcista. Lei mi fa la predica e io vomito. (Mauroemme)

153.                L'altra sera ho dovuto fare finta d'essere ubriaco. Se mia moglie m'avesse visto tornare a casa sobrio si sarebbe chiesta dove avevo passato la serata! (Bilbo Baggins)

154.                In quale stato è vietato andare in macchina? Nello stato di ubriachezza!

155.                Maledetto raffreddore, cof cof. Anche il medico che stamattina è venuto a casa a visitarmi, dice che mi ha trovato molto male. Sembra che abbia dovuto girare per tre bar, un pub, e due birrerie, prima di trovarmi!

156.                L'impossibile tentalo oggi. Domani potresti non essere abbastanza sbronzo! (Bilbo Baggins)

157.                Il comportamento giusto per tutto il periodo delle feste e' quello di essere ubriaco. Tale stato culmina nel Capodanno quando sei cosi' ubriaco di baciare la donna che hai sposato. (P.J. O'Rourke)

158.                Tradiva la moglie, picchiava i figli e per di piu' era sempre ubriaco... insomma era un padre denaturato! (DrZap)

159.                Una volta in tutte le compagnie c'era un 'ubriacone'. Adesso si chiama 'esperto di vini'. (Federico Basso)

160.                Sobrio? Ma se brindava dicendo 'Gin, gin'.

161.                Mio nonno era un terribile beone. Poi per fortuna un giorno si ammalo' di artrite e cosi' non pote' piu' alzare il gomito... (DrZap)

162.                Un uomo alticcio si commuove quando sente il 'soave' canto di un 'merlo...t' su un albero di 'pino...t' ?

163.                Secondo mia moglie io a volte berrei troppo, e mi ubriacherei. E' una vergogna! Mai fossi sbronzo nella mia vita ... Anzi, a volte io volessi provare a sbronzarmi, ma proprio non ci riuscissi! (Bilbo Baggins)

164.                Una signora riceve la visita di un amico di famiglia che le annuncia la morte improvvisa del marito. "Ma come e' successo?". E lui: "Eravamo in visita ad una azienda agricola che produce vino quando lui e' caduto nella grande tinozza di raccolta del vino". E la signora: "Oh, mio Dio, che morte orribile; ma almeno e' stata una morte rapida?". E l'amico: "Direi di no, ci sono volute ore, perché ogni volta usciva dalla tinozza per andare a fare pipi'..."

165.                Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti. (Ernest Hemingway)

166.                Sono preoccupato, perché a volte quando m'ubriaco vedo degli elefantini verdi. Non starò mica diventando daltonico? (Bilbo Baggins)

167.                Peschiera del Garda (Verona): viene fermato dai Carabinieri per guida in stato di ebbrezza e per farsi assistere chiama il suo avvocato. Che arriva ubriaco anche lui. Hanno diritto a una telefonata alla mamma. (Fonte: Ansa)

168.                Un mezzo bicchiere di buon vino è da ritenersi mezzo pieno o mezzo vuoto? I più grandi filosofi non hanno mai saputo stabilirlo con certezza, mentre noi umili bevitori sappiamo bene che è mezzo pieno, perché così possiamo trincare il mezzo bicchiere di vino, mentre se lo considerassimo mezzo vuoto, non potremmo certamente sbevazzare il mezzo bicchiere vuoto. Hic! (Bilbo Baggins)

169.                I fratelli Smith, della ditta Smith, Smith & Smith, erano sempre ubriachi: li chiamavano gli alcolisti OMONIMI. (Renato R.)

170.                I medici hanno scoperto che eccedere nell'abbronzarsi fa più male che sbronzarsi con moderazione! (Bilbo Baggins)

171.                Il bello d'essere sbronzi è che si ha sempre ragione sempre! (Bilbo Baggins)

Il bello d'essere sbronzi, è che si vola talmente in alto, che in basso le formichine sembrano persone! 

Il bello d'essere sbronzi è che si fiutano colori che nessun altro sente!

Il bello d'essere sbronzi è che si possiede sia la forza d'Einstein, che l'intelligenza di Hulk!

Il bello d'essere sbronzi, è che tutti i problemi su cui incespichiamo hanno i bordi smussati!

Il bello d'essere sbronzi, è che quello che prima ci preoccupava ora appare una tragedia irrilevante!

Il bello d'essere sbronzi è che mentre si beve i problemi si risolvono da soli!

Il bello d'essere sbronzi è che si sta male solo se si smette!

Il bello d'essere sbronzi è che il nostro vomito lo puliscono gli altri!

Il bello d'essere sbronzi, è che con pochi soldi si può comprare un altro bicchiere di felicità1

Il bello d'essere sbronzi è che tutti ci offrono da bere!

Il bello d'essere sbronzi è che si è in sintonia con la natura, perché il mondo gira come la tua testa!

Il bello d'essere sbronzi è che l'alcol scioglie i grassi, e quindi libera le vene dal colesterolo!

Il bello d'essere sbronzi è che il fegato si sente utile e fa molto esercizio!

Il bello d'essere sbronzi è che si capisce tutto al volo, perché si diventa più intellipopoli!

Il bello d'essere sbronzi è che si addolcisce la voce, e si canta come angeli !

Il bello d'essere sbronzi è che migliora la memoria, e si ricorda solo quello che  conviene!

Il bello d'essere sbronzi è che si diventa ottimi musicisti, tanto che coi nostri peti ci possiamo suonare persino "l'inno alla gioia"!

Il bello d'essere sbronzi è che si fa sport, diventando campioni sia di nuoto in bottiglia, che di sollevamento gomito!

Il bello d'essere sbronzi è che non si ha mai fame o freddo, ma al limite ci si sente soltanto un poco secchi!

Il bello d'essere sbronzi è che si ha sempre sottomano un comprensivo barista, a cui confidare che il mondo non ci capisce!

Il bello d'essere sbronzi è che nessuno se n'avvede, se solo noi abbiamo l'accortezza di nascondere la bottiglia in un sacchetto di carta!

Il bello d'essere sbronzi è che nel cervello muoiono tutti i neuroni brutti e deboli, e invece si agevola la riproduzione di quelli belli e forti!

Il bello d'essere sbronzi è che la pipì diventa un ottimo disincrostante, e sia il cesso sia le mattonelle tutto attorno si puliscono da sole!

Il bello d'essere sbronzi è che mosche e zanzare sono allontanate dal tuo fiato!

Il bello d'essere sbronzi è che al massimo ti levano la patente, ma restano sempre le gambe con cui caracollare sino al più vicino bar!

Il bello d'essere sbronzi è che tutte le donne sono più belle, e molte sono accompagnate da una gemella altrettanto gnocca!

Il bello d'essere sbronzi è che se ti comporti da idiota puoi sempre incolpare il bere!

Il bello d'essere sbronzi, è che se non riesci ad avere l'erezione puoi sempre scusarti incolpando il bere!

Il bello d'essere sbronzi è che se la tua vita fa schifo, e tutti ti odiano, puoi sempre bere di più!

Il bello d'essere sbronzi è che si rallegra chi non beve, e lo si fa sentire saggio e virtuoso!

Il bello d'essere sbronzi, è che infine si ha il coraggio di spedire alla rivista "geology review" il nostro articolo tecnico sulle stratificazioni tettoniche, in cui disquisiamo dottamente in merito alle pere di Pamela Anderson!

Il bello d'essere sbronzi è che il giorno dopo si può ricominciare!

172.                Agli ubriaconi piace molto bere in compagnia... per spirito di gruppo. (DrZap)

173.                Due ubriachi cronici decidono di non bere più. Ma come fare? Uno propone un metodo di cui ha sentito parlare per ridurre progressivamente i bicchieri bevuti. Uno dei due a turno mette due bicchieri dietro la schiena, uno pieno e uno vuoto. Se non si indovina non si beve. "Bello, iniziamo subito". Il primo mette, senza che l'altro lo veda, i due bicchieri dietro la schiena e dice all'altro:" Forza, indovina, dove e' quello pieno?". L'altro: "nella mano destra". E il primo con sguardo malizioso: "Eh, eh, su, concentrati!".

174.                Alticcio: l'opposto di bassiccio. (Bilbo Baggins)

175.                Barcollare: tipico passo vacillante ed insicuro di chi esce da un bar. (Bilbo Baggins)

176.                Bassiccio: l'opposto d'alticcio. (Bilbo Baggins)

177.                Beone: bevitore povero che al contrario del più socialmente accettabile alcolizzato deve accontentarsi di vino scadente e sguaiati canti da osteria. (Bilbo Baggins)

178.                Ciucco: asinello ubriaco. (Bilbo Baggins)

179.                Che vita grama la mia. Torno a casa tardi, e ancora devo inserire il gatto, portare fuori l'allarme, e dare da mangiare alla spazzatura. E il peggio è che mia moglie insinua pure che io sia tornato a casa ubriaco!  (Bilbo Baggins)

180.                Un uomo dopo aver bevuto molto vino, si allontana dal bancone del bar barcollando. Il cameriere gli si avvicina dicendogli: "Signore, perché non beve anche un po' di acqua?". "Vorrei, ma visto che il mio dottore mi ha detto che ho uno stomaco di ferro, ho paura che l'acqua me lo arrugginisca!"

181.                Quando bevo mi gira la testa. Mi ubriaco per guardarmi le spalle. (gabbbbro)

182.                Non brillo per la mia inclinazione ad alzare il gomito. (DrZap)

183.                Un tizio grande e grosso entra in un bar malfamato di una citta' e chiede un whisky. Il barista glielo serve, ma subito prima di bere dal taschino della camicia dell'uomo esce un topino che ne beve un po'. La cosa si ripete molte volte rendendo il tizio (e ovviamente il topino) sempre piu' ubriachi. Al decimo whisky il barman si rifiuta di servire l'ennesimo bicchierino. Il tizio allora lo prende per il collo e gli urla, con tono da avvinazzato: "Adesso tu mi dai un altro whisky seno' spacco tutto e ti faccio il culo!". Il barista, spaventato, sta per servirgli l'ennesimo bicchierino, quando dal taschino esce il solito topino, anch'egli ubriaco, che gli urla: "E questo vale anche per il tuo gatto!".

184.                Bacco... Divinità di comodo, inventata dagli antichi come scusa per ubriacarsi. (ABC)

185.                Mio zio e' un ubriacone: beve almeno 10 birre al giorno. Ma e' stato punito con una moglie che somiglia molto alla birra: amara e gelida. (DrZap)

186.                C'è chi lo vede mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto... Io a volte lo vedo doppio!

187.                Dal dottore: "Non beva assolutamente vino per un mese così vediamo se migliora". "Mi scusi dottore, ma non sarebbe meglio invece che raddoppi la dose, per vedere se peggioro??"

188.                Il bicchiere c'è chi lo vede mezzo pieno e chi lo vede mezzo vuoto. Io a volte lo vedo doppio!  

189.                Un tale si trova davanti al giudice per aver guidato in stato di ubriachezza. "Signor giudice", afferma "Vorrei che fosse ben chiaro: io non ero ubriaco, ma solo ebbro!". "D'accordo!", ammette il giudice, "Infatti io non la condanno a quindici giorni di reclusione, ma solamente a due settimane!"

190.                Visto che le feste natalizie sono un periodo di eccessi, vorrei condividere con voi, una mia esperienza sul bere e guidare. Come tutti voi sapete, tanta gente ha avuto degli attriti con la polizia tornando a casa, dopo essersi incontrati con dei vecchi amici in qualche locale. Un paio di notti fa, mi sono trovato a bere qualche bicchierino con alcuni amici. Qualche birra in più, qualche bicchierino di whiskey, qualche cocktail... tutto bello e amichevole.Avendo capito che avevo bevuto "leggermente" oltre il limite consentito per tornare a casa, ho deciso di fare una cosa che non avevo mai fatto: ho preso l'autobus. Sono arrivato a casa sano e salvo e senza nessun intoppo, cosa abbastanza sorprendente, perché non avevo mai guidato un autobus e per di più, non riesco proprio a ricordare da dove l'ho preso! (Gian Carlo Moglia)

191.                Quando beviamo alcool in eccesso, finiamo ubriachi. Quando siamo ubriachi, dormiamo. Quando dormiamo non commettiamo peccati. Quando non commettiamo peccati, andiamo in Paradiso. Conclusione: per andare in Paradiso bisogna essere ubriachi !!!

192.                Gli incidenti sessuali più assurdi della cronaca. Un esempio? Prendersi una sbronza con un clistere di vino rosso. Sembrano delle barzellette, invece sono (dis)avventure accadute realmente. (www.giornalettismo.com)

193.                Due ubriachi veneti sui binari convinti di essere in una scala: "Madonna che longhi sti scaìni!". E l'altro: "Si', e anca i coriman tanto bassi!". (Ale Bonamin)

194.                Un bevitore incallito viene portato davanti al giudice per l'ennesima volta: "Spero di non rivederla mai più" - dice il giudice. "Ma come - si stupisce il detenuto - vuole licenziarsi, signor giudice?". (Gian Carlo Moglia)

195.                Quando Polifemo si ubriacava finalmente ci vedeva normale. (DrZap)

196.                Un uomo che si rende ridicolo quando è ubriaco non possiede l'arte dell'ubriacarsi. (Samuel Johnson)

197.                Moglie morire di bevute che morire di sete. (John Fante)

198.                Ubriaco. Piazza di grande citta'. Notte. Ufficio azienda trasporti "Ci sono ancora dei 34 in giro?" "No". "E dei 45?" "No".

199.                Cerco una botte piena, una moglie ubriaca e un'amante sobria. (Nonciclopedia)

200.                Quando beviamo alcool in eccesso, finiamo ubriachi.Quando siamo ubriachi, dormiamo. Quando dormiamo non commettiamo peccati. Quando non commettiamo peccati, andiamo in Paradiso. Conclusione: per andare in Paradiso bisogna essere ubriachi !!!

201.                Sono stato in un ristorante. I sapori di una volta. Tutto durissimo e mi sono anche ubriacato. Si trattava di una vòlta a bòtte… (Renato R.)

202.                Ci vuole poco per offendere un ubriaco. Basta dargli del vermentino... (Fabio Carapezza)

203.                Sulla patente ho messo una foto fatta quando ero ubriaco. Cosi' se mi fermano magari pensano che sono sempre cosi'. (Il Bastardo)

204.                Se la tua vita e' un fiasco... non rimane che berlo!

205.                Alcol test 4 volte oltre i limiti. Patente ritirata per una donna di 80 anni. Le è andata bene, la potevano portare in riformatorio. (Lupu Ulula')

206.                Un ubriaco racconta: "Non e' vero come dicono i medici che gli stravizi accorcino la vita. Io conoscevo due gemelli. Il primo beveva un sacco, mangiava a volontà, fumava come un greco, e aveva un sacco di donne... ed e' morto a 90 anni. Il secondo non fumava, non beveva, era molto morigerato col cibo e niente donne... ed e' morto a 1 anno!"

207.                Durante la guerra d'Africa un soldato americano ha mangiato per settimane razioni "K". Durante una breve licenza va al Cairo e la prima sera mangia e beve a piu' non posso e alla fine si ubriaca. I suoi compagni approfittano del suo stato di incoscienza e gli mettono nel letto una mummia che hanno rubato in un museo. Quando si sveglia, il soldato trova la mummia ed esclama: "Eh no, adesso basta ! Posso sopportare le razioni K, ma una donna disidratata e' veramente troppo!".

208.                Era uno che quando, ubriaco, se ne andava lasciava dei gran vuoti... Lattine di birra e bottiglie di vino... (DrZap)

209.                L'alcolismo in Umbria va alla grande. Per questo i suoi abitanti si chiamano umbriachi. (lddio)

210.                Non sono un alcolista. Gli alcolisti vanno agli incontri. Sono un ubriaco. Gli ubriachi vanno alle feste.

211.                Preghiera di un alcolizzato: "Signore, allontana da me questo calice e avvicina la bottiglia". (SeX DrUGs rOcKn'RoLL)

212.                La preghiera dell'ubriacone finisce sempre con "e libera nos amaro". (DrZap)

213.                Gli ubriachi, i bambini e i leggins dicono sempre la verita'.

214.                Ho un passaporto molto usurato per i tanti viaggi in stato d'ebrezza. (SeX DrUGs rOcKn'RoLL(

215.                Un tale, a Roma, vede un ubriaco ed esclama: "O Tempora ! o mores !". L'ubriaco risponde: "Moro, ma nun tempero !". (Renato R.)

216.                Lista di candidati beoni: alco-lista. (Renato R.)

217.                Ubriaco e nudo in autostrada, arrestato per violenza contro un carabiniere il fratello intelligente di Balotelli. (Gianmaria Roberti)

218.                Ubriaco gira per il centro di Udine con una motosega. Ma la polizia è intervenuta in tempo e nessun albero ha subito danni. (frandiben)

219.                Uno sbronzo e' uno stronzo che ha bevuto troppo. (Mauroemme)

220.                A forza di bere vino ad alcuni viene la sbronza, ad altri l'uveite. (DrZap)

221.                Sono andato a Spoleto e ho bevuto un ottimo bianco, poi ad Assisi un ottimo rosso, e a Perugia un frizzantino favoloso… UMBRIACATO. (panettos)

222.                Dopo aver passato quasi tutte le birrerie della cittadina, due amici decidono di andare a casa di uno di loro a bere un'ultima birra. Davanti alla porta dice uno: "Ssssssssssssssst! Silenzio! Mia moglie di sicuro dorme già!". In silenzio entrano nell'appartamento, uno va in cucina e l'altro da un'occhiata in camera da letto. Ritornando in cucina tutto eccitato dice  all'altro: "C'è un altro a letto con tua moglie!". L'altro: "Fai silenzio! Ho solo due birre!!!".

223.                "Hai bevuto stanotte?". "Cazzo ne so, ero ubriaco!"

224.                LIQUEFATTO: Sbronzo marcio.

225.                Sono talmente alcolizzato che generalmente dimostro il mio affetto con un "ti voglio bere"… (GaspErCarbonaro)

226.                Non vedo perché io debba fare un'offerta per una casa per alcolizzati. La gente può benissimo bere a casa propria.  (Otto Waalkes)

227.                L’ubriaco è un pessimista: vede sempre il bicchiere mezzo vuoto. (Dlavolo)

228.                Avete notato che gli ubriachi sono sempre pieni di spirito? (DrZap)

229.                La leggenda dice che se alle 4 di notte ti metti davanti allo specchio del bagno e urli Bloody mary, compare tua madre a chiederti cosa cazzo urli. (mezzoangelo-mezzodiavolo)

230.                Australia: maiale ruba 18 birre, s'ubriaca e molesta mucca. La figlia: "Mio padre non è un porco". (Massimo Pica)

231.                Ma mentre si è brilli si possono avere idee brillanti? (DrZap)

232.                Una mia amica, ubriacona, la chiamano "la Luna"... più piena è, più brilla. (DrZap)

233.                Ieri alla degustazione ho bevuto responsabilmente troppo. (Enrico Tonasso)

234.                Gli ubriachi riescono a vedere i beni immobili? (DrZap)

235.                Ero ubriaco di birra quando nel bosco incontrai il luppolo cattivo. (edilacascina)

236.                Due finlandesi sono in un bar. Dopo un’ora passata in silenzio, uno alza il suo bicchiere verso l’altro ed esclama “Salute”. L’altro si volta verso l’altra parte dicendo "Non sono venuto qui per fare conversazione".

237.                Ma quando i bassotti bevono troppo... diventano alticci? (Sergio Neddi)

238.                I Greci si sbronzano sempre a metà ... Con la crisi non hanno più i soldi per sbronzarsi del tutto. (DrZap)

239.                In Russia un ateo che si ubriaca ha la balla laica? (Paolo Nox)

240.                C'è chi brilla per simpatia, chi brilla per intelligenza... io brilla. Per alcool. (Valentinaries)

241.                Visto che le feste natalizie sono un periodo di eccessi, vorrei condividere con voi, una mia esperienza sul bere e guidare. Come tutti voi sapete, tanta gente ha avuto degli attriti con la polizia tornando a casa, dopo essersi incontrati con dei vecchi amici in qualche locale. Un paio di notti fa, mi sono trovato a bere qualche bicchierino con alcuni amici. Qualche birra in più, qualche bicchierino di whiskey, qualche cocktail... tutto bello e amichevole.
Avendo capito che avevo bevuto "leggermente" oltre il limite consentito per tornare a casa, ho deciso di fare una cosa che non avevo mai fatto: ho preso l'autobus. Sono arrivato a casa sano e salvo e senza nessun intoppo, cosa abbastanza sorprendente, perché non avevo mai guidato un autobus e per di più, non riesco proprio a ricordare da dove l'ho preso! (Gian Carlo Moglia)

242.                C’è solo uno stato in cui le donne sono tutte belle, interessanti e sexy. Lo stato d’ebbrezza. (sonoquellachesono)

243.                Pensare positivo: se la bottiglia è mezza vuota io sono già mezza ubriaca. (alwaystoodrunk)

244.                Via Crucis, Gesù cade per la terza volta. "Prego, soffi qui dentro". (Mordicchio)

245.                Esiste uno stato al mondo in cui tutta la gente è simpatica, carina e socievole. Si chiama Stato D'Ebbrezza.

246.                Ho venduto la mia donna a un tizio per comprarmi una bottiglia di scotch e ora vorrei riprenderla indietro... perche' ho ancora sete. (Henny Youngman)

247.                Sono un alcolizzato cronico. Il mio supereroe preferito non e' Superman, ne' Batman, ne' Spiderman. E' BARMAN !! (DrZap)

248.                Le parole degli ubriachi sono i pensieri dei sobri.

249.                Solo tre tipi di persone dicono la verità: i bambini, gli ubriachi e chi si è rotto il cazzo (R. Pryor)

250.                Si è ubriacato di un famoso amaro. E ora sta ferneticando. (Lia Celi)

251.                Ho visto cose che voi astemi non potete neppure immaginare.

252.                Esistono vecchi fiumi in cui scorre vino, popolati da coccobrilli. (Renato R.)

253.                Mio zio e' un ubriacone, ma per l'anno nuovo ha fatto un voto: non berra' piu'. Ma piu' che un voto a me sembra un ex vuoto. (DrZap)

254.                Meglio un ubriaco famoso che un alcolista anonimo.

255.                Mia zia si e' fatta una grappa barricata in casa. Cosi' almeno non da' fastidio a nessuno. (DrZap)

256.                Ma una medaglia di bronzo, se la si immerge nell'alcool, diventa di sbronzo? (Francesco Iavazzo)

257.                Dopo aver passato quasi tutti gli stand dell'Octoberfest, due amici decidono di andare a casa di uno di loro a bere un'ultima birra.

Davanti alla porta dice uno: "Sssssssssst! Silenzio! Mia moglie di sicuro dorme già!". In silenzio entrano nell'appartamento, uno va in cucina e l'altro da' un'occhiata in camera da letto. Ritornando in cucina tutto eccitato dice all'altro: "C'è un altro a letto con tua moglie!". L'altro: "Sssssssst !! Fai silenzio ... Ho solo due birre !!"

258.                Ubriaco si schianta contro un bar e uccide quattro ragazzi: “Colpa mia, pulisco io”. (Umore Maligno)

259.                "Nel Regno Unito 10 milioni di ricoveri all’anno a causa dell’abuso di alcol". Lo sapevo che c'era un motivo se guidano contromano. (Marco Camillieri)

260.                Torna a casa ubriaco, picchia la moglie, i figli e il cane. Il pesce rosso si è salvato perché circondato dall'acqua. (Elisio Marinelli)

261.                Un ubriacone fu ricoverato al PS per dei forti dolori alla schiena. Fu diagnosticata una alcolica renale. (DrZap)

262.                Reduce dai bagordi di Halloween, un tizio si è addormentato, nudo, sul cofano di un'auto: La BALLA in maschera. (Renato R.)

263.                Mio zio e' un vero ubriacone da bar. Dopo il bicchiere della staffa, chiede il bicchiere della sella, poi quello delle redini, poi quello degli zoccoli, ecc, ecc (DrZap)

264.                Ma se bevo troppo vino mi viene l'uveite ??? (Sergio Masse Massetani)

265.                Gli animali più presenti nelle case italiane sono i pesci, seguiti da volatili, gatti e cani. Anche se, dalle mie parti, molte persone hanno la scimmia. (Scie Comiche)

266.                Un soldato torna in caserma ubriaco fradicio. Il capitano lo ferma: "E' una vergogna! Ma lo sai che se smettessi di bere un giorno potresti diventare caporale e magari persino sergente? Non ti piacerebbe?". E lui: "Signor capitano... il fatto è che quando bevo io mi sento già colonnello!"

267.                "Che fai nella vita?". "Sono un life-changing forgetting sommelier". "Cioe'?". "Bevo per dimenticare". (dbric511)

268.                Se Hulk perde il controllo, spacca le cose e non capisce piu' niente, lo chiamano l' "Incredibile". Se lo faccio io mi chiamano "Alcolizzato".

269.                Fuorigrotta, prete ubriaco cade mentre sta celebrando Messa. Gli è andato il sangue di Cristo alla testa. (Marco Camillieri)

270.                Nell'ultimo periodo devo aver bevuto un po' troppo. Sono andato a ritirare le analisi del sangue e ad attendermi c'era un sommelier. (SuperGiangiSkan) (GAlessandrino)

271.                Un ubriaco fa pipì sul marciapiede. Passa una signora che gli dice inorridita: "Uh che orrore, che bestia, che mostro!". E l'ubriaco: "Non si preoccupi, lo tengo fermo per il collo". (Mauroemme)

272.                Ieri sera ero talmente ubriaco alla guida che ho preso una curva cointreau mano. (Storpionimi) (Alessandro Zuccherofino)

273.                Ma che San Valentino, ma che San Remo... San briacamo!

274.                Buongiorno a tutti gli alcolisti ufficiali. Quelli anonimi non li saluto, cazzi loro che vogliono fare i misteriosi! (Igor)

275.                Zen polesano. Ero in macchina, avevo bevuto solo sei grappe, mi pareva di andare ai 300, ma la macchina, vista da fuori, sembrava trainata da un trattore invisibile. Purtuttavia, nonostante il mio fermo impegno a sterzare verso il centro della strada, la macchina continuava a sbandare verso un palo che reggeva un cartello con su scritto "Non sbandare". Ho pensato: "Sta a vedere che ci sbatto contro!", allora ho detto: "Cazzo, ci sbatto contro!" E ci ho sbattuto contro. E mi sono sentito sereno. Serenità è quando ciò che dici, ciò che pensi e ciò che fai sono in perfetta armonia. (M. Gandhi) (Natalino Balasso)

276.                Ho visitato Roma da ubriaco" "E dove sei stato?". "ALCOOLosseo". (Movimento 5 litri)

277.                Stasera ho bevuto troppo, cosi' ho lasciato la macchina e preso l'autobus. Ora sono sotto casa, ma non so dove parcheggiarlo. (Movimento 5 litri)

278.                I bambini, gli ubriachi e la prova costume, dicono sempre la verita'. (Fancazzismo)

279.                Beone che impegnava tutto per procurarsi i soldi per il vino: "L'uomo del BIANCO dei pegni". (Renato R.)

280.                Dopo essersi battuto per vietare l'alcool in parlamento, il presidente della camera della Repubblica Ceca ha presieduto una seduta ubriaco. La coerenza è la stessa dei nostri; la giustificazione migliore. (Fabrizio Bragagnolo)

281.                "I tuoi amici si sposano e tu cosa hai intenzione di fare?". "Ubriacarmi ai loro matrimoni".

282.                Lo colsero sul fatto mentre, ubriaco fradicio, importunava la gente dicendo a tutti "Io sono un tipo così così, uno qualunque, assolutamente normale, senza troppe pretese..." e lo portarono in galera con l'accusa di "ubriachezza modesta". (Antonello Iaccarino)

283.                Serate no alcol: tra i giovani dilaga la moda del "party sobrio". L’importante è mettersi d'accordo prima, scegliendo un autista designato che sarà l’unico a potersi sbronzare! (Spinoza.it) (Bilbo Baggins)

284.                Miss alcolismo 2015 vorrebbe tornare nel 1942 per poter stare in "trinchea". (Riccardo Gallio)

285.                Cuando me ubriaco ritrovo me steso. (Il Zingaro)

286.                L'infanzia è come essere ubriaco. Tutti si ricordano cosa hai fatto, meno tu.

287.                Vegano ubriaco mangia una bistecca e il giorno dopo non ricorda perche' si sente cosi' bene. (@postofisso2012)

288.                Un tizio va dal suo dottore che lo conosce bene come alcolizzato. Finita la visita gli dice: "Voi bevete troppo!". E lui: "Macche' dottore. Lo rovescio tutto per terra dal bicchiere".

289.                A scuola ero un alcolizzato. Avevo tanti compagni di bianco. (@darioloc81)

290.                A me piace il vino, la birra, il rum, la vodka, la grappa, il brandy, la tequila... insomma sono un alcol-lista ? (DrZap)