I GELATI

1.     Al bar dello spaccio della caserma dei carabinieri: "Che gelati ci sono?". chiede il commilitone. "Vaniglia e cioccolato" risponde con voce molto roca il carabiniere di turno al bar. "Che hai la laringite?". "Macche' ... ho solo vaniglia e cioccolato!".

2.     E' meglio avere un culo gelato che un gelato nel culo. (Riccardo Consoli)

3.     Un nano entra in una gelateria e si trova di fronte ad un bancone per i gelati "altissimo". Inizia allora a spiccare numerosi salti gridando: "Vorrei un gelato! Vorrei un gelato! Vorrei un gelato!". Non ottenendo alcuna risposta decide allora di aprire la porta di fianco per aggirare l'ostacolo e dall'altra parte trova un altro nano che continua a saltare chiedendo: "Che gusto vuole? Che gusto vuole? Che gusto vuole?".

4.     Qual e' il gelato preferito dagli albanesi? L'affogato.

5.     "Quando giungera' il mio momento voglio essere cremato" disse il cornetto.

6.     Qual e' il pesce piu' goloso? Quello con-gelato!

7.     Qual e' la differenza fra le donne e i gelati? Nessuna: gocciolano entrambi quando si leccano.

8.     Un bambino si presenta in una gelateria e chiede al gelataio: "Ce l'hai il gelato al carciofo?". Il gelataio risponde: "No, quel gusto non l'ho, ma ho il pistacchio, la crema, la fragola, ecc". Allora il bambino senza dire niente esce e se ne va. La scena si ripete uguale per un mese. Il gelataio, che ci tiene molto ad accontentare i suoi clienti, decide di preparare il gelato al carciofo. Compra una cassetta intera di carciofi e passa tutta la notte per preparare il gelato al carciofo, ma nonostante i suoi sforzi non riesce ad ottenere niente di meglio di un gelato amaro e cattivo, ma per accontentare il bambino ne fa una vaschetta e la inserisce tra gli altri gusti nel bancone, aspettando che il bambino venga a prendersi il suo gelato. Se non che passa tutto il giorno, ma il bambino non si fa vedere. E' sera, quasi l'ora di chiusura, quando il bambino arriva e fa al gelataio la solita richiesta. Il gelataio, pronto e sorridente, risponde: "Si' !". Ed il bambino: "Hai sentito che schifo che fa?" e se ne va.

9.     Pierino ritorna da scuola affamato; si tuffa verso il frigo e proprio mentre sta per buttarsi sul gelato, sente sua madre che lo blocca strillando: "Fermo la' tu! Non puoi magiare il gelato, tra poco e' ora di cena! Va' un po' fuori a giocare nel frattempo". "Ma non c'e' nessuno con cui giocare...". "Ok" dice la mamma, "allora vuol dire che giochero' io con te. A cosa giochiamo?". "Giochiamo a mamma e papa'! Io faccio il papa'". "E io faccio la mamma, ovviamente. Cosa devo fare?". "Vai di sopra e stenditi sul letto". Quando la mamma e' andata di sopra, Pierino rimedia da un armadietto il vecchio berretto da pesca di suo padre; mentre sale le scale recupera anche un mozzicone di sigaretta da un portacenere e lo mette ad un angolo della bocca cercando di imitare il brutto muso del padre. Al che, si avvicina alla camera da letto ed entra. La mamma continua a dargli corda...: "Cosa devo fare ora?". E Pierino, cercando di apparire brusco: "Porta quel tuo culo di sotto e dai un po' di gelato al ragazzino!".

10.  Cosa fa un gelato quando ha paura? Se la squaglia.

11.  Sapete che gusti ordina Clinton dal gelataio: Tiramisu' la banana col bacio.

12.  Una coppietta al parco, nascosta dietro i cespugli, fa del petting mentre un ragazzino li spia di nascosto e intanto si masturba. Ad un certo punto il fidanzato dice: "Uffa! Sempre le stesse cose. Facciamo qualcosa di piu' spinto". La ragazza risponde: "Ma io sono una brava ragazza e certe cose non le conosco". Il ragazzo ribatte: "Fai finta che sia un gelato". La ragazza: "Va bene, ma se non mi piace lo sputo". Provano una volta (sempre col ragazzino che li spia) e la ragazza: "Buono. Ne voglio ancora di gelato". Dopo una ventina di volte il ragazzo dice: "Basta, non ce la faccio piu'". La ragazza: "Ma io ne voglio ancora". Il ragazzo: "Ho detto basta! Il gelato e' finito!". A questo punto salta fuori il ragazzino dietro al cespuglio e urla: "GEEELATI".

13.  Il signor Rossi entra al bar e chiede: "Scusi, vorrei un cornetto". E il barista gli risponde: "Ok, porti sua moglie a casa mia domani sera".

14.  La vita e' come un cono gelato: bisogna imparare a leccarla! (Snoopy) (Charles M. Schulz)

15.  Gusti di gelato: il Pistacchio Rosso per i daltonici, la Crema Antirughe, la Panna Vergine che ancora non e' stata montata, il Tiramisu' ella coca e l'Herpes, che piu' di qualcuno prende insieme al Bacio. (Riccardo Cassini)

16.  Gli italiani lo fanno meglio. (Madonna) (riferendosi al tiramisu')

17.  Cosa ci fa un interista dal gelataio? Va a vedere come e' fatta una coppa.

18.  Fare l'amore con un'ostetrica è un po' come leccare un gelataio.

19.  Un Romano ad un altro: "Ao, te piace er pesce sur-gelato ?". E l'altro: "A me sur gelato ma piace a panna, a cilieggina, ma er pesce no!!!"

20.  Uno va dal barista e gli fa: "Buongiorno, vorrei un gelato: che gusti ha?". Quello, con voce roca (ha una faringite), dice: "Fragola e panna". "Ma, scusi, che ha un po' di raucedine?". "No, no, solo fragola e panna..."

21.  Roma. Lei  passeggia spensierata con il gelato in mano, quando un ragazzo la ferma e le dice: "Che me fai da' 'na leccata?". Lei: "No!". Lui: "E ar gelato?".

22.  Al ristorante un tizio chiama il cameriere per protestare: "Che cos'e' questa mosca sul mio gelato?". "Un'appassionata di sport invernali".

23.  Il dottore mi ha proibito di mangiare gelati" "E tu cosa fai?" "Li lecco..."  

24.  I gelatai avevano smesso di fare i gelati perché ormai non c'era più nessun gusto. (Alessandro Bergonzoni)

25.  Il piccolo Billy: "Caro Dio, se tu riesci a trovare il modo di mettere le vitamine nelle caramelle e nei gelati, invece che negli spinaci e nell'olio di fegato di merluzzo, io te ne sarei molto grato. (Bob Phillips)

26.  Qual e' la definizione di "culo" intelligente? Qualcuno che si siede su un cono gelato e sa dire di che gusto e'.

27.  Il gelato e' squisito. E' un peccato che non sia illegale. (Voltaire)

28.  Cara Mella, dopo il dolce week end che abbiamo passato insieme, quando ti chiesi di tiramisù, tra noi c'era del tenero, ma quando ti ho vista con quel torrone in dolci effusioni, sono rimasto gelato e ho ancora l'amaro in bocca... La sola volta che ho osato chiederti un Bacio, mon sceri, hai riso, e m'hai torta ogni speranza! Anche tuo babbà era favorevole al nostro amore! Ti prego, ritorna da me. Tuo ... Wafer. (Guru)

29.  Mi da' un cono gelato da 1500 lire... Grazie, quant'e'?... Come 2000 ? Se ieri costava 1300! (Antonio Cornacchione)

30.  Un ragazzino molto timido si invaghisce di una ragazza che lavora in una gelateria. Dopo vari tentativi di approccio e dopo aver provato tutti i gusti possibili immaginabili di gelato (rimettendoci le paghette settimanali accumulate da una vita), decide di cambiare tattica, di diventare più duro, più rude, più aggressivo. Così, trovandosi davanti alla ragazza, come ogni giorno, lei gli dice: "Cosa posso farti oggi di buono?". Lui tutto agitato con il cuore a mille le risponde quasi urlando: "TIRAMISU' la BANANA col BACIO!

31.  Ho visto golosi squattrinati squagliarsela con il gelato.

32.  "Tiramisù" come diceva un gelato affogato nel Grand Marnier.

33.  Due gay si incontrano. "Ciao caro. Uh, ma che caldo che fa, andiamo a succhiarci un gelato?". "Ehi, buona idea!". E si avviarono felici all'obitorio. (Mauroemme)

34.  Nello Stato di New York e' vietato circolare con un cono gelato in tasca. (Leggi strane ma vere)

35.  Cartello in un locale svizzero: Special Today: no ice cream. (Specialità di oggi: niente gelato)

36.  Nella notte un urlo agghiacciante... GELATI!!!!

37.  Notizia giornalistica: CERCA DI RAPINARE IL GELATAIO. Freddato a colpi di Magnum. (Quozzamax)

38.  Bonus Tracks: Alcuni esempi.
-   Compri un cornetto Algida all’amarena. Quello che nella foto ha una pianta di amarene infilata in una nuvola morbida di gelato cremoso e quando lo apri e togli il coperchietto di cartone ha un gelato di granito e una mezza amarena affogata in un suo stesso sputo. L’hai comprato in funzione di due cose soltanto: l’amarena merdosa in punta e il pimpirillino finale del cornetto, nel quale c’è quel milligrammo di cioccolato duro e squisito. Lei (o anche un tuo amico che però potrai – almeno – mandare affanculo) mangerà quelle due cose.
-   Apri un saccottino del mulino bianco. Nella foto sulla confezione c’è questo saccottino aperto dal quale cola circa mezzo chilo di marmellata. Non è stato aperto, pensi, si è spezzato in due dalla pressione lavica della marmellata. Dentro c’è una fototessera di marmellata. Un c’era una volta della marmellata. Il suo ricordo. Devi mangiare il saccottino da tutti e quattro i suoi lati, un pezzo alla volta, impastandoti la bocca e immaginando l’ultimo centimetro nel quale ti aspetta una pellicola di marmellata che ti si scioglierà tra le labbra e quando finalmente ci arrivi, quando hai quel dannato francobollo tra le dita, arriva lei e se lo mangia.
-   L'ultimo boccone. Vale per tutte le cose. Mangi con relativa velocità dividendo mentalmente tutti i bocconi che sono a tua disposizione, godendoteli con un leggero anticipo. Ogni morso di panino, ogni forchettata di pasta, ogni pezzetto di bistecca preannuncia quello che seguirà. Ma al penultimo boccone lei ti mangerà l'ultimo, lasciandoti totalmente spiazzato, come in un coito interrotto.

39.  Quand'ero piccolo, ricordo che non volevo mai i ghiaccioli alla menta. In realtà pensavo fossero acerbi. (Mauroemme)

40.  Se qualcosa deve essere pieno di calorie e di colesterolo, perché non possono esserlo i broccoli, invece del gelato? (Doug Larson)

41.  Cos'è un gelato per terra? Una freddura ... sporca!!

42.  Che gelati davano sul Titanic? Gli affogati!

43.  Colmo per un meccanico: mangiare un gelato con la Panda montata. (Scirio)

44.  Inserzione giornalistica: VENDESI GELATERIA, LIQUIDO TUTTO.

45.  "Pierino, perché mangi il gelato invece di studiare geometria?". "Ma mamma, sto studiando il cono!". (Bilbo Baggins)

46.  E nella notte calma e buia... si sentì un urlo agghiacciante: GELATIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII  !!!!!!!

47.  Il mio gelataio non sopporta le freddure! (Bilbo Baggins)

48.  Ieri notte, a letto con mia moglie ho fatto il porcellino. Lei urlava che lo mettessi dentro, e io invece continuavo a leccare senza mai fermarmi. Quando alla fine l'ho accontentata rimettendolo in freezer, il gelato era quasi finito! (Bilbo Baggins)

49.  Ho visto un gelataio freddare un rapinatore a colpi di magnum!

50.  Tutti i gusti sono gusti. (Insegna di una gelateria)

51.  Volete una bella battuta conica con cui stupire gli amici? Ebbene: il volume di un cono da tre gusti è dato dagli euro che vi costa, diviso per l'avarizia del vostro gelataio! (Bilbo Baggins)

52.  A me i gelati fanno schifo... soprattutto se affogati. (DrZap)

53.  Ieri faceva caldo e volevo un gelato, ma anche i gelatai erano scesi in sciopero per protestare contro il congelamento dei loro scatti d'anzianità! (Bilbo Baggins)

54.  I gelati si possono mangiare dappertutto, anche se i posti più appropriati per mangiarli sono i bal...CONI. (Renato R.)

55.  E' morto il gelato. Pare sia affogato. (DrZap)

56.  Una cosa mi sono sempre chiesto: ma gli abitanti di Gela si chiamano gelati o geloni? (Bilbo Baggins)

57.  Ai piedi del telegrafo giaceva un cono gelato mordicchiato: fu il marCONISTA che lo MORSE ! (Renato R.)

58.  Insensibilità di chi mangia il gelato nonostante sia affogato. (Mario Perrotta)

59.  In Italia c'è più gente in giro a leccare culi... che gelati.

60.  Gelataio fredda rapinatore a colpi di Magnum. Al cioccolato bianco. Domani sara' cremato. (Massimiliano Bensi)

61.  Quando vado a comprarmi un gelato cerco sempre di farmelo regalare facendomi passare per un dirigente del CONI. (DrZap)

62.  Conosco a Catania un gelataio che pur facendo un sacco di cassate fa i soldi a palate. (DrZap)

63.  Gelataio inventa il gusto "Duce". Un altro che vuol farci assaggiare la dittatura! (Tutte le cazzate del presidente)

64.  Un bambino va per la prima volta da solo a comprare il gelato. "Quanto te ne devo mettere?", chiede il barista. Il bambino: "Mettimene TROPPO!"

65.  Lo sapevate perché quando si è stressati si viene assaliti dalla voglia di mangiare gelato, cioccolato e dolci ?! Perché 'stressed' scritto al contrario e' 'desserts'. (Ridere o Piangere)

66.  AAA - Gelataio siciliano, stanco di fare cassate, valuterebbe proposte lavori alternativi. (Zap)

67.  Cosa ci fa un gelato per terra? Una freddura sporca. (effediesse1)

68.  La psicologa non ha dubbi: dimmi che gelato mangi e ti dirò chi sei!
Il cono con cialda è scelto da chi predilige un’esperienza sensoriale completa non negandosi nulla, contando sulla sicurezza di un appagamento finale. Chi mangia il cono di solito è un tipo voglioso.
Lo stecco : a prima vista chi mangia questo tipo di gelato è una persona intraprendente. In realtà è un insicuro, ha bisogno che rimanga qualcosa di tangibile, lo stecco appunto, con cui giocare o anche solo da tenere in bocca.
Il ghiacciolo : si addice ad una personalità effimera e indipendente, preferisce un piacere da gustare immediatamente. Questo tipo di persona tollera poco la frustrazione dell’attesa.
Il biscotto è per chi ha bisogno di grande rassicurazione. È quasi la merenda preparata dalla mamma: il biscotto rimanda al bisogno di un surplus di nutrimento affettivo.
La coppetta : scelta di solito dai tipi più controllati e misurati. È il formato preferito da chi non riesce a lasciarsi andare fino in fondo e concedersi un piacere (che a volte “sporca” le mani o i vestiti), e da chi deve mantenere le buone maniere, anche con se stesso.
Le praline : sinonimo di personalità moderna. Si tratta infatti di una scelta mordi e fuggi, caratteristica dei nostri tempi. È il gelato di chi ama portarsi una scorta di benessere, un piacere più piccolo, non dilagante, ma ripetuto nel tempo. (Esilarante Cacofonia)

69.  Il mio gelataio ha aperto la sua 'boutique' del gelato. Per la sua specialita' voleva 10 euro. Mi veniva voglia di freddarlo! (DrZap)

70.  Un bambino va dal gelataio e chiede un gelato al pistacchio. Poi vede che il pistacchio non gli risponde, e lo chiede al gelataio.

71.  I gelatai quando muoiono si fanno sempre cremare? (DrZap)

72.  Un bambino entra in gelateria e chiede un gelato al cioccolato... Il cioccolato non gli risponde, allora lo chiede al gelataio.

73.  Un tizio entra in una gelateria e chide un gelato al pistacchio. Ma il pistacchio non dice nulla e allora si rivolge al gelataio.

74.  A Vienna, una gelataia ha ucciso marito ed amante, li ha fatti a pezzetti e li ha messi nel surgelatore. Li ha freddati entrambi... chissà se avrà usato una 44 MAGNUM... Algida… (Massimiliano bensi)

75.  Nel 2058 il gelato geneticamente modificato saprà nuotare e non affogherà più nel caffè. (Maurizio Crozza)

76.  Il gelato meno impulsivo? Il ghiacciolo verde... Ragiona a menta fredda!! (matteo_bry_91)

77.  Le freddure piu' belle le ho sempre raccontate mangiando gelati e semifreddi. (DrZap)

78.  Primi arresti a Milano per il consumo di gelati dopo mezzanotte. In Questura: “Ancora te? Sei ricaduto nella stracciatella?”. (Starrynight)

79.  Ma un gelato che scappa se la squaglia? (Sergio Masse Massetani)

80.  A Vienna, una gelataia ha ucciso marito ed amante, li ha fatti a pezzetti e li ha messi nel surgelatore. Alla prima udienza del processo, i giudici non hanno avuto dubbi: è una donna di ghiaccio ! (Renato R.)

81.  Morto l'inventore della stracciatella. La cioccolata e' a pezzi.  (Marco GuernYesterday)

82.  Ma si può mangiare un gelato di limone a Crema? (DrZap)

83.  Gelato e filosofi. Kierkegaard entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Kierkegaard: “Vorrei un gelato. Alla fragola. No, aspetti. Al limone. No, scusi, menta. Oddio, c'è anche la stracciatella... Allora, no facciamo che fragola andava bene. Cono. No, scusi, coppetta. No cono. Al limone. Senta, decida lei. No, scusi, decido io. No, decida lei. (Comincia ad ansimare in preda ad una crisi di panico). Allora, facciamo limone e fragola. No, meglio menta e fragola. Nella coppetta. Decida lei. No, decido io. No, decida lei. Senta, facciamo così: lasciamo decidere a Dio". Dio: tace. Kierkegaard “A posto cos”. Ed esce fischiettando, contento, senza gelato.

84.  Gelato e filosofi (2). Platone entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno, desidera?”. Platone: “Una coppetta da due euro, cioccolato, amarena e menta”. Il commesso lo serve. Platone mangia, sbuffando di quando in quando. Il Commesso: “C'è qualcosa che non va?”. Platone: “Guardi... Non vorrei offenderla... Questo gelato non è male... Però, come quelli che mangiavo nell'iperuranio... Vabbè, fa lo stesso”. Lascia il gelato a metà e se ne va, triste e deluso.

85.  Gelato e filosofi (3). Nietzsche entra dal gelataio. Nietzsche entra dal gelataio. Nietzsche entra dal gelataio. Ad libitum.

86.  Gelato e filosofi (4). Sant'Agostino entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Sant'Agostino: “Dunque, vorrei una vaschetta di gelato da un chilo, grazie. Solo cioccolato”. Il commesso lo serve. Sant'Agostino si siede e comincia a mangiare avidamente. Finita la vaschetta, si getta in terra, in preda a crampi allo stomaco e fitte alla testa. Sant'Agostino: “Oddio! Oddio, come mi pento di aver mangiato tutto quel gelato!”. Improvvisamente i dolori cessano. Sant'Agostino ringrazia ed esce.

87.  Gelato e filosofi (5). Schopenauer entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Schopenauer: “No”. Esce.

88.  Gelato e filosofi (6). Socrate entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Socrate: “Un frappè alla banana”.  Il commesso lo serve. Socrate si siede. Improvvisamente entra una torma di persone che gli si siede attorno mentre sta bevendo. Uno comincia a tastargli le gambe. Il Commesso: “C'è qualcosa che non va?”. Socrate: “Piacerebbe saperlo anche a me. Va avanti da un po', 'sta storia. Comincia ad essere fastidioso”. Si alza e se ne va, con la folla a seguirlo.

89.  Gelato e Filosofi (7). Zenone entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Zenone: “Mah, guardi, avevo un appuntamento con Achille qui davanti, due ore fa. L'ha mica visto?”.

90.  Gelato e filosofi (8). Plotino e Pitagora entrano dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desiderano?”. Entrambi, in coro: “Una vaschetta da un chilo di gelato. Per una festa”. Il Commesso: “Quanti gusti vi metto?”. Plotino: “Uno”. Pitagora: “Dieci”. I due si fissano per un istante, e poi litigano uscendo dalla gelateria.

91.  Gelato e filosofi (9). Hegel entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Hegel: “Una coppetta tre gusti. Fiordilatte... cioccolato... e stracciatella”. Esce con la coppetta. Arriva Feuerbach, che gli prende la coppetta, gliela butta e per terra all'urlo di “Hegel culo!” e corre via.

92.  Gelato e filosofi (10). Voltaire e un amico entrano dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desiderate?”. I due ordinano. Il commesso li serve. Amico di Voltaire: “Questo è il gelato più buono al mondo. Non riesco a immaginare un gelato più buono”. Voltaire: “Non diciamo cazzate”.

93.  Gelato e Filosofi (11). Blaise Pascal e un amico entrano dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desiderate?”. Pascal: “Scommetti che mi mangio una vaschetta da un chilo in 3 minuti”. L'amico: “Devi smetterla con queste scommesse. C'è un limite a tutto”. Da fuori, Giordano Bruno: “Sicuri?”

94.  Gelato e filosofi (12). Aristotele entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Aristotele: “M'ero preparato una risposta comica, ma non me la ricordo più. Oh, beh, prima o poi salterà di nuovo fuori”.

95.  Gelato e filosofi (13). Leopardi entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Leopardi ordina. Il commesso lo serve. Leopardi fissa il gelato. Leopardi: “Non sarà mai buono come pensavo”. Esce sconsolato.

96.  Gelato e filosofi (14). Charles Bukowsky entra dal gelataio. Il Commesso: “Buongiorno. Desidera?”. Bukowsky vomita per terra e se ne va.

97.  Gelato e Filosofi (15). Due commessi gelatai stanno chiaccherando in attesa di clienti. Ad un certo punto, uno dei due vede arrivare da lontano Marcel Proust. Commesso 1: “Oh, no... arriva Proust!”. Commesso 2: “E allora?”. Commesso 1: “Lascia stare... Quello mangia un gelato, gli parte la nostalgia e t'attacca un bottone sui vecchi tempi che non finisce più”.

98.  Gelato e filosofi (16). George Orwell sta per entrare in una gelateria, quando vede che ci sono telecamere di sorveglianza. Scappa urlando e si nasconde dietro un cassonetto della spazzatura, dove lo sta aspettando Aldous Huxley, che gli dice: “Cosa t'avevo detto???” e giù LSD.

99.  Gelato e filosofi (17). Sartre non va dal gelataio perché ha la nausea.

100.                Gelato e filosofi (18). Stephen King entra dal gelataio. Ma non era una gelateria. Era una manifestazione concreta del Male.

101.                Gelato e filosofi (19). Raymond Queneau entra dal gelataio. Raymond Queneau entrò dal gelataio. Il gelataio entra da Raymond Queneau. Raymond Queneau s'introduce in un gelativendolo. Ho visto Raymond Queneau. Andava dal gelataio. Raymond Queneau entre chez la gelaterìe. Raymond Queneau, famoso scrittore degli inizi del novecento, entra, ovvero passa l'uscio, da un gelataio, ovvero un venditore di un prodotto fresco e gustoso. Era Queneau. Entrava. Dal gelataio. Soggetto: Queneau. Azione: entrare. Luogo: il gelataio. “Bene,” pensò Raymond Queneau. “Un gelataio. Ho proprio voglia di entrarci”.

102.                Gelato e filosofi (20). H.P. Lovecraft entra in una gelateria. Ha un inquietante dialogo col commesso. Ordina dei misteriosi gusti, ad un prezzo inenarrabile. Il commesso torna nel retro, e prima che la porta si chiuda Lovecraft intravede qualcosa di spaventoso. Poi esce e si siede su una panchina disturbante, a mangiare il suo gelato e leggere il Necronomicon.

103.                Gelato e filosofi (21). Alessandro Manzoni entra correndo in una gelateria. Manzoni (affannato): “Avete visto mia moglie???”. Commesso: “No”. Manzoni: “Mi può battezzare?”. Commesso: "No". Manzoni: "Grazie comunque". Esce di corsa.

104.                Gelato e filosofi (22). James Joyce entra in una gelateria che fastidio questo col cellulare caldo dove cosa devo mangiare e i commessi che guarda quella lì che gonna con sì vorrei vedere gormiti che i bambini mi danno fastidio devo pagare due euro coppetta da 3 gusti menta gelato cioccolato dolce un po' salato menta stracciatella no stracciatella qui non è buona menta fiordilatte panna no panna sì fragola fragola menta panna quella con la gonna se n'è andata sì grazie no domani rate da pagare libro da scrivere.

105.                Gelato e filosofi (23). Pirandello entra in una gelateria. Da lontano fischia un treno. Pirandello si da' un colpo sulla fronte, come a ricordarsi improvvisamente qualcosa, e corre fuori. Entrano sei personaggi, e non lo trovano.

106.                Gelato e filosofi (24). Tomas Hobbes sta leggendo un libro. Entra correndo suo figlio. Figlio di Tomas Hobbes: “Papà, papà, oggi è la festa del papà! Ti voglio bene!”. Tomas Hobbes (con sguardo distaccato) “No. Ti sbagli. Ti sono semplicemente utile. Come tu sei utile a me in qualche modo. Non ti voglio bene. Perché ho fatto un figlio così stupido? Vai a giocare coi lupi, aborto malriuscito!”.

107.                Gelato e filosofi (25). Socrate cammina mani dietro la schiena, cappello in testa, verso uno scavo per lavori.
Lavoratori: “Oh, cristo, arriva di nuovo quello là...
Socrate: “Buongiorno!”
Lavoratori: “Buongiorno!”
Socrate: “Come mai scavate?”
Lavoratori: “Eh, c'è una perdita.”
Socrate: “Perché?”
Lavoratori: “Eh, s'è forato un tubo del canale di scolo...
Socrate: “Perché?”
Lavoratori: “Eh, si dev'essere usurato.”
Socrate: “Perché?”
Lavoratori: “Eh, ci passa acqua tutti i giorni... La ruggine, l'erosione...
Socrate: “Perché?”
Lavoratori: “Senti, Socrate, beviti un po' sto frappè che t'abbiamo preparato. Alla menta. Tutto d'un sorso mi raccomando.”
Socrate si siede e beve. Arriva la torma di persone, gli tastano le gambe. Socrate non risponde.

108.                Non sottovalutate la pericolosità del gelato, c'è gente che è rimasta uccisa da 44 magnum. (Valentinaries)

109.                Fa così freddo che, un gelataio, dandomi un cono mi ha detto: "Mangialo in fretta, ché si raffredda.

110.                E' morto Teofilo Sanson, re del gelato. Già allestita la camera ardente con frigo-bara. (Simone GionStravorto Brugnetti)

111.                "I have a cream" disse il gelataio che aveva trovato un nuovo gusto. (DrZap)

112.                Putin va dal gelataio. "Come lo vuole il gelato?". E Putin: "Alla crimea". (DrZap)

113.                Nel menu Ikea c'e' il gelato con la panna montata. C'ho un dubbio: non e' che poi la devo montare io? (DrZap)

114.                Tu lo sai che mestiere faceva Napoleone prima di diventare generale? Il gelataio (infatti creò l'antica gelateria del corso)

115.                "I have a Cream!" come disse il gelataio americano. (Fabrizio De Carlo)

116.                Un mio amico super ciccione (cm. 170 x kg 130), dopo cena, guardando la TV, mangia un kg di gelato. Io mi accontento di un sorbETTO. (Renato R.)

117.                Napoleone continuò a fare il gelataio anche all'Elba: è una caratteristica dei piccoli principati, come Monaco: l'antica sorbetteria di Ranieri. (Renato R.)

118.                I cornetti vuoti non sanno cosa si perdono. (Pippo Forever)

119.                Arrestato gelataio per possesso illegale di 44 Magnum. (Scie comiche)

120.                Il dottore mi ha detto che non devo piu' mangiare gelati. E chi se ne frega! Io li lecco! (DrZap)

121.                La vita e' come un cono di gelato: bisogna imparare a leccarla! (Charles M. Schulz)

122.                Mangio un cono panna e cioccolato solo di nascosto. Adoro il celato. (Lia Celi)

123.                Il figlio alla mamma matematica: "Mamma, mi compri il gelato?". "No, non c'ho i soldi. Ti compro un ge...angolo!" (DrZap)

124.                A volte mi sdraio sul divano, ripenso agli errori che ho commesso nella vita, e mi domando: sarà rimasto del gelato in frigo?

125.                Il pesce piu' goloso e' quello... congelato.

126.                In Arabia un italiano ha messo su una gelateria e i ghiaccioli li ha chiamati 'Califfo'. (DrZap)