Religione – Gli angeli

1.     Il cliente dell'avvocato di solito non e' un angelo. Il cliente del medico lo puo' diventare!

2.     Un bimbo bianco muore e si presenta a S.Pietro: "Povero piccolo, eccoti due ali bianche e va a fare l'angelo custode". Muore un bimbo giallo e si presenta da S.Pietro: "Povero piccolo, eccoti due ali gialle e va a fare l'angelo custode". Muore un bimbo negro e si presenta da S.Pietro: "Povero piccolo, eccoti due ali nere e va a fare il pipistrello!".

3.     Muore una donna che ha tradito spesso il marito e finisce, malgrado tutto, in Paradiso dove le viene assegnata una piccola nuvoletta. Qualche mese dopo il marito, malgrado tutto innamoratissimo della moglie, per il dolore muore anche lui e finisce in Paradiso e come prima cosa va a trovare la moglie nella sua nuvoletta. Ma appena entra la trova fra le braccia di un angioletto e lei non puo' far altro che esclamare: "Terra, mio marito!".

4.     Paradiso. Fila davanti un cancello. Arriva un angelo e chiede al custode: "Scusi, sto cercando Giovannino Agnelli, ho un suo invito". "Si metta in fila", risponde il custode. Dopo un po' ne arriva un altro: "Scusi, sto cercando Lady D, ho un suo invito". "Si metta in fila", risponde il custode. Poco dopo arriva un altro angelo: "Scusi, sto cercando Dody, ho un suo invito". "Si metta in fila", risponde ancora il custode. Il tempo di finire di parlare e ne arriva un altro, e il custode, prima che l'angelo parli gli grida: "Se ha l'invito di Giovannino, Lady D o Dody si metta in fila!". "OK, ma non capisco a che serve questo invito!?". "Sa, appena arrivato, Giovannino si e' dato da fare, ed ha messo su una fabbrichetta di auto da regalare agli angeli; riesce a costruirne 1000 all'ora". "Scusi, non capisco questa fila allora". In quel momento arrivano Diana e Dody, e il custode, facendo loro strada tra la folla per aprire il cancello grida: "LARGO, LARGO, che sono arrivati finalmente i collaudatori!".

5.     Perché sulla punta dell'albero di Natale c'e' un piccolo angelo? E' una lunga storia. Una vigilia Babbo Natale si stava preparando per il suo giro annuale. Non appena si infilo' i suoi pantaloni rossi preferiti, questi si strapparono. Allora dovette indossare un altro paio che gli stava molto stretto e gli rendeva i movimenti difficoltosi. Ando' a vedere come andavano i preparativi nel reparto giocattoli ma vide che i folletti erano in sciopero. Uscendo per controllare le renne, si accorse che erano ammalate. A questo punto Babbo Natale era su tutte le furie. Entro' in cucina per versarsi un bicchiere di vino, ma trovo' la bottiglia vuota. Ora era veramente incazzato! Tutto ad un tratto si senti' bussare alla porta. Babbo Natale era troppo nervoso per prestare attenzione a quel rumore. Si senti' bussare di nuovo, ma questa volta piu' forte. Babbo Natale ando' verso la porta rosso in viso, la spalanco' e vide il piccolo angelo che chiedeva: "Ciao, Babbo Natale! Ho qui l'albero... dove lo devo mettere?".

6.     Qual e' il seguito di 'Anche gli angeli mangiano fagioli' ? Via col Vento.

7.     Craxi muore e va in Paradiso. Tutti sono in fermento per l'arrivo di un personaggio cosi' importante, quindi apre la porta personalmente Dio. Gli da' la mano, lo fa entrare ed inizia a presentarlo a tutti gli angeli. Ad un tratto Craxi trema, ...sbianca... e sviene. Il Signore si avvicina e gli dice sottovoce: "Bettino, ho detto San Pietro e non Di Pietro!"

8.     In Purgatorio si sta svolgendo una partita amichevole tra diavoli e angeli. L'allenatore per i diavoli e' LUCIFERO e per gli angeli GESU'. La partita va avanti con molta monotonia e con continui rimpalli. Ad un tratto, quasi allo scadere del secondo tempo, San Gennaro stoppa di petto e passa a San Filippo il quale, ricevendo la palla, si ringalluzzisce e inizia a dribblare tutti gli avversari, arrivando solo in area. Di fronte a lui il portiere, un diavolaccio di prima categoria, prova a fermarlo con tutti i mezzi piu' indecenti e piu' subdoli, ma San Filippo, ormai caricato dribbla anche quello, prende la mira, tira e... palo! "Oh Porcamado***!" esclama San Filippo. "San Filippo !" urla Gesu' e con il sangue agli occhi si avvicina a lui con fare minaccioso. "Scusami, Gesu', non volevo offendere tua madre, scusami, scusami..." implora San Filippo tutto impaurito per la bestemmi che gli e' uscita di bocca. E Gesu' tutto imbelvito: "Mia madre 'na sega! Come hai fatto a sbagliare quel gol ?"

9.     Un uomo noto per la sua bonta' e rettitudine, ricevette un giorno la visita di un angelo il quale lo avvertiva che, in virtu' delle sue doti, il Signore aveva deciso di regalargli una tra le seguenti cose: 1. Infinita salute; 2. Infinita saggezza; 3. Infinito denaro. L'uomo scelse la saggezza. "Fatto", disse l'angelo, e scomparve. Il giorno dopo, l'uomo racconto' tutto alla moglie la quale, subito, chiese: "Allora, dimmi qualcosa di saggio". E l'uomo: "Avrei dovuto scegliere il denaro".

10.  Notte. La Mamma topa e il figlio topolino stanno attraversando la strada. Ad un certo punto, il topolino si ferma in mezzo alla strada, a guardare con la boccuccia aperta e gli occhietti sgranati un pipistrello che svolazza intorno ad un lampione. La mamma topa, appena se ne accorge, gli grida: "Aroldo, ma che fai? Su, sbrigati!". E il topino: "Guarda, mamma: un angelo!".

11.  In paradiso un angelo non Ź niente di particolare. (Bernard Shaw)

12.  Non capisco bene perché gli uomini che credono agli elettroni si considerino meno creduli degli uomini che credono agli angeli. (Bernard Shaw)

13.  Gli uomini sono angeli con un'ala sola. Possono volare solo abbracciati. (Luciano De Crescenzo)

14.  Vi racconto una storiella. C'Ź un ebreo che vive da duemila anni. Un tizio lo intervista: "Qual Ź il suo segreto?". "Aglio. Quando stai per morire, l'angelo della morte entra in casa, si avvicina al tuo letto e accosta il viso al tuo. Allora tu gli chiedi - Chi sei? - espirando forte. E l'angelo - Ok, passo piĚ tardi". (Mel Brooks)

15.  I diavoli si dividono in angeli decaduti e in gente che ha fatto carriera. (Stanislaw Lec)

16.  Era l'anno I avanti Cristo, una scura notte di pediluvio. In un'umile casa della Palestina si senti' una voce: "Ave Maria, sono Gabriele, sei tu la Vergine?". E la giovane donna rispose: "Ne', ma a te che te ne importa? Vieni qua vestito da tacchino con le ali e fai pure domande cretine!?". "Lo devo sapere...". "E chi sei, il medico della mutua, il ginecologo? No? E allora fatti i fatti tuoi!". Ma Gabriele insisteva: "Devi dirmelo, mi manda l'Altissimo!". "Chi, Pippo Baudo? E lo potevi dire subito che era per la televisione! Allora: non sono vergine, non mi vergogno a posare nuda e so anche ballare... Sono scritturata?". Gabriele era perplesso: "Ma... ma tu sei proprio Maria?". "No, sono Stefania, e allora? Chi e' chesta Maria, una raccomandata? Ehi, torna qui, dove vai, guarda che so anche fare le imitazioni...". Era sempre l'anno I avanti Cristo, una scura notte di pediluvio, solo un po' piĚ tardi. In un'altra umile casa della Palestina si senti' la stessa voce: "Ave Maria, sono Gabriele!". "Molto piacere, signor Gabbiano...". "Non sono un gabbiano, ma tu sei proprio Maria?". "Certo, signor Pellicano...". "Sei proprio Maria di Nazareth?". "No, sono Maria di Nocera Inferiore, fa lo stesso? Ehi, signor Fenicottero, dove scappa, non le piace Nocera?". Era sempre l'anno I avanti Cristo, una scura notte di pediluvio, solo molto piu tardi In un'ennesima umile casa della Palestina si senti' la solita voce: "Questo e' l'ultimo tentativo, poi me ne torno su e ci spedisco l'arcangelo Peppiniello a cercare questa benedetta Maria!". E in quella arrivo' una giovane donna: "Ave, sono Maria, la vergine di Nazareth, posso esserti utile?". "Ave Maria, che piacere trovarti... Sono venuto per fare l'annuncio". "E chi sei, Nicoletta Orsomanno? E da quando le annunciatrici le vestono da galli cedroni con le alucce?". "Ne' Mari, non ti ci mettere pure tu! Sono venuto a dirti che rimarrai incinta". "Ma non fare il cretino! Ti presenti vestito da pappagallo e fai pure lo spiritoso!". "Maria, non sono vestito da pappagallo, io sono un angelo! Io vengo per darti la luce...". "Ah, e lo potevi dire subito che sei dell'Enel, sono due mesi che qua e' zompato lutto. Il contatore sta di la'...". Ci volle la mano di Dio per convincere la Madonna, la quale quella notte rimase incinta, come aveva annunciato l'arcangelo Gabriele. E ci volle ancora di piu' per convincere Giuseppe, che dopo molte discussioni familiari accetto' di buon grado di diventare il papa' di   Gesu'. E da quel giorno egli inizio' a sorridere, e la gente lo guardava e diceva: "Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore". Passati che furono nove mesi la Madonna partori' in una stalla, tra un bue e un asinello. E tale tradizione si e' conservata attraverso gli anni, e ancora oggi le donne assistite dalla Saub partoriscono in stalle, circondate da asini e ogni altro genere di animali.  E fu cosď che nacque Gesu', detto il Salvatore, per gli amici Sasa'. E amici, parenti e curiosi si recarono nella stalla a portare doni; pastori con gli agnelli sulle spalle, zampognari, bambini e giovinette attraversarono ruscelli di carta argentata e colline di cartapesta per vedere Gesu' Bambino. Giuseppe accoglieva tutti sorridendo e la gente diceva: "Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore". Ed ecco che bussarono alla porta della stalla. "Chi e?" chiese Giuseppe. "Magi". (Giobbe Covatta)

17.  Un giorno un Angelo del Signore apparve davanti al Papa Giovanni Paolo II e gli disse: "Giovanni Paolo, sei stato un Papa in gamba e Dio vuole ricompensarti. Devi scegliere tra tre regali: se scegli il primo regalo diventerai l'uomo piĚ ricco in questa terra. Se scegli il secondo regalo, sarai l'uomo piĚ saggio in questa terra. Se scegli il terzo regalo sarai immerso in un mondo circondato da una enorme bellezza. Quale scegli?". Il Papa ha scelse la saggezza. Il giorno dopo era domenica e la folla si raccolse sotto la sua finestra per sentire il discorso e ricevere la benedizione. Il Papa si affacciė e si mise a guardare la folla imbarazzato senza parlare. Ad un certo punto una signora gridė: "Santo Padre, diteci qualche cosa, illuminateci con la Vostra saggezza". E il Papa rispose: "Avrei dovuto scegliere i soldi".

18.  Due bambini, un maschio e una femmina, sono al parco e fanno insieme certi giochi sospetti. Lui (torvo): "Insomma deciditi: ci stai o no?". Lei (reggendosi le braghette e piagnucolando): "Oh, no... Se lo facciamo, lo so, l'angelo custode piange, e non Ź contento!". Lui: "Dai... dai... lo sai benissimo che l'angelo custode se ne frega...". Lei (minacciosa): "Guarda che se insisti ancora, io vado a chiamare la mamma!". Il volto di lui si illumina: "perché? LA MAMMA CI STAREBBE?".

19.  Una donna che ha un amante Ź un angelo, una donna che ha due amanti Ź un mostro, una donna che ha tre amanti Ź una donna. (Victor Hugo)

20.  E il Signore distrusse Sodoma e Gomorra ricoprendole di zolfo e di fuoco. E gli angeli in coro dissero: "Signore, passi per Sodoma, citta' di sodomiti, ma... perché hai distrutto anche Gomorra?". E il Signore rispose: "Mah... Gomorra, citta' di gomorroidi... mi faceva un po' schifo!". (Giobbe Covatta)

21.  E' arrivato il giorno che gli angeli aspettano per tutto l'anno, il giorno del derby Paradiso-Eden. Lo stadio e' gremito, tutte le nuvolette occupate. I goleador sono S.Pietro da una parte e S.Paolo dall'altra. Dio, vede tutto, sa tutto, e quindi fa l'arbitro. Fischio d'inizio, dopo un quarto d'ora di studio, S.Pietro si smarca davanti alla porta avversaria, tira... GOOOL! Lo stadio e' in delirio. Paradiso 1 - Eden 0. Dopo 10 minuti S.Paolo dall'altra parte segna di testa. 1 a 1. Si va al riposo su questo risultato. Le squadre rientrano e dopo 20 minuti e si arriva a 2 minuti dalla fine senza grandi emozioni. All'ultimo minuto di gioco S.Pietro prende la palla a centrocampo, si smarca tutti gli avversari, e' solo davanti alla porta, tira... PALO !! S.Pietro guarda la palla che sbatte sul palo e urla: "E PORCODIOOOOOOO". Un silenzio di gelo cala nello stadio. Dio sa tutto, ha visto tutto e lo chiama a se' con voce imperiosa: "Pietro, vieni qui". Pietro comincia a farfugliare qualcosa per giustificarsi: "Ma, Signore, io non volevo, sa, la foga agonistica...". "PIETRO, VIENI QUI". "Signore, io non sapevo neanche che esistesse una parola del genere, non so cosa mi sia capitato...". "PIETRO, VIENI QUIIIIIII!!!!" tuona Dio. Allora S.Pietro si avvicina a testa bassa, e quando arriva vicino a Dio questi gli dice: "Pietro, ma come cacchio hai fatto a sbagliare un tiro simile?!?"

22.  C'hanno chiuso le porte del sogno, del mistero: tutto computerizzato. L'Oscar: ci dicono prima chi vince... Demoskopea, Doxa, quiz, Istat! Oggi l'angelo fa l'annunciazione e rimane fregato: "Buongiorno, Maria, lei..." "Lo so, aspetto un bambino, maschio, 25 dicembre: ho fatto l'ecografia..." (Roberto Benigni)

23.  San Giuseppe: "Maria, scusa riparliamone... non voglio menarla, ma riparliamone. C'Ź stata una grande luce... Ź apparso un angelo, ma esattamente cosa ti ha detto?". Maria: "Mi ha detto: Donna tu domani farai un figlio e tuo marito sarą suo padre protettore, lo so, Ź una storia un po' incasinata, lui non ci crederą subito. Tu cerca di convincerlo, se lo convinci entra anche lui nell'immaginetta, se no morta lď!". (Paolo Rossi)

24.  La ragione per la quale non esistono topi angeli Ź che i gatti angeli esistono davvero! (Mel Brooks)

25.  Un funerale per gli uomini Ź forse una festa di nozze per gli angeli. (Kahlil Gibran)

26.  Non guidare piu' velocemente di quanto sappia volare il tuo angelo custode. (Don't drive faster than your guardian angel can fly)

27.  Non sono un angelo, ma ho spiegato un pochino le mie ali. (Mae West)

28.  Cartello su un portone di una chiesa: "Attenzione! Pericolo caduta angeli!"

29.  Ieri ero per strada, stavo per attraversare ad un semaforo quando sento una voce, "attento, non muovere un passo". Mi guardo intorno e ..nessuno, ma chi ha parlato? Sento un gran botto, mi giro e vedo che un camion ha attraversato col rosso a velocitą folle, e si Ź schiantato contro un'auto rovesciandosi in mezzo all'incrocio. Mi rendo conto che senza l'avviso di quella voce ora sarei sicuramente morto. "Va bene " urlo sconvolto, " chi ha parlato?" e una voce risponde, " Io ", ancora non capisco chi parli. " Dove sei, non ti vedo, chi mi ha salvato la vita?  " "Sono il tuo angelo custode, " la voce risponde. "Da sempre sono accanto a te e ti proteggo dai pericoli". " Ah Ź cosď" rispondo arrabbiato " e si puė sapere dove cazzo eri il giorno che mi sono sposato?"

30.  Gli angeli possono volare perché si prendono con leggerezza. (Gilbert Keith Chesterton)

31.  Un giorno l'Angelo del Signore si presento' ad Abramo: "Prendi Enrico Manca, portalo in cima al monte e ammazzalo". "Ma perché?". "Cosi' vuole il Signore". Abramo non batte' ciglio. Prese il giovane Manca e lo porto' in cima al monte. Ma quando stava gia' con la spada sollevata, pronto a colpirlo, arrivo' l'Angelo a fermarlo. Della serie: e poi dicono che Dio e' infallibile! (Giuliano)

32.  "Io la pera non la mangio: c'e' il verme dentro". E la nonna prontamente: "Pensa ai bambini in Africa che muoiono di fame. E' peccato buttare via il mangiare. Se ti sente l'angelo custode, piange". Eppure sarebbe stato cosi' facile: ai bambini dell'Africa le pere, a noi il Ciocori', e l'angelo custode che si facesse gli affaracci suoi. (Vito) (in collaborazione con Francesco Freyrie)

33.  Campionato universale di calcio. Anche quest'anno la finale vede di fronte Angeli contro Diavoli. Nel prepartita, i due allenatori si incontrano negli spogliatoi. Quello degli Angeli dice un po' borioso: "Non vi temiamo, noi abbiamo i migliori giocatori". "Oh, nemmeno noi: abbiamo tutti gli arbitri". (Mauroemme)

34.  I pazzi si precipitano la' dove gli angeli non oserebbero posare piede. (Alexander Pope)

35.  Se nel cielo gli angeli giocassero, credo che giocherebbero a scacchi. (Michelangelo Scalcione)

36.  Perché diavolo sei bella come un angelo? (da un bacio perugina)

37.  Immaginatevi la faccia di Giuseppe quando trovė l'Arcangelo Gabriele nell'armadio. (philotto)

38.  La donna ha la forma di un angelo, il cuore di un serpente e il cervello di un asino. (Proverbio tedesco)

39.  L'Angelo dell'ENEL apparve a Maria e le disse: "Maria... Io sono la luce!!!"

40.  Ho un problema che mi assilla da parecchio tempo. Da piccolo, ero un bambino molto, molto religioso. In risposta alle mie preghiere, un giorno mi apparve un angelo di Dio, e mi chiese cosa volevo avere dalla vita, se una memoria prodigiosa o un pisello grandissimo. Il problema Ź che purtroppo non ricordo assolutamente cosa scelsi. (Mauroemme)

41.  Dracula chiese a Dio: "Potrei essere reincarnato in un angelo bianco con ali e continuare a succhiare sangue?". Dio rispose: "No problem!" E lo trasformė in un assorbente!

42.  Un vero sant'uomo muore e giunge in Paradiso, dove viene ammesso senza esitazioni. Tuttavia il sant'uomo, che Ź un po' curioso e un po' diffidente, chiede, prima di accettare, di poter visitare il luogo dove dovrą trascorrere l'eternitą. Viene accontentato e un Angelo l'accompagna in questa visita. Ecco che, dietro una collina, si vedono migliaia e migliaia di esseri felici. Vedi, caro amico – dice l'Angelo – questi sono i Musulmani giusti, che si sono comportati bene sulla Terra e ora si godono il Paradiso. Ancora qualche centinaio di metri ed ecco un altro gruppo di esseri. "Questi – spiega l'Angelo – sono gli Induisti giusti, che si sono comportati bene sulla Terra e ora si godono il Paradiso". Un po' piĚ giĚ, stessa storia, ecco gli Ebrei giusti, ecco gli Atei giusti, ecco i Buddisti giusti e via di questo passo. Poi, all'improvviso un muro altissimo. Due scale a pioli sono appoggiate al muro e l'Angelo comincia a salire, mentre il sant'uomo fa altrettanto con l'altra scala. "Che succede qui" - chiede il sant'uomo - e viene immediatamente zittito dall'Angelo che lo invita al silenzio piĚ totale. Giunti in cima, possono vedere, all'interno del recinto, un altro gruppo di migliaia di esseri. "Chi sono ?" chiede l'uomo giusto e si fa zittire un'altra volta dall'Angelo che gli sussurra : "Te lo spieghero' quando saremo giĚ". Ridiscesi, l'uomo giusto chiede all'Angelo: ma chi sono quelli, e perché non potevo parlare ? "Vedi figliolo" – risponde l'Angelo – "quelli sono i Cristiani giusti e non si puo' parlare vicino a loro perché li lasciamo nel loro convincimento di esseri proprio soli qui...".

43.  Era cosď brutto, ma cosď brutto che invece di avere l'angelo custode aveva un pipistrello vampiro. (Mauroemme)

44.  Colmo per un angelo: avere un cerchio alla testa. (Scirio)

45.  Siamo angeli custodi dei nostri demoni. (Mirco Stefanon)

46.  Perché Big Jim ha la pelle liscia? Perché ogni giorno si fa la Barbie. (De Angelis & Pozzoli)

47.  Da giovane non ero molto esperto di masturbazione. Ho imparato mano a mano. (De Angelis & Pozzoli)

48.  La tua fidanzata l'ho chiamata Rana perché un girino lo fa fare a tutti. (De Angelis & Pozzoli)

49.  La tua fidanzata l'ho chiamata Tequila perché ogni sera... Bum bum. (De Angelis & Pozzoli)

50.  Mio nonno fuma due stecche al giorno... forse ha un biliardo nel polmone. (De Angelis & Pozzoli)

51.  Il mio cane e' cosi' furbo che se gli tiro un bastoncino mi riporta indietro Capitan Findus. (De Angelis & Pozzoli)

52.  La sua donna la chiamo 'Spezzatino' perché e' sempre in mezzo ai piselli. (De Angelis & Pozzoli)

53.  "Figliola, perché ti presenti a messa con quella profonda scollatura?". "Padre, Ź perché tutti quelli che poggiano il viso mio seno mi dicono che sentono gli angeli cantare". "Uhm... fammi provare". E il prete poggia il viso sul prorompente petto della ragazza. Dopo qualche minuto alza il capo e dice: "Mah... io non sento nessun angelo cantare". "Certo che no, reverendo. Deve prima connettersi". (Mauroemme)

54.  Sei un angelo caduto dal cielo... peccato che sei caduta di faccia!! (su un SMS)

55.  Ma Giuseppe quando si bevve la storia dell'angelo, era fatto di Maria? (Emile Antoon Kadaji)

56.  In veritą vi dico che l’arcangelo Gabriele Ź "venuto" nel nome del signore. (Dr.ICE)

57.  Un uomo muore e si presenta alle porte del paradiso, dove trova un angelo ad attenderlo. Sorpreso, l'uomo gli chiede: "Ma come, non c'Ź San Pietro?". "No, Ź sceso un momento in purgatorio". "E tarderą molto?". "No, no, sta per tornare. Gli mancheranno si e no un paio di diarree". (Mauroemme)

58.  GesĚ viene crocefisso e muore. Arrivato in paradiso viene accolto tra mille festeggiamenti, in particolare da un angelo suo ammiratore che si affeziona a lui a tal punto da volerlo compagno di giochi e discussioni. Questa amicizia va avanti  per due giorni quando, il terzo giorno l'angelo non vedendo arrivare GesĚ si preoccupa e si reca presso la sua abitazione. Una volta arrivato bussa e bussa piĚ volte alla porta, ma nessuno gli apre. Sempre piĚ preoccupato sfonda la porta, entra in casa e prova a chiamarlo ad alta voce: "GesĚuuuu, GesĚuuuuuu!". Niente. Col cuore in gola allora si addentra ancora di piĚ nella casa, entra in camera da letto, e lo vede disteso, con gli occhi chiusi come se dormisse. Prova a strattonarlo,...niente, prova a gridare forte il suo nome, ...niente .... niente... Oramai... era Vivo! (Dr. ICE)

59.  Annunciatrice : persona che quando presenta Madonna si crede un angelo. (Mauroemme)

60.  Sei un angelo caduto dal cielo... ma sei propio cascata de faccia. (sei un angelo ma sei abbastanza brutta)

61.  "Mamma, mamma, gli angeli sono maschi o femmine?". "Ma, caro, gli angeli non sono né maschi, né femmine". "Ah, ho capito, sono gay...". (DrZap)

62.  Colmo per un diavolo: avere un angelo per capello!

63.  Dal Vangelo secondo Marx: beati i puri di cuore perché saranno epurati...

64.  I filosofi hanno sempre discusso per secoli su quanti angeli possono ballare sulla testa di uno spillo, mentre i materialisti sanno perfettamente che cio' dipende se ballano guancia a guancia o un ballo scatenato. (Tom Robbins)

65.  Secondo una recente indagine della Demoskopea, alla domanda su cosa ne pensassero del sesso degli angeli, le suore di clausura hanno cosď risposto:
- il 5% ha detto "femmina"
- il 15% ha detto "maschio"
- il restante 80% ha detto: "troppo piccolo". (Lopezzone)

66.  L'angelo custode Ź disoccupato. In Paradiso hanno installato l'angelo videocitofono. (Mauroemme)

67.  La Smorfia: L'annunciazione
In una casa umida ma onesta, una donna somigliante alla Madonna Ź seduta quando entra l'angelo Gabriele che quasi cieco suona la tromba e sbatte i piedi.
ARENA Annunciazione! Annunciazione! Tu Marď Marď fai il figlio di Salvatore. Gabriele t'ha dato la buona notizia. Annunciazione! Annunciazione!
TROISI Ma io non sono Maria, io non mi chiamo Maria.
(L'angelo non vede bene e per questo comincia a tatstare prima il terreno e poi Maria. Poi urla di nuovo)
ARENA Annunciazione!...
TROISI (Stupito e confuso si rivolge all'angelo ormai fuori scena) GabriŹ, tu si scemo! Cose 'e pazzi. Uno sta int' 'a casa sua...
(Entra Enzo De Caro. ť vestito da angelo e suona un flauto)
TROISI Che vuė scusa?
DE CARO Sono il Cherubino, mi ha mandato Gabriele per creare l'atmosfera celestiale.
TROISI Cherubď! (E fa cenno con la mano di uscire da casa sua) Cherubď, tu te ne a' a j'! Mo' ritorna mio marito e io che gli dico «Chisto Ź 'o Cherubino!» Cose 'e pazzi... Una sta int' 'a casa sua... Mio marito... mio marito mi disse «Non ti preoccupą, non ti preoccupą, 'o trovo un altro lavoro» e infatti Ź iuto a 'na parte e ha detto «io aggia lavorą» e chill'ha detto «guardate, noi glielo diamo il lavoro, ma si tratta di un lavoro minorile.» Mo' mio marito tene 'na certa etą, allora ha detto «no, mi dispiace, sď, io tengo i figli, tengo i figli miei, ma sono tutti e due fuori etą lavorativa perché tengono 18 e 20 anni...» A Napoli si fatica fino a dodici anni, «mi dispiace...» ť rimasto nu poco accussď perė ha detto «non posso fare niente, mi dispiace, ma li tengo gią tutte e due in pensione. Mi dispiace!»
(Entra De Caro in canotta e elmetto da guerra)
DE CARO Signė, io me ne lavo le mani! Per correttezza io me ne lavo le mani! Per precisione io me ne lavo le mani! IO ME NE LAVO LE MANI!
TROISI Ma fatte pure la doccia, che me ne importa a me!
(Entra Lello Arena. In testa porta un elmetto giallo con una sirena luminosa rossa. Indossa una maglietta imbrattata di sangue)
ARENA Signė, signė Ź nato! Signė guarda che se io acchiappo gli innocenti faccio una strage! Faccio una strage!
TROISI Ma tu chi si' Erode? Chillo del trono insanguinato e della strage degli innocenti?
ARENA PiĚ forte non sento signė!
TROISI (Ripete tutto)
ARENA PiĚ forte non sento!
TROISI (Ripete ancora una volta)
ARENA Non sento!
TROISI (Indicando la sirena luminosa) Ma pecché non chiudo sto coso!
ARENA Signė, io faccio 'na strage!
TROISI Erė! Guarda come te lo dico bello: «Tu vai a finď in galera.»
ARENA Ma perché, secondo te, per una cosa di queste vado a finď in galera!
TROISI Secondo me, scusa, dopo il trono insanguinato e la strage degli innocenti tu vai a finď in galera per nu' piezzo!
ARENA Ci devo pensare. (Esce di scena)
TROISI E mi fece mio marito «non ti preoccupą, non ti preoccupą.» Allora uno ci disse «guardate, io ho il lavoro perė si tratta di un lavoro nero per sua moglie.» Mo', non per dire no... mio marito a me mi vuole un bene pazzo, non mi fa spostą 'na seggia da qua a lą, allora ha detto «no, mi dispiace, ma no. Se devo mandare a lavorare mia moglie... Preferisco una casa umile ma onesta.» E chist'ha detto «guardate noi abbiamo del lavoro, ma si tratta di lavoro a cottimo.» A questo punto mio marito Ź rimasto nu' poco e ha detto «scusate, ma Ź possibile che a Napoli solo lavoro non se ne trova, sempre co' n'ata parola vicina addą sta.»
(entra il Cherubino)
TROISI Ma mo' che vuoi?
DE CARO Sto creando l'atmosfera celestiale.
TROISI E non la puoi creare piĚ in lą?
(Gabriele entra sbattendo i piedi)
ARENA Annunciazione! Annunciazione!...
TROISI (Guardandolo sfinito e compassionevole) GabriŹ tu si scemo! Mio marito ha detto «va bene» ha detto «sď, se posso lavorare di meno tanto di guadagnato.» E chilli «allora non ci siamo capiti, ho detto che tengo per voi un lavoretto...» e mio marito «scusate un lavoretto... lo dice la parola un lavoretto» e chisto ha detto «no, non ci siamo capiti... no, non guardate a me, guardate la mano!» Come mio marito ha afferrato sta cosa della mano ha detto no! E allora voi direte «ma se facessero tutti quanti accussď a Napoli non faticasse nisciuno» e invece io vi rispondo «Sď, non faticasse nisciuno
(Entra De Caro con canotta e elmo)
DE CARO Signė , io me ne lavo le mani! Io me ne lavo le mani! 'O paese Ź piccolo, la gente parla... Pilato di qua, Pilato di lą. Poi quand'Ź il momento mi mandate a chiamare, vengo con spada e bastone.
TROISI Porta pure coppe e denari!
ARENA (Vestito da Re Magio) Permesso signora... Nel libro del Destino...
TROISI No, no, no, scusate ca libri qua non ce ne servono. E chesta Ź 'na povera casetta di pescatori e enciclopedie e cose non ce ne servono.
ARENA Signora, ma io sono un Re.
TROISI Un Re?
ARENA Sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...
TROISI L'oro?
ARENA No! Sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...
TROISI L'incenso.
ARENA No! Sono venuto dal lontano Oriente per portarvi in dono...
TROISI (Fa una smorfia delusa) La mirra...
ARENA La mirra!
TROISI Io 'o sapevo. Come si puė fare... Mo' tre sono i Re Magi e chi mi capita a me? Chillo colla mirra. Ca poi che Ź sta mirra? Nun aggio capito che Ź sta mirra.
ARENA La mirra Ź un'erba medica che si dą agli ammalati...
TROISI Mamma mia!
ARENA Ai moribondi...
TROISI Mamma mia! Per piacere mettila loco.
ARENA Hai visto la stella, che bella che bella! Lo disse il profeta che Ź la Cometa!
TROISI Magio! Magio... pe' piacere, aggio... sto parlando... (Esce il Re Magio e entra il Cherubino che perė questa volta non suona) Che? Senza atmosfera celestiale stasera?
DE CARO Gabriele non ci sta?
TROISI No, nun ce sta!
DE CARO Ma Ź venuto?
TROISI Ma perché, mo vi date l'appuntamento?
DE CARO Ha lasciato detto qualcosa?
TROISI Nun ha lasciato detto... tu sai come fa, viene ca', sbatte i piedi pe' terra, suona 'a trumbetta e se ne va.
DE CARO Ma torna?
TROISI Non ha lasciato detto niente!
(Entra Gabriele sbattendo i piedi e suonando la trombetta)
ARENA Annunciazione! Annunciazione!
DE CARO Aspetta! Aspetta!
ARENA O Marď! Marď! Avimmo sbagliato casa!
(Squilla il telefono)
TROISI Pronto! sď Signore, sď Signore. (E si inginocchia) Sď, so' venuti tutti quanti Signore... no, non mancava nisciuno Signore... Troppo nu fastidio Signore... Non lo dico pe' vo rinfaccią, figurarsi. Ah, hanno sbagliato tutto... e sď... Ź scemo GabriŹ Signė! No! io lo dico per Voi Signore... ma vi andate a mettere in mano a certa gente che chillo nun ci vede... lo so... Ź scemo... Signė, mio marito fa 'o pescatore... ho capito, ho capito. Va bene Signore, va bene. E lo so, hanno sbagliato... e che vulite fa Signė... vedete che si aggiusta tutto. E lo so... lo so... avevate organizzato tutto per il 24 e mo' invece... e lo so Signė e che volete fa'...quando chillo Ź scemo. E lo so... sď Signo Ź chillo ch'ha dato piĚ fastidio. Entra e sbatte chilli piedi pe' terra... va bene... ho capito... Signė mio marito fa 'o pescatore... E lo so, mo state nu' poco atterrato... no... nun facite accussď perė... no... no... SEMPRE SIA LODATO SIGNORE! Che so' sti 'ccose in bocca a Voi, per piacere Signore... e non sta bene... lo so, ho capito... mio marito... lo so, Signore, ho capito... va bene Signore. Arrivederci Signore, Buone Cose! Mamma mia come stava agitato chisto... d'altronde aveva ragione... pure io quando aspettavo 'o primo figlio stavo strana...!

68.  Quanti Angeli possono danzare sulla testa di uno spillo? Nessuno! Gli Angeli non possono ballare a causa del peso delle ali che li sbilancia, e li fa regolarmente cascare col sedere per terra!  (Bilbo Baggins)

69.  Si prega l'angelo trombettiere di suonare forte: il defunto Ź duro di orecchie. (Georges Bernanos)

70.  Da bambino mi spiegarono che nessuno poteva vedere gli angeli, e cosď, piangendo, dissi al mio Angelo Custode che non potevamo piĚ rivederci! (Bilbo Baggins)

71.  Consiglio del giorno: se trovate difficile o impossibile scrivere una poesia, fate come me. Prendete quel vostro vecchio libro di trigonometria del liceo, scovate qualche teorema e trasformatelo in forma poetica. Suggerimento: ogni volta che trovate la parola 'angolo', cambiatelo in 'angelo'. Esempio: Io ti complemento, angelo, e ti definisco immensamente. Io sono il tuo angelo adiacente. Tu sei il mio coseno. Io ti definisco fattorialmente. Io sono la curva generata dal movimento del tuo vertice. Oh, angelo acuto". (Rich Hall)

72.  Arpia: un angelo dopo vent'anni di matrimonio. (Bilbo Baggins)

73.  Chissa' perche' l'uccello del Paradiso si chiama cosď. Di sicuro non esiste lassu' perche' gli angeli non hanno sesso. (DrZap)

74.  L'angelo custode ha perso il posto. In sua vece hanno installato l'angelo citofono. (DrZap)

75.  Il Trota ha detto che non ha ancora capito chi Ź questo Angelo che fa il custode.

76.  La Donna deve essere : santa in chiesa, angelo per strada e diavola in casa.

77.  Si aprono le nuvole e appare Dio: "Gente, domani ci sarą il giudizio universale, slegatevi i capelli e aspettate che gli angeli vengano a prendervi per portarvi in Paradiso". Una vocina dal centro della folla: "Mio marito Ź calvo, come farą?". "Con te faremo i conti dopo, lo afferreranno per le corna e lo porteranno su!!!".

78.  A ciascuno il compito di trasformare le proprie ferite in punti di inserimento per le ali. (( J. Sullivan))

79.  E lo Spirito Santo (Arcangelo Gabriele) apparve a Maria e disse: Questa notte discenderė su di te. Lei risoluta rispose: La chiave Ź sotto lo stuoino, come al solito. (Gian Carlo Moglia)

80.  "Il vero paradiso non Ź in cielo, ma sulla bocca della persona amata". "E quei pezzetti di spinaci incastrati tra i denti sarebbero quindi degli angeli?!?". (Pietro Vanessi)

81.  Chissą se NoŹ, assieme alle coppie delle altre bestie, caricė anche una coppia di ARCAngeli ? (Renato R.)

82.  Angelo. La donna che si vorrebbe. (Vedi Demonio). Demonio. La donna che si ha. (Vedi Angelo). (Antidizionario dell'Ornitorinco)

83.  Dio: "Ricordatevi che io sono il principio e la fine, l'Alfa e il Rolex...". Un angelo: "L'Omega, Signore! L'Omega!". (Massimo Cavezzali)

84.  Tutti abbiamo un angelo custode. Ma non sappiamo cosa fa la sera.

85.  Quando lei ha il viso d'angelo... ma cazzo, Angelo e' tuo fratello... (Ridi che ti passa)

86.  Religione. L'arcangelo Gabriele, dopo aver chiesto a destra e a manca, la individuė e disse: "A Maria ! (Renato R.)

87.  Benedetto XVI ha sentenziato: "Gli angeli esistono ed anche gli angeli custodi !". Sono pienamente d'accordo: ho conosciuto e conosco molte persone di nome Angelo ed anche un notevole numero di custodi (di residenze di campagna, Facoltą universitarie, cimiteri ecc.) (Renato R.)

88.  San Pietro Ź alle porte del Cielo ed Ź costretto ad assentarsi per ragioni di forza maggiore. Vede passare un angelo e gli dice: "Senti, mettiti qui un momento e controlla quelli che vogliono entrare". "Va bene. Cosa devo fare?". "E’ facilissimo. In una mano metti la Bibbia e nell’altra questo fascio di soldi. Quando uno vuole entrare lo fai scegliere: se sceglie la Bibbia, avanti, se sceglie i soldi, all’inferno...  "D’accordo, e' facile". E seguendo le istruzioni di San Pietro l’angelo se la cava abbastanza bene fino a quando arriva un individuo che reagisce cosi': "La Bibbia, ovviamente!". E si mette a sfogliarla fino a che non arriva a una certa pagina: "Che passaggio sublime! Permetti?".  E gli prende un dollaro che mette come segnalibro. Continua a guardare e arrivato ad un’altra pagina esclama: "Che grande veritą! Che meraviglia! Permetti?". E afferra un altro dollaro che usa nello stesso modo. Continua cosď fino a che tutto il fascio dei soldi si trova fra le pagine del libro, allora saluta cortesemente, lasciando l’angelo esterrefatto, ed entra in Cielo. Ritorna San Pietro e l’angelo lo informa di quello che Ź successo e di come si Ź svolta la cosa e in particolare che si Ź portato via la Bibbia con tutto il denaro. Allora San Pietro esclama: "Diavolo! Ci si Ź infiltrato un altro dell’Opus!".

89.  Il paradiso offshore Ź un posto dove gli angeli vanno in motoscafo. (Gianluca Chiappini)

90.  MORTO ANDREOTTI: Vai Giulio, e insegna ad abbattere gli airbus agli angeli. (Quozzamax)

91.  E' morto Giulio Andreotti. Qualcosa insegnerą agli angeli, ma non lo sapremo mai. (gianlgab)

92.  Mikhail Kalashnikov Ź in fin di vita. Qualcuno avvisi gli angeli che quello quando arriva spara senza pietą. (Pier Paolo)

93.  Morto Marcello D'Orta. Insegnerą agli angeli come cavarsela. (Andrea Rastelli)

94.  Sardegna. "Avevamo avvertito...." ha dichiarato Gabrielli Arcangelo.... (Pietro Diomede)

95.  E' morto Mikhail Kalashnikov. Non vedo l'ora di leggere che cosa dovrą insegnare agli angeli. (Daisy Scaramella)

96.  Allora Maria, parliamo...hai visto una gran luce...ma di preciso cosa ti ha detto l'angelo... (Francesco Sanfrancesco)

97.  E Giuseppe disse a Maria "Rispiegami bene, Ź arrivato 'sto Angelo e poi cosa avete fatto di preciso?". (Labbufala)

98.  La funzione inversa dell'angelo? L'arcangelo ! (Valentina Chiarelli)

99.  Ma quando morirą Berlusconi insegnerą agli angeli a fare sesso a pagamento? (Marina Boccamazza)

100.                Non piove forte, sono gli angeli che squirtano. (Giovanni Meniak Nebbia)

101.                Ho trovato il mio angelo custode... era al bar che si ubriacava!

102.                Una volta mi dissero che le stelle cadenti non sono altro che le sigarette gettate via dagli angeli per far sď che Dio non li scopra a fumare.

103.                Chiamo il mio angelo custode ma pare ce l’abbia spento. (laragazzadietrolacurva)

104.                Dell'aldilą abbiamo una sola ma solida certezza: gli angeli non sanno fare un cazzo. (Luigi N. Iacobellis) (peggiosatira)

105.                Addio Daniza. Vai e insegna agli angeli a... Ah gią! Gli animali non vanno in paradiso. Niente, decomponiti. (Kotiomkin) (Stefano Gorno)

106.                Il mio angelo custode si fa le canne. Non c'Ź altra spiegazione. (Anna Valentina Farina)

107.                Il Papa ad Abu Mazen: "Sei un angelo di pace!". Nethanyau: "Presto sara' un angelo e basta!". (Kotiomkin) (Fabrizio Gilli)

108.                Bambino muore per aver bevuto detersivo per lavastoviglie. Ora Ź un'anima candida. (Letizia Battaglia)

109.                Sono talmente bastardo che non vedo l'ora di morire per andare dagli angeli e insegnargli tutte cose sbagliate. (Cattivissimo pater)

110.                Tutti abbiamo un angelo custode. Il mio si droga.  (A tutto link)