LA BIBBIA

1.  Poco dopo la cacciata dal Paradiso Adamo: "Eva! Ma possibile che tu voglia sempre fare l'originale!". (Achille Campanile)

2.  Adamo comincia a raccontare una fiaba ai suoi figli Caino e Abele: "Ci sara' una volta...".

3.  Si dice che Adamo fosse geloso di Eva.

4.  Quanto costavano le mele al tempo di Adamo e Eva?  L'ira di Dio.

5.  La storia di Adamo ed Eva e' stato il primo ... melo-dramma? (Zap)

6.  Cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso. "Tu, Adamo, pagherai con il sudore della tua fronte! E tu, Eva, con il sangue ... ma in comode rate mensili!

7.  Adamo ed Eva sono originari della Russia: infatti erano nudi, scalzi, dividevano una mela in due e credevano di stare in Paradiso.

8.  Adamo fu punito per una mela, e se si faceva una pera ? (Comix)

9.  Il nudo integrale e' nato quando Adamo comincio' a mangiare la foglia.

10.          Adamo e' nudo fuori del Paradiso Terrestre: fallo da espulsione.

11.          Adamo appena sbattuto fuori dal Paradiso Terrestre e' incacchiatissimo. Si rivolge a Dio e protesta, indicandosi la foglia di fico: "Ti sembra un fallo da espulsione questo?".

12.          Noe' prima del diluvio fa salire sull'arca tutti gli animali a due a due. Arriva il leone con la leonessa, il cane con la cagna e cosi' via. Ad un tratto arriva un pesce da solo: "E tu chi sei?". "Il pesce sega!".

13.          Il diluvio universale? Acqua passata. (Pino Caruso)

14.          In principio era il Verbo; poi vennero certi soggetti!

15.          In principio era il Verbo; il complemento oggetto venne molto dopo! (Giobbe Covatta)

16.          In principio era il Verbo; alla fine le chiacchiere! (Stanislaw Lec)

17.          Era cosi' cretino che cercava nella Bibbia l'indirizzo di un buon albergo in Palestina. (Leo Longanesi)

18.          Chissa' quante foglie di fico avra' provato Eva prima di dire: "Prendo questa!".

19.          Quando Eva colse la prima mela? Quando l'Uomo del Monte disse si'.

20.          PerchŽ Mose' sosto' davanti al Mar Rosso? PerchŽ aspettava il mar... verde!

21.          Arca di Noe': l'orsetto lavatore e' stufo di lavare le mutande della seppia.

22.          Non perdonero' mai a Noe' di avere imbarcato  anche una coppia di zanzare. (Enzo Costa)

23.          Un medico, un architetto e un avvocato stanno discutendo per stabilire quale fra le loro tre professioni sia la piu' antica. Decidono di prendere come riferimento la Bibbia e il medico afferma: "Quando Dio estrasse la costola ad Adamo per creare Eva fece un vero e proprio intervento chirurgico, quindi e' sicuramente la medicina la professione piu' antica". "Al tempo - dice l'architetto - in realta' prima di questo Dio aveva  creato il cielo, la terra e le acque. Aveva messo ordine nel caos primordiale, e questo e' sicuramente architettura, che quindi, non essendoci prima altro che caos, e' la  professione piu' antica.". "Gia' - dice l'avvocato - ma secondo voi chi aveva creato il caos?".

24.          Adamo va da Dio lamentandosi del fatto di essere stato dotato di 32 denti e di un solo cazzo:  "Dio, visto che mi piace molto di piu' scopare che mangiare, perchŽ non mi hai dato 32 cazzi e un solo dente ?". E Dio:  "Se tu vuoi cio', ti posso accontentare, ma dopo non lamentarti !". E cosi' Dio fece il miracolo, e Adamo si ritrovo' con un solo dente in bocca e 32 cazzi fra le gambe. Mentre Adamo si allontanava carico di gioia, fu richiamato da Dio:  "Adamo, dove vai ? Hai dimenticato di prendere le tue 64 palle !".

25.          E Dio creo' Adamo dal fango, lo creo' a sua immagine e somiglianza e poi gli sputo'. E Adamo disse "cominciamo bene!!". (Giobbe Covatta)

26.          Dio dice ad Adamo:  "Adamo, come stai?".  "Non male, ma  sono solo qui e mi annoio".   "Beh? Io ti posso trovare un po' di compagnia, una che cucina per te, pulisce tutto, ti tiene caldo di notte, con grande passione, va sempre d'accordo con te e non ti crea nessuna noia. Ma ti costera' caro. Ti costera' un occhio della testa".  "Un occhio? Ma, che puoi fare solo con una costola ?". (M. Verlander)

27.          E' mattino e Adamo si sveglia! Come tutte le altre mattine la prima cosa che fa e' di contarsi le costole ed alla fine esclama : " ....E ANCHE OGGI PIPPE !!"

28.          Qual e' stata la prima cosa che Adamo ha detto ad Eva ? Fatti indietro, perchŽ non ho la piu' pallida idea di quanto puo' diventare grosso...."

29.          Adamo ed Eva nel paradiso Terrestre. Lui dice a lei: "Sfogliati!".

30.          Il peccato originale e' uno. Tutti gli altri sono solo imitazioni. (Mario Zucca)

31.          E Dio creo' la luce visto che le prime foto erano venute troppo scure! (Egidio Morretti)

32.          PerchŽ se Dio e' immortale, ha lasciato ben due Testamenti? (Zap)

33.          Un giorno nel Paradiso Terrestre Dio chiama Adamo e gli dice: "E' l'ora che tu ed Eva iniziate a popolare la Terra, percio' voglio che la baci". Adamo risponde che non sa cos'e' un bacio e cosi' Dio glielo spiega. Adamo allora prende Eva per mano e la porta in un vicino cespuglio appartato. Alcuni giorni dopo Adamo ritorna e dice: "Grazie Dio, e' stato proprio bello". E Dio risponde: "Adamo, ora mi piacerebbe che accarezzassi  Eva". Adamo risponde che non sa cosa sia una carezza. Dio di nuovo da' una breve spiegazione ad Adamo che va dietro al cespuglio con Eva. Alcuni giorni dopo, Adamo ritorna sorridente e dice: "Dio, questo era anche migliore del bacio". E Dio risponde "Bene, Adamo. Ora voglio che tu ed Eva facciate l'amore". Adamo chiede spiegazioni su che cosa vuol dire fare all'amore, Dio glielo spiega e cosi' Adamo si apparta con Eva dietro al cespuglio, ma stavolta riappare dopo pochi secondi. Adamo domanda: "Dio, che cosa vuol dire 'mal di testa'?".

34.          Beati gli umili, perchŽ saranno umiliati. Beati gli assetati di giustizia, perchŽ saranno giustiziati.

35.          Cosa fa Noe' con i piedi fuori dall'arca? Il pediluvio!

36.          "Ti voglio bene come ad un fratello", firmato: Abele.

37.          PerchŽ Mose' divide le acque del Mar Rosso? PerchŽ c'era chi la voleva gassata e chi la voleva naturale. (Comix)

38.          Qualche volta le donne sono oltremodo diffidenti nei confronti dei  loro mariti. Quando Adamo una sera ritorno' tardi a casa  Eva era molto agitata e gli disse: "Non sarai andato con altre donne?". Adamo le rispose: "Tu sei irragionevole, tu sei  l'unica donna sulla terra". I due continuarono a litigare finche' Adamo non cadde addormentato. Ad un tratto venne svegliato da qualcuno che lo toccava nel torace. Era Eva. "Che stai facendo?" chiese Adamo. Ed Eva: "Sto contando le tue costole!".

39.          PerchŽ Adamo e' stato l'uomo piu'  fortunato del mondo ? E' stato l'unico al mondo a non avere una suocera.

40.          Dalla seconda lettera ai Corinti: "Cari Corinti, potevate almeno rispondere alla prima ...". (Giobbe Covatta)

41.          Piccola variazione biblica: Vulvis es et in vulvis reverteris.

42.          Paradiso dell'Eden. Adamo vede Eva nuda e le domanda: "Ma cosa sono quelle due cose ?". Eva: "Sono le tettine". Adamo annusandole esclama: "Ah, profumano di primavera. E quel cosino li' ?". "Questo e` l'ombelico". "Profuma di giovinezza. E quella cosa li' ?". Eva: "Beh, questa e' la passerotta ?". E Adamo annusando: "Morta ?".

43.          Mose' discende dal monte Sinai, dove ha ricevuto la parola di Dio, e parla alla folla: "Amici, ho due novelle importanti da annunciarvi: una buona e una cattiva. La buona e' che sono riuscito a convincere Dio che 10 comandamenti sono sufficienti invece di 15... e la cattiva e' che "Non desiderare la donna d'altri" fa parte dei dieci che sono rimasti.

44.          Pierino ritorna a casa da scuola e la mamma gli chiede: "Ciao Pierino, cosa hai fatto oggi a scuola?". "Oggi a scuola abbiamo parlato di Mose' che ha portato il suo popolo fuori dallÕEgitto per andare in Israele". "Interessante... e come e' la storia?". E Pierino racconta: "Mose' vagava nel deserto con il suo popolo rifornendosi di cibo alla Coop. Giunto sul Mar Rosso con i suoi tecnici ha costruito un ponte per portare il suo popolo dallÕaltra parte... ma gli Egiziani lo inseguivano e allora con il suo cellulare ha chiesto aiuto a Dio che ha inviato due Sea-Harrier che hanno bombardato il ponte con tutti gli Egiziani sopra. Poi e' salito sul Monte Sinai a comprare alla Feltrinelli il libro della legge in 10 volumi". La mamma, perplessa, lo interrompe: "Ma Pierino, sei sicuro che la maestra ti abbia detto questo?". "Veramente no... ma se ti racconto quello che ha detto non mi crederesti !".

45.          Una volta un prete mi tiro' una Bibbia sul cuore. Per fortuna avevo una pallottola d'oro che mi aveva regalato mia madre che mi salvo' la vita! (Woody Allen)

46.          Adamo e' nel Paradiso terrestre con tutti i comfort possibili, ma sente che gli manca qualcosa che riesce solamente ad accostare ad un colore, un rosa pallido. Dio se ne accorge e crea la donna. Ma pecca di presunzione... Adamo voleva la Gazzetta dello Sport. (Lella Costa)

47.          Ho letto tutto il Nuovo Testamento. E' uguale a quello Vecchio: Dio non mi ha lasciato niente!

48.          Adamo si aggira arrabbiatissimo per il Paradiso Terrestre imprecando: "Porca Eva, proprio a me doveva capitare... porca Eva, maledizione, ma cosa ho fatto di male...". Dio lo sente e lo sgrida: "Ma, Adamo, e' peccato maledire. In fondo ti ho donato un mondo bellissimo e una donna stupenda. E' cosi' che mi dimostri la tua benevolenza?". E Adamo: "Ma, porca Eva, cosa ho fatto di male per meritarmi proprio quella donna?". "Ma cosa c'e' che non va in quella donna?". E Adamo: "Ma e' una che si fa sbattere dal primo che incontra!"

49.          Sacre Scritture. Dalla lettera di San Paolo Apostolo ai dentisti: "Carissimi".

50.          Erode si mise a fare sogni erodici quando il medico gli disse che non poteva avere figli.

51.          Golia era cosi' grosso che al confronto Schwarzenegger sembrava Don Lurio... Davide era cosi' piccolo che al confronto Don Lurio sembrava Schwarzenegger... (Giobbe Covatta)

52.          Dite quello che volete dei 10 comandamenti, alla fin fine si deve sempre tornare al gradevole fatto che sono solo dieci. (H.L. Mencken)

53.          Un insegnante della domenica, che faticava a trovare argomenti da trattare, discuteva con la classe riguardo a cosa pensava avesse fatto Noe' sulla sua arca. Una ragazza propose: "Magari pescava". Un ragazzo replico': "Con due soli vermi?".

54.          PerchŽ i pesci puzzano? Adamo ed Eva hanno appena finito di fare all'amore la prima volta dalla creazione e mentre Adamo e' coricato sull'erba morbida del Paradiso Terrestre, Dio gli si avvicina e gli dice: "Figlio mio, che cosa ne pensi?". "E' stato davvero incredibile - dice Adamo - Non so esprimere quanto mi sia piaciuto". "Ed e' piaciuto anche ad Eva?" chiede Dio. "Anche lei ne e' entusiasta" risponde Adamo. Dio si guarda intorno e chiede: "Ma dimmi, Adamo, dov'e' la tua donna?". Adamo risponde: "E' laggiu', vicino al fiume, si sta lavando". I cieli si oscurano e Dio esclama angosciato: "Non riusciro' mai piu' a togliere quell'odore dai pesci!".

55.          "Noe', Noe', le acque salgono!!!".  "...VENDERE, VENDERE!!!".

56.          Inserzione giornalistica: Vendiamo oro, incenso e mirra in cambio di tre nomi da cristiani e non da pirla. Firmato: Gaspare, Melchiorre e Baldassarre. (Michele Serra)

57.          Premunitevi: Quando Noe' inizio' a costruire l'arca, non aveva ancora cominciato a piovere.

58.          Dopo una dura giornata nel Paradiso Terrestre Adamo torna a casa e vede Eva che strofina un sasso su una foglia di fico. La domanda gli sorge spontanea: "Eva... ma che stai a fa' ?". "Ma come Adamo... te sto a stira' le mutande!!"

59.          Noe' era il prediletto del Signore: viveva nel deserto divorato dalla sete e dai pidocchi. (Giobbe Covatta)

60.          Un giorno Dio chiama Abramo: "Tu mi ami veramente?". "Certo Signore". "E faresti qualunque cosa per me?". "Certo Signore, ordina ed io eseguiro'!". "Togliti il vizio del fumo". "Signore!! Non puoi chiedermi questo!!! Io Ti sono servo devoto ma non puoi chiedermi un sacrificio cosi' grande; abbi pieta' di me e chiedimi un sacrificio piu' leggero, che il Tuo umile servo possa sopportare". "Allora prendi tuo figlio e sacrificalo in mio onore". "Grazie Signore... (nella Bibbia e' riportata solo l'ultima parte del presente dialogo). (Giobbe Covatta)

61.          Caino e Abele. Siamo tutti fratelli: i fratelli Taviani, i fratelli Lumire, i fratelli Karamazov, le sorelle Adamoli, i fratelli Bardazzi... Ce ne sono altri due nel mio paese, i Fratellini, Rocco e i suoi fratelli, i fratelli Cervi, i fratelli Fabbri. Rosanna Fratello, e via e via e via, e ne aggiungerei un altro: e via! Ma i primi veri due fratelli dai quali tutti noi discendiamo, amici infelici, erano Caino e Abele. Non c'e' errore di stampa, e' proprio scritto cosi'. Caino e Abele dettero luogo a tutto il mondo e c'e' un asterisco sulla Bibbia, vedere per la spiegazione in fondo, e se andiamo a vedere in fondo ando' cosi'. Quando eran piccini tutto regolare: Caino un po' piu' nervoso e Abele piu' perbene: "Buongiorno, mamma!". "Buongiorno a te!". "Buongiorno, babbo! Come stai?". "Bene grazie, non c'e' male". "Figurati, ciao eh...". Insomma, tutto perbene Abele. Caino invece un po'... "Buongiorno!". "Che e' 'sto buongiorno? Che mi interessa?". Quando erano piccoli niente di strano, quando cominciarono a crescere, che il sesso cominciava a bollire nella pentola dell'uomo, a scoperchiare il cervello erotico... beh, bisogna buttar giu' la pasta, ragazzi... "Mamma, ciao!". "Caino, non far tardi!". "Mah! Se trovo qualcosa puo' darsi che rimanga a dormire, arrivederci! Ciao, Adamo! Ciao, Abele!". Andava fuori, cominciava a guardare: zebre, sassi, piante, fiumi, stelle, foglie, frutti, Scalfari, Celentano, ma di donne, non c'era l'ombra! Non gli riusci' a incontrare una donna a pagarla oro, e non ce n'era proprio! Primo sabato niente, il secondo sabato uguale, terzo sabato uguale, alla fine non ce la faceva piu'. Comincia a dargli di balta il cervello e comincia a guardare Abele in maniera un po' strana... "Caro Abele...". "Cosa?". "Niente! Ho detto caro Abele, sembri un po' nervoso oggi...". "perchŽ?". "Niente, sei mio fratello...". "Uhm, cosa?". "Niente, ho detto: sei mio fratello! - dice. - Ci mancherebbe altro che tu fossi la mia... ti vedo un po' nervoso! Guarda li' come cammina di dietro!". Insomma, questa malsana idea comincio' a entrargli in testa, finche' ci pensa tutta la notte e un giorno chiama il fratello e lo redarbonisce un po'. "Abele! Vieni un minuto qua, per curiosita'. Scusa, nel mondo c'e' le cose maschili e femminili, no? Sappiamo, come si chiama nostro padre, che e' un uomo?". "Adamo!". "Uhm, e io?". "Caino!". "E te?". "Abele!". "Guarda un po', strano: Adamo, "o", la finale, dico. Caino, "o"; te invece: Abele, "e", femminile plurale. Non e' proprio Eva, "a", pero'... Ciao, Abele, ci si vede, eh?". Abele comincio' a impaurirsi, narrano i giornalisti dell'epoca: girava proprio armato. Ora, questo Caino, sempre piu' indispettito, un giorno lo chiama: "Abele, guarda... m'avete fatto uno scherzo e mi e' piaciuto, mi son divertito, pero' il gioco e' bello quando dura poco, eh?! Bisogna arrivare a essere cinque miliardi e bisogna darsi da fare, eh? Te devi essere mia moglie per forza. Abele! Vai a casa, mettiti un tailleurino rosa e fatti la barba che mi vergogno di fonte al mondo di avere una moglie va in giro vestita cosi'! ". Abele insiste che e' un uomo. Caino non ci vede piu': gli salta addosso e l'ammazza! Era il primo delitto della storia. S'impauri', si nascose. Ma Dio lo vide e si arrabbio': "Caino, Madonna bonaaa! - Caino sempre piu' nascosto. - Caino! Dio bonooo!". "Che?". "Dov'e' Abele?". "Chi Abele?". "La tua sorell... il tuo fratello! Mi hai fatto imbrogliare anche a me, imbecille!". "Non lo so!". "L'hai ammazzato! te andrai all'inferno". "All'inferno?! Ce n'e' donne?". "Stai zitto! Sottosviluppato!". Bum!! Lo mando' giu' all'inferno. Il diavolo contento: arrivava la prima persona che vedeva. Aveva appena finito di preparare. Entra questo Caino, vede un altro essere vivente e va subito a presentarsi: "Buongiorno! Piacere, Caino!". Il diavolo dice: "Il piacere e' tutto mio: Satana!". "Satana, "a"!". Bestia della miseria! Ci fu una rincorsa nei gironi: al VII Girone lo prese, e da questo terribile connubio tra Caino e Satana nacque l'infelice genere umano. (Roberto Benigni)

62.          Ho messo la Bibbia sul balcone ma la parabola non prende. (Fichi d'India)

63.          Il dubbio piu' serio mai gettato sull'autenticita' dei miracoli biblici e' il fatto che la maggior parte dei loro testimoni erano pescatori. (Arthur Binstead)

64.          Prima di estrargli una costola per fare la donna, Dio diede un sonnifero ad Adamo e gli disse: "Dormi tranquillo, figlio mio. E' l'ultima volta che potrai farlo!"

65.          Paradiso Terrestre: Eva chiede a Dio: "Signore, ho un problema!". "Cosa cÕe', Eva?". "Signore, so che mi hai creata, e hai fatto per me questo splendido giardino e tutti questi meravigliosi animali, e quellÕallegro e comico serpente, ma io non sono proprio felice...". "Come mai, Eva?". "Dio, mi sento sola. E sono proprio stufa di queste mele!". "Bene, Eva, in questo caso posso aiutarti, creero' un uomo per te". "CosÕe' un uomo, Signore?". "Questo ÔuomoÕ sara' una creatura difettosa, con molti tratti negativi. Ingannera', mentira', e sara' superbo; insomma, ti dara' parecchi grattacapi. Fara' spesso brutte figure, e sara' scioccamente curioso. Avra' scarso intelletto e poca sensibilita' e trovera' soddisfazione in cose infantili come cacciare o prendere a calci una palla. Come vedi non sara' molto brillante e avra' sempre bisogno dei tuoi consigli per pensare correttamente. Ma, visto che me lo chiedi, lo creero', e lo faro' in modo che possa soddisfare le tue, ehm, esigenze fisiche". "Mmm... sembra proprio una gran cosa!" dice Eva alzando ironicamente le sopracciglia. "Cosa devo fare in cambio, mio Dio?". "Si', allora... lo potrai avere ad una condizione... come ti ho gia' detto sara' orgoglioso e arrogante, e colmo di autocompiacimento... percio' dovrai fargli credere che ho creato lui per primo... ma ricorda... questo sara' il nostro segreto... da donna a donna!"

66.          Diluvio universale: Primo notevole tentativo di battesimo; risciacquo' i peccati e i peccatori del mondo. (Ambrose Bierce)

67.          Di solito la gente e' infastidita da quei passi della Bibbia che non comprende, mentre i passi che infastidiscono me sono quelli che comprendo. (Mark Twain)

68.          Creazione: In sei giorni il Signore aveva creato tutte le cose: il sole, la luna, quello scemo di Maradona, i puffi, la forfora, e tutti gli animali del creato, tranne Andreotti, che era gia' suo segretario da tempo immemorabile. (Giobbe Covatta)

69.          Il Signore aveva detto: "Piovera' per quaranta giorni", ma poi si distrasse, si dimentico' di Noe', e dopo centocinquanta giorni pioveva ancora. (Giobbe Covatta)

70.          Si era nella notte dei tempi e Dio era ancora immensamente piccolo. (Giobbe Covatta)

71.          E il serpente guardo' Adamo e disse: "Chillo e' n'ora che va parlanno co' nu porco... Ti pare intelligente?". (Giobbe Covatta)

72.          In quella Eva si trovava vicino a un albero; a un tratto si giro' e vide un serpente. E disse: "Che schifo!". "Sei bella tu!" rispose il serpente, che era permaloso. (Giobbe Covatta)

73.          E' lecito chiedersi come Caino e Abele abbiano potuto generare l'umanita'. (Giobbe Covatta)

74.          Il piu' famoso degli ebrei si chiamava Mose' e viveva nella prima parte della Bibbia. Fu lui a ricevere il catalogo sul monte Sinai. (Jean Charles)

75.          E Dio sul far della sera prese due costolette di Adamo, ma non trovando pronta la griglia sul fuoco tuono': Puttana Eva! (Mirco Stefanon)

76.          "Ha mangiato la foglia" come disse Eva con Adamo in ginocchio.

77.          Adamo disse a Dio: "Signore, voglio una donna, costoli quello che costoli".

78.          E cominci˜ a piovere. Dapprima piovve poco, e fu il pediluvio. Poi cominci˜ a piovere che Dio la mandava e quello fu veramente il diluvio. (Giobbe Covatta)

79.          E il 17 ottobre finalmente smise di piovere. E allora No prese una talpa, e la mand˜ fuori dall'obl˜. E si sent“ glu, glu, glu, e la talpa non torn˜ pi. E No disse: "Strano, ora mander˜ l'orso". Poi, dopo una breve colluttazione, disse: "No, no,  meglio che mando la colomba". E la colomba torn˜ con un rametto di olivo. E No disse: "Reciter˜ i salmi". Poi vide la lepre e disse: "Uhmmm, forse  meglio se mi faccio un salm“... Con le olive che ha portato la colomba". Allora disse alla colomba: "Vai di nuovo, e vedi se trovi un rametto di polenta". (Giobbe Covatta)

80.          La Smorfia: L'arca di No  (Sulla banchina No [Lello Arena] aspetta gli ultimi animali prima di prendere il largo. Si avvicina Troisi con un giornale in testa a mo' di orecchie).
ARENA Indietro! Non c' posto per gli empi in questo luogo di giustizia.
TROISI Cio, io veramente devo salire...
ARENA Solo gli animali.
TROISI E io che sono scusate? C'ho le orecchie!
ARENA E voi sareste un animale? E che animale sareste?
TROISI Sono un gufo!
ARENA Giˆ ci stanno.
TROISI No, sono un cerbiatto.
ARENA Sono arrivati.
TROISI Sono un coniglio.
ARENA Sono giˆ dentro.
TROISI Una tigre.
ARENA C'.
TROISI Un leone.
ARENA C'.
TROISI Un minollo.
ARENA Un minollo?
TROISI Eh... sono un minollo, mi devo salvare, devo salire.
ARENA E che sarebbe questo minollo?
TROISI Il minollo  quell'animale che... cio... Sono un minollo!
ARENA Ho capito tutto. Aspettate un momento: ÇCam!È (Entra Enzo De Caro) Cam, sono giˆ arrivati i minolli?
DE CARO I minolli?
(Arena indica Troisi. De Caro osserva)
DE CARO Giˆ ci stanno.
TROISI Giˆ ci stanno?
DE CARO S“, giˆ ci stanno!
TROISI I minolli?
DE CARO I minolli.
TROISI E i rostocchi?
DE CARO Giˆ ci stanno.
TROISI Ma come, pure i rostocchi? (Rivolgendosi a Arena e indicando De Caro) Secondo me chisto ti imbroglia.

81.          Adamo aveva l'ombelico?

82.          "Noe'!". "Chi e'?". "Dio". "Io chi?". Non io, Dio, Geova". "Uffa, non ho tempo, mettete i depliants sotto la porta". (Giobbe Covatta)

83.          Poi Dio creo' il coccodrillo e subito dopo la maglietta. Cosi' mise il coccodrillo sulla maglietta e fu un grande successo. (Giobbe Covatta)

84.          Cosa disse Mos quando ricevette e lesse le tavole dei Dieci Comandamenti ? Ma allora dillo che non si pu˜ fare niente !

85.          Abramo disse: se me lo taglio io ve lo tagliate pure voi. Vero Signore? (Giobbe Covatta)

86.          Davide puo' mangiare Golia ? (Zap)

87.          Era l'anno I avanti Cristo, una scura notte di pediluvio. In un'umile casa della Palestina si senti' una voce: "Ave Maria, sono Gabriele, sei tu la Vergine?". E la giovane donna rispose: "Ne', ma a te che te ne importa? Vieni qua vestito da tacchino con le ali e fai pure domande cretine!?". "Lo devo sapere...". "E chi sei, il medico della mutua, il ginecologo? No? E allora fatti i fatti tuoi!". Ma Gabriele insisteva: "Devi dirmelo, mi manda l'Altissimo!". "Chi, Pippo Baudo? E lo potevi dire subito che era per la televisione! Allora: non sono vergine, non mi vergogno a posare nuda e so anche ballare... Sono scritturata?". Gabriele era perplesso: "Ma... ma tu sei proprio Maria?". "No, sono Stefania, e allora? Chi e' chesta Maria, una raccomandata? Ehi, torna qui, dove vai, guarda che so anche fare le imitazioni...". Era sempre l'anno I avanti Cristo, una scura notte di pediluvio, solo un po' pi tardi. In un'altra umile casa della Palestina si senti' la stessa voce: "Ave Maria, sono Gabriele!". "Molto piacere, signor Gabbiano...". "Non sono un gabbiano, ma tu sei proprio Maria?". "Certo, signor Pellicano...". "Sei proprio Maria di Nazareth?". "No, sono Maria di Nocera Inferiore, fa lo stesso? Ehi, signor Fenicottero, dove scappa, non le piace Nocera?". Era sempre l'anno I avanti Cristo, una scura notte di pediluvio, solo molto piu tardi In un'ennesima umile casa della Palestina si senti' la solita voce: "Questo e' l'ultimo tentativo, poi me ne torno su e ci spedisco l'arcangelo Peppiniello a cercare questa benedetta Maria!". E in quella arrivo' una giovane donna: "Ave, sono Maria, la vergine di Nazareth, posso esserti utile?". "Ave Maria, che piacere trovarti... Sono venuto per fare l'annuncio". "E chi sei, Nicoletta Orsomanno? E da quando le annunciatrici le vestono da galli cedroni con le alucce?". "Ne' Mari, non ti ci mettere pure tu! Sono venuto a dirti che rimarrai incinta". "Ma non fare il cretino! Ti presenti vestito da pappagallo e fai pure lo spiritoso!". "Maria, non sono vestito da pappagallo, io sono un angelo! Io vengo per darti la luce...". "Ah, e lo potevi dire subito che sei dell'Enel, sono due mesi che qua e' zompato lutto. Il contatore sta di la'...". Ci volle la mano di Dio per convincere la Madonna, la quale quella notte rimase incinta, come aveva annunciato l'arcangelo Gabriele. E ci volle ancora di piu' per convincere Giuseppe, che dopo molte discussioni familiari accetto' di buon grado di diventare il papa' di   Gesu'. E da quel giorno egli inizio' a sorridere, e la gente lo guardava e diceva: "Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore". Passati che furono nove mesi la Madonna partori' in una stalla, tra un bue e un asinello. E tale tradizione si e' conservata attraverso gli anni, e ancora oggi le donne assistite dalla Saub partoriscono in stalle, circondate da asini e ogni altro genere di animali.  E fu cos“ che nacque Gesu', detto il Salvatore, per gli amici Sasa'. E amici, parenti e curiosi si recarono nella stalla a portare doni; pastori con gli agnelli sulle spalle, zampognari, bambini e giovinette attraversarono ruscelli di carta argentata e colline di cartapesta per vedere Gesu' Bambino. Giuseppe accoglieva tutti sorridendo e la gente diceva: "Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore". Ed ecco che bussarono alla porta della stalla. "Chi e?" chiese Giuseppe. "Magi". (Giobbe Covatta)

88.          Un giorno, nel giardino dell'Eden, la prima donna, che per comoditˆ chiameremo Eva,  disse a Dio... "Signore, ho un problema". "Che problema, Eva?". "Signore, so che mi hai creata e che hai provveduto per questo giardino bellissimo, e per tutti questi meravigliosi animali, soprattutto i miei adorati cani, e quell'allegro e buffo serpente... ma io non mi sento davvero felice". "Come mai, Eva?" fu l'immediata replica dall'alto "Signore, mi sento sola. E sono proprio stufa delle mele...". "Bene Eva, in questo caso ho una soluzione. Creero' un uomo per te". "Che cos'e' un 'uomo', Signore?". "Questo 'uomo' sara' una creatura difettosa, con molti aspetti negativi. Ti dirˆ la veritˆ o ti mentira', a seconda di quello che gli conviene, ma mai con la malizia che ti contraddistingue. Ti prendera' in giro e sara' vanaglorioso, in   pratica ti dara' un sacco di problemi. Sara' piu' grande di te e piu' veloce, pi forte, sarˆ violento e amera' cacciare ed uccidere. Avra' uno sguardo scioccamente curioso, insistente, ma visto che ti stai lamentando, lo creero' in modo che possa anche soddisfare le tue, ehm, necessita' fisiche. Sara' un po' scarso di intelletto e si impegnera' in occupazioni infantili, come la lotta e prendere a calci una palla. Non sara' molto sveglio, e avra' spesso bisogno dei tuoi consigli per pensare correttamente. Anzi, spesso, dovrai proprio prenderlo per mano ... e non solo da piccolo ... bada che ti darˆ piaceri e tanti dispiaceri, cominciando dal dolore al momento della nascita ... " "Sembra una cosa divertente!" commento' Eva ammiccando ironicamente. " e dove sta la fregatura?". "Nessuna fregatura, ma ... beh... lo puoi avere ad una condizione". "Quale?". "Come ti ho detto, sara' orgoglioso, arrogante e autocompiacente... percio' dovrai fargli credere che  stato creato lui per primo... pero' ricorda... e' il nostro segreto... da donna a donna!".

89.          E Dio vide tutto questo e venne sulla Terra sotto mentite spoglie. Ando' da un uomo chiamato Aruk e chiese: "Che fate?". "Una torre per far piacere al Signore" rispose Aruk. E il Signore disse: "Non era meglio una torta con le candeline o una simpatica cravatta Regimental?". E Aruk disse: "Capocantiere, qui c'e' un polemico. Come mi comporto? Gli do una scorticatina?". E il Signore disse: "Sai chi sono io? Dio!". E Aruk disse: "Bene, e io sono Napoleone!". E allora il Signore, per dimostrare ad Aruk chi egli fosse, trasformo' un piccone in un serpente. "Carino questo gioco" disse Aruk tirando fuori un mazzo di carte. "Ora tocca a me: pesca una carta...". E il Signore alzo' gli occhi al cielo e disse: "Che simpatici... Quasi quasi li stermino definitivamente... Ah gia'; non posso, l'ho promesso a Noe'. Allora sai che faccio? Confondero' le loro lingue!". E cosi' fece. E da allora, mentre uno diceva: "Passa il mattone" l'altro capiva "Razza di cafone". E rispondeva: "Ma sei pazzo?". E il primo capiva: "Testa di ca**o". E il terzo diceva: "Suvvia...". Ma gli altri capivano: "Le vostre madri vendono i loro corpi malandati a soldati affetti da malattie dermatologiche per pochi denari, e danno anche il resto". E cosi' lo spellavano vivo e lo mettevano sotto sale per far piacere al Signore. E il muratore parlava francese, il carpentiere olandese, il pastore tedesco, la zuppa inglese, l'insalata russa... (Giobbe Covatta da 'Parola di Giobbe')

90.          Pilato: "Chi e' quel buontempone che al posto di INRI ha scritto: vietata l'affissione?". (Mauroemme)

91.          E il Signore distrusse Sodoma e Gomorra ricoprendole di zolfo e di fuoco. E gli angeli in coro dissero: "Signore, passi per Sodoma, citta' di sodomiti, ma... perchŽ hai distrutto anche Gomorra?". E il Signore rispose: "Mah... Gomorra, citta' di gomorroidi... mi faceva un po' schifo!". (Giobbe Covatta)

92.          E il Signore disse: "Donna, tu partorirai con gran dolore. Uomo, tu lavorerai con gran sudore, ammesso che troverai lavoro. E la terra produrra' spine e sofferenze". E Adamo disse: "Ma santo Dio, tutto questo per una mela? Domani te ne porto un chilo...". (Giobbe Covatta)

93.          E come Dio volle, tutto il popolo ebraico comincio' ad attraversare il Mar Rosso. Giunti che furono quasi al centro si udi' il suono di un altoparlante: "Dlin dlon. Si avverte il gentile popolo ebraico che fra cinque minuti il mare chiude. Dlin dlon". (Giobbe Covatta)

94.          Il giorno dopo era sabato: giorno interamente dedicato alla schedina. Gli anziani davanti al bar dello sport, commentavano: "Lazzaro non puo' fare la mezzala, sta in piedi per miracolo...". (Giobbe Covatta)

95.          Quando Eva imparo' a cucinare, Adamo si copri' le intimita' con una sfoglia. (Mauroemme)

96.          Mio padre ha preso da sua zia Mary... Rifiutava la Bibbia perchŽ diceva che il personaggio centrale non era assolutamente credibile. (Woody Allen in "Crimini e misfatti")

97.          Chi fu il primo radiotecnico della storia? Adamo, perchŽ con una costola costru“ un altoparlante.

98.          E il serpente disse ad Eva "guarda che la frutta fa bene, contiene le vitamine, una mela al giorno toglie il medico di torno, meglio farsi le mele che farsi le pere!!! (Giobbe Covatta da Parola di Giobbe)

99.          Tutto il genere umano viene distrutto. Questo No piglia la sua famiglia: c'ha la moglie, fa tre figli: Sem, Cam e Jafet, tre maschi... Un'altra volta rifanno tutto il mondo! Altro misterissimo della fedissima. A quell'epoca erano double-face. (Roberto Benigni)

100.       All'inizio non c'era niente e Dio disse: "Luce sia", e non c'era ancora niente, ma tutti potevano vederlo. (Dave Thomas)

101.       PerchŽ Eva morsico' la mela proibita? PerchŽ il sapore era migliore che quello della banana di Adamo. (oppure: PerchŽ Adamo non gli dava la banana!!)

102.       Se Adamo si fosse accontentato di pesche, uva, pere e ananassi, oggi vivremmo nel Paradiso Terrestre. (Bertrand Russell)

103.       "Sei l'unica donna della mia vita" come diceva Adamo ad Eva

104.       ADAMO ED EVA di Giobbe Covatta. Riassunto della puntata precedente: In sei giorni il Signore aveva creato tutte le cose: il sole, la luna, quello scemo di Maradona, i puffi, la forfora, e tutti gli animali del creato, tranne Andreotti, che era gia' suo segretario da tempo immemorabile. E allora il Signore disse: <<Orsu', prendiamo del fango. Orsu', impastiamolo. Orsu'...>>.* Poi ci sputo' sopra, e nacque Adamo. E Adamo, asciugandosi il viso, disse:<<Cominciamo bene!>>. Ma i suoi guai non erano finiti li', perchŽ il Signore, non ancora soddisfatto, gli face l'anestesia totale e creo' la donna. E Adamo disse: <<Signore, manca un pezzettino...>>. Ma il Signore rispose: <<No, questa e' la donna>>. E Adamo ancora disse:
-----------
* <<Orsu'>> ha probabilmente il significato di <<Un, due, tre, stella...>>
-----------
<<Signore, mancano almeno tre etti... Si vede a occhio nudo!>>. Ma il Signore non volle sentire ragioni, e li mise entrambi in un posto cosi' bello che si chiamava come un cinema a luci rosse: Eden. E allora il Signore disse: <<Qui potete mangiare di tutto: carne, pesce, pane e Nutella, fritto misto, pizza margherita, ma non le mele, le mele no, LE  MELE NO!>>. E Adamo rispose: <<Non ti incazzare...Ci stanno gli aranci che mi piacciono pure di piu'... Mangeremo gli aranci!>>. Ed ecco che Adamo si diede a dare i nomi agli animali. E diceva: <<Tu ti chiamerai levriero, tu ti chiamerai porco...>>. E il maiale diceva:<<Ma come?! Quello levriero e io porco? E dove sta la giustizia divina?>>. <<E che cosa dovrei dire io, allora?>> si lamentava lo scarrafone. In quella Eva si trovava vicino a un albero; a un tratto si giro' e vide un serpente. E disse: <<Che schifo!>>. <<Sei bella tu!>> rispose il serpente, che era permaloso. Ed ecco che prese a parlare ad Eva con voce suadente: <<Le mele fanno bene, contengono le vitamine, una mela al giorno leva il medico di torno, meglio farsi una mela che farsi le pere... Se mangerete di questo frutto diventerete intelligenti>>. Ed Eva disse: << Ma noi siamo gia' intelligenti!>>. E il serpente guardo' Adamo e disse: <<Chillo e' n'ora che va parlanno co' nu porco... Ti pare intelligente?>>. <<E' vero>> rispose Eva, e sputo' in faccia ad Adamo. <<Che brutta giornata>> disse Adamo. <<Sono stato appena creato e gia' mi hanno sputato in faccia due volte>>. Ed Eva gli offri' una mela, ma Adamo rispose: <<La mela no, costa un'ira di Dio!>>. Ma Eva minaccio' di portarlo in un ristorante cinese, e Adamo accetto' la mela. E mangiarono il frutto proibito. Ed ecco che arrivo' il Signore e disse: <<Vi caccio, quant'e' vero Dio!>>. Ed Eva suggeri' piano ad Adamo: <<Diciamogli che siamo atei!>>. Ma Adamo scosse la testa: <<Non posso, lo conosco personalmente>>, e si copri' il viso per evitare che qualcuno gli sputasse in faccia. E il Signore disse: <<Donna, tu partorirai con gran dolore. Uomo, tu lavorerai con gran sudore, ammesso che troverai lavoro. E la Terra produrra' spine e sofferenze>>. E Adamo disse: <<Ma santo Dio, tutto questo per una mela? Domani te ne porto un chilo...>>. <<Non e' la mela,>> disse il Signore <<e' una questione di principio: oggi la mela, domani la collezione di francobolli, che figura ci faccio di fronte alla gente?>>. <<Ma se non c'e' nessuno!>> disse Adamo, ma il Signore fece finta di non sentire e sventolando il cartellino rosso se ne ando' dicendo: <<A me!>>, che in antica lingua divina vuol dire <<Addio!>>, ma nessuno lo capi'. E Adamo ed Eva abbandonarono il Paradiso terrestre, e affittarono una caverna: due stanze, servizi e cucina abitabile, contratto uso foresteria. E Adamo chiese a Eva:<<Ti ha detto nulla la mamma?>>, ma subito aggiunse: <<Ah gia', la mamma sono io!>>. E dovettero procedere per tentativi: prima un dito in un occhio, poi un piede in bocca, poi un ginocchio nell'orecchio... Fin quando si conobbero in senso biblico. E Adamo disse: <<E' stato un piacere conoscerti, bambola, a te cosa e' sembrato?>>. <<Certo meglio di quando mi hai infilato il gomito sotto l'ascella... Comunque, per essere uno appena uscito dall'eternita', ci hai messo proprio un attimo!>>. E quella notte Eva rimase incinta. E Adamo disse: <<Che iella, alla prima botta!>>. Ed Eva disse: <<Potevi starci almeno attento, pensi solo a te stesso!>>. E fu cosi' che fu gettato il seme del primo uomo e anche quello della prima incomprensione. Ed Eva si gonfio' sul ventre. E Adamo disse: <<Prova con due dita in gola>>. Ma Eva disse: <<Non e' lo stomaco, questo e' un figlio... Dobbiamo pensare al nome da dargli!>>. E Adamo disse: <<Se esce da dove sono entrato io, lo chiamiamo Houdini!>>. E nacque Caino, e Adamo lo guardo' e disse: <<Come e' piccolo! Io appena nato non ero cosi' piccolo...>>. E Adamo volle conoscere di nuovo Eva. E il Signore vide e chiamo': <<Adamo!>>. E Adamo, che stava conoscendo Eva proprio in quel momento, disse: <<Questa e' la segreteria telefonica di Adamo. Non sono in casa...>>. E il Signore disse: <<Adamo, non fare il cretino, e smetti di fornicare>>. <<E va be', e le mele no, e fornicare no... Tu hai bisogno di uno psicanalista!>>.  E per questa distrazione Eva rimase incinta per la seconda volta, e Adamo disse: <<A proposito, Signore, non e' che potresti creare la farmacia? Sai come vanno le cose: far bene la conoscenza fa bene alla conoscenza...>>. Ma Dio non creo' la farmacia, ed Eva non volle piu' conoscere Adamo. E quando Eva voleva conoscere, Adamo aveva mal di testa. E non si trovarono mai piu' d'accordo su questo argomento, e questa fu la vera maledizione per l'umanita'. Parola di Giobbe. (Giobbe Covatta)

105.       CAINO E ABELE. E' lecito chiedersi come Caino e Abele abbiano potuto generare l'umanita'. Un pastore e un agricoltore, anche tenuti in cattivita' insieme per quarant'anni, non avrebbero mai potuto farcela, anche se il pastore fosse stato un brasiliano operato. Un agricoltore e una pastorella si'. Un pastore e un'agricoltrice si'. Ma un pastore e un agricoltore? No. Quella che segue e' la cronaca di come andarono effettivamente le cose. L'assoluta mancanza di testimoni rende del resto improbabile una smentita. Caino e Abele non erano stati sempre due. Infatti, prima della nascita di Abele, Caino era figlio unico, ma proprio unico, perchŽ sulla faccia della Terra ci stava solo lui con i suoi genitori. La solitudine pesava molto a Caino, e mamma Eva cercava invano di consigliarlo per il meglio: <<Caino dovresti trovarti una ragazza, Caino perchŽ non telefoni a qualcuno, Caino porta a pranzo qualche amico...>>. E fu cosi' che Caino non riusci' mai a superare il suo senso di solitudine, e divento' presto anche psicopatico. Eva era molto preoccupata, e disse ad Adamo: <<Dovremmo dargli una sorellina>>. E fu cosi' che nacque Abele, che crebbe e divenne bello, biondo, alto, con la minigonna di leopardo e le messa in piega con le meches: una specie di Donatella Rettore, ma piu' educato. E Caino comincio' ad odiare Abele perchŽ ogni sera, quando tornava a casa, Abele chiedeva: <<Chi e'?>>. E Caino rispondeva: <<E chi puo' essere, che sulla faccia della Terra ci stiamo solamente noi due?>>. E ogni volta che Caino usciva, Abele si raccomandava: <<Non parlare con  gli sconosciuti>>. E il carattere di Caino peggiorava. La sera, non sapendo che fare, i due fratelli giocavano allo schiaffo del soldato. Abele stava sotto, e Caino colpiva con un grosso ramo di quercia la mano del fratello. Poi chiedeva: <<Chi e' stato?>>. <<Caino>> rispondeva Abele. <<Sbagliato, stai sotto ancora tu>>. In questo modo, Caino costringeva Abele a stare sotto anche per sei mesi di fila, dimostrando cosi' Caino la sua malvagita', e Abele la sua idiozia. Crescendo, Abele divenne pastore, e Caino agricoltore. Abele aveva un sacco di agnelli, che chiamava per nome: Gianni, Susanna, Umberto, Edoardo...Ma non sapeva che farsene. Provo' ad aprire un ristorante:"Chez Abel", specialita' abbacchio al forno, ma dovette chiudere per mancanza di clienti, visto che Caino era vegetariano. Allora si diede al commercio, ma nessuno voleva le sue pecore: Caino ne comprava giusto una di tanto in tanto, poi, quando non ne era piu' innamorato si faceva una giacca di montone rovesciato. Abele, per disperazione, si diede a fare sacrifici al Signore. Ogni giorno bruciava sette o otto agnelli in sacrificio. Caino, invece, non faceva mai sacrifici al Signore. E Abele diceva: <<Cai', ti aiuto io>>. E Caino rispondeva: <<Abe', se tocchi qualcosa ti ammazzo!>>. Un giorno Caino torno' a casa e trovo' Abele tutto allegro: <<Sorpresa!>> disse Abele. <<Ho sacrificato per te tutte quelle foglie brutte, secce e puzzolenti che tenevi in cantiva. Il Signore e' contento, e tu ti sei liberato di tutta quell'erbaccia schifosa!>>. <<Schifosa?>> grido' Caino. <<Quella era erba buonissima!>>. E fu cosi' che Abele scopri' che Caino faceva uso di stupefacenti; ma non fece in tempo a rammaricarsene perchŽ Caino, incazzato come una biscia, gli diede una martellata che lo fece stramazzare a terra come un tappetino da bagno. E in quella si udi' una voce: <<Ashfatal sich ismnael eton oschitah viro'!>> Che in antica lingua divina significa: <<Ehi tu!>>. E Caino alzo' gli occhi al cielo, non perchŽ fosse stufo, ma perchŽ da li' proveniva la voce. E la voce continuo': <<Ehi tu, laggiu', coso li', come ti chiami... Ue', con tutta 'sta gente che ho creato non mi ricordo mai un nome!>>. <<Sono Caino, tu chi sei?>>. E la roboante voce rispose: <<Rambo, no, macche' Rambo, sono... Superman... Ma no, che sto dicendo? Sono... chi sono? Non mi ricordo piu', oddio... Ah, gia', Dio, e' vero, ecco chi sono, Dio... O no?>>. E Caino capi' che il fumo del sacrificio era arrivato fino in cielo. <<Caino, dov'e' Abele?>> chiese Dio. <<Boh?>> rispose Caino. <<"Boh?"! Qua stiamo facendo la Bibbia e tu dici "boh?"!? Forza, fai sentire, come si deve dire?>>. E Caino disse: <<Ufff... Che palle, e va bene: Sono forse io il guardiano di mio fratello?>>. <<Bravo,>> disse il Signore <<lo vedi che quando ti applichi non sei poi cosi' cretino?>>. E il Signore puni' Caino per l'omicidio del fratello, e disse: <<Donna, tu partorirai con gran dolore, uomo, tu lavorerai con gran sudore... Ah no! Questo l'ho dato come compito a casa l'altra volta. Allora scegli: dire, fare baciare, lettera o testamento?>>. E Caino rispose: <<Proviamo testamento...>> <<Antico o Nuovo?>>. <<Uffa, fai un po' tu...>> E il Signore disse: <<Per punizione farete la partenza intelligente ad agosto, e vi alzerete alle due di notte per non trovare traffico, e vi accorgerete che tutti sono partiti alle due di notte per non trovare traffico, e vi troverete con quattro milioni di intelligenti al casello dell'autostrada, e gli unici cretini saranno i ladri che in citta' ripuliranno tutti gli appartamenti...>>. <<E' terribile>> disse Caino, ma Dio non aveva ancora finito. <<E vi dovrete fare tutti gli anni i regali di Natale. E dopo aver girato tre settimane per trovare un pigiama di flanella da regalare ai vostri parenti, riceverete in regalo diciannove pigiami di flanella, e sarete condannati a una catena di Sant'Antonio di pigiami di flanella...>>. <<Basta, ti prego!>> esclamo' Caino, ma Dio non aveva ancora finito. <<E quella volta su duecento che una donna vi si concedera', a condizione di usare il profilattico per paura delle malattie, ci sara' lo sciopero delle farmacie, e non troverete in casa neanche il domopak, per risolvere la faccenda artigianalmente...>>. <<E poi?>> chiese Caino, ma questa volta Dio aveva veramente finito, e disse: <<Te l'avevo detto, Caino: fate l'amore, non fate la guerra!>> <<E con chi?>> urlo' Caino <<Che qua ci stavamo solo io e quell'altro rimbambito?!>>. <<Ue', Caino, abbassa la voce, eh! Dio ci sente perfettissimamente, in cielo, in Terra e in ogni luogo. Egli non e' sordo. Ho detto>>. E Dio fece per incrociare le braccia, ma cosi' facendo gli scappo' un fulmine che inceneri' Caino sul posto. <<Perbacco,>> disse il Signore <<speriamo che non abbia visto nessuno>>. Poi si rese conto che in realta' non c'era nessuno che potesse vedere. E il giorno dopo, riposato da un bel sonno, ma ancora con un gran mal di testa, il Signore creo' Ciro e Luisa. Ed essi furono i veri progenitori dell'umanita'. Parola di Giobbe. (Giobbe Covatta)

106.       DISCENDENZA DI ADAMO. Riassunto della puntata precedente: Adamo ed Eva generarono Caino e Abele, che ebbero qualche problema. Seconda Puntata. Ciro e Luisa generarono ENOS, che fu padre di tutti i pastori (che menano il can per l'aia), di tutti gli allevatori di galline (che cercano il pelo nell'uovo), e anche di uno che fece il parrucchiere. Enos non beveva, non fumava e non andava a donne anche perchŽ ce n'erano tre o quattro in tutto. Egli in questo modo visse novecentocinque anni, ma non si diverti' un granche'. Enos genero' KENAN, che fu padre di tutti gli alcoolizzati e i fumatori d'oppio, e fu lui stesso un fumatore doppio, perchŽ fumava due sigarette alla volta. In questo modo Kenan visse solo novecento anni, ma si diverti' molto piu' del padre. Kenan conobbe sua moglie quattro volte ed ebbe quattro figli: ogni botta un centro, e con quattro centri vinse un orsacchiotto. Kenan genero' MALLALLALEA, che fu padre di tutti i balbuzienti e di tutti e trentatre' coloro che entrarono a Trento tutti e trentatre' trotterellando. Mallallalea conobbe sua moglie tre volte, ed ebbe nove figli, e quando gli portarono l'orsacchiotto lo accetto' ma con sospetto. Mallallalea mori' raggiunta l'eta' di 3427951, 06 per chi chiama da fuori Roma. Mallallallea genero' IARED, che fu padre di tutti coloro che si iscrissero alla scuola Radioelettra di Torino per diventare riparatori radio-tv, fotografi, idraulici, con diploma riconosciuto. Iared conobbe sua moglie una infinita' di volte, ma ebbe solo due figli. Sua moglie fu una donna appagata, ma lui mori' a novecentosessantatre' anni senza nemmeno un orsacchiotto. Iared genero' ENOCH, padre di quasi tutti i bambini che nacquero in quel tempo, in quei luoghi e anche nelle vicinanze. In breve tempo egli fece esaurire tutte le scorte di orsacchiotti, e anche la pazienza degli altri uomini. Tanta attivita' mino' la salute di Enoch, il quale mori' nel fiore della giovinezza, a soli trecentosessantacinque anni. Suo fratello mori' un anno dopo a trecentosessantasei anni; infati si chiamava Bisestile. Enoch genero' MATUSALEMME, che fu padre di tutti coloro che eccellono negli sport quali: tiro alla cinghia, salto del pasto, arrampicata sugli specchi, salto nel buio, ecc. Matusalemme non ando' mai d'accordo con Enoch, per via del gap generazionale, e gli diceva spesso: <<Katon shakavil>> che in antica lingua prebabilonica significa: <<Papa', sei vecchio, non puoi capire noi giovani!>>. Matusalemme visse millecentonovanta anni, che con l'Iva al 19% fa un netto di mille anni esatti.  Matusalemme genero' LAMECH, che fu padre di tutti i maghi, le streghe e i commercialisti, ovvero di tutti coloro che fanno fattura. Lamech visse 777 anni, e fu lui che invento' nel televideo i sottotitoli in antica lingua prebabilonica. Lamech non conobbe mai sua moglie, eppure genero' cinquantaquattro figli maschi e quattro cosi' cosi'. Egli pensava di essere un mago, ma era l'unico a pensarlo. Di tutti questi figli uno solo passo' alla storia: NOE'. Egli era il prediletto. Parola di Giobbe. (Giobbe Covatta)

107.       NOE'. Noe', colui che tanto ha fatto per il genere umano e pure per quello animale. Egli era il prediletto dal Signore: viveva nel deserto divorato dalla sete e dai pidocchi. In quel tempo la gente sulla Terra copulava dalla mattina alla sera, e il Signore disse: <<Che schifo! Visto che mi ci trovo quasi quasi stermino tutti e non ci penso piu'>>. Noe' invece era giusto, e non copulava mai, anche perchŽ puzzava come un caciocavallo e teneva l'alito verde, che usava anche per ammazzarsi i pidocchi addosso (e a volte pure i caimani). Faceva veramente schifo. Ed era cosi' povero che non poteva comprare l'amore mercenario nemmeno da una cammella. Ed era cosi' ignorante che non avrebbe riconosciuto una cammella da un cammello. Ed era cosi' iellato che una cammella non gli si sarebbe mai concessa. Egli era il prediletto. E di questo ringraziava ogni giorno il Signore dicendogli: <<Daftah>> che in antica lingua prebabilonica significava: <<Ma possibile che fra tanta gente che ci sta sulla faccia della terra io sono il piu' cretino di  tutti, e non copulo nemmeno se ci mette mano il Padreterno?>>. Una notte Noe' dormiva nel suo lettino e senti' una voce: <<Noe'!>> <<Chi e'?>> <<Dio>>. <<Io chi?>> <<Non io, Dio, GEOVA!>>. E Noe' disse: <<Uuuuh, non ho tempo, guardate, tengo la roba sul fuoco, mettete i depliants sotto la porta...>>. E Dio disse: <<Io non ho bisogno di depliants, io sono il Padreterno!>> <<Uh Signore, scusate tanto, avete detto Geova, io pensavo ai Testimoni... cosa posso fare per voi?>> <<Un'arca>>. <<E che cos'e' un'arca?>> <<Ma insomma... Lo sanno tutti quanti cos'e' l'arca di Noe', e tu che sei Noe' originale non lo sai? E' famosissima, quasi come l'albero di Natale, l'arca... L'arca! Quella per andare per mare!>> E Noe' disse: <<Signore, io non ho mai visto nemmeno un pedalo'... Io vivo nel Sinai!>> <<Non cercare scuse stupide, Noe'. Tu farai questa nave e ci caricherai sopra due animali per ogni razza>>. E Noe' disse: <<E vivranno con me?>> <<Si'>>. <<E la puzza?>> <<Si abitueranno>> rispose il Signore. <<Ma e' proprio necessario?>>. <<Si,>> rispose il signore <<perchŽ ho deciso di affogare tutti quanti>>. <<Ah, bella idea, complimenti Signore, proprio un bel pensierino!>> <<Sbrigati Noe', mettiti a lavorare. Non dimenticare che sei il prediletto!>> <<Che culo>> disse Noe', che in antica lingua prebabilonica significa: <<Sia lode al Signore>>. E Noe' ando' a svegliare Sem, Cam e Iafet, i suoi figli (*) <<Sveglia ragazzi, c'e' da fare uno yacht!>>. <<Che ore sono?>> chiesero i figli. <<Le tre di notte>> rispose Noe'. E allora i tre figli ubbidienti si alzarono dal letto, e mentre due tenevano Noe' il terzo gli dava delle randellate sui denti. Egli era il prediletto, e si costrui' l'arca da solo. E arrivarono gli animali, comprese quarantotto galline, per fare il brodo durante la traversata. Arrivarono anche le patrocchie e le ciclopice, che a Noe' col rosmarino e la pancetta gli piacevano moltissimo. Tant'e' che se le mangio' durante la navigazione e nessuno le conobbe mai. E comincio' a piovere. Dapprima piovve poco, e fu il pediluvio. Poi comincio' a piovere che Dio la mandava e quello fu veramente il diluvio. Il Signore aveva detto: <<Piover' per quaranta giorni>>, ma poi si distrasse, si dimentico' di Noe', e dopo centocinquanta giorni pioveva ancora. Noe' era il prediletto, e disse: <<Achaton shater, jaffa, agatai' duc ianet rafinai amaton>>, che in antica lingua prebabilonica significa: <<Uffa!>>.
------------------
(*) Molti studiosi ritengono che Noe' avesse adottato i suoi figli, visto che non aveva mai copulato. Altri ritengono che essi fossero nati per partenogenesi, viste le affinita' di Noe' con l'ameba, ma la prima ipotesi sembra a tutt'oggi la piu' verosimile.
------------------
In quel tempo Dio stava dando fuoco a un altro pianeta, pieno di uomini con quattro pistolini che copulavano dove meno te l'aspetti. E mentre era la' che scagliava fulmini e saette, d'un tratto disse: <<Mannaggia, ho lasciato l'acqua aperta sulla Terra!... Chissa' se si sono lavati?>>. E torno' sulla Terra e chiuse l'acqua, poi disse: <<Mannaggia, ho lasciato il fuoco accesso dall'altra parte!... Chissa' se si sono cossi?>> E ando' via. E il 17 ottobre finalmente smise di piovere. E allora Noe' prese una talpa, e la mando' fuori dall'oblo'. E si senti' glu, glu, glu, e la talpa non torno' piu'. E Noe' disse: <<Strano, ora mandero' l'orso>>. Poi, dopo una breve colluttazione, disse: <<No, no, e' meglio che mando la colomba>>. E la colomba torno' con un rametto di olivo. E Noe' disse: <<Recitaro' i salmi>>. Poi vide la lepre e disse: <<Uhmmm, forse e' meglio se mi faccio un salmi'... Con le olive che mi ha portato la colomba>>. E allora disse alla colomba: <<Vai di nuovo, e vedi se trovi un rametto di polenta>>. E l'Arca atterro' sul monte Arafat, e intorno era tutto fango. E Noe' disse: <<Signore, ma qui e' tutto fango!>> E il Signore rispose: <<Dove pensavi di arrivare? A Porto Cervo?>>. E Noe' fu solo con la sua famiglia sulla Terra, e coltivo' la vigna e bevve il vino, e campo' altri trecentocinquanta anni, sempre ubriaco. Egli beveva per dimenticare di essere il prediletto. Parola di Giobbe.

108.       LA TORRE DI BABELE. Riassunto delle puntate precedenti: Dopo il diluvio universale, Sem, Cam e Jafet si erano riprodotti a dismisura, grazie al fortunato incontro con l'Arca di Mimi'. Era questa una nave tutta rosa, a forma di cassa ermeticamente bloccata da tutti i lati: praticamente una cassa chiusa. A bordo di questa seconda arca vi era Mimi', al secolo Carmela Tirabuscion, una corpulenta e imbellettata donna pugliese dallo spiccato accento parigino, e le sue tre ragazze: Deborah, Samantha e Katiuscia. Il Signore aveva permesso loro di salvarsi per tutto il bene che avevano fatto agli uomini (non proprio a tutti, ma a molti). E passata che fu la pioggia le brave ragazze ripresero a fare del bene, previo pagamento di una piccola quota che si aggirava sui venti denari. Fiorirono allora le conoscenze, alimentate anche dal fatto che ancora non esistevano ne' la televisione ne' le malattie veneree. E cosi', in breve tempo, la Terra si era ripopolata, e il diluvio era rimasto solo un ricordo del passato. Tuttavia permanevano dei piccoli traumi a livello inconscio. Infatti se qualcuno diceva: <<Andiamo a fare il bagno>>, lo spellavano vivo e lo mettevano nel sale per far piacere al Signore. E ogni volta che pioveva qualcuno andava al bagnino e affittava un pedalo' dicendo, <<Non si sa mai...>>. Ma Dio aveva fatto un patto con Noe', e aveva detto: <<Giurin giurello non vi affogo piu'. Pero' posso sempre bruciarvi, frustarvi, squagliarvi, tritarvi, friggervi nell'olio, macerarvi nel limone e condirvi col prezzemolo...>>. E gli uomini in coro dicevano <<Che brava persona e' il Signore!>>. E gli uomini arrivarono in una localita' chiamata Sennaar, vi si stabilirono e si dissero l'un l'altro: <<Orsu', facciamoci dei mattoni. Orsu', cuociamoli al forno. Orsu', costruiamoci una torre...>>. E uno disse: <<perchŽ invece non facciamo un bel circolo di tennis?>> Ma non fece tempo ad aggiungere <<Orsu'>> che lo presero, lo spellarono e lo misero nel sale per far piacere al Signore. E Dio vide tutto questo, e venne sulla terra sotto mentite spoglie. Ando' da un uomo chiamato Aruk e chiese: <<Che fate?>> <<Una torre, per far piacere al Signore>> rispose Aruk. E il Signore disse: <<Non era meglio una torta con le candeline, o una simpatica cravatta Regimental?>>. E Aruk disse: <<Capocantiere, qui c'e' un polemico. Come mi comporto? Gli do una scorticatina?>> E il Signore disse: <<Sai chi sono io? Dio!>> E Aruk disse: <<Bene, e io sono Napoleone!>>. E allora il Signore, per dimostrare ad Aruk chi egli fosse, trasformo' un piccone in un serpente. <<Carino questo gioco>> disse Aruk tirando fuori un mazzo di carte. <<Ora tocca a me: pesca una carta...>> E il Signore alzo' gli occhi al cielo e disse: <<Che simpatici... Quasi quasi li stermino definitivamente... Ah, gia'; non posso, l'ho promesso a Noe'. Allora sai che faccio? Confondero' le loro lingue!>>. E cosi' fece. E da allora, mentre uno diceva: <<Passa il mattone>>. L'altro capiva: <<Razza di cafone>>. E rispondeva: <<Ma sei pazzo?>> E il primo capiva: <<Testa di c%%%o>>. E un terzo diceva: <<Suvvia...>> Ma gli altri capivano: <<Le vostre madri vendono i loro corpi malandati a soldati affetti da malattie dermatologiche per pochi denari, e danno anche il resto>>     {HA HA HA: MI HA FATTO SBELLICARE DALLE RISATE!!!!!!!} E cosi' lo spellavano vivo e lo mettevano sotto sale per far piacere al Signore. E il muratore parlava francese, il carpentiere olandese, il pastore tedesco, la zuppa inglese, l'insalata russa... {!!!!!! STO MORENDO DAL RIDERE!!!!!!!}. E venne un uomo di nome Funari che parlava, parlava e parlava sempre a casaccio. E fu un vero peccato che non lo spellarono vivo e non lo misero nel sale, per far piacere al Signore ma soprattutto a noi. E gli uomini non si capirono piu', e l'unica cosa che capirono fu che non si sarebbero mai piu' capiti. E quel luogo si chiamo' Babele, che in antica lingua ebraica non significa assolutamente niente. E il popolo fu disperso, e la torre distrutta. Al suo posto rimase soltanto un bar tabacchi e una cabina con un telefono a gettoni. Sopra vi era un cartellino: <<Laureato impartisce lezioni di lingua>>. Ma nessuno capi' mai che cosa ci fosse scritto. Parola di Giobbe.

109.       LA DISCENDENZA DI NOE'. Noe' genero' tre figli, Sem, Cam e Jafet, i quali a loro volta ne fecero di tutti i colori: bianchi, gialli, neri, rossi, che si dispersero per il mondo. Quella che segue e' la loro discendenza secondo le loro lingue e le loro nazioni. Discendenza di Jafet: Jafer genero' Gomer, che sposo' Maschek, ma fu riferito a Jafet che anche Magog aveva partorito dei figli di Gomer fratello di lui, cioe' Madai e Iavan, fratello di Madai e padre di Tubal, zio di Medoc che genero' con Askenaz sette figli piu' altri due con Tarsis, da cui ebbe un figlio che si accoppio' con sua nonna Reuma, da cui ebbe Artrosi, il primogenito, e Sclerosi, la secondogenita che conobbe carnalmente il cugino di sua cognata da cui ebbe un figlio che chiamo' Arteriosclerosi, Arteria per gli amici, mentre sua cogina Matita partori' una scatola di pastelli e scappo' con Pennarello lasciando nelle peste suo zio Milka, il lilla che invoglia, che ebbe quattro figli, Rosce', Monsceri', Nutellah e Kinder, il piu' pallido perchŽ aveva piu' latte meno cacao. La storia e' un po' complessa, ma questa fu la discendenza di Jafet secondo le loro lingue e le loro nazioni. Discendenza di Cam: Da parte di madre: Put, Canaan, Seba, Avila, Sabta, Raama, Sabteca, Dedan, Nimrod, Canam, Laab.  In panchina: Saba e Patros. Allenatore: Mr. Nuftuc. Da parte di padre: Casluch, Catfor, Sidone, Chet, Gebuseo, Amorreo, Tubal, Gergeseo, Archita, Eveo (Gimoneo dal 22' s.t.), Sineo. In panchina: Nafor e Semarita. Allenatore: Mr. Sishot. Arbitra il signor Tarsis, coadiuvato da Rifat e Mashec Spettatori 640.000, tempo splendido. Questa fu la discendenza di Cam, secondo la loro lingua, le loro squadre e la loro nazionale. Discendenza di Sem: La discendenza di Sem fu in forse per parecchio tempo, perchŽ egli non riusciva ad avere figli. Allora Cam e Jafet gli dissero: <<Provaci ancora, Sem!>> E lui ci provo', e genero' Arpacsad, che era quasi cieco e aveva sempre fame, da cui il proverbio: <<Ci ho una fame che non ci vedo>>. Arpacsad genero' Selach, il quale era cosi' povero che per comprare del pane azzimo fu costretto a vendersi i pannolini del proprio figlio, da cui il proverbio: <<Rendere Pampers focaccia>>. Seleach genero' Eber, al quale, mentre era nel deserto, cadde una grossa pietra sulla testa e lui disse: <<Katajhan shabra' surun>>, che in antica lingua ebraica significa: <<Da dove c%%%o e' caduta questa, che siamo nel deserto??>> da cui il proverbio: <<L'Epifania tutte le feste si porta via>>, che non c'entra niente, ma dopo quella mazzata in testa il brav'uomo aveva le idee confuse. Eber genero' Peleg, che coltivava la terra, era giotto di formaggio ed era dedito alle droghe, da cui il proverbio: <<Al contadino non far sapere quant'e' buono il formaggio con le pere>>. Peleg genero' Reu, il quale, come suo padre, era dedito alle droghe, da cui il proverbio: <<Fare di tutta l'erba un fascio>>. Reu genero' Serug, che era cacciatore e trovo' due colombe che erano gemelle siamesi ed erano unite per i genitali, da cui il proverbio: <<Prendere due piccioni con una fava>>. Serug genero' Nacor, che fu castratore di gazzelle, e riusciva a farlo mentre le gazzelle saltavano, da cui il proverbio: <<Prendere la palla al balzo>>. Nacor genero' Zareb, il quale ebbe rapporti insani, oltre con sua moglie, anche con alcune vacche del suo gregge, da cui il proverbio: <<Mogli e buoi dei paesi tuoi>>. Zareb genero' Gebal, che era pastore e picchiava il proprio cane tutti i giorni nel cortile di casa sua, da cui il proverbio: <<Menare il cane per l'aia>>. Gebal genero' Molok, il quale sosteneva che <<morto un papa se ne fa un altro>>, ma a quel tempo nessuno sapeva cosa fosse un papa, e Molok non ebbe mai grosso credito per quanto riguarda i proverbi. Molok genero' Sebe, che era zoppo e dava lezioni a pagamento per imparare l'arte dello zoppicare, da cui il proverbio <<Gallina vecchia fa buon brodo>> (cosa vi credevate, eh?). Sebe genero' Terach, che aveva un carattere un po' infantile, tanto che il Signore gli disse il famoso proverbio <<Non fare il bambino>>, ma Terach disobbedi' e fece proprio un bambino, che chiamo' Abramo. Questi sono i figli di Sem secondo le loro tribu e i loro proverbi. Parola di Giobbe. In qualita' di ambasciatore della parola del Signore, Mose' si attenne strettamente alle regole da lui stenografate. E siccome era scritto <<Non formicare>>, ma era permesso generare figli, ecco che Mose' genero' un numero impressionante di figli. E questi figli a loro volta generarono una quantita' inverosimile di figli maschi e ogni tanto anche femmine, e cosi' via, e fra tutti questi discendenti un bel giorno nacque anche Davide. Egli avrebbe fatto una vita tranquilla, se nelle vicinanze non fosse nato Golia, filisteo di nascita, interista di tradizione, vegetariano per via dell'ulcera. Parola di Giobbe.

110.       ABRAMO. In quel tempo Abramo emigrava verso il Negheb. <<Dove vai?>> gli chiedeva la gente. <<Mi hanno promesso un pezzo di terra e mi incammino>> rispondeva Abramo. Abramo aveva novantanove anni, e lungo il cammino si ammalo'. Disse allora a sua moglie: <<Sara, telefona al dottore>>. Ma Dio disse: <<perchŽ disturbare il dottore? Sono qui io>>. E Abramo disse: <<Questo sta sempre in mezzo!>>. E il Signore disse: <<Abramo, se vuoi guarire tagliati il prepuzio>>. E Abramo disse: <<Ma Signore, non basterebbe un'aspirina?>> <<No,>> rispose il Signore <<tagliatelo tu e tutto il tuo popolo>>. <<E noi che c'entriamo?>> disse il popolo <<Stiamo 'na bellezza!>>. E Abramo disse: <<Se me lo taglio io, ve lo tagliate pure voi... Vero Signore?>> E il Signore disse di si', e il popolo disse: <<Ma porca pupazza!>>, che in antica lingua ebraica significa: <<Sia lode al Signore>>. E il signore disse ancora: <<Farete questo ogni anno>>. E Abramo disse: <<Signore, al quarto anno non c'e' rimasto piu' niente!>>, e in quella racconto' al Signore la parabola della matita temperata. E il Signore disse: <<E' vero... Allora lo faremo 'una tantum'>>. E quando furono tutti circoncisi ballarono e cantarono. E il popolo hittita, che passava di la', disse: <<Ma che ci avranno da cantare costoro?>> E un pastore che si trovava in quei paraggi rispose: <<Essi cantano perchŽ se lo tagliano>>. E il popolo hittita disse: <<Eh, vabbuo', ma allora so' proprio scemi>>. E quel luogo si chiamo' Galgola', che in antica lingua ebraica significa: <<Il Signore ci ama e si accontenta della punta>>. Ora Abramo era giunto finalmente a Nigel con sua moglie Sara. Una notte Abramo, tornando a casa, trovo' un angelo nell'armadio. <<Come mai sei in mutande?>> disse. <<Questa e' la divisa da angelo>> rispose quello. <<E le ali?>> chiese Abramo. <<Le ho parcheggiate fuori...>>.  <<E come ti chiami?>> <<Ciro Scognamiglio>>. E Abramo disse: <<Uhmmm, ashamastal eton>>, che in antica lingua ebraica significa: <<Uhmmm, qui gatta ci cova>> (*). E Sara rimase incinta, e Abramo disse: <<Popolo, aspetto un figlio>>.
------------
(*) Uhmmm e' lo stesso in tutte e due le lingue.
------------
E il popolo disse: <<Miracolo, Abramo e' incinta!>> e si inginocchio'. <<Non io>>, disse Abramo <<mia moglie Sara>>. E il popolo disse: <<Uhmmm, ashamastal eton>>. <<E' stato il Signore>> disse loro Abramo. <<Si',>> risposero quelli <<il signore del terzo piano...>>. E quando Abramo ebbe cento anni nacque Isacco, e Abramo lo fece crescere nella bambagia. (*) Egli trattava suo figlio con tutto l'amore e il riguardo possibile, anche se Isacco spesso lo chiamava <<nonno>> e a volte anche <<Matusalemme>>. Una notte Abramo dormiva nel suo lettino e senti' una voce: <<Abramo!>>. <<Chi e'?>> <<Sono l'Altissimo>>. <<Si, e io solo lo smilzo>> rispose Abramo sbadigliando. E il Signore disse: <<Non fare il cretino, sono il tuo Dio, il Dio di Abramo, Isacco, Giacobbe, Rafet, Set, Noc, us, ut, cgil, cisl e uil, Asterix, Obelix e Idefix, Sarti, Burgnich, Facchetti, Bedin, Guarneri e Picchi, Tip, Tap, Portos, Athos e Aramis, dic, duc, far, fer, ponte ponente e ponte pi tappe tappe rugia, Stanlio e Ollio, Gianni e Pinotto, Pinocchio, Ric e Gian, Rocco e i suoi fratelli, fio, fis, di a da in con su per tra fra, Crosby Stills Nash e Young, fante cavallo e re>>. E Abramo disse: <<E va bene, va bene, mi alzo, basta che stai zitto un minuto!>>. E il Signore disse: <<Abramo, voglio mettere alla prova la tua fama>>.
--------------
(*) Secondo alcuni studiosi la Bambagia era una zona montuosa e impervia della Sardegna, per cui crescere nella Bambagia stava ad indicare <<diventare pastore>>.
--------------
E Abramo disse: <<Colore chiaro, gusto pulito... Vuoi un whisky?>> <<Non bevo mai in servizio>> disse il Signore, e aggiunse: <<Abramo, il momento e' difficile, dovresti fare un sacrificio>>. <<Dimmi Signore, sono qua apposta>>. E il Signore disse: <<Dovresti smettere di fumare>>. <<Signore, tu mi chiedi troppo! Io fumo quattro pacchetti di sigarette al giorno... Non potresti chiedermi qualcosa di piu' semplice?>> <<E va bene,>> disse il Signore nella sua infinita misericordia, <<allora ammazza tuo figlio>>. <<Grazie>> disse Abramo commosso <<troppo buono... Sapevo che mi saresti venuto incontro... Grazie, grazie e ancora grazie, Signore>>. E quella notte Abramo uccise suo figlio Isacco e suo fratello Vanzetti. E ancora oggi, in ogni citta' d'Italia, c'e' una piazza a ricordo di quel sacrificio.  In quel tempo il Signore aveva deciso di distruggere Sodoma, citta' di Sodomiti. In questo luogo, come dice la parola stessa, si praticava la sodomia, e tutti si conoscevano l'un l'altro facendo una grande confusione, perchŽ gli uomini erano diventati come donne, ma dall'altra parte, e nessuno si affacciava al davanzale perchŽ anche in famiglia ci si fidava poco. Le folle erano sempre affamate di sesso, uomini, donne, bambini, e non solo al mattino, quando e' solo un'illusione idraulica, ma durante tutto il giorno. E la folla, se ti incontrava, ti faceva un bel servizio da ventiquattro, e la folla fa mal¥e, perchŽ la folla sono tanti. E il Signore chiamo' i suoi angeli, il Griso e il Nibbio, e disse: <<Andate e distruggete>>. E gli angeli dissero: <<Oh Signore, tu ami troppo il tuo popolo...>>. E il Signore disse: <<Lo so, sono fatto cosi', mi piace vedere la gente sorridere...>>. E gli Angeli andarono, cantando i loro inni di gioia: <<Andiam, andiam, andiamo a lavorar, po po po po po po po po po...>>. Ma Abramo aveva udito tutto questo e allora prego' il Signore: <<Signore, a Sodoma c'e' mio nipote Lot, se si potesse avere per lui un occhio di riguardo... Piuttosto prendete sua figlia, e fate di lei cio' che volete...>> E gli angeli dissero: <<Riferiremo alla ragazza, ne sara' veramente soddisfatta... Bravo zio!>>. E gli angeli arrivarono a Sodoma. Ivi giunti, incontrarono Lot sulle mura della citta'. Egli aveva le spalle al muro, come era tradizione a Sodoma. E tutti andavano da Lot e gli raccontavano quanti rapporti avevano avuto. E uno diceva: <<Io oggi ne ho conosciuti quattro>>. E un altro diceva <<Io oggi ne ho conosciuti sette...>> E un altro ancora diceva: <<Io oggi ne ho conosciuti cinque...>>. E tutti quanti davano i numeri al Lot. E Lot vide gli angeli e disse: <<Vi prego, non fatemi del male, piuttosto prendete mia figlia e fate di lei cio' che volete!>> E gli Angeli in coro pensarono: <<Complimenti, proprio una bella famigliola!>> Poi, sempre in coro, dissero: <<Passeremo la notte qui fuori>>. Ma Lot li avverti': <<Se lo fate, i miei concittadini vi faranno nuovi nuovi: faranno di voi i Nuovi Angeli!>>. E gli Angeli sorridendo in coro dissero: <<Gli angeli non hanno sesso...>> E Lot disse: <<Si... Ma loro hanno il Black & Decker!>>. E cosi' gli Angeli andarono a dormire a casa di Lot. E la folla inferocita arrivo' e disse: <<Lot, fai uscire i tuoi ospiti, cosi' che possiamo conoscerli!>>. Ma Lot disse: <<No... Piuttosto prendete mia figlia e fate di lei cio' che volete>>. E la figlia a questo pinto comincio' a scocciarsi non poco, e prego' il Signore dicendo: <<Ashaftal iac noi>>, che in antica lingua ebraica vuol dire: <<Oh Signore, prendi mio padre Lot e fallo volare fino a te: fai di lui Lot Volante!>>. Ma la folla prese Lot e lo puni' come era uso a Sodoma, e lo conobbero in piu' di cento. E arrivarono gli Angeli e scacciarono la folla. E Lot disse: <<Non potevate arrivare una ventina di minuti fa?... Ho conosciuto un sacco di gente, e ho tanti amichetti nuovi adesso...>> E gli Angeli in coro dissero: <<Lot, corri via!>> E Lot rispose: <<E' una parola correre, adesso...!>> E gli Angeli in coro ripeterono: <<Corri Lot, e attento a non voltarti indietro!>>. E Lot fuggi' da Sodoma, insieme a sua moglie e a sua figlia. Mentre si allontanavano, sua moglie si giro' indietro, in base all'antica abitudine acquisita a Sodoma, e rimase di sale, e anche Lot ci rimase molto male. E il Signore distrusse Sodoma e Gomorra ricoprendole di Zolfo e di fuoco. E gli Angeli in coro dissero: <<Signore, passi per Sodoma, citta' di Sodomiti, ma... perchŽ hai distrutto anche Gomorra?>> E il Signore rispose: <<Mah, Gomorra citta' di Gomorroidi... Mi faceva un po' schifo!>> E gli Angeli in coro scossero la testa. E il Signore sbuffando disse: <<Uffa, e va ba', ho sbagliato... Nessuno e' perfetto!>>. E Lot trovo' rifugio sulle montagne sopra la citta' di Zoar. Qui visse copulando con sua figlia che genero' due figli. Lot, si sa, e sempre stato un bravo padre. Parola di Giobbe.

111.       GIACOBBE. Riassunto delle puntate precedenti: Abramo e la moglie Sara avevano un figlio, Isacco, che amavano molto. Infatti, per le scene piu' pericolose, sostituivano il piccolo Isacco con una controfigura. Questo espediente salvo' miracolosamente la vita del bambino in occasione del sacrificio chiesto ad Abramo dal Signore. Questo episodio tuttavia aveva traumatizzato Isacco, il quale ne porto' i segni per tutta la vita. Infatti, ogni volta che sentiva la parola sacrificio gli veniva un forte attacco di colite e tutta una serie di altre manifestazioni psicosomatiche, tra cui: acne, psoriasi, convulsioni, asma, tachicardia, balbuzie, aerofagia, alopecia e gomito della lavandaia. A causa di questi lievi inconvenienti tecnici, Isacco ebbe qualche problema a trovare moglie. L'unica che gli si concesse fu Rebecca, figlia di Betuel, famosa per essere la donna piu' inguardabile di tutta l'Aramaica e forse di tutto il Medio Oriente. Non a caso e' dai tempi di Rebecca che le donne di quella zona vanno in giro con il viso coperto. E venne il giorno in cui Rebecca chiese al suo sposo: <<Pensi forse che io sia brutta?>> <<No>> disse Isacco, e svenne. E Rebecca disse: <<E allora vuoi giacere ed entrare in me almeno una volta da quando ci siamo sposati?>> <<Bene>> disse Isacco <<faro' questo sacrificio>>. E appena ebbe pronunciata la parola sacrificio ebbe un attacco di epilessia. E Rebecca si raccomando' di praticare il coitus interruptus, che in antica lingua ebraica significa: <<Gia' siamo inguaiati noi due, ci manca solo un figlio!>> Ma Isacco si confuse, e sparse il suo seme nel vastissimo ventre di sua moglie. E fu cosi' che Rebecca divenne madre, dimostrando in questo modo di essere pur sempre un mammifero, e non un protozoo come tutto lasciava credere. E Rebecca partori' due gemelli: Esau' e Giacobbe, i quali, appena videro la madre, svennero. Allora Rebecca disse al suo sposo: <<Due figli in un colpo solo... per allevarli dovremo fare molti sacrifici!>> E Isacco fu colto da un attacco simultaneo di otite, sinusite, polmonite, pancreatite, artrite e temperamatite.  Esau' e Giacobbe crebbero. Esau' andava a caccia ed era un buon cacciatore; Esau' pasceva le pecore ed era un buon pastore; Esau' coltivava il grano e era un buon contadino; Esau' difendeva l'accampamento ed era un buon guerriero. Giacobbe non faceva assolutamente niente, ed era un buontempone. E Rebecca gli disse: <<Giacobbe, aiuta tuo fratello, non vedi quanti sacrifici fa?>> E in quella Isacco ebbe un attacco di gotta fulminante e mori', lasciando tutti i suoi averi a Esau'. E Giacobbe ando' da Esau' e con voce melliflua gli disse: <<Ora che sei ricco puoi smettere di lavorare e divertirti un po'... ho giusto qui una tombola nuova nuova: vuoi fare una partitina?>> Ed Esau' accetto' volentieri, e gli occhi di Giacobbe ebbero lampi di ingordigia. Allora Giacobbe ando' in cucina e disse: <<Mamma, mi dai i fagioli per giocare a tombola?>>. E Rebecca rispose: <<Senti, Giaco': sto facendo l'insalata di fagioli, cipolle e cammello sott'olio(*). Prendi le lenticchie e giocate con quelle>>. Giacobbe distribui' le lenticchie e comincio' ad estrarre i numeri: in sedici ore di gioco Esau' non fece nemmeno un ambo, e per pagare i debiti fu costretto a cedere al fratello la sua primogenitura. E fu cosi' che Giacobbe si prese tutta l'eredita' di Isacco ed Esau' rimase solo con una manciata di lenticchie. E quando Esau' mori', si dice che fu fatto angelo, da cui il proverbio: <<Anche gli angeli mangiano lenticchie>> Giacobbe si diede alla bella vita, entro' nel giro della gente che conta e dopo qualche tempo sposo' la figlia del suo ricco zio Labano, ovvero sua cugina Rachele, dicendo: <<Shakton!>> che in antica lingua ebraica significa: <<Non c'e' cosa piu' divina che sposarti la cugina!>> E Rachele, quando furono sposati disse: <<Che grandi mani che hai!>> <<E' per toccarti meglio, bambina mia>>, rispose Giacobbe. <<E che grande bocca che hai!>> <<E' per baciarti meglio, bambina mia>> rispose Giacobbe <<E che occhi grandi che hai!>> <<E' per guardarti meglio, bambina mia>> rispose Giacobbe.
--------------
(*) Nel Sinai di tonno ce n'era pochino.
--------------
Poi Giacobbe si tolse la tunica, e Rachele piena di entusiasmo vide che tutto era proporzionato. E qui si scopri' che Giacobbe era si' un buono a nulla, ma una cosa la sapeva fare, e molto bene. E la notizia si sparse in fretta, e arrivo' la sorella di Rachele, Lia, per partecipare alla festa. E al seguito di Lia c'era la sua schiava Bila, la quale, gia' che c'era, ne approfitto' per divertirsi pure lei con Giacobbe. La schiava di Rachele, Zilpa, disse allora: <<perchŽ Bila si' e io no?>> e si tuffo' nella mischia. Giacobbe, generosamente, distribuiva a tutte il proprio birrah, che in antica lingua ebraica significa <<seme>>, da cui il soprannome <<birrah alla spina>>. E nella confusione una diceva: <<Facciamo un figlio?>> e Giacobbe rispondeva: <<Certo, ne ho fatto uno anche venti minuti fa...>> E un'altra chiedeva: <<Vuoi entrare in me?>> E Giacobbe rispondeva: <<Ho la tessera, posso entrare ovunque...>> E in tre mesi Giacobbe ebbe undici figli. Finche' un giorno, mentre si stava facendo la barba, gli cadde il rasoio, e per disgrazia fu circonciso una seconda volta, ma con sfumatura molto alta. Cosi' fini' la sua carriera di jewish lover, e ritirandosi dalle scene egli disse: <<Shaker ilon abil>>, che in antica lingua ebraica significa: <<Mannaggia, proprio mo' che cominciavo a divertirmi!>>. Parola di Giobbe

112.       GIUSEPPE. Giuseppe era l'ultimo dei dodici figli che Giacobbe genero' durante la sua breve ma luminosa carriera di jewish lover. Egli era il piccolo di casa, e i suoi undici fratelli lo vezzeggiavano e lo amavano tanto, tanto che lo vendettero come schiavo a una carovana di nomadi egiziani. Cosi' Giuseppe viaggio', giro' il mondo e arrivo' in Egitto, dove fu subito gettato in prigione. E li' resto per molto tempo, senza cibo, acqua, televisione e nemmeno un libro. Questo era il problema maggiore per Giusebbe, il quale era abituato a leggere sempre qualcosa prima di addormentarsi. Per qualche tempo se la cavo' leggendosi la mano, ma in breve l'imparo' a memoria, e allora prese l'abitudine di leggere i sogni che aveva fatto la notte prima. Ora accadde che il Faraone fece un sogno che nessuno riusci' ad interpretare anche perchŽ sognava in geroglifici. Il Faraone allora mando' a chiamare Giuseppe e gli disse: <<Ho fatto un sogno. Ho sognato sette vacche grasse e noi le mangiavamo. Poi ho sognato sette vacche secche e noi mangiavamo anche quelle. Pero' con le vacche grasse ci sfamavamo, e con quelle secche no>>. E Giuseppe disse: <<Il sogno sta a significare che con le vacche grasse si mangia di piu' che con le vacche secche>>. <<Bravo!>> disse il Faraone, colpito dalla risposta di Giuseppe, e lo nomino' Presidente della Repubblica. Il Faraone getto' cosi' le basi e le premesse della politica moderna. E uno che faceva i tarocchi fu nominato Ministro degli Esteri, e uno che muoveva le orecchie fu fatto Presidente del Consiglio, e un funambolo e un equilibrista Ministri del Tesoro e delle Finanze. E da allora i criteri per le scelte politiche non sono mai stati modificati. Giuseppe, divenuto Presidente della Repubblica, telefono' a suo padre e ai suoi fratelli, e li invito' a raggiungerlo. E quelli arrivarono con tutte le loro famiglie: mogli, figli, nipoti, suoceri e zii. Praticamente tutto il popolo ebraico. Ed entrarono in Egitto in diecimila, e come arrivarono il Faraone li fece schiavi insieme a Giuseppe. E Giuseppe disse: <<Non vale, io sono il Presidente!>>. <<Hai ragione>> disse il Faraone, e fece ridipingere la sua cella, poi ci appese una targa con scritto <<Casa Bianca>>, diede due mandate e butto' via la chiave. E i fratelli dissero a Giuseppe: <<Bravo Giuseppe, grazie dell'invito, proprio un pensiero carino!>> e lo gonfiarono come una vacca grassa, utilizzando un grosso randello che si tramandavano di padre in figlio, di generazione in generazione, in attesa che arrivasse colui che li libero' dalla schiavitu': Mose'. Parola di Giobbe.

113.       MOSE'. Quest'uomo che tanto ha dato al ciclismo in Italia e nel mondo... Questo grande profeta era il prediletto del Signore. Appena nato tentarono di affogarlo. Egli era il prediletto. E Mose' disse: <<Ma il prediletto non era Noe'?>> E il Signore rispose: <<Tutti e due>>. E Mose' disse: <<Uhmmm, ahmatal ech ashont>>, che in antica lingua ebraica significa: <<Uhmmm, la vedo brutta!>> (*). Mose' fu salvato dalla Faraona, che non era una gallina, come possono erroneamente pensare i piu', bensi' la moglie del Faraone. Mose' sposo' Sippora, ma guardava anche le altre donne. E Sippora diceva: <<Mose', non desiderare la donna d'altri>>. E Mose' rispondeva: <<Ma dove sta scritta 'sta fesseria?>> E infatti ancora non era stato scritto nulla.
---------
(*) Cfr. nota p.9
---------
Una notte, Mose' dormiva nel suo lettino e senti' una voce: <<Mose'!>> <<Chi e'?>> rispose Mose'. <<Dio>>. <<Io chi?>> <<Non io, DIO!>> <<Oddio>> disse Mose'. <<O Mose'>> disse Dio. <<Oddio>> disse Mose'. <<O Mose'>> disse Dio. <<Oddio>> disse Mose'. <<O Mose'>> disse Dio. E andarono avanti sei giorni, e il settimo si riposarono. E alla fine Mose' disse: <<Prego, si accomodi, commendatore...>> perchŽ non sapeva come chiamarlo. E il Signore disse: <<Mose', io sono colui che ha progettato l'universo!>> E allora Mose' disse: <<Prego, si accomodi, geometra...>> E il Signore disse: <<Mose', vai dal Faraone>>. <<Non posso,>> rispose Mose' <<perchŽ il Faraone mi uccidera'>>. <<Non ti preoccupare per questo>> lo rassicuro' il Signore <<perchŽ Mose' significa 'colui che scappa velocemente, specialmente in bicicletta!'. Orsu' dunque, vai dal Faraone. Orsu', non temere. Orsu' Mose'...>>. E al decimo <<Orsu'>> Mose' cedette per disperazione e fece come voleva il Signore. Egli ando' dal Faraone, e tento' di stupirlo con dei miracoli. Dapprima inizio' con dei miracoli semplici, come la sparizione delle autoradio. Ma il Faraone non si stupi'. Allora Mose' fece il miracolo delle tre carte, ma perse quarantasettemila lire. E allora Mose' disse: <<Faraone, visto che ho perso quarantasettemila lire, perchŽ non liberi il popolo ebraico?>>. Ma per tutta risposta il Faraone fece frustare i vecchi e violentare le donne. E il popolo disse: <<Complimenti Mose', sei proprio un ottimo sindacalista! Bravo, bravo e ancora bravo...>>. E lo picchiarono con un grosso randello. Egli era il prediletto. Allora Mose' disse: <<Faraone, tu mi costringi a mandare le piaghe!>> E il Faraone disse: <<Ma che piaghe e piaghe d'Egitto...>> E Mose' mando' le piaghe. La prima piaga fu quella delle zanzare. Ma gli egiziani non furono punti perchŽ tenevano il Vape. E allora Mose' mando' la seconda piaga. Mentre era in un campo con i suoi allievi vide in alto sulla strada delle vacche che erano in pericolo e sorseggiando un amaro Monte Sinai disse: <<Un lavoro difficile il mio, ma mi piace perchŽ l'ho scelto io...>> E arrivo' appena in tempo per sterminare quattro milioni di vacche: questa fu la seconda piaga. Ma il Faraone non fu turbato. Allora Mose' mando' la piaga della carta vetrata al posto della carta igienica. Ma il Faraone non batte' ciglio. Allora Mose' mando' l'ultima piaga: la piaga della pasta scotta. E gli Egiziani si adirarono come caimani e picchiarono forte Mose' con un grosso randello. Egli era il prediletto. Una notte Mose' dormiva nel suo lettino e senti' una voce: <<Mose'!>> <<Chi e'?>> rispose Mose'. <<Mose', sono sempre io. Telefono solamente io a quest'ora! Chi vuoi che sia? Alzati, devi partire>>. <<Che ore sono?>> chiese Mose'. <<Le quattro del mattino>> disse il Signore. E Mose' sbadigliando disse: <<Ma Signore, non ci si potrebbe incontrare nel pomeriggio, che uno a quell'ora non tiene mai niente da fare?>> <<No>> rispose il Signore <<alzati, devi partire>>. <<E va bene,>> disse Mose' che era un brav'uomo e non voleva discutere. <<Quanti siamo?>>. <<Sette milioni>> rispose il Signore. <<Caspita... Un charter!>> disse Mose'. <<Si',>> disse il Signore <<sveglia alle cinque e quarantacinque, partenza alle  sei e quindici, colazione al sacco, pomeriggio libero per lo   shopping...>> E Mose' ubbidiente parti' insieme ai suoi due figli: Alpitour e Francorosso. E si incamminarono, seguiti da tutto il popolo ebraico. Giunti che furono sulle rive del Mar Rosso, Mose' prego' il Signore e disse: <<Signore, che cosa devo fare?>> <<Tuffati>> disse il Signore. <<Signore, io non so nuotare>>. <<Tuffati>> disse di nuovo il Signore. E Mose' obbediente si tuffo'. E in questa le acque si aprirono per miracolo, e Mose' si schianto' sulle rocce. Egli era il prediletto. E come Dio volle, tutto il popolo ebraico comincio' ad attraversare il Mar Rosso. Giunti che furono quasi al centro, si udi' il suono di un altoparlante: <<Dlin dlon. Si avverte il gentile popolo ebraico che tra cinque minuti il mare chiude. Dlin dlon.>> Ed in men che non si dica arrivarono dall'altra parte. E trovarono una distesa di sabbia. E camminarono per sette anni. E Mose' disse: <<Pero'... Che spiaggia! Non c'e' neanche un ombrellone, nemmeno una cabina...>>. Vi era solo un marocchino che diceva di tanto in tanto: <<Cocco bello, cocco fresco!>>. Ma nessuno capi' mai cosa egli dicesse. Ed arrivarono in una localita' chiamata Mara, ove c'e' l'acqua Amara, per cio' si chiamava Mara. E Mose' disse: <<Peccato che non siamo arrivati a Otto, cosi' mi prendevo un chinotto>>. E il popolo assetato picchio' Mose' con un grosso randello. Egli era il prediletto. E allora Mose' prego' il Signore e disse: <<Signore, il popolo e' affamato e assetato, che cosa devo fare?>> E il Signore mando' la manna, che erano delle cosarelle attaccaticcie e lassative, pure un poco schifose, che si trovavano appiccicate agli alberi. E Mose' disse: <<Signore, visto che si doveva fare il miracolo, non si poteva fare quello della parmigiana di melanzane?>> E il Signore rispose: <<Questo tenevo nel frigo e questo vi ho mandato: dentro c'e' tutta roba fresca, appena creata. Mangia e non scocciare!>>. E per quarant'anni mangiarono solo manna. Il popolo ebraico era adirato come una biscia, e Mose' non si avvicinava perchŽ li vedeva girare tutti con dei grossi randelli e pensava: <<Qua tira una brutta aria...>> Egli era il prediletto. Una notte Mose' dormiva nel suo lettino e senti' una voce: <<Mose'>>. <<Chi e'?>> rispose Mose'. <<Indovina un po'...>> <<Signore, ma sempre da me?>> <<Si'>> rispose il Signore. <<Siamo sette milioni, perchŽ sempre io?>> <<perchŽ tu sei il prediletto>>. <<Che culo!>> disse Mose', non sapendo che tale deduzione era gia' stata tratta secoli prima dal suo progenitore Noe'. <<Che cosa devo fare questa volta, mio Signore?>> <<Vieni sul monte, porta un bagaglio leggero: due tavole di pietra>>. E Mose' obbediente si incammino' su per la montagna con due pietre sulle spalle. Giunto che fu al cospetto del Signore, Egli gli diede una martellata sul ginocchio e disse: <<Mose', perchŽ non parli?>> E Mose' ansimando rispose: <<perchŽ sono venuto a piedi e tengo il fiatone...>> Egli era il prediletto. E il Signore detto' a Mose' i Comandamenti. E Mose' stenografo' tutto con lo scalpello sulle pietre, poi torno' a valle e disse al popolo ebraico: <<Popolo!>> E il popolo disse: <<Viva Mose'>>. E Mose' disse: <<Ho portato la Legge!>> <<E il popolo disse: <<Viva Mose'>> E Mose' disse: <<Non si puo' piu' fornicare...>> E il popolo picchio' Mose' che un grosso randello, e fu sempre cosi' nella sua vita, perchŽ anche egli era il prediletto. Parola di Giobbe.

114.       DAVIDE E GOLIA. In quel tempo tra i Filistei viveva un uomo di nome Golia, insieme a sua sorella Morositas e a suo fratello diabetico HappyDent Senza Zucchero. Golia era cosi' grosso che Schwarzenegger al confronto sembrava Don Lurio. Ora Golia disse: <<Chi vuole sfidarmi?>> E il sangue degli israeliti divenne come bastoncini di pesce Findus. E uno disse: <<No, io ho molti impegni, vorrei ma proprio non posso>>. E un altro disse: <<Io purtroppo non ho digerito>>. E un altro ancora disse: <<Io se torno a casa senza le coscie mia moglie si arrabbia molto>>. E Dio disse: <<E questo sarebbe il popolo eletto? Quasi quasi rifaccio le elezioni...>>. In quel tempo nel bosco, in una casetta di marzapane, viveva Davide, il pastore. Ed egli era cosi' piccolo che Don Lurio al confronto sembrava Schwarzenegger. Davide viveva insieme ai suoi fratelli: Mammolo, Brontolo, Pisolo, Servio Tullio, Tarquinio Prisco e Tarquinio il Superbo. Re Saul ando' da Davide. <<Toc Toc>>. <<Non posso aprire>> disse Davide. <<E' pericoloso>>. E Re Saul disse: <<Ma no, stai tranquillo, devi solo sfidare Golia>>. <<Ah>> disse Davide <<Chissa' che mi credevo!>> E Re Saul disse: <<Se sfidi Golia sposi mia figlia e ti regalo l'abbonamento al Milan per tutto l'anno>>. E Davide domando': <<Ma quant'e' grosso questo Golia?>> E Re Saul disse: <<Ma no, e' normale>> e rideva, rideva, rideva che Dio la mandava. E Davide penso': <<Chisto me fotte>> che in antica lingua ebraica significa: <<Costui vuole gabbarmi>>. Ma accetto'. Il giorno dopo Golia scese in campo. <<Oddio>> disse Davide quando lo vide. <<Eccomi qua>> disse Dio quando si senti' chiamare. Poi vide Golia e disse: <<O me medesimo, quant'e' grosso! Se non ci mette mano il Padreterno siamo rovinati. Ma il Padreterno sono io! Non mi devo lasciare prendere dal panico...>>. E Golia grido': <<Asbotir ieh noc>>, che in antica lingua ebraica significa: <<Ti spiezzo in due>>. E gli angeli e gli arcangeli in coro cantavano: <<David David David tira la bomba, tira la bomba. David David David tira la bomba per carita'>>. La differenza di peso tra i due lottatori era enorme: quattro tonnellate per Golia, diciotto chili per Davide, bagnato. Golia attacca subito: sinistro, destro, raddoppio di sinistro, un gancio, un montante, buon gioco di gambe, prova il diretto, poi Davide prende un sampietrino e gli scassa la capa: l'incontro fini' per k.o. I bookmaker pagarono una vincita miliardaria a una sola persona: un signore con camicia da notte e barba bianca. Ma nessuno seppe mai chi fosse quel Signore. Parola di Giobbe.

115.       NUOVO TESTAMENTO. VANGELO SECONDO GAETANO A'PROSTATA (chiamato cosi' perchŽ si sentiva poco bene). E' questa la narrazione apocrifa della vita di San Giuseppe fino alla vecchiaia e di quella di Gesu' fino all'eta' di 12 anni. Gaetano A'prostata non ha scritto oltre perchŽ gli venne, oltre alla prostata, anche la sciatica e il crampo dello scrittore, per cui dovette smettere e si mise a fare il cantante popolare in un gruppo musicale chiamato Angina Pectoris. Era l'anno 1 avanti Cristo, una scura notte di pediluvio. In un'umile casa della Palestina si senti' una voce: <<Ave Maria, sono Gabriele, sei tu la Vergine?>>. E la giovane donna rispose: <<Ne', ma a te che te ne importa? Vieni qua vestito da tacchino con le ali e fai pure domande cretine!?>>. <<Lo devo sapere...>>. <<E chi sei, il medico della mutua, il ginecologo? No? E allora fatti i fatti tuoi!>>. Ma Gabriele insisteva: <<Devi dirmelo, mi manda l'Altissimo!>>. <<Chi, Pippo Baudo? E lo potevi dire subito che era per la televisione! Allora: non sono vergine, non mi vergogno a posare nuda e so anche ballare... Sono scritturata?>>. Gabriele era perplesso: <<Ma... ma tu sei proprio Maria?>>. <<No, sono Stefania, e allora? Chi e' chesta Maria, una raccomandata? Ehi, torna qui, dove vai, guarda che so anche fare le imitazioni...>>. Era sempre l'anno 1 avanti Cristo, una scura notte di pediluvio, solo un po' piu' tardi. In un'altra umile casa della Palestina si senti' la stessa voce: <<Ave Maria, sono Gabriele!>>. <<Molto piacere, signor Gabbiano...>>. <<Non sono un gabbiano, e tu sei propro Maria?>>. <<Certo, signor Pellicano...>>. <<Sei proprio Maria di Nazareth?>>. <<No, sono Maria di Nocera Inferiore, fa lo stesso? Ehi, signor Fenicottero, dove scappa, non le piace Nocera?>>. Era sempre l'anno 1 avanti Cristo, una scura notte di pediluvio, solo molto piu' tardi. In un'ennesima umile casa della Palestina si senti' la solita voce: <<Questo e' l'ultimo tentativo, poi me ne torno su e ci spedisco l'arcangelo Peppiniello a cercare questa benedetta Maria!>>. E in quella arrivo' una giovane donna: <<Ave, sono Maria, la vergine di Nazareth, posso esserti utile?>>. <<Ave Maria, che piacere trovarti... Sono venuto per fare l'annuncio>>. <<E chi sei, Nicoletta Orsomanno? E da quando le annunciatrici le vestono da galli cedroni con le alucce?>>. <<Ne' Mari', non ti ci mettere pure tu! Sono venuto a dirti che rimarrai incinta>>. <<Ma non fare il cretino! Ti presenti vestito da pappagallo e fai pure lo spiritoso!>>. <<Maria, non sono vestito da pappagallo, io sono un angelo! Io vengo per darti la luce...>>. <<Ah, e lo potevi dire subito che sei dell'Enel, sono due mesi che qua e' zompato tutto. Il contatore sta di la'...>>. Ci volle la mano di Dio per convincere la Madonna, la quale quella notte rimase incinta, come aveva annunciato l'arcangelo Gabriele. E ci volle ancora di piu' per convincere Giuseppe, che dopo molte discussioni familiari accetto' di buon grado di diventare il papa' di Gesu'. E da quel giorno egli inizio' a sorridere, e la gente lo guardava e diceva: <<Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore>>. Passati che furono nove mesi la Madonna partori' in una Stalla, tra un bue e un asinello. E tale tradizione si e' conservata attraverso gli anni, e ancora oggi le donne assistite dalla Saub partoriscono in stalle, circondate da asini e ogni altro genere di animali. E fu cosi' che nacque Gesu', detto il Salvatore, per gli amici Sasa'. E amici, parenti e curiosi si recarono nella stalla a portare doni; pastori con gli agnelli sulle spalle, zampognari, bambini e giovinette attraversarono ruscelli di carta argentata e collinbe di cartapesta per vedere Gesu' Bambino. Giuseppe accoglieva tutti sorridendo e la gente diceva: <<Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore>>. Ed ecco che bussarono alla porta della stalla. <<Chi e'?>> chiese Giuseppe. <<Magi>>. <<Quelli del brodo?>>. <<No, i Re!>>. E infatti, aperto che ebbe, vide i tre re magi: Gaspare, Zuzzurro e Baldassarre, con i loro tre cammelli Qui Quo Qua, coperti di baldacchini, spade, denari, sette bello e primiera patta. Essi portavano in dono oro, incenso e mirra. <<Che cos'e' la mirra?>> chiese Giuseppe. E Baldassarre disse: <<Questo non l'ha mai capito nessuno>>. Intanto, in un castello non lontano da Betlemme, un re cattivo e malvagio di nome Erode chiese al suo specchio: <<Specchio specchio delle mie brame, chi e' il piu' divino del reame?>>. E lo specchio rispose: <<Di divino in casa c'e' chi lo e' assai piu' di te; egli e' nato in una stalla, sappi che non e' una balla, e' venuto fin quaggiu', e si chiama Bambin Gesu'!>>. <<Faccio una strage!>> urlo' Erode, e, preso dalla rabbia, ando' in garage e fece a pezzi sia la Miniminor che la Lambretta: la strage delle Innocenti. Poi ando' dal cacciatore e ordino': <<Vai a Betlemme e uccidi tutti i neonati e tutti quelli che si chiamano Biancaneve!>>. E il cacciatore ando', ma prima di lui arrivo' a Betlemme un angelo con le ali, che subito corse da Giuseppe. <<Tu devi essere l'arcangelo Gabriele>> disse Giuseppe che non lo aveva mai visto ed aveva le idee molto confuse su tutta quella storia. <<No, io sono l'arcangelo Peppiniello. Grabiele ha dato le dimissioni per esaurimento nervoso circa un anno fa...>>. E Giuseppe preoccupato disse: <<Ue', non sarai mica venuto per annunciare che Maria dara' una sorellina a Gesu', eh??>>. <<No>> disse Peppiniello <<niente piu' bambini. Sono venuto a dirvi che dovete andare subito in Egitto>>. <<Ma io avevo prenotato a Madonna di Campiglio! Sa, e' una cugina di mia moglie e ci da' lo ski-pass gratuito!>>. Ma Peppiniello insistette: <<Dovete fuggire, c'e' Erode che vi cerca!>> <<Chi e'? Quello che ha inventato il metodo per l'infanzia?>>. <<No>> rispose Peppiniello <<quello e' Montessori. Erode e' il Re!>>. E Giuseppe disse: <<Keton!>> che in antica lingua ebraica significa: <<E' meglio avviarsi subito, perchŽ se quello ci acchiappa ci fa il mazzo a tarallo!>>. E cosi' Giuseppe e Maria, col piccolo Gesu' e il loro asinello si ritrovarono al casello dell'autostrada di Nazareth, diretti in Egitto in tutta fretta. Dopo una marcia di mesi e mesi arrivarono nella terra di Aaran, e andarono alla pensione <<La stalla>>. <<Come si sta qui?>> chiese Giuseppe. <<Da Dio>> rispose il gestore. <<Allora e' adatta>> disse Gesu', e vi si stabilirono. E la notizia arrivo' alle orecchie di Erode, ma egli, che in geografia non era tanto buono, penso' che Aaran fosse un animale verde che vive negli stagni, e non capi' mai dove fosse finito Gesu'. Ora, dopo alcuni anni che erano in Egitto, una notte di pediluvio Giuseppe senti' una voce: <<Giuseppe!>>. <Chi e'?>>. <<Jave'!>> <<Bitte??>> <<Sono Dio>> <<Oh, scusa Signore, faccio un po' di confusione con le lingue...>> <<Giuseppe>> disse Dio <<tornate in Palestina>>. <<Ma Signore>> rispose Giuseppe <<se ci acchiappa Erode finisce che ci vediamo su da te prima del previsto>>. <<Non ti preoccupare>> rispose Dio <<l'ho fatto sistemare col vecchio metodo della tazzina di caffe', quello che viene chiamato il metodo della Sacra Sindona. Vai, puoi tornare...>>. E Giuseppe obbediente si rimise in cammino e torno' in Palestina con  Maria e Gesu', a piedi perchŽ in Egitto si erano fatti un buono stufato di asinello.  Arrivarono in Palestina in tempo per iscrivere Gesu' alla terza elementare. Ora era il primo giorno di scuola. Arrivo' il maestro e disse: <<Buongiorno, sono il maestro>>. <<Anch'io>> disse Gesu'. <<Ah, cominciamo bene>> disse il maestro, <<tu che fai lo spiritoso, vieni alla lavagna>>. E Gesu' ando' alla lavagna e prese il gesso. <<Scrivi: tre pesci piu' tre pesci, quanto fa?>> <<Nove pesci>> rispose Gesu'. <<Quella e' la moltiplicazione dei pesci, somaro!>> <<Somaro a me?>> disse Gesu', e per miracolo trasformo' il maestro in bidello. In questa arrivo' il preside e disse: <<Chi e' stato?>> <<E' stato Gesu'>> disse Pietro. E Gesu' disse: <<Pietro, prima che la campanella suoni tre volte, io ti spacco la faccia>>. Allora il preside ando' da Gesu' e disse: <<Tu! Domani verrai accompagnato dai tuoi genitori>>. <<Eh, pare facile>> rispose Gesu' <<io ne tengo tre quattro... non si capisce  niente a casa mia!>>. <<E non fare lo spiritoso come l'altra volta>> disse il preside <<che  sei venuto con un piccione e mi hai detto che era tuo zio!>> Poi il preside si rivolse alla classe e disse: <<C'e' un altro bambino in presidenza: Barabba. Chi volete che sospenda: Barabba o Gesu'?>> E allora Gesu' perse la pazienza e disse al preside: <<Prima di domani tu sarai nel Regno dei Cieli>>. E per miracolo trasformo' il Preside in un supplente dell'Isef. Giuseppe arrivo' in quel momento e in cuor suo disse: <<Ah, beato il papa' di Budda, quello si' che e' fortunato, con quel bravo figlio sempre seduto, chiatto chiatto... Pare l'omino della Michelin, ma vuoi mettere che vita tranquilla?>> In quella si senti' una voce: <<Giuseppe>>. <Chi e'?>>.  <<Dio>>. <<Io chi?>>. <<Non io, Dio: l'onnisciente!>>. <<Quello che mangi di tutto?>> chiese Giuseppe. <<Giuse', quello e' l'onnivoro!!>> E il bidello e il supplente dell'Isef, sentito che Giuseppe era il padre  di Gesu', approfittarono del fatto che egli era distratto a consultare il vocabolario: cosi' lo acchiapparono e lo gonfiarono come un cotechino. Ma Giuseppe sorrideva. E la gente diceva: <<Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore>>. E sorridendo sorridendo si fece dicembre, il 24 era il compleanno di Gesu'. Giuseppe faceva il presepe. <<Che cos'e'?>> chiese Gesu'. <<Un ricordo di quando io e la mamma siamo andati in campeggio dove sei nato tu>> rispose Giuseppe. La Madonna aveva organizzato una piccola festa: c'erano striscioni, otti, addobbi... insomma: una festa della Madonna! Si era gia' fatta una certa ora e i bambini non erano ancora arrivati. <<Come mai?>> chiese Gesu'. <<Natale con i tuoi...>> rispose Giuseppe <<vorra' dire che verranno a Pasqua>>. Ma in quella si senti' suonare alla posta: era il piccolo Giuda, che portava in dono una scatola di Baci. <<Non dovevi>> disse Gesu' a denti stretti. <<E' un piacere>> rispose Giuda sorridendo. E Gesu' disse: <<Osfateh sic ravur gape'>> che in antica lingua sanscrita ha un significato molto poco gentile. E Giuda disse: <<Quanti anni compi?>>. <<Dieci>> rispose Gesu'.  <<Ventitre' di questi giorni>> disse Giuda. E Gesu' disse: <<Oibec!>> che in antica lingua aramaica significa:  <<Chisto e' schiattamuorto>>. E a poco a poco arrivarono tutti gli altri bambini, ma la festa languiva. Ora senza accorgersi, Gesu' si era appoggiato al buffett e gli era scappato un miracolo: aveva trasformato l'aranciata in vino.  Dopo venti minuti la festa era entrata nel vivo: Giovanni Battista faceva i gavettoni a tutti quanti, al grido di <<Ale', andiamo tutti a fare il bagno al fiume!>>. Lazzaro non si reggeva in piedi, e le sorelle gli dicevano: <<Lazzaro,  alzati, cammina, che ti stanno guardando tutti!>>. Simone in piedi sul tavolo incitava: <<Forza ragazzi balliamo>> e subito il complesso attacco' il 'Ballo di Simone'. E la Maddalena scatenata al centro della pista cantava: <<Batti in aria le mani, e poi falle vibrare...>>. Gesu' intanto faceva gli scherzi: fece cadere tutti i capelli a Ponzio, e il poveretto da quel giorno si chiamo Pelato. Poi ando' da Nicola e comincio' a fare i miracoli: <<Ora ci hai la lebbra, ora via la lebbra, ora ci hai il colera, ora sei cieco, mo' ci vedi, ora sei cieco, ci vedi, cieco, ci vedi, senza gambe, ora quattro braccia e niente orecchie, ora tre gambe...>>. E in quella arrivo' la Madonna e disse:  <<Gesu', c'e' la torta!>> <<Arrivo>> disse Gesu'. E Nicola disse: <<Giuggiu', non posso tornare a casa con tre gambe, poi mamma ci rimane male...>>. Dopo aver mangiato la torta fecero il gioco della bottiglia, ma chi usciva usciva, Giuda tentava sempre di baciare Gesu'. E Gesu' si arrabbio' molto e disse: <<Giuda tu la devi finire, pari un camaleonte con quella cotoletta che tieni in bocca>>. E cosi', per grande ira, trasformo' Giuda in una gallina padovana che subito volo' dalla finestra. Dopo poco bussarono alla porta, e Giuseppe chiese: <<Chi e'?>> <<Sono il papa' del traditore>>. E Giuseppe apri' e si ritrovo' di fronte un uomo adirato con una gallina padovana sulla spalla. E Giuseppe voltandosi disse: <<Giuggiu', vieni un po' qua, che forse vogliono te...>>. E quando Gesu' si fu avvicinato Giuseppe disse: <<Ma benedetto Iddio...>>. <<Grazie altrettanto>> disse Gesu'. <<Giuggiu' guarda qua, mi tremano le mani, eh!>>. E in quella si udi' una voce: <<Giuseppe, ferma la tua mano!>> <<Chi e'?>> <<Colui che tutto vede>> <<E Giuseppe si rivolse a Gesu' e disse: <<Ringrazia SuperPippo, perchŽ se no stasera ce le prendevi, quant'e' vero Dio>>. Ma cio' non fermo' il papa' della gallina padovana, che, tanto per cambiare, gonfio' Giuseppe come un materasso di piume. Ma Giuseppe sorrideva. E la gente diceva: <<Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore.>> E come Dio vuole la festa fini' e i bambini se ne tornarono a casa loro. Maria, Gesu' e Giuseppe (tumefatto ma sorridente) se ne andarono a dormire. Giunta che fu la mezzanotte Gesu' senti' un rumore. Ando' in salotto e vide un uomo che scendeva dal camino. <<Chi sei?>> chiese Gesu'. <<Babbo Natale>>. <<Uhhh, un altro papa', ci manchi solo tu, io gia' ne tengo tre quattro... non ce la faccio piu'>>. E nel dire questo per miracolo lo inceneri'. <<Oh Madonna!>> disse Giuseppe arrivando di corsa. <<Oh Giuseppe>> disse la Madonna arrivando di corsa pure lei. <<Maria per piacere non ti ci mettere anche tu, che qua le cose sono gia' abbastanza complicatee. Giuggiu', mannaggia alla miseria, quello e' lo zio Nicola che ti porta i regali! Su, forza, aggiustalo...>>   E in questa si senti' una voce: <<Giuseppe>>. <<Chi e'?>> <<L'Eccelso>>. E Giuseppe guardo' Maria e disse: <<Mari', abbiamo pagato il conto a Rimini l'anno scorso? Qua ha telefonato l'Excelsior>>. E il Signore nella sua infinita bonta' aggiusto' zio Nicola, e Giuseppe nella notte di Natale fu gonfiato per la seconda volta. Ma lui sorrideva. E la gente diceva: <<Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore>>. E i mesi passavano, e Gesu' cresceva. Ora era il giorno venerdi' 19 del mese di Marzo: la festa del papa',  ricorrenza di San Giuseppe. Maria si senti' poco bene. <<Ti guarisco io>> disse Gesu'. E Maria disse: <<Gesu', vedi dove devi andare... Vai ad allenarti da un'altra parte! Ancora mi ricordo di quando hai guarito dalla sciatica il figlio del portiere!>> <<Embe'?>> disse Gesu' <<E' guarito, no?>> <<Eh gia'...>> disse la Madonna <<solo che adesso ci ha i cingoli, e quando ha fatto il militare gli hanno fatto fare il carro armato! Meglio che mi prendo un'aspirina... Piuttosto: vai a fare la spesa!>>. <<No>> disse Gesu' <<Non voglio, non voglio, e non voglio!>> <<Giuggiu', se non obbedisci guarda che vai all'inferno!>>. <<E che m'importa?>> rispose Gesu' <<Tanto piu' di tre giorni non mi ci tengono!>>. <<Guarda che chiamo Erode...>> minaccio' la Madonna, e allora Gesu' si convinse. <<Va bene, cosa devo comprare?>>. <<Cinque etti di manna fresca, appena creata>> disse la Madonna, <<poi due pani e due pesci, che oggi abbiamo centottanta ospiti a pranzo per festeggiare il papa'. A proposito, ricordati che col pesce ci va il vino bianco, non quello rosso che hai fatto l'ultima volta. Quello rosso e' per la moltiplicazione degli hamburger...>>. E Gesu' usci' di casa e si avvio'. Ora accadde che Gesu' con i soldi della spesa ci compro' le figurine dei gladiatori e si mise a giocare con gli altri bambini. <<Ursus ce l'ho, Spartacus ce l'ho, Maciste mi manca... Andreotti ce l'ho...(*) Cossiga ce l'ho...(**)>>. Poi Gesu' guardo' la clessidra e disse: <<Uh, devo andare a fare la spesa, che papa' quando torna ha sempre una fame della mamma!>> che in antica lingua aramaica significa <<una fame della Madonna>>. E Gesu' corse al mercato, al banco di Tanino o'salumiere, e disse: <<Mezzo chilo di manna, che mamma oggi deve fare le fragole con la manna>>.                                                                                                                                   -------------
(*) Andreotti stava in tutte le bustine dei gladiatori fin da allora
(**) Cossiga era bisvalida, con 40 figurine di Cossiga si vinceva il circo Balilla.
-------------
E il salumiere domando': <<Ce li hai i soldi?>> <<No>> rispose Gesu', <<ma sai come si dice: aiutami che Dio ti aiuta!>> Ma il salumiere scosse la testa: <<Mezzo chilo di manna costa trenta denari, ce li hai o no?>>. E nel sentire trenta denari Gesu', non si sa perchŽ, fu preso da incontenibile ira, e sfascio' tutto il banchetto del salumiere. E Tanino disse: <<Portami da tuo padre!>> <<Eh gia', pare facile, non si sa mai qual e' quello giusto... Avanti, scegli: busta uno, busta due o busta tre?>>. E come Dio vuole andarono, suonarono il campanello e Giuseppe venne ad aprire. Guardo' il salumiere e chiese: <<Posso fare qualcosa per lei?>>. <<Si'>> rispose Tanino, <<un sorriso>>. E mentre Giuseppe sorrideva egli gli dette una martellata sui denti e glieli sgrano' come un pannocchia di mais. <<Papa', perdonalo>> disse Gesu' <<perchŽ non sa quello che fa>>. <<Non mi pare>> rispose Giuseppe <<anzi, mi pare piuttosto preparato!>> E in questa si udi' una voce: <<Giuseppe!>> <<Chi e'?>> <<Dio!>> <<Quale zio?>>. <<No zio, Dio! Giuseppe, porgi l'altra guancia!>>. E Giuseppe disse: <<Asmatahl shabec cus eton!>> che in antica lingua aramaica significa: <<E vedi se qua qualcuno si fa i fatti suoi!>>. E Tanino disse: <<Questo bambino dice che tu sei suo padre!>>. <<Si... va be'... ma cosi'... mica tanto per davvero, insomma... siamo una famiglia moderna, Tani', cerca di capire!>>  Ma Tanino prima si fece rimborsare i danni, e poi gonfio' Giuseppe come un cacio cavallo. Ma Giuseppe, tanto per cambiare, sorrideva. E la gente diceva: <<Egli e' stato toccato dalla grazia del Signore>>. Il giorno dopo era sabato: giorno interamente dedicato alla schedina. Gli anziani, davanti al bar dello sport, commentavano: <<Lazzaro non puo' fare la mezzala, sta in piedi per miracolo...>>. Gesu' era nei pressi con i suoi amici: San Paolo, San Siro e Olimpico, che non fu mai fatto santo. Arrivo' di corsa San Pietro, che non fu mai fatto stadio, e disse preoccupato: <<Oggi la prima in classifica, il Tel Aviv Jaffa, gioca in casa contro Betlemme!>>. Il Betlemme era la loro squadra del cuore. E Gesu' disse: <<In verita' vi dico: Il Betlemme vince. In schedina e' un due fisso!>>. E Giuda, che non aveva sentito, chiese: <<Signore, che cosa devo mettere in schedina?>>. <<Ics>> rispose Gesu', poi sottovoce disse a Simone: <<A me questo mi e' sempre stato antipatico!>>. Ora giunse la domenica, giorno interamente dedicato alle partite, che per questo veniva anche detta domenica delle palle. A quei tempi vigeva la strana e tribale usanza di recarsi tutti quanti allo stadio, e cosi' fecero Gesu' e i suoi amici, che andarono a vedere il Betlemme nello stadio di Camp David. Ora accadde che per l'intervento del maligno all'ottantacinquesimo venisse assegnato un rigore al Tel Aviv, mentre i risultato era bloccato sullo zero a zero. L'ala per miracolo trasforma in rigore, e Gesu' per miracolo trasforma l'ala in due mezz'ale. E scoppia il putiferio. Il portiere rimette, sporca tutto lo specchio della porta e viene  condotto  fuori in preda a gran mal di stomaco. Gesu' dagli spalti assegna un fallo allo stopper, che si ritira con due falli ed esce dal campo guardandosi nei pantaloncini e dicendo: <<Eppure prima ce n'era uno solo!>>. Un gruppo di tifosi del Tel Aviv si avvicina agli spalti dei tifosi avversari urlando slogan di battaglia, allora Gesu' in men che non si dica li converte in ultras del Betlemme, ed essi cominciano a cantare: <<Tu scendi dalle stelle>>. Ora tutta la curva del Tel Aviv grida slogan contro Betlemme; allora Gesu' li guarda e tutti tacciono. <<Li hai fatti diventare tifosi del Betlemme?>> chiese Pietro. <<No, li ho fatti diventare muti>> rispose Gesu'. L'arbitro fischia la punizione per il centravanti, che subito per punizione viene crocefisso da due terzini, e sulla croce viene applicato un cartellino con la scritta: CONI. In questa avviene l'invasione di campo, subito bloccati dai centurioni con elmetti di gomma e manganelli di caucciu' della brigata Centurioni Pirelli. E per miracolo la vittoria venne assegnata a tavolino al Betlemme. Accadde anche che nel tafferuglio Pietro con la spada taglio' l'orecchio al centurione Vitiello Carmine, e Gesu' disse: <<Pietro, chi di spada ferisce di spada perisce!>> E mentre Pietro si grattava Gesu' fece un miracolo, e al centurione gli cadde anche l'altro orecchio. <<Uh, mi sono sbagliato>> disse Gesu'. E allora Vitiello Carmine, seguito dai tifosi del Tel Aviv, porto' Gesu' a casa da Giuseppe. <<Posso fare qualcosa per voi?>> chiese Giuseppe quando li vide. <<Parli forte!>> urlo' Vitiello Carmine, <<non ho le orecchie>!! Allora Giuseppe sospirando si rivolse a Gesu':  <<Avanti, rimetti subito le orecchie al signore, te l'ho detto mille volte di non giocare con i miracoli!>>. Poi Giuseppe noto' che la folla si avvicinava minacciosamente, e allora invoco' il Signore. <<Eccomi>> disse il Signore <<cosa c'e' Giuseppe? Ah, a proposito, che  ha fatto oggi il Napoli?>>. <<Ha perso>> rispose Giuseppe. <<Mannaggia alla maruschella... Ma guarda un poco tu: ho fatto dodici! E pensa che avevo acchiappato pure la sconfitta del Tel Aviv in casa che era  impensabile! E il Napoli va a perdere... va be', la settimana prossima  ci penso io, va'! Bene, ma perchŽ mi hai chiamato Giuseppe?>>. Ma ormai era troppo tardi: la folla, capitanata da Vitiello Carmine, sapendo che Giuseppe era il papa' di Gesu' lo aveva preso e lo aveva gonfiato come un pallone da football. Ma Giuseppe, come sempre, sorrideva. E la gente allora gli chiese: <<Ma che tieni da sorridere?>>  <<Sorridere?>> rispose Giuseppe <<Ma io tengo una paresi!!>>. Giuseppe mori' a 126 anni, ed entro' finalmente in Paradiso, felice e sorridente.  Parola di Giobbe.

116.       DALLA PRIMA LETTERA A GIUDA: Hei Giud, don teich it bed, teic e sed song end meik it beter, ri-member tu letee intu iour hart, den iu chen start tu meick it beter. Regards. Paul. P.S. Chissis from Ringo, Gion end Giorg. (Giobbe Covatta)

117.       DALLA PRIMA LETTERA DI EZECHIELE: Siam tre piccoli porcellin, siamo tre maialin. Mai nessun ci dividera', ponzi ponzi pa'. Saluti affettuosi, Gimmi. P.S. Abbracci da Timmi e Tommi. (Giobbe Covatta)

118.       APPENDICE. SALMO DI ANGOSCIA DELLO STUDENTE. Signore ti supplico, illuminami su come fare a non essere interrogato. Potrei ingessarmi e dire che sono caduto dalle scale e non ho potuto studiare. Potrei dire che e' morto mio padre in un incidente sul lavoro. Potrei fare una telefonata anonima e avvertire che c'e' una bomba nella scuola. Comunque Signore, nella tua misericordia, fa' che io non sia interpellato oggi:
- picchiami col randello della tua bonta',
- frustami con lo scudiscio della tua giustizia,
- percuotimi con la clava della tua comprensione,
- sfigurami col martello della tua grazia,
- tumefammi con la mazza del tuo amore.
Ma preservami, oh Signore, dall'interrogazione, perchŽ qualsiasi tua punizione, oh Signore, se oggi mi interrogano, e' nulla al confronto di cio' che mi succede quando torno a casa. Signore ti supplico, ricordati che i professori in fondo sono esseri umani, e come tali devono morire. Oh Signore, io so che nella tua infinita bonta' fai finta di non vedere, ma e' cosa risaputa che i professori sono esseri immondi. Signore, forse sei distratto, ma guarda che la professoressa di matematica ha ceduto piu' volte parti intime del proprio corpo: ella ha permesso al professore di estimo di misurare l'area di tutto il suo organismo centimetro per centimetro, perchŽ egli e' un estimatore; e ha educato il proprio fisico alla libidine col professore di educazione fisica; ha avuto storie col professore di storia, e geografie col professore di geografia (e non ti dico cosa ha combinato col professore di lingua)... E secondo me, o Signore, anche il professore di filosofia cede alcune parti del proprio corpo (credo che le affitti per denaro) voltando le spalle (nel senso letterale della parola) alla tua morale. Percio' Signore ti prego: accoglili in un letto di malattia, purche' essa sia perlomeno gotta, enterocolite o epatite virale. Fin dalla mattina quando mi sveglio, Signore, mi prende l'angoscia. Mi rendo conto che oggi mi interrogheranno e io, Signore, mi trovo sommerso in un mare di escrementi. Ti prego, Signore:
- ferma questa corrente di guano,
- concedimi un pattino in questo oceano di letame,
- pescami da questo fiume di eiezioni,
- lanciami una fune in questo baratro di sterco,
- regalami un salvagente in questa piscina di liquame,
- elargiscimi una boccata d'aria da una sublime bombola ad ossigeno mentre sono sommerso da rifiuti organici. Quantomeno, Signore, ti prego: visto che sono gia' nelle feci fino al collo, evita almeno di fare l'onda!! L'E' FINITAAAAAAAAA!!!!!!!!!! AH NO! C'E' ANCORA L'INDICE: Parola di Giobbe.

119.       Come ha fatto Eva a capire che Adamo era un uomo? Ha mangiato la foglia!!

120.       Diluvio universale. No cerca tutte le coppie di animali e le imbarca. Vedendo che si stava un po' stretti sulla barca e pensando che sarebbero stati ancora peggio se gli animali avessero cominciato a procreare, decide di togliere momentaneamente i pistolini ai maschi. Cos“ fa e li mette tutti in una grande cesta. Alla fine del diluvio comincia a restituirli: "Di chi  questo??!!". Ed il leone risponde: "Mio!". "Di chi  quest'altro?". Ed il rinoceronte risponde: "Mio!". Fino a quando arriva il turno di quello dell'elefante, ma il pachiderma, distratto, non risponde. Dopo che No ha ripetuto pi volte la domanda, la gallina si rivolge al gallo e gli sussurra all'orecchio: "DI' CHE E' TUO, DI' CHE E' TUO !"

121.       Quando il mondo giˆ nasceva,
du' picciotti, Adamo ed Eva,
se ne andavano contenti
senza avere addosso niente.

Se ne andavano felici
in quell'Eden profumato
e vivevano con niente:
ne' lavoro ne' tormenti

Ma un giorno Eva antica
s'accorse che il suo compagno,
bel maschio aitante,
aveva un difetto sul davanti.

Ammirava divertita [ omissis, non si deve sapere cosa]
e man mano  che toccava,
diventava lungo, grosso e duro

"Bih, che bello, bih, che teso!!"-
smaniava divertita... [omissis]
e Adamo, annichilito
con le gambe molli molle
le diceva: "Tocca, tocca....[omissis ancora]
su dammi sto ristoro,
sto piacere mai provato!"

Ma a quel punto un serpente
si intromise nel frangente:
"Non si tocca con la mano
sto pendente mascolino.
Eva mia devi sapere
che il c***o si deve s***re

Eva, allora, ci provo'
e... Adamo s'ammoscio'

Il Signore in quel momento
s'affaccio' sul firmamento
e incazzato come un signu
e gridando a voce piena,
dicea: "Ma che fai...sucaminKina...
puttanuna sopraffina
di sto mondo sei la rovina!
Vergognatevi, vastasi,
copritevi il davanti..."
e incazzato come un mulo
li prese a calci in culo.

122.       SARAH. Secondo le scritture, moglie di Simone il Belota e madre di Paolo il Levitico. Seppure sterile (GN 11:30), Dio le concesse un figlio all'eta' di 90 anni. Mori' a Canaan all'eta' di 127 anni (GN 23), ivi sepolta nella grande grotta di Shilva. Una delle rare citazioni a sfondo umoristico presenti nella Bibbia. L'autore sacro maliziosamente pone l'accento su un uomo vecchio e impotente, una donna ormai frigida e nel climaterio e la promessa di un parto felice: un'evidente assurdita' che fa scattare l'ironia in Sarah e nel Signore stesso. Dalla Genesi si evince l'episodio in questione e il decesso di Sarah. (GN 17) 16 Io la benediro' e da lei ti daro' un figlio, visto che non sai come si fa; la benediro' a modo mio e un figlio casto e pio uscira' da lei". 17 Allora Simone si prostro', si rotolo' ridendo, e disse in cuor suo: "Nascera' un figlio a un uomo di cent'anni? E Sarah partorira' ora che ha novant'anni?" 19 il Signore rispose: " Sarah ti partorira' un figlio e tu lo chiamerai Paolo. Io stabiliro' un patto eterno con lui, 21 dopo che Sarah ti partorira' in questa stagione il prossimo anno". (GN 18) 2 Simone alzo' gli occhi e vide che tre uomini stavano davanti a lui. Corse loro incontro e disse: 4 "Lavatevi i piedi e riposatevi sotto quest'albero, un fico, come me" 8 Prese del latte e il vitello e li pose davanti a loro, e quelli dissero: "Non e' latte". 9 Poi essi gli dissero: "Dov'e' Sarah, tua moglie?" Ed egli rispose: "E' la' nella tenda". 10 E l'altro: "Tornero' certamente da te fra un anno; allora Sarah, tua moglie, avra' un figlio". Sarah intanto ascoltava all'ingresso della tenda. 11 Simone e Sarah erano vecchi, e Sarah non aveva piu' i corsi ordinari delle donne. 12 Sarah rise dicendo: "Vecchia come sono, dovrei avere tali piaceri? Anche il mio signore e' vecchio!" 13 Zaph, il messaggero divino, disse a Simone: "perchŽ mai ha riso Sarah? 14 Vi e' forse qualcosa che sia troppo difficile per l'Eterno? Al tempo fissato, l'anno prossimo, tornero' e Sarah avra' un figlio". 15 Allora Sarah nego' dicendo: "Non ho riso". Ma egli disse: "Invece hai riso!" "Non e' vero!" Entrambi rosicavano nel nome del Signore. (GN 21) 1 Zaph visito' Sarah come aveva detto, essendo medico. 2 Sarah concepi' e partori' un figlio a Simone, al tempo che Zaph gli aveva fissato. 3 Simone chiamo' Paolo il figlio che Sarah gli aveva partorito. 5 Simone aveva cent'anni quando nacque suo figlio. 6 Sarah disse: "Motivo di riso gioioso mi ha dato Zaph: chiunque lo verra' a sapere ridera' di me. Rotfl".  (NDR: qui la spiegazione del nome Paolo, che significa "II Signore ha riso"). (GN 23) 2 Sarah mori' nel paese di Canaan, e Simone venne a far lutto per Sarah. 3 Poi Simone si alzo' e parlo' ai figli di Phut dicendo: 4 "Io sono straniero; datemi la proprieta' di una tomba in mezzo a voi". 5 I figli di Phut risposero a Simone: "Principe d'Alemah; seppellisci la tua salma nella migliore delle nostre tombe". 7 Simone si alzo', s'inchino' davanti al popolo del paese stando ben attento a chi gli stava dietro, Sodoma era un ricordo che gli bruciava ancora 8 e parlo' loro cosi': "Se piace a voi, intercedete per me presso Prosph, figlio di Phut, perchŽ mi ceda la grotta di Shilva". 10 Prosph stava seduto rosicando in mezzo ai figli di Puth; e Ludovico, l'Ittita, rispose a Simone in presenza dei figli di Phut: 11 "Belomo! Io ti do la grotta di Shilva; te ne faccio dono, in presenza dei figli del mio popolo; seppellisci la salma, dopo averla svuotata". 12 Allora Simone s'inchino' davanti a Ludovico, il quale ne profitto' subito 13 e, in presenza del popolo del paese, disse a Ludovico: 14 "Ti daro' il prezzo dovuto per la prestazione, accettalo, e io seppelliro' li' la salma". Ludovico rispose a Simone: 15 "Un pezzo di terreno di quattrocento sicli d'argento, che cos'e' tra me e te, in pegno d'amore? Svuota e seppellisci dunque la salma". 16 Simone diede ascolto a Ludovico: solo Prosph non concordo', ma su Ludovico non oso' mettere lingua. 17 Cosi' la grotta di Shilva fu assicurata in proprieta' di Simone, in presenza dei figli di Phut. 19 Subito dopo, Simone seppelli' sua moglie Sarah nella grande grotta, nel paese di Canaan. 21 E dopo la morte di Simone, la proprieta' segui' ai discendenti di Simone, e il figlio Paolo uso' il sepolcro a sua dimora per tutti i secoli dei secoli. Amen (Redazione Tregatti) (Mauroemme)

123.       Caino dopo il suo atroce delitto fugge in paesi lontani e desolati, quelli che poi sarebbero divenuti l'odierna Australia. Dopo anni di vita randagia e solitaria Caino decide di tornare per vedere se  stato perdonato. Tornato a casa e riaccolto in seno alla famiglia (che nel frattempo  molto aumentata), il nostro Caino si accorge che ora ci sono anche le ragazze, e capisce finalmente cosa gli mancava per essere felice. Cos“ affronta l'argomento con Adamo, il quale non pu˜ che trovarsi d'accordo con lui. Detto e fatto un matrimonio  combinato tra Caino e una sua nipote, e si arriva cos“ alla prima notte di nozze. I due sposini si ritrovano da soli, lei sorride e dice che andrˆ in bagno a prepararsi, e di fare altrettanto, quando torna trova lo sposo tutto sudato che sta spostando ogni  mobile della stanza, ammassandoli contro una parete; stupita la sposina chiede il motivo di quel affannarsi, e lui le risponde: "Sai io per forza di cose sono vergine e inesperto... tu sei la mia prima donna". "In ogni modo se  come andare con un canguro... ci servirˆ tutto lo spazio che riesco a fare".

124.       Adamo ha avuto i suoi bei problemi a comperare a suo padre il regalo per il giorno del papˆ. Che si compera a uno che ha tutto? (Milton Berle)

125.       Mos disse: "Si aprano le acque!" e migliaia di donne partorirono.

126.       No (furbo!) voleva chiudere l'appello con la "Y". Ma le zebre, per protesta, si sdraiarono per terra, da un marciapiedi all'altro! E si dovette imbarcarle, precedute dalle zanzare. (Stellario Panarello)

127.       La dottoressa Laura Schlessinger era un personaggio di una radio USA che dava consigli agli ascoltatori che chiamavano durante il suo programma.  Durante uno di questi, sostenne che da ebrea ortodossa osservante, l'omosessualitˆ  un abominio (Levitico 18:22) che non pu˜ essere scusato per nessun motivo. (segue il testo di una lettera aperta alla Dottoressa Laura scritta da un residente negli Stati Uniti)
Cara Dr.ssa  Laura:
La ringrazio per la sua grande opera di educazione alla legge di Dio. Ho appreso molto dal suo programma, e cerco di condividere questa conoscenza con pi gente che posso. Quando qualcuno cerca di difendere lo stile di vita omosessuale, ad esempio, gli ricordo semplicemente che il Levitico 18:22 la definisce chiaramente un abominio. Fine del discorso. La prego comunque di darmi qualche consiglio, riguardo alcune leggi specifiche e sul come seguirle.
a) Quando brucio un toro sull'altare sacrificale, so di dare un piacevole odore per il Signore (Lev. 1:9). Il problema sono i miei vicini. Sostengono che l'odore non da' piacere a loro. Devo punirli?
b) Vorrei vendere mia figlia come schiava, come affermato nel libro dell' Esodo 21:7. Quale ritiene essere, per il nostro tempo ed epoca, il suo giusto prezzo?
c) So che non mi  permesso alcun contatto con una donna durante il suo periodo di impuritˆ mestruale (Lev. 15:19-24). Il problema , come saperlo?  Ho provato a chiederlo, ma la maggior parte delle donne si offendono.
d) Il Levitico 25:44 stabilisce che posso avere schiavi, sia maschi che femmine, fintanto che siano acquistati da nazioni vicine. Un mio amico sostiene che questo si pu˜ fare con i Messicani, ma non ai Canadesi. Pu˜ spiegarmi? PerchŽ non posso avere Canadesi?
e) Un mio vicino continua insistentemente a lavorare il Sabbath. Nel libro dell'Esodo 35:2  chiaramente stabilito che deve essere messo a morte. Sono moralmente obbligato ad ucciderlo io stesso?
f) Un mio conoscente dice che anche se mangiare molluschi e crostacei  una perversione (Lev. 11:10),  meno abominevole dell'omosessualitˆ. Io non sono d'accordo. Pu˜ dare il suo parere?
g) Nel libro del Levitico 21:20 si stabilisce che non posso avvicinarmi all'altare di Dio se ho un difetto alla vista. Devo ammettere che posseggo ed uso degli occhiali per leggere. I miei occhi devono avere 20/20, o c' un po' di spazio di manovra?
h) La maggior parte dei miei amici si tagliano i capelli, compresi quelli attorno alle tempie, anche se  espressamente vietato (Lev.19:27). Come devono morire?
i) So, dal Levitico 11:6-8, che toccare la pelle di un maiale morto mi rende impuro. Posso giocare a calcio indossando dei guanti?
j) Mio zio ha una fattoria. Egli viola il Levitico 19:19 piantando due diversi semi nello stesso campo, cos“ come fa sua moglie indossando abiti fatti con due diversi tipi di fibra (cotone misto poliestere). Lui tende anche ad essere blasfemo e a bestemmiare parecchio. E' davvero necessario che ci prendiamo la briga di raccogliere tutta la cittadinanza per lapidarlo? (Lev.24:10-16). Non possiamo solo metterlo al rogo in famiglia come facciamo per chi dorme con i propri consanguinei? (Lev.20:14)
So che Lei ha studiato approfonditamente questi argomenti, ed  per questo che ripongo la mia massima fiducia nelle sue risposte. Grazie ancora per ricordarci che la Parola di Dio  eterna e immutabile.
Un Suo devoto e adorante fan.

128.       Ai tempi di Caino e Abele il 50 % della gioventu' era costituita da assassini. (Massimo Cavezzali)

129.       Il sesto giorno Dio, dopo aver creato tutte le cose, decise di creare l'uomo, quindi lo cre˜, lo dot˜ di una potente CPU (cervello) a cui colleg˜ tramite dei veloci bus, due webcam, due microfoni e un altoparlante con una buona risposta in frequenza. Decise di dotarlo anche di varie periferiche Plug & Play, alcune per svolgere le applicazioni della CPU, tipo gambe e braccia, alcune per la produzione di altri uomini (pene). Quindi decise di creare anche la donna, che dot˜ delle stesse periferiche di serie nell'uomo, ma pens˜ bene di differenziare la gamma dei suoi prodotti, aggiungendo nella donna una case dal design pi accattivante, e un centro di produzione per altri esseri della stessa specie, compatibile con quello dell'uomo. Dopo aver fatto questo decise di riposarsi, purtroppo, forse stanco dal lavoro precedente, non si accorse di alcuni errori, ad esempio nella donna si dimentic˜ di installare il driver per il cervello, e distrattamente aument˜ troppo la banda del bus dell'altoparlante bocca. Parallelamente nell'uomo lasci˜ la beta del driver del cervello, che aveva ancora un problema di compatibilitˆ, perchŽ lo stesso driver era predisposto per il cervello e per il pene, e anche con l'ultima versione del Firmware ogni tanto veniva fatta confusione. L'uomo, accortosi di questi difetti di produzione, per milioni di anni cerc˜ di mettersi in contatto con i centri di assistenza specializzati, ma la rete informativa era piuttosto debole e gli aggiornamenti del software non sempre disponibili a tutti, tanto che, pressato dalle richieste, Dio decise di mandare un tecnico di fiducia (suo figlio) per risolvere i pi pressanti problemi di conflitti tra vari tipi di software, purtroppo l'utenza non venne pienamente soddisfatta, in quanto gli si chiedeva di disinstallare molti applicativi che al tempo erano in voga, e quindi rimandarono il tecnico indietro. Oggi sorgono molte software house specializzate nel risolvere questi problemi, ma oltre che essere un bene in quanto c' pi scelta,  anche un male perchŽ le varie soluzioni che vengono trovate sono completamente incompatibili fra di loro...(Guru)

130.       Noe' era uno zoofilo?

131.       Dopo che ebbe creato Adamo ed Eva, Dio stava per allontanarsi quando si accorse che nel suo Cesto dei Miracoli aveva ancora due doni divini da assegnare. Allora ritorno' e disse: "Figli miei carissimi, mi sono rimasti ancora due doni divini da assegnare. Il primo e' quello di orinare in piedi. Chi lo vuole?". Adamo, volendo sempre essere il primo, alzo' la mano esclamando: "Io! Io! Per favore! Cosi' potro' farla dove voglio, e fare anche la schiumetta, e i concorsi per chi la fa piu' lontano... per favore, dallo a me!". "D'accordo, Adamo, cosi' sia". Eva, sommessa e comprensiva, se ne stava in disparte, tutto sommato contenta della felicita' di Adamo. Allora il Creatore rovisto' nel Cesto dei Miracoli ed esclamo': "E il secondo dono e'... avere orgasmi multipli!"

132.       Adamo, subito dopo la creazione, si addorment˜ e il suo primo sonno tranquillo fu anche l'ultimo: si svegli˜ e aveva moglie. (Anonimo)

133.       Durante il diluvio universale, l'arca comincio' a beccheggiare paurosamente, tanto che Noe' si precipito' sottocoperta per vedere cosa stesse succedendo. Rimase sorpreso, notando che tutti gli animali stavano facendo l'amore. Allora ando' su tutte le furie e grido': "Fermatevi! Io vi ho salvato la vita ed e' cosi' che mi ripagate? Affondando l'arca?" Tutti gli animali gli obbedirono, ma poi, una volta calmatosi, Noe' si rese conto che questo problema andava razionalizzato. Dopo aver riflettuto e trovato la soluzione, torno' sottocoperta e si rivolse ancora agli animali: "Non posso obbligarvi a negare i vostri istinti primari. Ho deciso che daro' ad ogni coppia una tessera personalizzata, nella quale sara' riportato il giorno e l'ora in cui potrete fare l'amore". E cosi' fece, e in effetti il problema si risolse brillantemente. Dopo qualche giorno, lo scimpanze' comincio' a molestare la sua compagna dicendole ripetutamente: "Preparati, perchŽ mercoledi' prossimo alle sedici soffrirai!". E cosi' prosegui' per diversi giorni, finche' la sua compagna, fortemente irritata, si rivolse a Noe': "Ascolti, Noe': lo scimpanze' mi sta molestando. Da giorni non fa che ripetermi di prepararmi, perchŽ mercoledi' alle sedici soffriro'. Io lo so cosa accadra' quel giorno, pero' non puo' andare a gridarlo ai quattro venti. Cosa diranno le mie amiche?". Allora Noe' mando' a chiamare lo scimpanze' e gli chiese: "Ascolta, scimpanze', perchŽ molesti cosi' la tua compagna? E soprattutto, perchŽ mai dovrebbe soffrire mercoledi' alle sedici?". "Veda, signor Noe'... il fatto e' che purtroppo persi la mia tessera giocando a poker con l'elefante". (Mauroemme)

134.       CAINO E ABELE. Scena: la sala da pranzo di Adamo, una sera durante la cena. Adamo  capotavola, Eva al suo fianco, Caino e Abele agli altri lati. Caino (guarda in cagnesco il fratello) rivolto al cameriere filippino: Manuel, passami l'odio. (Gino Nebiolo)

135.       C'era una volta una mangiatoia e nella mangiatoia un bambino piccolo piccolo piccolo ma con un pene EEEEENORME e lunghissimo, tanto che per non farci sbattere gli aerei ci avevano appeso una luce molto potente. Dato lo strano "ingombro" il bambino era vincolato a stare sempre a pancia all'insu'. Ma al re, che era ipodotato gli rodeva, erode oggi, erode domani il re decise di fare una legge per cui tutti coloro col pene piu' lungo del suo dovevano essere castrati. "Ma che c'entrano le palle con il pene, loro sono innocenti!" disse il consigliere. "Zitto tu, che sei eunuco, non far girare le palle a chi le ha!" rispose il re ed ordino' la strage delle innocenti. Sentito cio' alcuni sovrani delle province vicine si rattristarono moltissimo e tre di loro, i re mogi, decisero di andare dal bimbo per provare a ridurre l'ingombro e far tornare il re sulla sua decisione. "Ma come facciamo a trovare il bimbo?" chiese uno di loro, "Basta seguire il bagliore che brilla nel cielo!" e cosi' fecero. Arrivarono alla mangiatoia e li' portarono bromuro, ghiaccio e una forbice da giardinaggio come estremo rimedio. Ma durante il tragitto il ghiaccio si era sciolto e rimanevano solo 2 possibilita'. Allora presero la bottiglia del bromuro ma era vuota perchŽ uno di loro aveva un cammello maschio sempre eccitatissimo e per sua anale incolumita'....  - Nel frattempo il re si era fatto fare un trapianto e ci aveva una mazza di 32 cm. e aveva ordinato di crocifiggere tutti coloro col pene piu' lungo. -  "Restano solo le forbici! Ma quanto ne tagliamo?" disse uno dei re mogi, "Il re lo ha di 32, bisonga starci sotto!" e allora ne tagliarono un bel pezzo, MA "ORRORE", il glande ricresceva! Diedero un secondo taglio e videro che riscresceva piu' lentamente cosi' andarono avanti finche' gli sembrava che non ricrescesse piu' e per sicurezza lo tagliarono tutto. Ma in realta' il pene continuava a crescere 1 cm. all'anno.... Ma questa e' un'altra storia. (Razzu)

136.       Arco di Noe': biblica arma che uccideva gli animali a due a due.

137.       Adamo: "EVA!!! L'hai rifatto un'altra volta! Hai messo il mio vestito nell'insalata!". (Lopezzone)

138.       Giardino dell'Eden. Dopo tre settimane dalla creazione, il signore viene nel giardino dell'Eden a visitare la prima donna: "Come vanno le cose, Eva?". Ed Eva: "Meravigliosamente, tutto  cos“ bello, signore. Le albe ed i tramonti sono sbalorditivi, e il giardino  incantevole, ho solo un problema; questi tre seni che mi avete dato, quello centrale  compresso dagli altri due e spinge gli esterni all'infuori; camminando urto sui rami e mi graffio sui cespugli, insomma il terzo seno m'infastidisce e non serve a nulla". "La tua osservazione  giusta, - le risponde Dio, - ma questa era la mia prima creazione sai? Ho dato agli animali... quante ? Sei mammelle ? Ho calcolato che per la donna dovessi dividere per due, ma capisco che hai ragione. Rimedier˜ subito!". Cos“ il signore allunga una mano e strappa quel seno centrale tanto ingombrante, gettandolo nei cespugli. Altre tre settimane passano e Dio una volta ancora viene nel giardino in visita: "Ti saluto Eva, come sta la mia creazione favorita?". "Splendidamente, - risponde Eva - solo ho notato una piccola svista dalla vostra parte. Vedete, tutti gli animali sono accoppiati e felici, la pecora ha il suo ariete, la mucca ha il proprio toro, lo stallone ha la sua cavalla, insomma tutti gli animali hanno un compagno; tutti tranne me.  Io mi sento sola". Dio pensa per un attimo: "Sai Eva, ancora una volta hai ragione. Come posso aver trascurato un particolare importante come questo?! Naturalmente anche tu hai bisogno di un compagno e io all'istante creer˜ l'uomo da una parte di te!". "Ora vediamo... dove ho lasciato quell'inutile seno?". (Bilbo Baggins)

139.       E Abramo condusse Isacco in un certo luogo e si prepar˜ a sacrificarlo, ma all'ultimo momento il Signore ferm˜ la mano d'Abramo e disse: "Ma come puoi fare una cosa simile?". E Abramo disse: "Ma se l'hai detto Tu!". "Lascia perdere quel che ho detto", parl˜ il Signore. "Stai a sentire ogni cretinata che ti viene detta?" E Abramo vergognandosi: "Ma, veramente... no". "Io dico per ridere di sacrificare Isacco e tu corri subito a farlo". E Abramo cadde in ginocchio: "Vedi, non so mai quando Tu stai scherzando". E il Signore tuon˜: "Manchi di sense of humor! Incredibile!". "Ma non  una prova che Ti amo, l'essere disposto a sacrificare il mio unico figlio per un tuo capriccio?". E il Signore disse: "E' soltanto la prova che certi uomini sono pronti a ubbidire a qualsiasi ordine, per cretino che sia, purchŽ venga pronunciato da una voce risonante e ben modulata". E con questo il Signore consigli˜ ad Abramo di prendere un po' di riposo e di farsi vivo l'indomani. (Woody Allen da "I manoscritti della mano morta")

140.       E Abramo si svegli˜ in piena notte e disse al suo unico figlio, Isacco: "Ho avuto un sogno dove la voce del Signore mi diceva che devo sacrificare il mio unico figlio e quindi mettiti i pantaloni". E Isacco trem˜ e disse: "E tu cosa Gli hai risposto? Voglio dire, quando Lui ha abbordato questo argomento?". "E che cosa c'era da dirGli?" disse Abramo. "Alle due del mattino mi trovo in mutande con il Creatore dell'Universo. Posso discutere?". "Beh, t'ha detto almeno perchŽ voleva farmi sacrificare?" chiese Isacco al padre. Ma Abramo disse: "I fedeli non discutono. Andiamo adesso perchŽ domani ho una giornata pesante". E Sara che aveva sentito il progetto d'Abramo ne fu contrariata e disse: "Come fai a sapere ch'era il Signore e non, diciamo, quel tuo amico che gli piace fare gli scherzi da prete, s“ che il Signore disse che chiunque faccia scherzi da prete sarˆ consegnato nelle mani dei suoi nemici, che possano o no essi pagare alla consegna?" E Abramo rispose: "PerchŽ sapevo che era il Signore. Era una voce profonda, risonante, ben modulata e nessuno in questo deserto riuscirebbe a contraffare quelle vibrazioni". E Sara disse: "E tu sei disposto a compiere questo atto insano?" Ma Abramo le disse: "Francamente s“, perchŽ mettere in discussione la parola di Dio  una delle cose peggiori che pu˜ fare una persona, specialmente con questa economia in fase di recessione". (Woody Allen in "I manoscritti della mano morta") (in "Citarsi addosso")

141.       Chi furono i primi comunisti della storia? Adamo ed Eva: non avevano vestiti, da mangiare avevano solo una mela in due, furono presi a calci nel culo da chi diceva di amarli ed erano convinti di essere in Paradiso

142.       Ieri sera in tv hanno dato un bel film: "La Bibbia". Mica sapete se Ž uscito anche il libro?

143.       Eva: "Adamo, ti sembra questa l'ora di rincasare?". Adamo: "Ma lasciami stare, Eva... una filaaaa!".

144.       E se Adamo ed Eva non si fossero piaciuti? (Milovan Vitezovic). E in effetti si detestavano. Da dove credi sia nato il matrimonio? (Mauroemme)

145.       Adamo non  mai stato regolarmente sposato con Eva... per cui fa di tutti noi dei figli di... (Groucho)

146.       Secondo alcuni scritti apocrifi, viene a cadere l'ipotesi che il frutto del peccato fosse la mela, e anche il fatto che fosse stata Eva a tentare Adamo. Fu infatti Adamo il tentatore, continuando a chiedere incessantemente ad Eva "Me la dai?". (Lopezzone)

147.       Adamo e' stato il primo paranoico: era terrorizzato dalle corna. (Paco Genovese)

148.       Il Giudizio Universale e' il giorno in cui Dio verra' a giustificarsi. (Alfred de Vigny)

149.       E' autunno e cadono le foglie. Per Adamo ed Eva inizia la stagione degli amori. (Camillo Canovi)

150.       Nella Bibbia l'autore del libro e' anche l'autore dei lettori. (Roberto Benigni)

151.       Giuseppe vaga con Maria alla ricerca di un alloggio. Bussa all'ennesima porta e chiede al padrone dell'albergo: "Avete un posto per me e la mia sposa?". "No". "Ma la mia donna  incinta". "E io che c'entro?". E Giuseppe: "E io?"

152.       E Adamo alz˜ le braccia al cielo, invocando il Padre Celeste, che in quel momento era rosso perchŽ la notte era andato in bianco. Aveva creato gli uccelli, e da allora si guardava sospettosamente in giro. "Non capisco, Dio, davvero, non capisco: che mesi sono questi che hai appena creato, Febbraio e Marzo? Imprevedibili, assurdi, un giorno cade un acquazzone incredibile e l'altro splende un sole brillante. Oggi soffia un vento che non si riesce a stare in piedi e domani non si muove foglia, che oddio, cio, volevo dire, porca ev.. cio no, accidenti,  anche meglio che non si muova la foglia... Insomma, mi spiego, Signore, perchŽ diav... cio, perchŽ mai hai creato mesi come questi?". Dio si lisci˜ la lunga barba, "cazzo, non ho ancora inventato le lamette" pens˜... poi guard˜ Adamo e gli rispose: " Vedi Adamo, tra poco vado a creare la donna, ed  cosa buona e giusta che giˆ fin d'ora tu ti vada abituando...". (Mauroemme)

153.       IL DILUVIO. E cominci˜ a piovere. Dapprima piovve poco, e fu il pediluvio. Poi cominci˜ a piovere che Dio la mandava e quello fu veramente il diluvio. Il Signore aveva detto [a No]: "Pioverˆ per 40 giorni". ma poi si distrasse, si dimentic˜ di No, e dopo 150 giorni pioveva ancora. No era il prediletto e disse: "Achaton shater jaffa, agata“ duc ianet rafinai amaton", che in antica lingua prebabilonica significa: "Uffa!". [...] E il 17 ottobre finalmente smise di piovere. E allora No prese una talpa, e la mand˜ fuori dall'obl˜. E si sent“ glu, glu, glu, e la talpa non torn˜ pi. E No disse: "Strano, ora mander˜ l'orso". Poi, dopo una breve colluttazione, disse: "No, no,  meglio che mando la colomba". E la colomba torn˜ con un rametto di olivo. E No disse: "Reciter˜ i salmi". Poi vide la lepre e disse: "Uhmmm, forse  meglio se mi faccio un salm“... Con le olive che ha portato la colomba". Allora disse alla colomba: "Vai di nuovo, e vedi se trovi un rametto di polenta".  (Da "Parola di Giobbe") (Giobbe Covatta)

154.       Mos prima di giungere nella terra promessa, scrisse una lunga dissertazione culinaria su come cuocere le uova... infine giunse alla conclusione: E'sodo! (Akel Barzo)

155.       "Buon giorno, sono qui per consegnare una citazione. C' il titolare dell'impresa?". "Veramente... No, non c' in questo momento". "Molto bene. Tarderˆ molto?". "Bah... non so... uno o due eoni, credo". "Pu˜ ricevere lei questi documenti e firmare qui, per favore?" . "No... no, mi dispiace ma non sono autorizzato". "C' qualcuno autorizzato?". "No, non credo, son tutti fuori. Io sono solo il portinaio". "Bene. Il mio nome  Lou Cifer, sono avvocato di fiducia di due ex impiegati dell'impresa. Mi pu˜ dire cortesemente il suo nome, per favore?". "Pietro. Sam Pietro". "Bene. Qui c' il fascicolo relativo. Ha un documento per favore?". "No, solo le chiavi". "E' sufficiente, lo indicher˜ qui. Le consegnare copia della citazione affinchŽ la consegni all'Ingegner Onnipotente, Dio Onnipotente, presidente dell'impresa. Scriver˜ che non avete voluto firmare la ricevuta". "Uhm... E' qualcosa di importante?". "Eh, si. Riguarda il licenziamento senza giusta causa di due impiegati, Eva Putta e Adamo Fogliadifico. A quanto accertato, sono stati cacciati dall'impresa Eden srl il cui proprietario era appunto l'Ing. Onnipotente, prima che si fondesse con la Alto dei Cieli SpA, di cui l'Ing Dio  oggi presidente. Il motivo del contendere, a quanto accertato,  il furto di una mela, motivo che il Sindacato UIL - Universo Impiegati Lapperonzi ha giudicato insufficiente. Inoltre, esiste un testimone, tale Piton, il quale afferma che la sottrazione non ha avuto affatto luogo, che si  trattato di una scusa per allontanare i dipendenti dall'impresa e non pagar loro la dovuta liquidazione spirituale di vari eoni. Tutto ci˜ ha portato un danno considerevole ai miei assistiti ed ai loro figli, nel quartiere solare del Pianeta Terra dove sono stati relegati e dove vivono in uno stato spirituale alquanto precario". "Ors, signor Lou Cifer, non penserˆ davvero che l'impresa tratti male i propri dipendenti, no?". "Ma in che diavolo di nuvola vive lei? Non si  accorto dei licenziamenti di massa nelle ultime due eternitˆ? La gente che  stata cacciata ha dovuto sopravvivere lavorando alla Miniera Infernal spa, un lavoraccio d'inferno. Poveri diavoli". "Mi dispiace Avv. Cifer, non lo sapevo... vede, io lavoro qui solo da un paio di millenni...". "Bene. Faccia molta attenzione. In confidenza, le dir˜, ho saputo che l'impresa va molto male. Non segue bene i propri affari. La Direttrice Vendite, tale Maria Ausiliatrice Casta Vergine va di apparizione in apparizione, uscendo regolarmente nelle riviste dell'anima, senza preoccuparsi della sorte dei suoi impiegati. Il presidente, Dio Onnipotente, lei stesso mi ha detto che non c'. E mi dica, lo vede spesso?". "Beh, la veritˆ  che no, non lo vedo spesso. Sono il portinaio e lo vedo solo di eone in eone, si immagini". "Ecco, vede? Come pu˜ andare avanti un'impresa cos“? Credo che all'amministratore, l'ing. Giuda Iscariota, lo tengano con la corda al collo. Ho saputo da amici influenti della Banca Centrale Delle Anime che i bilanci non vanno molto bene. Le piccole imprese settarie stanno portando via un sempre maggiore volume di affari, presentando una maggiore liquiditˆ. Per non parlare poi dei maggiori concorrenti diretti, la Budda Enterprise e la Mahomet Corporation. Qui l'unico che lavora da dio  il Responsabile Marketing e Pubblicitˆ, il sig. Jesus Nazareno, che per˜ non ha l'appoggio dell'amministrazione e lo tengono tutto il tempo in croce. Fossi in lei, mi cercherei un altro lavoro". "Mi sta facendo sudare freddo, avvocato, davvero". "Mi scusi. Non la volevo preoccupare, ma  sempre meglio essere ben informati su dove soffia il vento. Pensi solo che a questo punto potete chiudere in qualsiasi momento per fallimento". "Beh, mander˜ in giro alcuni curriculum, non si sa mai. Mi pu˜ consigliare qualche ditta in particolare?". "Credo che la Satan & Diabolic Products spa stia andando forte ultimamente. Ha filiali ormai in tutto il mondo e i suoi prodotti sono molto richiesti. Provi l“". "Bene, lo far˜. Grazie mille per il consiglio". "Si figuri, signor Sam Pietro, ora la devo lasciare perchŽ devo proseguire col mio lavoro. A presto". "Arrivederci, Avv. Lou Cifer. Grazie. A presto." (Mauroemme)

156.       Il condottiero del popolo ebraico era una persona molto pudica e molto morigerata. Ma accadde qualcosa che lo sconvolse. M.casto (questo era il suo nome) ebbe modo di visionare una cassetta porno e da l“ tutte le sue pi sconce voglie vennero fuori. Divenne un libidinoso e andava in giro sempre seminudo. Fu cos“ che il popolo ebraico, pur non sollevandolo dall'incarico di condottiero, lo ribattezz˜: M.osŽ. (Akel Barzo)

157.       Fra gli ebrei non c'eran solo gay (notare la rima). Esisteva anche un famoso playboy. Cosa aveva di cos“ particolare quella persona, e perchŽ poteva essere considerato il John Holmes aramaico? Beh, aveva un membro di dimensioni simili ad un affettato, da cui il soprannome Salamone. Ma la Bibbia non ci ha tramandato nulla di lui, mentre maggior successo ebbe suo fratello minore, il quale divenne anche re. Fra le donne era il pi desiderato, in quanto usava una particolare tecnica erotica: cospargeva l'organo femminile di cloruro di sodio, al che le amate gli chiedevano: "Ma che cosa stai facendo?". E lui rispondeva serafico: "Io, Salo Mone". (Akel Barzo)

158.       La genesi.
   Quando Dio fece eva
la fece di sambuco
ma tanto non ne aveva
cos“ lasci˜ un bel buco.
   Ma per il suo compagno
che poi chiamo' Adamo
us˜ tanto castagno
che gli avanzo' un bel ramo.
(Lopezzone)

159.       Ecclesiastico 38 (importanza del medico) 1. Onora il medico per le sue prestazioni, perchŽ il Signore ha creato anche lui. 2. L'arte di guarire viene dall'Altissimo, e chi guarisce riceve doni pure dal re. 3. La sua scienza fa camminare il medico a testa alta, egli riscuote ammirazione davanti ai grandi. 4. Il Signore ha creato le medicine dalla terra, l'uomo di senno non le detesta. Ecc Ecc fino all'ultimo capoverso. il 15: Chi pecca davanti al suo Creatore cada nelle mani del medico. (fine del Cap. 38)

160.       E Iddio volle mettere alla prova la fede del suo amato profeta Abramo, cos“ un giorno lo chiam˜ dall'alto dei cieli: "Abramo! Voglio vedere se davvero mi ami cos“ tanto, e per dimostrarmelo ti chiedo di offrirmi un sacrificio. E il sacrificio sarˆ tuo figlio Isacco!" "Signore - implor˜ mesto Abramo - proprio l'unico mio figlio mi chiedi!" "SI ABRAMO! Cos“ vedr˜ quanto mi ami". Abramo torna a casa, con il cuore pieno di dolore, chiama suo figlio e lo porta con s all'ara del sacrificio. Lo fa distendere, alza il coltello su di lui... Nel frattempo, si avvicina una tormenta, e fra il rumore dei tuoni si ode improvvisa una potente voce: "FERMATI ABRAMO! FERMA LA TUA MANO! La tua fede  provata. Lascia quel coltello, che tuo figlio viva. In sua vece, offrimi un ariete". "Oh, grazie mio Signore" grida Abramo pieno di gioia, e corre a prendere un ariete. Il figlio Isacco allora si alza dall'altare, si asciuga il sudore dalla fronte e dice: "Cazzo, che brutta fine che avrei fatto, se non fossi stato ventriloquo!"

161.       Davanti all'arca, due ragazzi osservano No lavorare assieme ai figli. "Chi  quello?" "Papˆ No" "Bah, mamma nemmeno". (Mauroemme)

162.       En passant vorrei farvi notare che Adamo, appena ne ha avuto l'occasione, ha dato la colpa alla donna. (Nancy Astor)

163.       Ho letto a fondo le Sacre Scritture, cercando una risposta ai miei dubbi pi profondi. Ho capito tutto del concepimento della Vergine Maria, del miracolo dei pani e dei pesci, della resurrezione di Ges, e persino del mistero della Trinitˆ e dello Spirito Santo. Ma niente ha finora colmato il mio dubbio pi grande: che fine ha fatto la falegnameria di Giuseppe? E' fallita? Venduta? (Mauroemme)

164.       E allora Dio disse: "Ora vai, Adamo, e se incontri una certa Eva, mi raccomando, gira al largo..." (Mauroemme)

165.       "Che Dio ce la mandi bona", come disse Adamo. (Scirio)

166.       Al principio, Eva non voleva mangiare la mela. "Mangiala - le disse il serpente - e sarai come gli Angeli". "No" rispose Eva imbronciata. "Sarai immortale". "No". "Sarai come Dio". "No no e no!". Il serpente, esasperato, imprec˜ dio per aver creato le donne cos“ complicate, poi gli venne un'idea. Le pose la mela e le disse: "Mangiala, non ingrassa". (Mauroemme)

167.       PerchŽ Mos guid˜ gli ebrei attraverso il mare? PerchŽ si vergognava ad andare per la citta'. (Mario)

168.       Bibbia : romanzo apocalittico scritto a piu' mani che e' da oltre 2000 anni un best seller internazionale. (Giancarlo Tramutoli)

169.       Siamo tutti figli di Adamo e Medio Evo. (Pino Imperatore)

170.       Adamo fissando negli occhi (si fa per dire...) Eva, le disse: "Mela dai?". (Priapo)

171.       Adamo, in quanto uomo, non era secondo a nessuno. (Prof. Spalmalacqua)

172.       Ma Giuseppe quando si bevve la storia dell'angelo, era fatto di Maria? (Emile Antoon Kadaji)

173.       In veritˆ vi dico che lÕarcangelo Gabriele  "venuto" nel nome del signore. (Dr.ICE)

174.       E' stato recentemente scoperto che all'arca di No era legata un piccola imbarcazione, che navigava a distanza. Dentro, No ci aveva messo la coppia di puzzole. (Mauroemme)

175.       Poi Dio cre˜ lo Spaturno, ma vide che era inutile, e lo disintegr˜. (in Parola di Giobbe). (Giobbe Covatta)

176.       In quel tempo, una donna partor“ faticosamente, lamentandosi cos“: "UUUUUU"; fu allora che decisero di chiamare il figlio 'Esa'. (Respect!)

177.       La Bibbia  molto interessante. In essa c' nobile poesia; e un po' di ingegnose favole; e un po' di storie sanguinolente; e un po' di buone morali; e un sacco di oscenitˆ; e pi di un migliaio di bugie. (da: 'Letters from the Earth') (Mark Twain)

178.       Eva pecc˜ di gola facendo il sugo col Pomo d'Adamo? (Dr. ICE)

179.       Eva pecc˜ di gola facendo la macedonia col Pomo d'Adamo? (DrZap)

180.       Negli ultimi giorni di Paradiso era chiarissimo ormai che Adamo ed Eva erano arrivati alla frutta, lei non si staccava un istante dalla banana. di lui. (Dr. ICE)

181.       No, dopo un lungo cammino, si fece un pediluvio universale. (Mauroemme)

182.       Prima notte durante il diluvio universale, un fastidioso ticchettio non lascia dormire neppure il re della foresta, neanche il ruggito piu' forte riesce a fermare il rumore, a questo punto il leone piu' adirato che mai manda la giraffa a ispezionare il piano superiore per vedere chi disturba il suo riposo, pochi istanti dopo la giraffa torna giu' e riferisce: "Maesta', ne avremo per tutta la notte! ... Il millepiedi si sta togliendo le scarpe!!!". (Fabrizio)

183.       Calvario : una serra dove si coltivano pelati.

184.       Dal ventre della balena, tutti possono ben capire come Scoreg-Giona riusc“ a uscire!! (Guru)

185.       Non conosco nessun libro che sia stato fonte di brutalita' e condotta sadica, sia pubblica sia privata, che possa reggere il confronto con la Bibbia. (Sir James Paget)

186.       Nessun vero tiranno conosciuto della storia  mai stato responsabile di un solo centesimo dei delitti, dei massacri, e di tante atrocitˆ attribuite al Dio della Bibbia. (Steve Allen)(da 'Sulla religione della Bibbia e sulla moralitˆ')

187.       Adamo ed Eva mangiano la mela e Dio li caccia dal paradiso terrestre. Meno male che non ha scoperto cosa avevano fatto con le banane.  (Daniele Luttazzi)

188.       Questo popolo della Bibbia mi ricorda un'altra calamita' simile a questo intrigo dei missionari, quando il nostro popolo, o qualunque altro potere cristiano andava in Africa per il pio scopo di rapire dei negri, le madri gridavano ai loro figli "corri, corri, arrivano i cristiani". Cosi', quando senti la parola "bibbia", comincia a correre e salvati la pelle, se non vuoi che ti ripuliscano le tasche, o che ti insultino e ti calunnino come hanno fatto con me... e se senti dire "conversioni speranzose" o "vangelo" non smettere di guardarti alle spalle. (Anne Newport Royall) (da: "Missionaries", 1829)

189.       La Bibbia insegna che un padre puo' vendere la propria figlia come schiava [Esodo XXX, 7], che puo' sacrificare la sua purezza a una folla [Giudici XIX, 24; Gen. XIX, 8], e che puo' assassinarla, ed essere comunque un buon padre e un sant'uomo. Insegna che un uomo puo' avere qualunque numero di mogli; che puo' venderle, regalarle o scambiarle, e continuare ad essere un perfetto gentiluomo, un buon marito, un uomo giusto, e uno dei piu' intimi amici di Dio; e questo e' solo l'inizio. Insegna quasi tutte le infamita' che esistono sotto il cielo contro la donna, e non le riconosce come essere vivente libero e dotato di volonta' autonoma. La classifica come una proprieta', al pari di una pecora, e le proibisce di pensare, parlare, agire o esistere, eccetto che sotto condizioni e limiti definite da qualche prete. (Helen H. Gardener)(da: 'Men, Women and Gods')

190.       L'autentico concetto di peccato viene dalla Bibbia. Il cristianesimo offre la soluzione a un problema che esso stesso ha creato! Saresti riconoscente verso una persona che ti ferisce con un coltello per poterti vendere una fasciatura? (Dan Barker) (da 'Losing faith in faith')

191.       I preti, le suore, i frati, quando voglion dedicare la vita a Dio fanno digiuno, cio non mangiano e non fanno l'amore, contravvenendo agli unici due ordini che ha dato Dio. Ora, quando li rincontrerˆ nel Giudizio universale, si incazzerˆ un po': ÇFrati, preti, suore, venite qua un secondo. Scusate, io avevo detto: "Crescete e moltiplicatevi". E voi digiuno e castitˆ! Ma forse non avete capito! Ma dovevo dire proprio: "Mangiate e trombate"? Io non volevo scriver parolacce nella Bibbia ma... levati codesta tonaca e dˆgli sotto, imbecille!È. (Roberto Benigni)

192.       Chissa Adamo quante Eve si sarˆ mangiato prima di capire a cos'altro potessero servire... (Alfredo Accatino)

193.       Quando sono triste leggo sempre alcune pagine della Bibbia, ci˜ mi aiuta a fare due risate e a consolarmi un po'.  (Carl William Brown)

194.       E se Eva non fosse stata vergine? (Alfredo Accatino)

195.       E Dio dopo aver sorpreso Adamo ed Eva gli disse: Continuate prego, fate come se io non ci fossi. (Jacques PrŽvert)

196.       La conversazione tra Adamo ed Eva era difficile, perchŽ non avevano nessuno di cui sparlare.

197.       Adamo era semplicemente un essere umano e questo spiega tutto. Non voleva la mela per amore della mela. La voleva soltanto perchŽ era proibita. Lo sbaglio fu di non proibirgli il serpente, perchŽ allora avrebbe mangiato il serpente. (Mark Twain)

198.       L'inizio... All'inizio c'era Adamo. E dio disse: "Non  bene che l'uomo sia solo". Cos“ cre˜ il cellulare. Allora Adamo telefon˜ a Eva, ma trov˜ occupato. (Leo Ortolani)

199.       Prete: "Un uomo aveva due figli, Tatanaele e Isappo... Un giorno Tatanaele disse al padre: "Non voglio pi abitare nella tua casa, lavorare nei tuoi campi e mangiare la tua capra azzima tutte le sere... Dammi quindi la mia parte del patrimonio che mi spetta, cos“ che possa andarmene e sperperarla con le prostitute". Il padre era vecchio, ma robusto. Cos“ si alz˜ da tavola e Tatanaele ne prese cos“ tante, ma cos“ tante che fu sera e fu mattina. Poi, il padre si rivolse al secondo figlio: "E tu Isappo?. Anche tu vuoi chiedere qualcosa a tuo padre?". Allora Isappo guard˜ Tatanaele..Poi guard˜ il padre. Poi ancora Tatanaele e disse: "Posso avere dell'altra capra azzima?". Ecco, io vi dico "Chiedete e vi sarˆ dato... e a ciascuno sarˆ dato secondo la legge del padre". (Leo Ortolani)

200.       Il problema di Eva era che d'inverno doveva vestirsi di aghi di pino! (Bilbo Baggins)

201.       Quando Adamo chiese: "Me-la dai?", Eva, come tutte le donne, fece finta di non capire... (John Smith)

202.       E Dio creo' l'uomo a sua immagine e somiglianza. Poi creo' la donna, ma un po' piu' stronza. (Francesco Miccio)

203.       Sam: "Il mio papa' ha una spada di Washington e un cappello di Lincoln". Billy: "Il mio papa' ha il pomo di Adamo". (Bob Phillips)

204.       Dopo aver mangiato la mela, Adamo fa all'amore con Eva e poi fa, col sopracciglio alzato: "Certo, anche te, a trombare col primo che passa..."

205.       La cosa che faceva piu' indispettire Eva era quando Adamo le diceva: "Eppure tu mi ricordi qualcuno!" (Romano Bertola)

206.       34 omicidi biblici con eventuale movente.
Caino uccide Abele per invidia
Lamech uccide un giovane non identificato per vendetta
Simeone e Levi uccidono Camor e Sichem per vendetta
Mose' uccide una guardia egiziana per difendere uno schiavo
Eud uccide Eglon re di Moab
Giael uccide Sisara (con un picchetto da tenda nella tempia)
Ioab uccide Abner per vendetta
Recab e Baana uccidono Is-Baal nel sonno per ingraziarsi il re Davide
Davide fa uccidere Uria (e si fa la moglie) (all'anema ro fetend e puppu')
Assalonne fa uccidere Amnon per vendetta
Ioab uccide Assalonne per vendetta
Ioab uccide Amasa
Zimri uccide Ela per il trono
Gezabele fa uccidere Nabot per prendergli la terra
Eliseo uccide Ben-Hadad a distanza (con una coperta!) per dare il trono a un altro
Ieu uccide Ioram per adempiere a una profezia
Ieu uccide Acazia perchŽ era amico di Ioram
Ieu uccide pure Gezabele facendola defenestrare, secondo una profezia
Ioas e' ucciso da una congiura di ufficiali
Sallum uccide Zaccaria per prendergli il trono
Menachem uccide Sallum per prendergli il trono
Pekach uccide Pakachia per prendergli il trono
Osea uccide Pekach per prendergli il trono
Amon e' ucciso da una congiura di ufficiali
Ismaele uccide Godolia
Ioas fa uccidere Zaccaria per lapidazione perchŽ profetizzava contro di lui
Nabucodonosor uccide i figli di Sedecia per punirlo di essersi ribellato
Giuditta uccide Oloferne (ma questo e' un omicidio benemerito)
Erode fa uccidere gli innocenti cercando di sbarazzarsi del Cristo
Erodiade fa uccidere il Battista perchŽ francamente rompeva i coglioni
Praticamente tutti collaborano a uccidere Gesu'
Gli Anziani fanno uccidere Stefano per la sua predicazione
Erode fa uccidere Giacomo per la sua predicazione
I Pergamaschi uccidono Antipa per la sua testimonianza di fede.

207.       Chi da solo fu capace di uccidere un quarto dell'umanitˆ? Caino.

208.       Le caramelle che Davide mangia sono per caso le Golia? (Marck Leys alias Mutthleys)

209.       Non ve lo siete mai chiesti? Ma No sull'arca dove cazzo li teneva i Tarli? (BIG)

210.       No amava fare il monarca? (DrZap)

211.       No era anche un monarca di scienza: aveva una cultura bestiale. (Renato R.)

212.       Stabilito che No era monarca, perchŽ aveva un'arca sola (non poteva essere bisarca, perchŽ non c'erano automobili da caricare per salvarle dal diluvio), fu per˜ soprattutto patriarca, perchŽ, a bordo c'erano i suoi tre figli: Sem, Cam e Jafet. Quando fin“ il diluvio, No, per festeggiare, si prese una bella sbornia. Sem e Jafet ebbero pietˆ di lui, mentre Cam lo derise. No allora lo maledisse e la maledizione dura ancora: infatti, i film scaricati in versione Cam fanno schifo. (Renato R.)

213.       La Bibbia non riporta se Salome' dopo l'avventura con Giovanni Battista mettesse la testa a posto. (DrZap)

214.       Eva nel giardino dell'Eden si dava delle arie da prima donna? (DrZap)

215.       La favola che la sera Eva raccontava ai suoi figli Caino e Abele iniziava circa cos“: "Ci sara' una volta...". (DrZap)

216.       Arcaico: il secchio che fungeva da gabinetto sull'arca di No. (Bilbo Baggins)

217.       Bibbia: il libro pi venduto e pi frainteso di tutta la storia della letteratura. (Bilbo Baggins)

218.       Costola: secondo gli scienziati  la parte di Adamo da cui fu clonata Eva. (Bilbo Baggins)

219.       Diluvio: quando Dio si fa il pediluvio. (Bilbo Baggins) 

220.       No, finito il diluvio e non vedento terre all'orizzonte, mand˜ fuori dall'arca una colomba. Essa torn˜ recando nel becco un ramoscello d'ULIVO e No cap“ che che quella immensa distesa d'acqua aveva dei conFINI e che presto avrebbe trovato gli apPRODI. Fu cos“ che, pensando a quello che sarebbe successo, pens˜ di ubriacarsi. (Renato R.)

221.       "Peccato!" disse Adamo vedendo Eva che si avvicinava furtiva all'albero di mele. (DrZap)

222.       La prima crisi grave dell'INPS fu ai tempi di Matusalemme. (DrZap)

223.       Re Salomone, di primo acchito, pu˜ sembrare molto antico, ma se pensiamo alle ere geologiche, certo non lo : le mini...ERE di re Salomone. (Renato R.)

224.       Ma il cazzone era il pene di Adam? (CurrentiCalamo)

225.       Davide era molto piccolo e, incazzato come quel nano che scrisse sul muro "Abbasso la figa !",  si FIONDO' contro Golia. (Renato R.)

226.       Non ho mai capito se fu Salome' a perdere la testa per Giovanni Battista o viceversa. (DrZap)

227.       La piorrea alveolare, che causa la perdita dei denti,  giˆ attestata nell'Antico Testamento: Occhio per occhio, dente perdente. (Renato R.)

228.       Secondo me Noe' mori' di asma a 900 anni quando il giorno del suo compleanno cerco' di spegnere le candeline! (DrZap)

229.       Un giorno nel paradiso terrestre Adamo, dopo essersi fatto una pera, chiese ad Eva: "Mela dai?", ed ella rispose: "Se vuoi conoscermi, prepara il serpente!". Da quel giorno il demonio entr˜ in Eva e il peccato oginoknaus entr˜ nel mondo. (Cosoduro)

230.       Secondo la tradizione, dio cre˜ la donna da una costola di Adamo. Ci abbiamo guadagnato una spina nel fianco. (puccio di luce)

231.       Non credete a quello che dice la Bibbia, non sono cos“ permaloso.

232.       "Maestro, com' possibile che gli Ebrei abbiano attraversato le acque del Mar Rosso e siano sopravvissuti?". "PerchŽ avevano finito di mangiare almeno tre ore prima!".

233.       Come pescava Eva? Ad...amo. (DrZap)

234.       Ultime scoperte archeologiche: sul monte Ararat trovata un'arca che contiene pure un antichissimo documento. Finalmente decifrato: trattasi di una multa per guida senza patente nautica. (DrZap)

235.       Mi hanno detto che Eva e' stata la prima donna, ma non mi hanno detto in che opera. (DrZap)

236.       No viaggia giˆ da parecchi giorni in mezzo al diluvio sulla sua arca piena di coppie di animali. Un giorno vede una colomba con un
ramoscello d'ulivo in bocca e ordina a tutti gli animali di scendere a terra. Ma in realtˆ c'e' solo acqua e tutti annegano. Dio e' molto adirato con No: "Ma che hai combinato! Tutti morti! Mi tocca rifare il lavoro di creazione. Ma come e' successo?". E No: "Caro Dio, e' tutta colpa
della colomba e del suo ramo d'ulivo". Dio chiama la colomba a discolparsi e lei: "Ramo d'ulivo? Ma era un'alga!"

237.       Eva, dopo l'ennesimo litigio con Adamo: "Me ne torno da mia madre!". (Filippo Boschetti)

238.       Nuova edizione della Bibbia: tolte le parti poco credibili. Ora  mezza pagina. (Davide Kra)

239.       "Mamma, mi sento tanto solo, che posso fare ?". "Ti sta bene Caino, cos“ impari a controllarti la prossima volta !" (otorongo)

240.       EVA, PERCHE' HAI VOLUTO LA MELA?LA BANANA NON TI BASTAVA?

241.       Il Trota ha detto che Eva offr“ la mela ad Adamo, ma lui prefer“ la patata!

242.       Tu puoi citare cento riferimenti per mostrare che il Dio biblico  un sanguinario tiranno, ma loro scoveranno due o tre versi che dicono ÇDio  amoreÈ, e loro dichiareranno categoricamente che TU prendi le cose al di fuori del contesto!. (Agostino Sperminator Priami)

243.       Da sempre gli uomini sono inclini alle esagerazioni: pu˜ darsi che il serpente nel paradiso non fosse che un vermicino nella mela. (Ilona Bodden)

244.       Durante l'assedio e l'angoscia alla quale ti ridurrˆ il tuo nemico,mangerai il frutto delle tue viscere, le carni dei tuoi figli e delle tue figlie che il Signore, tuo dio, ti avrˆ dato. (Deuteronomio 28:53)

245.       Mos scese dal monte con le tavole e disse: "Adesso le sedie le andate a prendere voi".

246.       Monsignor Vincenzo Franco: "La donna deve essere sottomessa al marito, lo dicono le scritture". Se adesso stiamo a dar retta anche ai murales...! (Walter Angelucci) (otorongo)

247.       Quando Golia si mosse contro gli Israeliti, tutti i soldati pensarono: "E'cos“ grande che non potremo mai vincerlo". Ma Davide guard˜ il gigante e disse: "E'cos“ grande che non posso sbagliare il bersaglio" (Russ Johnston)

248.       E lo Spirito Santo (Arcangelo Gabriele) apparve a Maria e disse: Questa notte discender˜ su di te. Lei risoluta rispose: La chiave  sotto lo stuoino, come al solito. (Gian Carlo Moglia)

249.       Ritrovato un frammento della Bibbia pi antica del mondo. Il frammento  cos“ piccolo che contiene solo 45 contraddizioni. (Silvio Di Giorgio)

250.       Mi sorge un dubbio atroce... che l'abbiano chiamata 'strage degli innocenti' perche' il colpevole si  salvato? (Zap)

251.       Eva si mangio' la mela perche' Adamo non le dava la banana.

252.       Adamo cerco' di convincere Eva che lui era un uomo. Eva mangio' la foglia e gli credette!!!

253.       Lo sapevate che il vangelo ha tante parabole ma nessun decoder? (Nonciclopedia)

254.       Professore: "Quando  nato Adamo". Pierino: " Mangia la mela... C'era la foglia di fico... in estate, in estate..." (Gian Carlo Moglia(

255.       Mentre Mos liberava gli schiavi, il Faraone gli disse: "Don't touch my ebreil"

256.       Cosa disse Dio ad Abramo che stava sacrificando il figlio? "Sorridi, sei su scherzi a parte!!"

257.       Lo sapevate che Dio ha creato Eva da una costola di Adamo, ma la Chiesa  contro la clonazione? (Nonciclopedia)

258.       GERARCA - Nome che avrebbe dato alla sua barca No se fosse stato fascista. (Zap)

259.       La Bibbia inizia con una donna nuda e finisce con l'apocalisse. (Oscar Wilde)

260.       Eva: "Adamo, ti sembra questa l'ora di rincasare?". Adamo: "Ma lasciami stare, Eva... una filaaaa!".

261.       Chissˆ se No, assieme alle coppie delle altre bestie, caric˜ anche una coppia di ARCAngeli ? (Renato R.)

262.       In fondo Adamo, da una costola, non poteva aspettarsi niente di meglio.

263.       La storia umana di ogni epoca  rossa di sangue, avvelenata di odio e macchiata di crudeltˆ, ma  solo dai tempi della Bibbia che queste caratteristiche non hanno avuto limiti. (Mark Twain)

264.       E Dio disse: "Gli uomini sono tutti uguali dinanzia a me, alti e bassi, neri e bianchi, ricchi e poveri. Ma per i neri piccoli e poveri sara' molto dura". (Giobbe Covatta)

265.       Dio nella Bibbia ha inventato prima l'uomo, poi lo scarica barile, poi la donna; se no a chi la dava la colpa? (Geppi Cucciari)

266.       Ma la sorella  del padre di Ezechiele e la sorella della madre di Geremia erano due profeZIE ? (Renato R.)

267.       Ezechiele: profeta storico nella Bibbia, ha poi trascorso parte della sua esistenza nel cercare di catturare tre porcellini.

268.       Adamo Eva...cuava? (PaoloGalati)

269.       Se Adamo ed Eva fossero stati cinesi, ora saremmo ancora nell'Eden. Si sarebbero mangiati il serpente al posto della mela. (matteo grandi)

270.       La moglie di No: "Caro, non esci oggi? " No: "No, fuori diluvia! "

271.       "Sei su Scherzi a parte!". (Dio ad Abramo che stava per sacrificare il figlio Isacco) (Nonciclopedia)

272.       Un matrimonio sara' considerato valido solo se la sposa sara' vergine. Se la sposa non e' vergine ella sara' sottoposta ad esecuzione. (Deuteronomio, 22:13,21)

273.       Se No avesse avuto il dono di leggere il futuro sicuramente avrebbe affondato la sua barca. (Gian Carlo Moglia)

274.       Se la Bibbia prova l'esistenza di Dio, allora i fumetti provano l'esistenza di Superman. (Alessandra R.)

275.       Tradotta per la prima volta la Bibbia in eschimese. Epica la parte in cui Ges pattina sul ghiaccio. (Josef_Kappa)

276.       La Bibbia tradotta per la prima volta in eschimese. Il difficile  stato inventare le parole "Palma, ulivo e azzimo". (Quit the doner)

277.       La Bibbia  stata tradotta per la prima volta in eschimese. Entro sei mesi scoparsi pinguini diventerˆ immorale. (Quit the doner)

278.       Ne 'La Bibbia Eschimese' Lazzaro non risorge, viene semplicemente scongelato. (LaPausaCaffe)

279.       La Bibbia Eschimese racconta dei primi martiri nell'arena divorati dagli orsi bianchi. (LaPausaCaffe)

280.       Ne 'La Bibbia Eschimese' Davide abbatte Golia con una palla di neve. (LaPausaCaffe)

281.       Ne  'La Bibbia Eschimese' il Titanic  una parabola. (LaPausaCaffe)

282.       Ne 'La Bibbia Eschimese' Ges si ritira a pregare nella piantagione di alberi di Natale. (LaPausaCaffe)

283.       Finalmente scopriamo perchŽ il van-gelo si chiama cos“!  (LaPausaCaffe)

284.       Nella storia dell'uomo, Mos  l'unico padre che non si  preoccupato quando si sono rotte le acque. (Fabio Carapezza)

285.       La leggenda narra che quando Davide mand˜ gi Golia, una sensazione di freschezza pervase la sua gola ed il suo naso. (Dlavolo)

286.       Dio cre˜ Eva grazie a cellule prelevate da una costola di Adamo. Dio  per la fecondazione assistita. (Dlavolo)

287.       Non vorrei rovinarvi la sorpresa, ma alla fine della Bibbia si scopre che muoiono tutti e lÕassassino  Dio. (Dlavolo)

288.       "Su questo non ci piove" come diceva sempre Noe'. (DrZap)

289.       Se dovessi convincere qualcuno a diventare ateo, gli direi di leggere la Bibbia... ma con attenzione. (Piergiorgio Odifreddi)

290.       PerchŽ dovrei permettere a quel Dio che dovette affogare i suoi figli di dire a me come crescere i miei figli. (Robert Green Ingersoll)

291.       Puttana Eva ! (Adamo)

292.       Che Dio ce la mandi bona (Adamo)

293.       "Noi seguimo l'insegnamento della bibbia. E' meglio Eva der serpente". (linguanera)

294.       E il Signore disse a Mos: non desiderare la donna d'altri !...tanto, dopo un po', rompe i coglioni come quella che hai giˆ !

295.       Se avere rapporti sessuali prima del matrimonio e' peccato chi ha sposato Adamo ed Eva per permettere loro di riprodursi?

296.       "Non puo' piovere per sempre" (Noe')

297.       Il figlio di Golia inizia a camminare. Sta facendo passi da gigante !!!  (Sergio Masse Massetani)

298.       Pare che un giorno Adamo disse di non sopportare pi Eva .... voleva sempre fare la prima donna !!!

299.       Di matematica non ho mai capito niente. Riesco a fare le divisione per miracolo (Mose')

300.       Oggi, leggevo il Levitico:  interessante che sia vietato mangiare aquile perchŽ ripugnanti, ma siano concesse le cavallette. (VentoTagliente)

301.       Il vanto piu' grande delle donne e' quello di non aver mai contribuito con una sola riga alla Bibbia. (George W. Foote)

302.       Se leggete la Bibbia attentamente ci sono migliaia di codici da decifrare. Io piano piano mi sto decodificando. (Flavia Vento). Cercando bene si trova anche il codice fiscale di Dio. (Micro satira)

303.       Non si metteranno a morte i padri per una colpa dei figli, nŽ si metteranno a morte i figli per una colpa dei padri; ognuno sarˆ messo a morte per il proprio peccato. (Deuteronomio 24, 16)

304.       Il bastardo non entrerˆ nell'assemblea del SIGNORE; nessuno dei suoi discendenti, neppure alla decima generazione, entrerˆ nell'assemblea del SIGNORE. (Deuteronomio 23:2)

305.       Preparate il massacro dei suoi figli a causa dell'iniquitˆ del loro padre e non sorgano pi a conquistare la terra e a riempire il mondo di rovine". (Isaia 14:21)

306.       Allora Davide disse a Natan: "Ho peccato contro il Signore!". Natan rispose a Davide: "Il Signore ha perdonato il tuo peccato; tu non morirai. Tuttavia, poichŽ in questa cosa tu hai insultato il Signore, il figlio che ti  nato dovrˆ morire". (Samuele 12:13,14)

307.       Ma Giuda come mangiava il pane? A morsi o a tradimento?

308.       No radun˜ una coppia per ogni specie animale sul bagnasciuga. Il pediluvio universale. (baianer)

309.       Disse No: "Rosso di sera...." (filipio)

310.       Eva, benedetta figliola, te lo spiego un'altra volta: Adamo non ti ha chiesto "mi dai la mela?", ti ha detto "me la dai?". (lddio)

311.       La Bibbia non dice che in realta' Mose' era un pittore. Lui era salito sul monte Sinai non con le tavole, ma con le tavolozze... (DrZap)

312.       Quando la moglie di Mose' era verso la fine della gravidanza le si ruppero le acque... meta' andarono a destra e meta' a sinistra. (DrZap)

313.       "No, hai giˆ tutto pronto?". "Si, Dio, ho la barca e ho portato 2 palline di pepe, 2 stecche di cannella...". "TI AVEVO DETTO SPECIE! NON SPEZIE!". (battutiere)

314.       Di solito la gente  infastidita da quei passi della Bibbia che non comprende, mentre i passi che infastidiscono me sono quelli che comprendo. (Mark Twain)

315.       Se dovessi convincere qualcuno a diventare ateo gli consiglierei di leggere la BibbiaÉ ma con attenzione. (Piergiorgio Odifreddi)

316.       Davide era un guerrafiondaio. (Stefano Pedron)

317.       No in realtˆ si scrive "Noeh", da qui la famosa Acca di Noeh. (Francesco Ics Ipsilon Battaglini)

318.       "Questo ragionamento non fa una piaga", disse Mos al faraone. (Maurizio Trb)

319.       Quando Dio condann˜ Caino per l'uccisione di Abele il processo fu annullato perchŽ mancava la giuria popolare. (DrZap)

320.       La mia parte preferita della Bibbia e' quella in cui dice che se la donna viene struprata, la punizione per lo stupratore e' quella di doverla sposare.

321.       In un iperstore della California – ha raccontato a Fox News Caleb Kaltenbach, un pastore della Discovery Church, una gruppo protestante – c'erano diverse copie della Bibbia posizionate negli scaffali dedicati al settore fantascienza. Ogni volume era etichettato con il bollino riportante la dicitura ÒfictionÓ accanto al prezzo.  (da "La Stampa")

322.       Cina, il Paese ateo pi grande del mondo  il primo produttore di Bibbie. (Il Fatto Quotidiano)

323.       Non ho nulla contro i vegetariani, ma se Adamo ed Eva avessero mangiato il serpente piuttosto che la mela ora saremmo ancora in Paradiso. (Paperoga Style)

324.       Basta con questa storia del Òbig benÓ si sa che siamo qui solo ed esclusivamente grazie a quella notte in cui Eva si avvicin˜ ad Adamo e gli sussurr˜ allÕorecchio: "Amore, non ho messo la foglia di fico". (Scars Wars)

325.       Cosa disse Mose' poco prima di venire alla luce? "Che si aprano le acque!"

326.       Se non sapessi che erano Ebrei, penserei che Caino ed Abele erano Fratelli Musulmani. (Renato R.)

327.       Eva del resto spesso era proprio una vipera.  (Valentinaries)

328.       Abramo rimandava tutte le occasioni di stare con sua moglie. Sara per un'altra volta. (Lia Celi)

329.       Certo che Mos agli Egizi diede parecchio Nilo da torcere. (Dario Quatrini)

330.       Nel Paradiso terrestre tutti andavano in giro svestiti, persino la mela che se ne stava l“ a torsolo nudo. (Valentinaries)

331.       Golia non sospett˜ che Davide avesse un sasso nella manica. (Guido Rojetti)

332.       Probabilmente non sapevate che Mos si dimenticava spesso le cose... aveva lÕalzhaimar. (f-tonerz)

333.       Come mai la Bibbia trabocca di assurditˆ scientifiche, contraddizioni logiche, falsitˆ storiche, sciocchezze umane, perversioni etiche? (rudydimaggio)

334.       "Sta piovendo da due giorni, costruisco una barca!". "No... eh! Non ricominciare!". (Simona Loi)

335.       Il 30% degli italiani  incapace di comprendere un testo scritto. Tipo la bibbia! (Roberto Nuccioni)

336.       Di l“ Eliseo and˜ a Betel. Mentre egli camminava per strada, uscirono dalla cittˆ alcuni ragazzetti che si burlarono di lui dicendo: "Vieni su, pelato; vieni su, calvo!". Egli si volt˜, li guard˜ e li maledisse nel nome del Signore. Allora uscirono dalla foresta due orse che sbranarono quarantadue di quei fanciulli. (Bibbia, secondo libro dei Re 2,23-24)

337.       Quando Mos separo' le acque disse: naturali da una parte, frizzanti dall'altra. (giuliaoliva)

338.       Dalla Bibbia risulta che il re Salomone aveva 700 mogli e 300 concubine

339.       Dalla Bibbia risulta che il re Salomone aveva 700 mogli e 300 concubine. E questo dˆ la misura delle cazzate l“ scritte. (badmonta)

340.       Per molti cristiani la Bibbia e' come la licenza del software. Nessuna la legge veramente. Semplicemente scorrono e cliccano su "Accetto".

341.       Papa Francesco ci esorta a pregare Dio per la pace nel mondo. Ma poi non  lo stesso Dio che ci ordin˜ di sterminare i Cananei? (Birbo Bicirossa) (Bilbo Baggins) (Spinoza.it)

342.       Lercionotizie: Videogiochi ultraviolenti, esce "La Bibbia". (Lercio)

343.       Ho il titolo perfetto per un bestseller: "La Bibbia - il prequel". (Blepiro Lento)

344.       "No!! Preparati e fatti una barca che tra un po' faccio piovere parecchio". "Quanto parecchio?".  "Quaranta giorni e quaranta notti!". "Urca!!". L' Urca di No. (Gian Paolo Selis)

345.       L'unico frutto dell'amor  la banana,  la banana!! Chiquita la banana amica sorella di Federica la mano amica!! La veritˆ? é che Adamo era gay ed Eva una vegana!! (Marco Donisi)

346.       Dopo aver sentito Benigni spiegare i Dieci Comandamenti per 4 milioni di euro, ho pensato che quelli per gli F35 non sono quelli spesi peggio. (Kotiomkin) (LVIX)

347.       Adamo preferi' subire l'ira di Dio piuttosto che l'incazzatura di una donna. (Piuccio)

348.       Che cosa fa la moglie di Mos dal parrucchiere? La messinpiaga. (Gianfranco Verardi)

349.       Per quel che mi ricordo, non c' una parola di lode all'intelligenza, nelle Sacre Scritture. (Bertrand Russell)

350.       In Inghilterra tolgono i maiali dai libri di scienze naturali, per non turbare i musulmani e (dopo secoli) anche gli Ebrei. Se si legge il "Levitico", ci sono tanti altri animali impuri: l'aquila (non commestibile), il topo (commestibile in casi estremi), il cammello, la lepre (commestibilissimi), ecc. ecc. (Renato R.)

351.       E' uscito il romanzo della Bibbia. Finalmente sapr˜ come cazzo hanno fatto i canguri a raggiungere lÕarca di No. (Collateral) (Antonio Pacifico)

352.       E il sesto giorno il Signore prese del fango ci soffi˜ sopra e cre˜ Adamo. E il Signore disse: Fatto! Poi prese una costola di Adamo ci soffi˜ sopra e cre˜ Eva. E il Signore disse: Fatto! Adamo ed Eva sono la prima coppia di fatto. COMPLIMENTI PER LA PRECISAZIONE! (Mirco Stefanon)

353.       Si fa presto a dire "Islam moderato"... Sentite cosa dice il Corano sugli infedeli: "Li voterai allo sterminio; non farai alleanza con loro e non farai loro grazia. Demolirai i loro altari e brucerai nel fuoco i loro idoli". Per non parlare delle donne colpevoli di adulterio: "La folla le lapiderˆ e le farˆ a pezzi con le spade; ne ucciderˆ i figli e le figlie e darˆ alle fiamme le case. Eliminerˆ cos“ unÕinfamia dalla terra e tutte le donne impareranno a non commettere infamie similiÒ. Ah  la Bibbia? Scusate! (Stefano Andreoli)

354.       La Bibbia ti dice di amare il prossimo tuo. Il Kamasutra ti dice comeÉ

355.       Se la Bibbia venisse scritta oggi, ci troveremmo dentro pure il Libro del Contro Esodo. (Prugna) (Alessandro Zanetti)

356.       Ultim'ora. Arca di No fallisce lÕinchino e finisce sopra un monte. (Lercio) (Vittorio Lattanzi)

357.       Ultim'ora. Caino fonda lÕassociazione ÒNessuno tocchi CainoÓ. (Lercio) (Augusto Rasori)

358.       Si dice che Dio, dopo aver creato Adamo, lo guard˜ e disse: "Sono stanco ed ho un po' di fame, faccio ricreazione". Cos“ nacque Eva. (Maria Luisa LaMolly Tegon)

359.       Farisei : insieme di ben 6 fari posti a guardia delle coste israeliane in tempi biblici. (DrZap)

360.       Eva: "Basta, torno da mia madre!". Adamo: "Da chi?". (Fabio Magnasciutti)

361.       Milano, spacciatore nascondeva eroina al cimitero. Genesi 3:19, polvere siamo e polvere ritorneremo. (Soppressatira) (Antonio Paladino)

362.       A proposito di vegani, se Adamo avesse mangiato il serpente invece della mela, ora saremmo tutti nel paradiso terrestre. (Alfredo Deodati)

363.       E comunque creando l'uomo con il fango e la donna con un osso cosa si aspettava Dio da noi? La prossima volta usa materie prime migliori! (genio78)

364.       Nella Bibbia si narra che un certo No da giovane dovette affrontare l'invasione di terribili popolazioni esterne. Fu allora che invent˜ una soluzione che gli consent“ di usare una nuova e temibile arma per respingere gli invasori: il cd 'arco di No'. (DrZap)

365.       IMPORTANTE. Ho notato ora che la Bibbia vieta solo il sesso tra uomini, quindi le lesbiche sono a posto. Ripeto: lesbiche approvate. (Dio)

366.       La Sacra Bibbia - Versione Ufficiale CEI : 60 favole scritte da 40 autori in 3 lingue diverse in 3 continenti diversi durante 1600 anni circa.

367.       Scilipoti legge la Bibbia in Senato contro i matrimoni gay. E giˆ che c' anche per spiegare che la terra  piatta. (Luigi Caseri)

368.       Scilipoti legge la Bibbia in Senato. Grande emozione al momento di leggere il passo su Giuda e i trenta denari. (Soppressatira) (Antonio Giuseppe Paladino)

369.       "Chiedete e vi sara' dato", cos“ recita la Sacra Bibbia. "Me la dai?". "No". Cazzo, ho beccato un'atea.

370.       Com' noto anche le Onde gravitazionali sono ricordate nella Bibbia. Ne parla il Profeta che, avendo visto lo scontro di due buchi neri un miliardo di anni fa, intu“ le loro applicazioni in un futuro lontano per il teletrasporto nel tempo.

371.       Ha fatto scalpore il ritrovamento di una Bibbia di 2000 anni fa, ma e' una bufala. Come quell'altra. (Soppressatira) (wawe)

372.       Ironia  quando metti la mano su di un libro colmo di bugie per giurare di dire la veritˆ.

373.       Se un uomo scopre, durante la prima notte di nozze, che sua moglie non e' vergine, deve farla lapidare dalla gente della sua citta'. (Deuteronomio 22:13-21) (Bibbia)

374.       Allora, facciamo due conti... Dio ha mandato lui stesso a sacrificarsi a lui stesso per salvare noi da lui stesso dopo che ha tentato di sterminarci annegandoci nel diluvio. Non sappiamo cosa si fumavano 2000 anni fa, ma di certo era roba buona! (L'insostenibilitˆ storica del cristianesimo e il mito di "Ges")

375.       La fortuna del Cristianesimo e' che i fedeli non leggono la Bibbia, chi legge quel libro capisce che non si parla di un 'Dio' astrarro e spirituale, ma di un DEMONE ! (Karlheinz Deschner)

376.       Se a volte ti senti stupido ricordati: esistono persone che credono che due pinguini si fecero una camminata dall'Antartide al Medio Oriente per entrare in un'arca costruita da un uomo di 600 anni.

377.       UNA DOMANDA a Jahv. Un padre che mi violenta posso denunciarlo dopo averlo onorato? (Pietro Gorini)

378.       Che ironia! Giurare la verita' su un libro di favole.

379.       La creazione. Ma se dio ha creato il sole il quarto giornoÉ come hanno fatto i quattro giorni a passare? (Eresia triviale)

380.       Samaria espiera', perche' si e' ribellata al suo Dio. Periranno di spada, saranno sfracellati i bambini; le donne incinte sventrate. (Osea 14:1) (La Bibbia)

381.       Una donna che prende in considerazione la Bibbia  come un fagiano che si iscrive all'ArciCaccia. (Alessio caredda)

382.       L' 80% degli italiani non legge il Vangelo. Le parabole servono solo per Sky! (Scemifreddi)

383.       Tutti conoscono la storia di Esa, figlio di Isacco. Ma nessuno conosce la storia della donna alla quale egli aveva cambiato la vita. Rita aveva trovato in lui il completamento della sua condizione. E per questo incise i loro nomi sulle rocce, sugli alberi e ovunque andasseÉ ESAU RITA. (Maria Micalizzi)

384.       No fu molto imbarazzato quando alla partenza dell'arca si presentarono anche i coniugi Leoni. (DrZap)