GLI SCRITTORI  (v. anche Libri)

1.  Alcuni scrittori per scrivere hanno bisogno della vena, altri  dell'avena. (Achille Campanile)

2.  Punteggiatura. Sono vivo e vegeto. Sono vivo. E vegeto. (Paolo Cananzi)

3.  Non era colpa del Griso. Era la mamma che gli diceva sempre: "Fa il bravo, fa il bravo". (Karim Ayed)

4.  Mi piacerebbe scrivere come Shakespeare. Se non altro saprei l'inglese. (Furio Ombri)

5.  Ho fatto un corso di lettura veloce. Ho letto "Guerra e Pace", parla della Russia. (Woody Allen)

6.  Cosa comprano in una boutique un pittore e una scrittrice? Lui una camicia a quadri, lei una camicetta a righe!

7.  Io sono molto precoce. Pensate che ho imparato prima a scrivere che a leggere. Infatti scrivevo e mi chiedevo: ma che cazzo ho scritto? (Claudio Bisio)

8.  I lettori sono personaggi immaginari creati dalla fantasia degli scrittori. (Achille Campanile)

9.  Non ci sono libri morali o immorali. Ci sono libri scritti bene o scritti male. (Oscar Wilde)

10.          La differenza tra letteratura e giornalismo consiste nel fatto che il giornalismo e' illeggibile e che la letteratura non viene letta. (Oscar Wilde)

11.          Avete notato che quelli che scrivono le proprie memorie cominciano a scriverle solo quando hanno l'eta' in cui ormai stanno perdendo la memoria? (da il 'CONTRADDIZIONARIO'  di Guido Clericetti)

12.          Questo libro e' stato scritto nelle lunghe ore che ho passato aspettando che mia moglie si vestisse. Se non si fosse vestita affatto, questo libro non sarebbe mai stato scritto. (Groucho Marx)

13.          La frase piu' bella di tutte le lingue e': 'Si allega assegno'. (Dorothy Parker)

14.          Lei scrive? Che coincidenza. Io leggo. (Leopold Fechtner)

15.          Anche l'analfabetismo altrui rende difficile lo scrivere. (Stanislaw Lec)

16.          Sono in molti a vivere una tragedia. Non tutti pero' trovano un Sofocle che gliela scriva. (Stanislaw Lec)

17.          Getto' i suoi scritti alle ortiche; esse li lessero e, assai piu' educatamente, li gettarono nell'immondizia. (Comix)

18.          Un libro indegno di essere letto una seconda volta e' indegno pure di essere letto una prima. (Carlo Dossi)

19.          Un ecologista e' uno che scrive un libro di 600 pagine chiedendosi dove sono finiti gli alberi.

20.          Per favore: evitate le abbrev.

21.          Lo scrittore alle prime armi e l'editore scafato: "Io so scrivere!". "Che coincidenza: io so leggere!"

22.          Che cosa disgustosa uno scrittore che legge. Sarebbe come un cuoco che mangia. (Karl Kraus)

23.          Scrivere e' viaggiare senza la seccatura dei bagagli. (Emilio Salgari)

24.          PerchÄ non ho scritto "La Divina Commedia"? PerchÄ non c'ho pensato. (Roberto Benigni)

25.          Mi guidano, quando scrivo, lampi d'imbecillita'. (Achille Campanile)

26.          Io non riesco a capire perchÄ una persona impieghi un anno o due per scrivere un romanzo, quando puo' facilmente comprarne uno per pochi dollari. (Fred Allen)

27.          Gli scrittori amano i gatti perchÄ sono creature cosi' tranquille, amabili e sagge, e i gatti amano gli scrittori per gli stessi motivi. (Robertson Davies)

28.          La macchina per scrivere, quando suonata con sentimento, non da' piu' disturbo del pianoforte quando suonato da una sorella o parente vicino. (Oscar Wilde)

29.          "Per caso hai mai letto Garcia Lorca?". "No, chi l'ha scritto?". (Gianni Palladino)

30.          C'e' gente tanto brava da scrivere due libri contemporaneamente: il primo e l'ultimo. (Mark Twain)

31.          Avere una prosa cosi' graffiante che i suoi lettori si riconoscevano dai segni sulla faccia. (Massimo Bucchi)

32.          C'era una volta un ragazzino che voleva diventare un grande scrittore. A chi gli chiedeva cosa intendesse per "grande" rispondeva: "Voglio scrivere qualcosa che l'intero mondo legga, qualcosa che coinvolga la gente sul piano emotivo, che la faccia piangere e gemere di angoscia!". Adesso scrive... i messaggi di errore alla Microsoft.

33.          Se il mio dottore mi dicesse che mi rimangono solo sei minuti da vivere, non ci rimuginerei sopra. Batterei a macchina un po' piu' veloce. (Isaac Asimov)

34.          Alcuni editori sono scrittori falliti, ma del resto anche la maggior parte degli scrittori lo e'. (Osservazione di Thomas S. Eliot)

35.          Quelli che scrivono chiaro hanno lettori, quelli che scrivono oscuro hanno commentatori. (Legge di Albert Camus)

36.          Leggendo i grandi autori di aforismi si ha l'impressione che si conoscano tutti bene fra loro. (Elias Canetti)

37.          Ermetici: Nome che danno a se stessi certi poeti i cui libri restano sempre ermeticamente chiusi perchÄ nessuno li legge. (Pitigrilli)

38.          Io ho imparato molto prima a scrivere che a leggere, tanto che i primi tempi era tutto un chiedermi cosa diavolo scrivessi. (Paolo Giorgi)

39.          Prima che a scrivere, imparate a pensare. (Nicolas Boileau) (1636-1711)

40.          Nessuna lacrima nello scrittore, nessuna lacrima nel lettore. (Robert Lee Frost)

41.          Leggere arricchisce, talvolta lo spirito, piŁ spesso l'editore.

42.          Ho un solo rimpianto: di non aver mai letto Shakespeare. Anzi, non so neanche chi l'ha scritto.

43.          Sto leggendo "La critica della ragion pura" di Kant... non Ć niente male, saltando le parti filosofiche... (Groucho di Dylan Dog) (Tiziano Sclavi)

44.          Nel Fedro di Platone, Socrate diceva che la scrittura era una minaccia per la cultura perchÄ a un libro non si possono fare domande. A Socrate mancava Internet. (Luciano De Crescenzo)

45.          Quante lettere si scrivono solo per il loro postscriptum!  (Sacha Guitry)

46.          Regole per scrivere in italiano corretto:
-Concordare i pronomi con il suo antecedente.
-Non usare virgole, che non sono, necessarie.
-Il verbo devono concordare con il soggetto.
-E' importante un' uso corretto dell' apostrofo.
-Bisogna che si sappi usare il congiuntivo.
-E' importante servirsi del pronome relativo che si collegano le frasi e si evitano ripetizioni.
-Rileggere sempre cio' che si e' scritto per vedere se qualche parola.
-L' ortografia e' esenziale.

47.          Sto scrivendo un libro. Ho gił tutti i numeri delle pagine. (Steven Wright)

48.          Quando approcci Ionesco dovresti iniziare a leggere tra le righe: ci troverai delle linee bianche, sicuramente la parte piŁ interessante dei suoi libri.

49.          Il talento da solo non puś fare lo scrittore. Ci deve essere un uomo dietro al libro. (Ralph Waldo Emerson)

50.          Si dice che Lincoln abbia scritto un suo compito su un badile. Mi domando come sia riuscito ad infilarlo nella macchina da scrivere. (Jack Klugman)

51.          "Manca di comicita'" disse il critico d'uno scrittore di tragedie. (Stanislaw Lec)

52.          Regole di William Safire per gli Scrittori: Non mettete frasi in forma negativa. La voce passiva non dovrebbe essere mai usata. Se si rilegge il proprio lavoro, si puo' trovare nella rilettura che un gran numero di ripetizioni possono essere evitate rileggendo e correggendo. Uno scrittore non deve spostare il vostro punto di vista. E non iniziate una proposizione con una congiunzione. Non esagerate con i punti esclamativi!!  Posizionate i pronomi il piu' vicino possibile, specialmente nelle lunghe frasi, tipicamente di 10 o piu' parole, ai loro antecedenti. Prendete il toro per le corna ed evitate le metafore miste. Sempre l'avverbio segue il verbo. Anche se vi piace farlo, e quando non lo fate ci pensate sempre, ed anche alla vostra ragazza piace molto farlo, evitate di usare i doppi sensi. Ultimo ma non ultimo, evitate le frasi fatte, specie se nel posto sbagliato. Infine, sappiate che, per scrivere bene, non esistono regole precise.

53.          Odio il fatto che quando hai bisogno di una penna non ne trovi mai una e finisci per dover tagliare la gola a qualcuno solo per usare il sangue come inchiostro. (Paul Hancox)

54.          Il reverendo Jesse Jackson ha passato dei momenti difficili di recente, ma ora Ć tornato alla grande con questo utile libro 'Nomi da dare ai vostri figli illegittimi'. (David Letterman)

55.          Scrivere Ć un modo di parlare senza essere interrotti. (Jules Renard)

56.          Con una mano alzo` il pugnale e con l'altra disse... ( Ponson du Terrail)

57.          Non esistono argomenti noiosi. Solo scrittori noiosi. (Henry Louis Mencken)

58.          Il prossimo punto in agenda riguarda la corretta punteggiatura nelle agende. (Mauroemme)

59.          Ho deciso di postare alcune regole fondamentali della netiquette, non si sa mai possano servire a qualcuno:
1. I verbi avrebbero da essere corretti
2. Le preposizioni non sono parole da concludere una frase con
3. E non iniziate mai una frase con una congiunzione                                                                                                                                                 4. CERCATE DI URLARE *SOTTOVOCE*, SE PROPRIO NON RIUSCITE A PARLARE NORMALMENTEEEEEE!!!!
5. Evitate le metafore, sono come i cavoli a merenda
6. Inoltre, troppe precisazioni, a volte, possono, eventualmente, appesantire il discorso
7. Siate press'a poco precisi
8. Le indicazioni fra parentesi (per quanto rilevanti) sono (quasi sempre) inutili
9. Attenti alle ripetizioni, le ripetizioni vanno sempre evitate
10. Non lasciate mai le frasi in sospeso perche` non
11. Evitate sempre l'uso di termini stranieri, soprattutto sul web
12. Cercate di essere sintetici, non usate mai piu' parole del necessario, in genere e' di solito quasi sempre superfluo
13. Evitate le abbreviaz. incomprens.
14. Mai frasi senza verbi, o di una sola parola. Eliminatele.
15. I confronti vanno evitati come i cliche'
16. In generale, non bisogna mai generalizzare
17. Evitate le virgole, che non, sono necessarie
18. Usare paroloni a sproposito e' come commettere un genocidio
19. Imparate qual'e' il posto giusto in cui mettere l'apostrofo
20. Non usate troppi punti esclamativi!!!!!!
21. "Non usate le citazioni", come diceva sempre il mio professore
22. Evitate il turpiloquio, soprattutto se gratuito, porca puttana!
23. C'e' veramente bisogno delle domande retoriche?
24. Vi avranno gia' detto centinaia di milioni di miliardi di volte di non esagerare
25. Trattate sempre i vostri interlocutori come amici, brutti idioti.

60.          Il motivo delle profonde occhiaie di Gabriel Garcia Marquez si scopri' con la pubblicazione de "Cent'anni di solitudine". (Mauroemme)

61.          La penna Ć piŁ potente della spada, e decisamente piŁ comoda per scrivere. (Marty Feldman, Igor in "Frankenstein Junior")

62.          Yes-man: Abbassando la testa mi si alza lo stipendio. (Fulvio Fiori)

63.          Lo scrittore che non va in profonditł rimane sempre a galla. (Stanislaw Lec)

64.          Colmo per uno scrittore N.1: non avere voce in capitolo! (Groucho di Dylan Dog)

65.          Grazie per avermi inviato una copia del vostro libro. Non perdero' nessun tempo a leggerlo. (Thank you for sending me a copy of your book. I'll waste no time reading it). (Moses Hadas)

66.          Molti grandi autori morirono giovanissimi lasciando dei capolavori. Io ho scritto questo libro, ma in compenso sto benone. (Fabio Fazio)

67.          L'autore nel suo libro deve essere come Dio nel suo universo, dovunque presente e in nessun luogo visibile. (Gustave Flaubert)

68.          La medicina Ć la mia legittima sposa, mentre la letteratura Ć la mia amante: quando mi stanco di una, passo la notte con l'altra. (Anton Cechov)

69.          I biografi non conoscono la vita sessuale intima delle loro mogli, ma credono di conoscere quella di Stendhal o di Faulkner. (Milan Kundera)

70.          Tramite un catalogo di vendita per corrispondenza mi e' arrivato a casa un libro di Marco Montorsi che avevo ordinato qualche tempo fa dal titolo: "Come scrivere una poesia". Con deciso interesse e un pizzico di curiosita' ho tolto il cellophane e ho sfogliato le prime pagine, ma...tutte bianche, freneticamente ho continuato a sfogliare e cercare, infine ho trovato l'unica frase stampata del libro, la quale diceva: "Con la penna".

71.          Ci sono tre ragioni per le quali si diventa scrittori: la prima e' che hai bisogno di soldi; la seconda e' che hai qualcosa da dire e ritieni che il mondo dovrebbe saperla; la terza e' che non riesci a pensare a cos'altro fare nelle lunghe sere invernali. (Quentin Crisp)

72.          Uno scrittore professionista fa ribrezzo, perchÄ tutto quello che mangia lo trasforma in carta. (Ennio Flaiano)

73.          Sulla tomba d'uno scrittore: "Si privś del sonno per procurarlo ad altri". (Achille Campanile)

74.          Il piŁ grande difetto dello scrittore vivente Ć di non essere ancora morto. Io appartengo alla categoria dei Melville, degli Wilde: reietti finchÄ sono in vita. (Aldo Busi)

75.          Chi era il poeta preferito dal Manzoni? Era Pascoli.

76.          Quelli che scrivono i libri perchÄ hanno dei figli da mantenere. (Beppe Viola)

77.          Quando non si sa scrivere, un romanzo riesce piu' facile di un aforisma. (Karl Kraus)

78.          COPYRIGHT. Scrittore inglese che lavoro' moltissimo. La maggior parte delle opere in circolazione porta infatti la sua firma.

79.          COME SCRIVERE BENE
1. Evita le allitterazioni, anche se allettano gli allocchi.
2. Non Ć che il congiuntivo va evitato, anzi, che lo si usa quando necessario.
3. Evita le frasi fatte: Ć minestra riscaldata.
4. Esprimiti siccome ti nutri.
5. Non usare sigle commerciali & abbreviazioni etc.
6. Ricorda (sempre) che la parentesi (anche quando pare indispensabile) interrompe il filo del discorso.
7. Stai attento a non fare... indigestione di puntini di sospensione.
8. Usa meno virgolette possibili: non Ć "fine".
9. Non generalizzare mai.
10. Le parole straniere non fanno affatto bon ton.
11. Sii avaro di citazioni. Diceva giustamente Emerson: "Odio le citazioni. Dimmi solo quello che sai tu."
12. I paragoni sono come le frasi fatte.
13. Non essere ridondante; non ripetere due volte la stessa cosa; ripetere Ć superfluo (per ridondanza s'intende la spiegazione inutile di qualcosa che il lettore ha gił capito).
14. Solo gli stronzi usano parole volgari.
15. Sii sempre piŁ o meno specifico.
16. La litote Ć la piŁ straordinaria delle tecniche espressive.
17. Non fare frasi di una sola parola. Eliminale.
18. Guardati dalle metafore troppo ardite: sono piume sulle scaglie di un serpente.
19. Metti, le virgole, al posto giusto.
20. Distingui tra la funzione del punto e virgola e quella dei due punti: anche se non Ć facile.
21. Se non trovi l'espressione italiana adatta non ricorrere mai all'espressione dialettale: peso e! tacśn del buso.
22. Non usare metafore incongruenti anche se ti paiono "cantare": sono come un cigno che deraglia.
23. C'Ć davvero bisogno di domande retoriche?
24. Sii conciso, cerca di condensare i tuoi pensieri nel minor numero di parole possibile, evitando frasi lunghe - o spezzate da incisi che inevitabilmente confondono il lettore poco attento - affinchÄ il tuo discorso non contribuisca a quell'inquinamento dell'informazione che Ć certamente (specie quando inutilmente farcito di precisazioni inutili, o almeno non indispensabili) una delle tragedie di questo nostro tempo dominato dal potere dei media.
25. Gli accenti non debbono essere nĆ scorretti nĆ inutili, perchÄ chi lo fł sbaglia.
26. Non si apostrofa un'articolo indeterminativo prima del sostantivo maschile.
27. Non essere enfatico! Sii parco con gli esclamativi!
28. Neppure i peggiori fans dei barbarismi pluralizzano i termini stranieri.
29. Scrivi in modo esatto i nomi stranieri, come Beaudelaire, Roosewelt, Niezsche, e simili.
30. Nomina direttamente autori e personaggi di cui parli, senza perifrasi. Cosô faceva il maggior scrittore lombardo del XIX secolo, l'autore del 5 maggio.
31. All'inizio del discorso usa la captatio benevolentiae, per ingraziarti il lettore (ma forse siete cosô stupidi da non capire neppure quello che vi sto dicendo).
32. Cura puntiliosamente l'ortograffia.
33. Inutile dirti quanto sono stucchevoli le preterizioni.
34. Non andare troppo sovente a capo.
Almeno, non quando non serve.
35. Non usare mai il plurale majestatis. Siamo convinti che faccia una pessima impressione.
36. Non confondere la causa con l'effetto: saresti in errore e dunque avresti sbagliato.
37. Non costruire frasi in cui la conclusione non segua logicamente dalle premesse: se tutti facessero cosô, allora le premesse conseguirebbero dalle conclusioni.
38. Non indulgere ad arcaismi, apax legomena o altri lessemi inusitati, nonchÄ deep structures rizomatiche che, per quanto ti appaiano come altrettante epifanie della differenza grammatologica e inviti alla deriva decostruttiva - ma peggio ancora sarebbe se risultassero eccepibili allo scrutinio di chi legga con acribia ecdotica - eccedano comunque le competenze cognitive del destinatario.
39. Non devi essere prolisso, ma neppure devi dire meno di quello che.
40. Una frase compiuta deve avere.

80.          Ludovico Muratori scrisse testi edificanti. (Carlo Squillante)

81.          "Salve, Agente Stowe, come state?" disse Jack con la sua caratteristica R moscia. (Traduzione di un romanzo inglese degli anni '30)

82.          Il tuo manoscritto Ć sia bello che originale, ma le parti belle non sono originali, e quelle originali non sono belle.  [attribuita a Samuel Johnson, o anche a Gioacchino Rossini (secondo Stephen King in On Writing)]

83.          La libertł di scrivere non puś ammettere il dovere di leggere. (Daniel Pennac)

84.          La carriera di un scrittore Ć comparabile a quella di una donna di facili costumi. Lei scrive dapprima per piacere, poi per far piacere ad altri e in fine per soldi. (Marcel Achard)

85.          Sono del tutto favorevole a togliere le armi pericolose dalle mani dei pazzi. Incominciando dalle macchine da scrivere. (Solomon Short)

86.          Un buon consiglio per gli scrittori: in certi momenti smettere di scrivere, anche prima di aver cominciato. (Stanislaw Lec)

87.          Ho la macchina da scrivere piŁ vecchia del mondo: scrive a matita.

88.          In realta' ogni autore desidera vedere stampate le proprie lettere sui giornali. Incapace di arrivare a tanto, scende di un gradino e scrive romanzi. (Pelham Grenville Wodehouse)

89.          Se vuoi diventare ricco scrivendo, scrivi il tipo di cose che vengono lette dalle persone che quando leggono muovono le labbra. (Don Marquis)

90.          Scrivere Ć trasformare in soldi i propri momenti peggiori. (James Patrick Donleavy)

91.          Ci sono tre regole per scrivere un romanzo. Sfortunatamente, nessuno sa quali siano. (William Somerset Maugham)

92.          Oriana fĆllaci! (philotto)

93.          Tratto da "Le ultime lettere di Jacopo Ortis": "Ca zo, me sta a f nô la pen a". (Akel Barzo)

94.          Tratto dall'ultima pagina "Quaderni dal carcere" di Gramsci: "Cazzo, non posso piŁ scrivere, mi sta finendo la pena". (Akel Barzo)

95.          Da un romanzo: "Guardandolo negli occhi gli diede un calcio nel sedere".

96.          Se abbiamo 2 orecchie e 1 bocca perchÄ dobbiamo ascoltare il doppio di quanto parliamo, non significa che, avendo 2 occhi e 10 dita, dobbiamo scrivere il quintuplo di quanto leggiamo.

97.          La rivista Playboy ha annunciato che stanno licenziando l'8 % della loro forza-lavoro. Sapete chi e' questo 8% che sta per essere licenziato? Il ragazzo che scrive gli articoli. (Jay Leno)

98.          Quando ho voglia di leggere un libro, me ne scrivo uno. (Benjamin Disraeli)

99.          Uno scrittore che parla dei propri libri Ć quasi insopportabile quanto una madre che parla dei propri figli. (Benjamin Disraeli)

100.       Se avessi detto a mio padre, severo ingegnere, che io volevo scrivere, mi avrebbe detto: "A chi ?". (Maurice Donnay)

101.       "Potevi venire con noi, perś... almeno quest'anno!". "Sai che non posso, devo finire il mio libro. Sono anni che ci sono dietro: Storia della Cultura Mondiale, di tutti i tempi e paesi, da prima della preistoria a dopo settimana prossima!". "Ma sono anni che stai fermo a pagina 12!". "... perchÄ scrivo piccolo!" (Francesco Salvi)

102.       Lo scrittore Ć un uomo la cui intelligenza non basta per smettere di scrivere. (Gunter Grass)

103.       Lo scrivere tra le righe non rende, visto che vengono pagate le righe. (Zarko Petan)

104.       In generale gli scrittori sono convinti di essere letti da Dio. (Giorgio Manganelli)

105.       La cosiddetta profonditł negli scrittori non Ć altro, cinquanta volte su cento, che oscuritł. (Aldo Gabelli)

106.       Ci sono dei romanzi-fiume che non sono in nessun punto navigabili. (Paul Morand)

107.       Chiedere ad uno scrittore cosa pensa dei critici e' come chiedere ad un lampione cosa pensa dei cani. (John Osborne) (Nicolas Boileau)

108.       Un grande classico e' uno scrittore che si puo' lodare senza averlo letto. (Gilbert K. Chesterton)

109.       Scrivere e' come la prostituzione. Dapprima lo fai per amore, poi per pochi amici stretti, e alla fine per soldi. (Jean Baptiste MoliĆre)

110.       Di solito una autobiografia non rivela nulla di cattivo riguardo il suo autore ad eccezione della sua memoria. (Franklin P: Jones)

111.       Devo farmi riparare la macchina da scrivere. La O Ć capovolta. (Leopold Fechtner)

112.       Il quinto libro di Harry Potter, in vendita a giugno, avra' una tiratura record di 8 milioni e mezzo di copie. Il che spiega perchÄ il sesto libro si intitolera': 'Harry Potter e la fine degli alberi'. (Jimmy Fallon)

113.       EŇ facile individuare quelli che scriveranno unŇautobiografia: appena nati invece di piangere prendono appunti. (Enzo Costa)

114.       Qual e' lo scrittore piŁ amato dagli scalatori? Quello che va con Hemingway a farsi Dos Passos. (Venticello)

115.       Zopicare con una P e' un errore ortografico o ortopedico? (Da "Lotto per vincere") (Mirco Stefanon)

116.       Scoppare con due P e' un'offesa al pudore o all'ortografia? (Da "Lotto per vincere") (Mirco Stefanon)

117.       Lingua neoclassica: Punto: single; Virgola:  single femmina; Punto e virgola: una coppia normale; Due punti: una coppia gay; Due virgolette: due giovani figlie di lesbo. (Da "Lotto per vincere") (Mirco Stefanon)

118.       Che Manzoni sia il cardine della letteratura italiana Ć fuor di dubbio. Cosô pure come il fatto che, dopo duecento anni, cigoli in modo DECISAMENTE troppo fastidioso. (J.B.)

119.       Ci sono tante grammatiche quanti sono i grammatici, e anche di piu'. (Da 'Elogio della follia') (Erasmo da Rotterdam)

120.       Mi si gelo' fin l'ultima goccia di inchiostro nella penna. (Horace Walpole)

121.       L'altro giorno ero in libreria quando Ć entrato un ragazzo e ha chiesto al libraio: "Scusi, ha qualcosa di Hemingway?" E il libraio: "Si, il vecchio e il mare" "Uhm... allora mi dia il mare". (Mauroemme)

122.       Carlo Lorenzini ebbe l'ispirazione per la sua opera piŁ famosa camminando in una pineta, ove, assorto, sbattÄ la montatura degli occhiali contro un albero. Questo lo indusse a scrivere una storia dedicata al suo paese d'origine: Collegno. Sempre per omaggio al villaggio natôo, nonchÄ al suo eroe (un burattino fatto co' llegno di pino [pino fu poi chiamato mastro ciliegia per una questione di ripicche tra gay; per vendetta pino parlś sempre del libro dell'amico come "finocchio", ndr]), decise di assumere come nome d'arte quello del paese in questione; ma a causa della sua distrazione, decise di chiamarsi Collodi. In seguito il paese di Collodi assunse il nome di "Lorenzini-Collodi", Collegno divenne "Lorenzini-Bastardo", e Lorenzini fu chiamato "lo smemorato di Collegno". (Paolo Beneforti)

123.       Aveva tutto per essere un grande scrittore: la carta, la penna, la scrivania... (Pino Caruso)

124.       Ci sono scrittori che riescono a esprimere gił in venti pagine cose per cui talvolta mi ci vogliono addirittura due righe. (Karl Kraus)

125.       Ho impiegato quindici anni per scoprire che non avevo alcun talento per scrivere, ma non mi sono piu' potuto fermare perchÄ ormai ero troppo famoso. (Robert Benchley)

126.       Il colmo per un autore di fantascienza sarebbe di essere accusato di plagio per aver copiato uno scrittore del futuro. (DrZap)

127.       Per fare della letteratura con la L grande, bisogna essere qualcuno con un grande Q.

128.       Chi ruba ai morti Ć un ladro malvagio, oppure un autore di successo. (Austin O'Malley)

129.       Chi ha scritto l'Iliade con gli zombi come protagonisti? Romero. (Scirio)

130.       La grammatica italiana:
1. I verbi deve concordare con i propri soggetti
2. Se si deve decidere se finire una frase con o senza preposizione, conviene finire senza.
3. E non si inizino frasi con una congiunzione.
4. Iniziare una frase con un infinito Ć scorretto.
5. Evitate come la peste le frasi fatte (sono cosô vecchio stile...).
6. Assoluta attenzione anche alle allitterazioni.
7. Siate piŁ o meno precisi.
8. I commenti tra parentesi (anche se rilevanti) sono (spesso) inutili.
9. E anche, mai in nessun caso utilizzare ripetitive ridondanze.
10. Niente frasi ellittiche.
11. Evitare le contrazioni e' d'obbligo per una persona spett.le.
12. Le parole italiane sono OK, ma quelle straniere sono out: non le si utilizzi.
13. Non siate ridondanti; non si utilizzino piŁ parole di quelle strettamente necessarie. E' assolutamente superfluo.
14. Non si deve MAI generalizzare.
15. I paragoni sono come i cliches: da evitare.
16. Si eviti di non usare doppie negazioni.
17. Si evitino "e" commerciali & abbreviazioni, ecc.
18. Frasi composte da una sola parola? Eliminatele.
19. Le analogie negli scritti sono come gli scarafaggi su un tappeto.
20. Le voci passive devono essere evitate...
21. Non usare virgole, che non sono, necessarie; le parole parentetiche tuttavia devono essere chiuse tra due virgole.
22. Scrivendo precipitevolissimamente si corre il brutto rischio di utilizzare parole troppo lunghe.
23. Togliete tutti i punti esclamativi!!!
24. Usate correttamente le parole, innoncuranti di quello che fanno gli altri.
25. Usare un tono pacato Ć assolutamente il migliore dei modi immaginabili per comunicare idee che cambieranno il mondo.
26. E' importante un'uso corretto dell'apostrofo: sometta quando non e' strettamente necessario.
27. Eliminate le citazioni. Come dice Ralph Waldo Emerson, "Io odio le citazioni. Dimmi cosa TU pensi, non come pensa il Pinco Pallino di turno".
28. L'avete sentito un milione di volte: evitate le iperboli; nenche uno scrittore su un milione le sa usare correttamente.
29. Inseriamo un gioco di parole? Non e' una domanda da porci.
30. Non menate il can per l'aia: evitate le espressioni colloquiali.
32. Chi ha bisogno di domande retoriche?
33. E' mille volte peggio esagerare rispetto a sottovalutare.
34. Si ricontrolli sempre il testo per vedere se si e' dimenticata qualche.
35. Concordare i pronomi con il suo antecedente.
36. E' importante servirsi del pronome relativo che si collegano le frasi e si evitano ripetizioni.
37. Bisogna che si sappi usare il congiuntivo.
38. Non si concludano le frasi con domande inutili, va bene?
39. L'ortografia Ć esenziale.
40. Non usate mai l'imperativo!
41. Non sottolineate mai le parole importanti.
42. └E' cosô dificile capire che in italiano le domande si pongono diversamente dallo spagnolo?
43. Le negazioni non vanno usate.
44. Evitare assolutamente l'uso del primo ordinale.
45. Comporre le frasi con dei verbi che abbiano esclusivamente le desinenze -are, -ere o -ire.
46. Ah! Se fossero evitate le interiezioni la scrittura sarebbe piŁ elegante. AhimĆ, vengono usate in continuazione.
47. Utilizzar la rima Ć brutto nella prosa; come dicevam prima, non Ć cosa graziosa.

131.       Per anni ho scritto un romanzo con l'inchiostro invisibile. Non mi ero accorto di averlo finito alla seconda pagina. (Bilbo Baggins)

132.       Tanto lo scrittore che cos'Ć? Uno scrittore Ć una specie di puttana. Si usa e poi te ne scordi. (Charles Bukowski)

133.       Riscoperte le ultime parole scritte da Cesare Pavese... andate a quel pavese. (Icr)

134.       Due scrittori si incontrano, litigano poi fanno a Bozze. (Dr. ICE)

135.       Romeo e Giulietta. Giulietta Ć morta, Romeo disperato ed in lacrime inizia a piangere urlando verso il cielo: "COSA POSSO FARE ORAAA?... COOOSA!". "Scopala finchÄ Ć calda!" (Dr. ICE)

136.       Colmo per uno scrittore N.2: essere considerato un uomo di carattere. (E_A_N-8)

137.       Scrivo a dieci dita ma senza testa. (Dr. ICE)

138.       Volevo scrivere un romanzo su tutta la gente che viene qui, ma non ne vale la penna.. (Scirio)

139.       Virgilio cadde e Dante, persa la guida, caduto nel girone dei lussuriosi, prese il nome di Ricevente. (Acheo)

140.       Alessandro Mansioni: poeta e scrittore milanese che per vivere svolgeva lavoretti.

141.       D'agrande faro' il scritore. (Zio Scriba) (Nicola Pezzoli))

142.       Ho tutte le opere di Aldo Busi. Non si sa mai che finisce la carta igienica. (Paolo Burini)

143.       LUI: "Che cosa fai nella vita?". LEI: "Scrivo". LUI: "Fantastico: una dattilografa!". (Paolo Burini)

144.       Alcuni pensano che i libri di Oriana siano pieni di idee Fallaci. (Lopezzone)

145.       E' noto per non aver mai scritto una parola che potesse far venir voglia di prendere un vocabolario ad un lettore. (William Faulkner) (riferendosi a Ernest Hemingway). Risposta di Hemingway: "Povero Faulkner. Pensa veramente che le grandi emozioni vengano dalle grandi parole?"

146.       "Ti scrivo perchÄ non ho niente da fare e concludo subito perchÄ non ho niente da dire" (lettera di un nobile francese del '700)

147.       Silvio Bellico: antico condottiero romano autore del libro "Le mie segrete". (Bobaccio)

148.       E' noto che i giudici vanno avanti col verdetto, gli scrittori col bianchetto e le donne col rossetto.

149.       Avete mai fatto caso che "The Tom Sawyer Adventures" di Twain in italiano fa piŁ o meno: "Le avventure di Tommaso il Segaiolo?". (Mauroemme)

150.       Autore : scrittore con amici editori.

151.       Per uno scrittore l'ispirazione e' molto importante, ma da sola non basta. Occorrono anche  l'inspirazione e l'espirazione! (Bilbo Baggins)

152.       Silvio Pellico per scrivere "Le mie prigioni" ci ha messo anni. Fabrizio Corona solo un mese! (Paolo Rossi)

153.       Ho capito che avevo bisogno di un correttore di boze quando mi hanno fatto notare che si scrive con due zeta. (Guido Penzo)

154.       La storia si racconta in un momento /  del prode Don Chisciotte e Dulcinea. /  Lui la trombava sui mulini a vento: /  un colpo d'aria, ed ebbe la diarrea. (lume)

155.       In che cosa consiste la gloria per un famoso autore? Nel fatto che migliaia di persone si sentono vagamente colpevoli per non aver mai letto una sola riga delle sue opere. (H. de Montherbant)

156.       Se fosse vivo oggi, Jacopo Ortis scriverebbe "Le ultime e-mail". (Il Ruggito del Coniglio)

157.       Scrivere un romanzo e' bello. E comunque sempre meglio che lavorare. (Carlo Lucarelli)

158.       Ciś che mi trattiene dallo scrivere un capolavoro Ć il timore che me ne chiedano subito un altro. (Roberto Gervaso)

159.       In tanti scrittori la mancanza d'ingegno Ć un dono di natura.  (Ivy Compton-Burnett)

160.       Abitualmente comincio un libro solo dopo ch'Ć stato gił scritto. (da Propos d'art et de cuisine)(Alexandre Dumas. padre)

161.       Uno dei piu' importanti scrittori italiani contemporanei e' Umberto -erto ... -erto ...-erto ...-erto. (Ezio Greggio)

162.       Ho scritto "T'amo" sulla sabbia. E ho rovinato la mia stilografica. (da "Rat-Man" di Leo Ortolani)

163.       La maggior parte degli scrittori considera la veritł il bene piŁ prezioso, perciś ne fa l'uso piŁ parco possibile. (Mark Twain)

164.       Quando le macchine da scrivere non erano elettriche andavano a carta carbone.

165.       Lo scrittore Ć un uomo che piŁ di chiunque altro ha difficoltł a scrivere. (Thomas Mann)

166.       Io sto scrivendo le mie memorie, ma per il titolo sono ancora molto indeciso. E' meglio "pensieri inutili di un ozioso", oppure "pensieri oziosi di un inutile"? (Bilbo Baggins)

167.       Vedere il tuo romanzo trasformato in un film e' come vedere i tuoi buoi trasformati in dadi da brodo. (John Le CarrÄ)

168.       Se un terzo degli scrittori e due terzi dei poeti viventi morissero improvvisamente, la perdita per la letteratura sarebbe irrilevante. (Charles Osborne)

169.       Legge di Bic: se l'inchiostro puo' finir. (Francesco Varchetta)

170.       La letteratura e' una questione di famiglia; anche Agatha Christie aveva una sorella che scriveva storie sentimentali. Si chiamava Lacrima Christie. (Mauro Cotone)

171.       I poemi lunghi sono la risorsa di quegli imbecilli che non ne sanno scrivere di brevi. (Charles Baudelaire)

172.       Silvio Berlusconi non solo non conosce Tabucchi, ma e' anche convinto che Gogol sia un centravanti balbuziente. (Gino & Michele)

173.       Ezra Pound, un divulgatore da villaggio. Se siete un villaggio va bene, se non lo siete no. (Gertrude Stein)

174.       Sono sorpreso della gente che impiega 18 anni per scrivere qualcosa. Tanto ci ha messo quel tipo per scrivere 'Madame Bovary', ed e' mai entrato nella lista dei best-seller? (Sylvester Stallone)

175.       Se sono gia' tanto cretini coloro ai quali piacciono i miei libri, figurati quanto lo debbono essere coloro ai quali non piacciono. (Herbert Achternbusch)

176.       "Ho letto il tuo nuovo libro. Chi te lo ha scritto?". "E a te chi lo ha letto?". (Leopold Fechtner)

177.       Il mondo degli scrittori e' sempre piu' popolato. Viene fatto di pensare che tra poco ci saranno piu' scrittori che lettori, e sara' lo scrittore a chiedere l'autografo al lettore. (Shane Leslie)

178.       Un aspirante scrittore chiese a Oscar Wilde: "Secondo lei, devo mettere piu' fuoco nei miei scritti?". E Oscar Wilde: "No, no... viceversa!". (Oscar Wilde)

179.       Ho finalmente terminato il mio libro: "Come diventare un bravo umorista", ma il mio editore non l'ha preso sul serio. (Mauroemme)

180.       Io invece ho scritto il libro "Come diventare seri", ma il mio editore ci ha riso su. (Brazil)

181.       Stephen King ha scritto una lettera ai suoi fan dicendo che siccome si ripete troppo, si ritirera' dall'attivita' di scrittore di romanzi. La lettera e' di 500 pagine, e termina con un secchio di sangue tirato addosso ad un'automobile posseduta dal demonio. (Craig kilborn)

182.       La carriera dello scrittore italiano ha tre tempi: brillante promessa, solito stronzo, venerato maestro. (Alberto Arbasino)

183.       Chateaubriand e' uno scrittore noto soprattutto per il filetto che porta il suo nome. (Gustave Flaubert)

184.       La professione di scrivere libri fa apparire le corse dei cavalli un'attivita' solida, stabile. (John Steinbeck)

185.       Il premio Nobel per la letteratura Ć stato assegnato alla scrittrice tedesca Herta Muller. Delusione per il nostro Lino Banfi autore di "Il chelcio secondo Oronzo Canł" e di "C'era un volta Nonno Libero". Le sue dichiarazioni a caldo: "PerchÄ a Dario Fo sô e a me no?". (Renato De Rosa)

186.       Uno scrittore muore quando cessa di avere, ed esercitare, onnivora curiositł. (Ezra Pound)

187.       Come si chiamava quell'antico commediografo greco che fu considerato lo scrittore piu' virile dell'antichita' ? Men...andro. (Renato R.)

188.       Chissa' se Verga ha scritto "I Malavoglia" con entusiasmo? (DrZap)

189.       Ludovico Arioso fu l'autore di un poema di largo respiro. (Baloo)

190.       Non tutti sanno che William Shakespeare scrisse anche due altre composizioni oltre quelle conosciute: una e' di argomento horror (Romero e Giulietta) e l'altra e' ancora al vaglio dei critici e degli esperti; pare si chiami Romeo e Giulio. (DrZap)

191.       Gli scrittori sono come i denti, si dividono in incisivi e molari. (Walter Bagehot)

192.       In Italia abbiamo un grande scrittore e un grande pensatore che insegna all'Universita' di Bologna; ha un solo difetto: che parla troppo di se'. Si chiama Umberto Ego. (DrZap)

193.       Il giorno in cui un giovane scrittore corregge la sua prima bozza prova lo stesso orgoglio di un adolescente che ha appena preso la sifilide. (Charles Baudelaire)

194.       Giovin signore poco avvezzo al sapone: "Il Piccolo Lordo!". (Matteo Morbio)

195.       Sto scrivendo un'autobiografia non autorizzata. Quando esce mi querelo. (Steven Wright)

196.       Edmond Dantes era un nobile molto ricco e che non badava a spese. Alessandro Dumas ne descrisse la vita in un libro: "Il conto di Montecristo". (DrZap)

197.       Silvio Pellico aveva scritto "Le mie pigioni" per protestare contro il "caro affitti". Ma il potere non apprezzo' le sue idee e lo recluse in un Istituto di Correzione dove il titolo del libro fu modificato in "Le mie prigioni". (DrZap)

198.       Recenti miei studi hanno appurato che Manzoni scrisse un'altra versione prima di quella famosa in cui Renzo e Lucia si sarebbero dovuti sposare alla fine della scuola come premio se fossero stati promossi. Ma il professore, che voleva da Lucia una certa cosa e che lei si rifiuto' di dargli, li boccio'. Dopo molte vicende comunque i due l'anno dopo furono promossi. Il libro avrebbe dovuto avere il titolo "I Promossi Sposi". (DrZap)

199.       Carneade: mi spiace ma io come Don Abbondio mi chiedo chi fosse costui. (Bilbo Baggins)

200.       Il romanziere Ć, fra tutti gli uomini, quello che piŁ somiglia a Dio: Ć la scimmia di Dio. (FranŹois Mauriac, Il romanziere e i suoi personaggi, 1933)

201.       Quando rileggo quello che ho scritto penso: "Cazzo, avrei voluto scriverlo io". (Daniele Luttazzi)

202.       Pare che il figlio di Sandokan fosse molto buono e pio. Lo chiamavano Santokan. (DrZap)

203.       Mia zia porta solo abiti firmati. Firmati da altri perche' lei e' analfabeta. (DrZap)

204.       Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con la biro, quello con la pistola Ć un uomo morto. (Roberto Benigni)

205.       Dan Brown: "Per ogni pagina ne butto 10". Grazie, Dan! (Daniela Ranieri)

206.       E' noto che Don Chisciotte girava la Spagna in cerca di gloria fermandosi a mangiare e dormire in taverne e bettole dove lo trattavano sempre coi guanti. Per questo lui era molto riconoscente e gli fu affibbiato il nome di cavaliere della Mancia. (DrZap)

207.       Il dottor Watson e' sempre stato tanto denigrato da Sharlock Holmes con il suo "Elementare, Watson" che il poveretto non e' mai riuscito ad arrivare alle medie. (DrZap)

208.       Sono uno scrittore di libri e sto preparando un viaggio in Turchia perchÄ mi hanno detto che ci sono molti scrittori drammaturchi. (DrZap)

209.       Come molti sanno O'Neill nel 1931 scrisse un dramma chiamato "Il lutto si addice ad Elettra". Pochi sanno che anni dopo scrisse il seguito: "Il lotto si addice ad Elettra" (dove si racconta che l'eroina puntava pochi soldi al superenalotto vincendo spesso somme cospicue) e "Il letto si addice ad Elettra" (dove si narrano le avventure erotiche dell'eroina) (DrZap)

210.       Fabio Volo: ăFacevo il pane, ora scrivo libri╚. Ecco perchÄ io li evito. (Lia Celi)

211.       Fabio Volo: ăFacevo il pane, ora scrivo libri╚. PerchÄ ha sempre le mani in... pasta!!! (Celiliaci)

212.       Fabio Volo: "Prima vendevo pane, ora scrivo libri". Braccia rubate ai forni. (Mass Ssi)

213.       Fabio Volo: "Mi considerano uno scrittore di serie B". Ah si'? E quand'Ć che ti hanno promosso? (Enrico Tonasso)

214.       Chissł se quello che ha inventato la penna si Ć posto il problema delle puttanate che avremmo scritto! (Satiricamente)

215.       Lo sapevate che Jessica Fletcher non Ć riuscita a incastrare Roger Rabbit? (Nonciclopedia)

216.       Watson non Ć mai riuscito a passare alle medie? (Zap)

217.       Un mio amico professore universitario di latino ha scoperto un'opera considerata perduta di Cicerone (quello che di nome faceva Marco Tullio), scritta in un periodo in cui era molto giu' di corda: si chiama il "De Pressione". (DrZap)

218.       Robinson Crusoe fu internato in manicomio: non aveva tutti i venerdô ; anzi ne aveva uno solo... (Renato R.)

219.       Ho deciso di scrivere un romanzo per bambini, cioe' un ro...vitello! (DrZap)

220.       Ah beh, se esce il libro di Albano vado a bruciare qualche libro di Shakespeare per fargli posto. (fabiogiallo) (matteo grandi)

221.       Il figlio di Primo Levi si chiama Secondo Metti. (tiamq)

222.       Ieri sono entrato in libreria. In vetrina Albano, Volo, Litizzetto, un DJ, e un calciatore. Insomma di tutto: ma libri veri no. Che pena! (Nicola Lecca)

223.       Di regola non amo i memoriali moderni. Sono generalmente scritti da gente che o ha perso la memoria, o non ha mai fatto nulla che valga la pena di ricordare. (Gian Carlo Moglia)

224.       Mi hanno scambiato per un noto scrittore di gialli. Io, che non me lo aspettavo, ho cominciato a balbettare. Si io non... Ho peggiorato la situazione. Hanno pensato che io stesse per me. (Renato R.)

225.       Se la Bibbia fosse stato un romanzo di fantascienza gli ebrei avrebbero mangiato del pane Azimov. (CapaGrezza)

226.       Morto Ray Bradbury, autore di Fahrenheit 451. Il suo corpo verrł cremato. (Ilario Elmorisco)

227.       "Mi candido" - "Ok Voltaire, ok". (Serafino Bandini)

228.       Un uomo col coltello dalla parte del sadico. E una coscienza due punto zeno.  (Comeprincipe)

229.       Normale che uno gnomo apprezzi i gialli di Ken Follett. (Fabio Carapezza)

230.       Don Chisciotte era amatissimo, nei ristoranti. Per via della Mancha. (egyzia)

231.       Penso che Goldoni fosse dotato del dono della profezia: ha previsto, di due secoli, Manuela Arcuri, quando scrisse "La putta onorata". (Renato R.)

232.       Don Chisciotte era uno che tirava sempre acqua al suo mulino. (DrZap)

233.       Ma se Fabio Volo ha il blocco dello scrittore, vuol dire che non riesce piŁ a fare la cacca? (ossimorobindo)

234.       "Jack, amami". "Non posso". "E perchÄ?". "Sei troppo prevedibile". "Sei un bastardo, Jack". "Sapevo che lo avresti detto". (IdeeXscrittori)

235.       Ho scritto anch'io un best seller: "50 sfumature di marrone". Storie di mutande usate. Lascerł il segno, lo sento! (mamoloati)

236.       Lo scrittore piŁ palloso di tutti i tempi: Giovanni Duns Sc(r)oto. (Renato R.)

237.       La penna Ć piŁ potente della spada e decisamente piŁ comoda per scrivere. (Sara Setti)

238.       Ho finito l'inchiostro invisibile, ma non so da quanto ! (Sergio Masse Massetani)

239.       In arrivo il nuovo libro di Saviano. Un'inchiesta sulla cocaina e il curioso aumento delle vendite durante i suoi monologhi. (ItsCetty)

240.       E.A. Poe soggiornś in Meridione, dove scrisse "I racconti del terrone". Conosco uno che, davanti a scritti come "La Sfinge" e "Il ritratto ovale" non mostra la minima emozione: "I racconti dell'impassibile". (Renato R.)

241.       Il padre e lo zio non fanno testo, nulla di scritto avendo lasciato. Ma, da recenti studi, sembra che Marco si sia fermato sulle rive del mar Nero e lô abbia, da parte di altri viaggiatori, che amplificavano la realtł, ascoltato notizie inverosimili provenienti dal Catai e dal Gran Khan, che egli amplifica ulteriormente, sparando enormi cazzate e definendo cose e localitł cinesi in lingua persiana. Era ora che cominciassero a sparare sul terzo POLO ! (Renato R.)

242.       Ma uno scrittore puo' essere 'a la page' ? (DrZap)

243.       Tirano 4 porchi, un poŇ di turpiloquio quando chiavano, si fottono il fegato, e poi mentre fumano pensano di essere divenuti Bukowski. (Gisy Scerman)

244.       Navigare con Virgilio Ć un' Eneide o un'Odissea ? (Da MONDO WEB di Zap e Ida)

245.       Pirandello scrisse un'opera sulla Rivoluzione Francese: "Pensaci, Giacobino !". (Renato R.)

246.       Un mucchio di gente che oggi scrive sarebbe assai meglio impiegata se desse la caccia ai conigli. (Edith Louise Sitwell)

247.       Scrivere Ć trasformare in soldi i propri momenti peggiori. (J.P. Donleavy)

248.       Mio zio e' un bravo scrittore e ama molto anche il giardinaggio. Ora sta scrivendo un libro intitolato "Viaggio al centro della serra". (DrZap)

249.       Quando arriva il successo per uno scrittore inglese, questi si procura una nuova macchina da scrivere. Quando il successo arriva per uno scrittore americano, si procura una nuova moglie. (Martin Amis)

250.       Una volta avevo deciso di scrivere un romanzo. Ma dopo poche pagine, non soddisfatto, stracciavo tutto e buttavo via i fogli. Ricominciavo, ma idem. Dopo alcuni mesi rinunciai. Come si doveva chiamare il libro? La forza del cestino. (DrZap)

251.       Il gatto Ć un topos letterario. (Claudio Barzini)

252.       Silvio Pellico alle prese con l'affitto. Le mie pigioni. (egyzia)

253.       Storia d'amore e kamikaze: I promessi esplosi. (Elisa Ghidini)

254.       Un anziano che combatte con l'ipertensione. Il vecchio e il sale. (Marianna)

255.       La storia di un vecchio pescatore fallito "Cent'ami di solitudine". (maninomax)

256.       Chi me lo fa fare di scrivere un romanzo di questi tempi? Non ne vale la penna. (Davide Somma)

257.       Cervantes era uno che quando viaggiava lasciava sempre la Mancha. (Valeria Cristelli)

258.       Jessica Fletcher colpita dall'Alzheimer: S'ignora in giallo. (Luigino Casalboni)

259.       E' normale che uno gnomo apprezzi i gialli di Ken Follett. (Fabio Carapezza)

260.       Patriota del Risorgimento, scrisse "Le mie prigioni", in carcere gli asportarono un rene: Silvio Pelvico. (Antśnito)

261.       Fabio Volo presenta il suo ultimo libro. Si spera. (Daniela Todde)

262.       Libro di testo nelle scuole kamikaze: "I promessi esplosi". (Stefano Pedron)

263.       Jules Verme scrisse un romanzo su due decine di millepiedi dentro un sottomarino. Ventimila legs sotto i mari. (Egyzia)

264.       Economico: libro di Umberto Eco venduto con forte sconto. (Bilbo Baggins)

265.       Se vuoi salvarti leggi. E se tu volessi, addirittura, salvare qualcuno, scrivi. (Leo Ortolani)

266.       Uno scrittore professionista Ć un dilettante che non ha mai smesso di scrivere. (Richard Bach)

267.       Se scrivi ancora un'altra commedia, Luigi, ti randello. (arcobalengo)

268.       Premiato Aldo Busi per il miglior ass...colto radiofonico! (Flavio Chirico)

269.       Daranno una laurea honoris causa a Fabio Volo. Ora pretendo un Oscar alla carriera per Alvaro Vitali. (CiccioGił)

270.       Ú nato il figlio di Fabio Volo. La cosa migliore che abbia mai fatto. E non ha dovuto scrivere neanche una riga. (Giovanni Djanni Soldano)

271.       Mi sono dato alla scrittura, ho provato a scrivere un giallo, l'editore mi ha detto che era illeggibile....cazzo, quel cinese non stava fermo un secondo! (Maury Matt)

272.       E' inutile che vi date le arie da letterati se non avete mai letto niente di piŁ impegnativo della targhetta dell'ascensore. (Pirziobiroli)

273.       Il libro Ć un perfetto esempio di famiglia allargata: lo scrittore lo partorisce, l'editore lo svezza e il lettore lo tira grande. (Fulvio Fiori)

274.       Qual Ć il colmo per Siddharta? Non riuscire a dire la Hesse. (Oltreuomo)

275.       Qual Ć il colmo per uno scrittore stitico? Riuscire a fare la Kafka. (Oltreuomo)

276.       Qual era la piŁ grande paura del Barone Rampante? Diventare Calvino.  (Oltreuomo)

277.       Cosa ha detto Francis Scott Fitzgerald quando gli hanno comunicato che Tenera Ć la notte aveva superato le 500.000 copie? Gatsbyta! (Oltreuomo)

278.       Chi ha scritto 'Il Nome Della Rosa'...osa...osa...osa...? (Oltreuomo)

279.       Qual Ć il colmo per un insegnante di letteratura latina? Suonare il Plauto. (Oltreuomo)

280.       E' certo che Rousseau, se avesse conosciuto Fede, mai avrebbe scritto "L'Emilio". (Renato R.)

281.       Sembra che Fede abbia rilevato la casa editrice "Il Saggiatore". (Renato R.)

282.       ho messo ventŇanni a scrivere un romanzo epistolare, dannate poste. (periferiagalattica)

283.       Era una scrittrice sado-maso: le piaceva molto Verga. (Valentinaries)

284.       Dramma di Arthur Miller: la storia un uomo che finô sotto un treno mentre salutava piangendo e sventolando il fazzoletto: "Morte di un commosso viaggiatore". (Penelope Ventisei)

285.       La ragazza di Proust non trova piŁ gli assorbenti. "Alla ricerca del tampax perduto". (Fabio Carapezza)

286.       "A volte capita di risentirmi", disse Umberto Eco. (Leo)

287.       Ispirata da Snoopy, che a bordo del suo Sopwith Camel sfrecciava indomito nei cieli a caccia del Barone Rosso, Grazia Deledda scrisse il suo libro piŁ famoso: "Cane al vento". (Penelope Ventisei)

288.       Fabio Volo tradotto in Polonia. E' questo il mio ideale di nazismo. (Giggi Delirio)

289.       Quando invento la veritł, la rendo piŁ vera di quanto lo sia realmente. Ú questa la differenza tra i buoni e cattivi scrittori. (Ernest Hemingway)

290.       Se scrivi ancora un'altra commedia, Luigi, ti randello.

291.       I libri non si bruciano MAI, a meno che non si abbiano sufficienti copie per bruciare anche l'autore. (Alberto Galgano)

292.       Quello scrittore francese era ghiotto di alimenti ricavati da materie prime esotiche... Albert Camut, era il suo nome! (Cristina Foti)

293.       E' Stato la mafia. (Marco Travaglio) (Titolo di un suo libro)

294.       La scrittura Ć lŇurlo dei silenziosi. (Sara Cassandra)

295.       Ho il blocco dello scrittore. Ma appena lo vedo glielo restituisco. (Pippo Forever)

296.       La Signora in giallo e' un thriller? No, e' un ittero. (Infermieri e Strafalcioni)

297.       Ho visto Sara Tommasi leggere un libro. Era un libro di Verga! (DrZap)

298.       La bellezza dell'estasi orrorifica consolida l'orrore estatico in una metafisica pazienza: quando morirś vivrś nei miei romanzi. (da una intervista al Corriere della sera, 13 gennaio 2009) (Giorgio Faletti)

299.       Da domani in edicola tutti i libri di Giorgio Faletti da "Io uccido" a "Tu more". (Alessandro Paternoster)

300.       Io uccido (Giorgio Faletti). Io pure (Il cancro). (Marco Camillieri)

301.       I microdotati. In libreria, il nuovo thriller di G. FALLETTI. (Stefano Pedron)

302.       Omertł viene da Omero che non vedeva? (Antonio Di Stefano e Lino Giusti)

303.       Ho finito una relazione che durava da parecchi anni. Infatti Ć lunga migliaia di pagine. (Aldo Menghevoli)

304.       Cristina Chiabotto diventa scrittrice, prima ci incitava a fare pipô, ora ci farł cagare. (Prugna) (Giovanna Agriformi)

305.       Tacito decise di fare lo scrittore perchÄ parlava raramente. (Sergio Neddi)

306.       "Viaggio al centro della terra" Ć un romanzo di Jules Verme. (Cristina Foti)

307.       Pochi sanno che dopo il libro cuore De Amicis pubblicś il libro fegato, e poi il libro rene, e infine il libro intestino, ma non ebbero la stessa fortuna. (DrZap)

308.       Questo Ć il sesto libro che scrivo. Non male per uno che ne ha letti solo due. (George Burns)

309.       E' in preparazione la trasposizione televisiva dei Malavoglia di Verga. Pare che per la parte principale chiameranno Rocco Siffredi. (DrZap)

310.       I principali scrittori porno italiani sono Verga e Montale. (DrZap)

311.       San Francisco: ritrovata dopo 60 anni la lettera che ispiro' 'On the road" (Sulla strada) di Kerouac. Era una lettera di licenziamento. (CaterpillarAM)

312.       Umberto Eco e' permaloso... e' uno che si risente spesso. (DrZap)

313.       Camilleri spegne 88 candeline. Montalbano brancola nel...buio!! (Rocco Simeone)

314.       Fabio Volo entra alla Camera fingendosi giornalista, ma viene scoperto ed allontanato. Ora e' tornato a fingersi scrittore. (Satiraptus) (Salvatore Romano)

315.       Fabio Volo Ć diventato papł. "Non vedo l'ora di insegnargli a leggere e scrivere", ha dichiarato il neonato. (Ruggine)

316.       1 italiano su 2 legge meno di un libro all'anno. L'altro Ć uno scrittore. (Davide Morresi)

317.       Prima di diventare famoso, Stephen King si chiamava Stephen Prince. (Giovanni Djanni Soldano)

318.       Scrivere non serve, sono pochi quelli che leggono. Parlare nemmeno, sono pochi quelli che ascoltano. (Walter Di Gemma)

319.       Dramma di Arthur Miller: la storia un uomo che finô sotto un treno mentre salutava piangendo e sventolando il fazzoletto: "Morte di un commosso viaggiatore". (Penelope Ventisei)

320.       Cristina Chiabotto, per anni, ci ha fatto pisciare e ora, da scrittrice, ci farł cagare ! (Renato R.)

321.       Vorrei scrivere un libro sulle mie avventure sentimentali, ma non so se gli editori pubblicano un libro di due pagine. (Giancarlo Magalli)

322.       Pensavamo che il famoso Autore di fantascienza fosse morto, quando sentimmo gridare: "Ah, si mov'!!! (Daniele Totolo)

323.       Grazia Delenda era una scrittrice cartaginese? (Gianfranco Verardi)

324.       Adoro Pirandello. Solo questo mese ho letto:
1) Il Fuma, zia Pascal! Un adolescente convince una giovane parente a provare uno spinello.
2) Sei personaggi in cerca dŇuntore. Romanzo dŇispirazione manzoniana, sulla superstizione durante la peste.
3) La patente. Non si esiti a toglierla, dice P., se vogliamo combattere le stragi del sabato sera.
4) LŇuomo dal fiore in bocca. Storia di un hippie nellŇAmerica di fine anni Ň60.
5) I vecchi e i giovani. Romanzo di attualitł. Intrighi e potere allŇinterno del PD.
6) Uno, nessuno, centomila? Altro romanzo dŇattualitł, sugli sbarchi a Lampedusa. Quanto dobbiamo essere accoglienti?
Il modo in cui in queste opere sono trattati i temi dellŇidentitł e del doppio Ć meraviglioso. EŇ proprio il caso di dire: Pirandello Ć Pirandello. (Giovanni Mainato)

325.       Ho una buona idea per un libro. Si tratta di un racconto, la storia di un pelo nato sotto una buon'ascella. (Maria Luisa LaMolly Tegon)

326.       Otto mesi di carcere a De Luca. Quello sbagliato. (Soppressatira) (Francesco Lagatta) - (Kotiomkin) (Vincenzo Comunale)

327.       Mi sono scritto sul petto una bella frase... sono uno sternografo! (DrZap)

328.       Era uno scrittore molto scorbutico e volgare. I suoi romanzi, non avevano l'indice: avevano il medio. (Giuliano Gavagna)

329.       Il mondo Ć pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare. (SIR ARTHUR CONAN DOYLE)

330.       Nel suo nuovo romanzo "Ciao" Veltroni dialoga con il padre morto. Di noia. (Soppressatira) (Gianni Macheda)

331.       Il barone rapante Ć uno dei tre romanzi che costituiscono la tricologia di Calvino. (Maria Luisa LaMolly Tegon)

332.       La Critica del dente del giudizio, immortale opera dell'illustre odontoiatra Immanuel Kant, cognato di Diabolik. (Gianfranco Verardi)

333.       Dopo Tozzi che si paragona ai Beatles e Muccino che critica Pasolini, mi aspetto che Moccia sminuisca Joyce. (Paolo Grazioso)

334.       A 40 anni dalla morte tutti i media ricordano commossi la figura di Pasolini. Prima volevano essere certi che fosse morto davvero. (LVIX)

335.       Non lo so, tutti ne parlano bene, dicono sia un grande, ma io di questo Papa mi fido poco. (da J. Austen, 'Bergoglio e pregiudizio') (Eddie Murchy) (a.mazed)

336.       Non avevo previsto la Fallaci [Nostradamus] (VaLentina) (Anna Valentina Farina)

337.       Bologna. Dal terrazzo una Russa ha gettato carne congelata contro una connazionale rivale in amore. Filetto e castigo. (Renato R.)

338.       L'editore, per il mio nuovo romanzo, mi ha dato un anticipo a sei zeri: 0,000001 euro. (Iacopo Barison)

339.       Prima di diventare famoso, Stephen King si chiamava Stephen Prince. (VaLentina) (Giovanni Soldano)

340.       Le parole possono essere paragonate ai raggi X; se si usano a dovere, attraversano ogni cosa. Leggi, e ti trapassano. (Aldous Huxley)

341.       La moglie di Calvino viaggiava con Italo gił da tempo. (michele lizzi)

342.       Uso il "tuttavia" per fare le curve a gomito nella scrittura. (Gianni Solla)

343.       I diari sono macchine del tempo, le poesie tappeti volanti, i romanzi vite possibili. (Gianni Solla)

344.       Questa cosa che scrivete tra parentesi (porchetta) per sottolineare un concetto (mi andrebbe un panino con la porchetta), puś essere tranquillamente sostituito con "cazzo" prima del concetto stesso. Tipo avete rotto il cazzo di scrivere tra parentesi (comunque mi andrebbe un panino con la porchetta) (Carolina La Marca)

345.       Oggi nella casa editrice di Eco hanno pianto il grande scrittore. Con un occhio, mentre con l'altro organizzavano le ristampe. (Soppressatira) (Gianni macheda)

346.       Mi dispiace per la morte di Umberto Eco, anche se non avevo nessuno dei suoi CD. (Soppressatira) (Gigi Dybala Fabiano)

347.       Se vai sul profilo di Salvini, capisci che la morte di Eco Ć il male minore per la cultura italiana... (Matteo Iuliani)

348.       Che poi Eco non Ć altro che l'antenato del Copia-Incolla. (Gigi Dybala Fabiano)

349.       Tutti lettori e conoscitori di Umberto Eco. Ma quando aveva dichiarato che in rete ci sono tanti imbecilli, vi sono girati i coglioni. (Soppressatira) (Cristina Toselli)

350.       In onore di Eco ho prenotato la risonanza. (Kotiomkin) (Nadia Puma)

351.       E' morto Umberto Eco, prima di esprimere cordoglio ricordate che vi ha definito una massa di imbecilli. (Kotiomkin) (Tiziana Milito)

352.       Oggi tutti a parlare di Eco... Pochi sanno veramente chi fosse, ancor meno avranno letto qualcosa scritto da lui, molti avranno sentito parlare de "Il nome della rosa", penseranno alla Gazzetta dello Sport... (Nello Pane)

353.       Delusione di Calderoli nello scoprire che Eco non era di Bergamo. (ATP) (Andrea Rastelli)

354.       Il 60% degli italiani non legge neanche un libro allŇanno. Curioso che il 98% degli italiani ami visceralmente UmbertoEco. (ilMangla)

355.       Leader di Casa Pound si scaglia contro Umberto Eco. La notizia e' che sapeva chi fosse. (Satiraptus) (Tiziana Milito)

356.       Cogito Eco sum. (Francesco Scarcelli)

357.       E' morto Eco. Tutte le valli rispetteranno un minuto di silenzio. (Pietro Vanessi)

358.       L'eco raddoppia e triplica la voce. L'Eco morto raddoppia e triplica le vendite. (DrZap)

359.       Eco era un intellettuale straordinario, anche se un po' ripetitivo. (Soppressatira) (wawe)

360.       Morto Umberto Eco. Gli angeli soddisfatti: ĎFinalmente qualcuno che puś davvero insegnarci qualcosaË. (Lercio) (Davide Rossi)

361.       Anche Gasparri onora la memoria di Eco: ĎNon lŇho mai conosciutoË. (Lercio) (Gianni Zoccheddu)

362.       Bologna. Consiglio comunale semivuoto ieri per ricordare Eco. E qualcuno disse: "Umberto chi ?". (Renato R.)

363.       L'omicidio Ć un crimine. Descrivere l'omicidio no. Il sesso non Ć un crimine. Descrivere il sesso sô. (Gershon Legman)

364.       Eco non Ć morto. Si Ć allontanato per non sentire petaloso. (Kotiomkin) (Peppe Moschella)

365.       Come faccio a spiegare a mia moglie che quando guardo fuori dalla finestra sto lavorando? (Joseph Conrad)

366.       Oggi e' la giornata mondiale del libro. Leggo tutti gli autori, Salvo Riina. (Soppressatira) (Scemifreddi)

367.       400 anni fa moriva William Shakespeare, colui che scrisse: "Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi". Non ricordo se nel "Re Lear" o nel "Renzi e gli elettori del PD". (Giovy Novaro)

368.       D'Annunzio: ma fammi il PIACERE!!! (Geronimo Pitrelli)

369.       Per chi redige i dizionari scambiare due parole ha uno strano significato. (DrZap)

370.       Volevo scrivere anch'io un libro. Poi ho pensato che non sono razzista, non sono un omofobo, non sono un mafioso, non sono un'oca giuliva e il target di eventuali lettori si Ć quasi azzerato. (Satiraptus) (Lara Pan)

371.       Sono uno scrittore alle prime armi, ma ciś non vuol dire che io scriva con una clava. (Giuseppe D'Elia)

372.       La moglie dello scrittore, stufa di inciampare nei libri accatastati ovunque, comprś due librerie da Ikea. Tornata a casa disse al marito: Eugenio, Montale! (Cristina Foti)

373.       Fabio Volo: "Mi sento l'erede di Pasolini". Accattone. (Soppressatira) (Gianni Macheda)

374.       "Che fai nella vita?". "Lo scrittore, ho un blog. E tu?". "Il pilota, ho lo scooter".

375.       Thomas Mann, scrittore. Scrisse "Morte a Venezia" dopo aver pagato un caffĆ a Piazza San Marco.

376.       Dicono che Umberto Eco sia un grande scrittore italiano. A me non sembra... si ripete sempre! (DrZap)

377.       Renzi: "Rifarei le scuole, se fossi Harry Potter". E la Rowling riscrive i suoi libri:
1 - Renzi Potter e la riforma filosofale
2 - Renzi Potter e la camera dei deputati
3 - Renzi Potter e il prigioniero di Cagacaz
4 - Renzi Potter e il ponte sullo stretto di fuoco
5 - Renzi Potter e l'ordine del Napolitano
6 - Renzi Potter e il principe mezzasega
7 - Renzi Potter e i doni degli 80 euro
8 - Renzi Potter e le maledizioni degli italiani.
 (Soppressatira) (Gianni Macheda) (Maurizio Melis)

378.       Pochi sanno che Agatha Christie era una fervente cattolica e faceva spesso la comunione. A suo ricordo i preti inglesi a messa dicono ancor oggi spesso "Il corpo di Christie". (DrZap)

379.       I cuochi devono assaggiare, gli scrittori devono rileggere.

380.       Scrittrice di Dubai, pubblica un libro in cui racconta le gioie della sua condizione sociale.
L'Araba Felice. (GiuliaNO Gavagna)